Introduzione per Data Engineer

Come Adobe Journey Optimizer Data Engineer, preparare e gestire i dati del profilo cliente per potenziare le esperienze orchestrate da Journey Optimizer, modella i dati di clienti e aziende negli schemi e configura i connettori sorgente per l’acquisizione dei dati. Puoi iniziare a lavorare con Adobe Journey Optimizer una volta che Amministratore di sistema ti ha concesso l'accesso e preparato il tuo ambiente.

Scopri come identificare dati e creare schema e set di dati per inserire i dati in Adobe Experience Platform in questa pagina.

NOTA

Ulteriori informazioni inserimento dati in Documentazione di Adobe Experience Platform.

I passaggi per creare uno spazio dei nomi di identità e un set di dati abilitati per i profili e i profili di test sono descritti nelle sezioni seguenti:

  1. Creare uno spazio dei nomi di identità. In Adobe Journey Optimizer, Identità collega i consumatori tra dispositivi e canali, il risultato è un grafico dell'identità. Il grafico dell’identità collegato viene utilizzato per personalizzare le esperienze in base alle interazioni tra tutti i punti di contatto aziendali. Ulteriori informazioni su identità e namespace di identità in questa pagina.

  2. Creare uno schema e abilitalo per i profili. Uno schema è un insieme di regole che rappresentano e convalidano la struttura e il formato dei dati. Ad alto livello, gli schemi forniscono una definizione astratta di un oggetto reale (ad esempio una persona) e delineano quali dati includere in ogni istanza dell’oggetto (ad esempio nome, cognome, compleanno e così via). Ulteriori informazioni sugli schemi in questa pagina.

  3. Creare set di dati e abilitalo per i profili. Un set di dati è un costrutto di archiviazione e gestione per una raccolta di dati, in genere una tabella, che contiene uno schema (colonne) e campi (righe). I set di dati contengono anche metadati che descrivono vari aspetti dei dati memorizzati. Una volta creato un set di dati, puoi mapparlo su uno schema esistente e aggiungerlo. Ulteriori informazioni sui set di dati in questa pagina.

  4. Configurare i connettori di origine. Adobe Percorsi Optimizer consente di acquisire dati da sorgenti esterne e allo stesso tempo di strutturare, etichettare e migliorare i dati in arrivo tramite i servizi Platform. È possibile acquisire dati da diverse sorgenti, come applicazioni di Adobe, archivi basati su cloud, database e molti altri. Ulteriori informazioni sui connettori sorgente in questa pagina.

  5. Creare profili di test. I profili di test sono necessari quando si utilizza il modalità di prova in un percorso e visualizzare in anteprima e verificare i messaggi prima dell’invio. I passaggi per creare i profili di test sono descritti in dettaglio in questa pagina.

Inoltre, per poter inviare messaggi in percorsi, devi configurare Data Sources, Events e Actions. Ulteriori informazioni.

  • La Origine dati La configurazione ti consente di definire una connessione a un sistema per recuperare informazioni aggiuntive che verranno utilizzate nei tuoi percorsi. Ulteriori informazioni su Origini dati in questa sezione.

  • Eventi ti consente di attivare i tuoi percorsi singolarmente per inviare messaggi in tempo reale all’utente che entra nel percorso. Nella configurazione dell’evento, puoi configurare gli eventi previsti nei percorsi. I dati degli eventi in arrivo vengono normalizzati seguendo Adobe Experience Data Model (XDM). Gli eventi provengono dalle API Streaming Ingestion per gli eventi autenticati e non autenticati, ad esempio gli eventi SDK di Adobe Mobile. Ulteriori informazioni sugli eventi in questa sezione.

  • Journey Optimizer viene fornito con funzionalità integrate dei messaggi: puoi creare i messaggi all’interno di un percorso e progettare il contenuto. Se utilizzi un sistema di terze parti per l’invio dei messaggi, ad esempio Adobe Campaign, crea un azione personalizzata. Ulteriori informazioni sulle azioni in questo in questa sezione.

In questa pagina