Video in Dynamic Media

Ultimo aggiornamento: 2023-12-13
  • Creato per:
  • User
    Admin

Questa sezione descrive come lavorare con i video in Dynamic Medie.

Guida introduttiva: Video

La seguente descrizione dettagliata del flusso di lavoro è stata progettata per aiutarti a iniziare rapidamente a utilizzare i set video adattivi in Dynamic Medie. Dopo ogni passaggio, sono disponibili riferimenti incrociati alle intestazioni degli argomenti in cui è possibile trovare ulteriori informazioni.

IMPORTANTE

Prima di lavorare con i video in Dynamic Medie, accertati che l’amministratore di Adobe Experience Manager abbia già abilitato e configurato i Cloud Service Dynamic Medie in modalità Dynamic Medie - Scene7 o Dynamic Medie - Hybrid.

Problema di riproduzione video noto corrente in Dynamic Medie solo sull'Experience Manager 6.5.9.0:

  • Se un video pubblicato viene aggiornato, deve essere pubblicato nuovamente per riflettere le modifiche alla consegna.
  1. Carica i video Dynamic Medie effettuando le seguenti operazioni:

  2. Gestire i video Dynamic Medie effettuando una delle seguenti operazioni:

  3. Pubblicare i video Dynamic Medie effettuando una delle seguenti operazioni:

Utilizzare i video in Dynamic Medie

Video in Dynamic Medie è una soluzione end-to-end che consente di pubblicare facilmente video adattivi di alta qualità per lo streaming su più schermi, tra cui desktop, iOS, Android™, BlackBerry® e dispositivi mobili Windows. Un set video adattivo raggruppa le versioni dello stesso video che sono codificate in diversi formati e bit rate, ad esempio 400 kbps, 800 kbps e 1000 kbps. Il computer desktop o il dispositivo mobile rileva la larghezza di banda disponibile.

Ad esempio, su un dispositivo mobile iOS rileva una larghezza di banda come 3G, 4G o Wi-Fi. Quindi seleziona automaticamente il video codificato giusto tra i vari bit rate video all’interno del set video adattivo. Il video viene inviato in streaming a desktop, dispositivi mobili o tablet.

Inoltre, la qualità video viene commutata automaticamente se cambiano le condizioni di rete sul desktop o sul dispositivo mobile. Inoltre, se un cliente entra in modalità a tutto schermo su un desktop, il set video adattivo risponde con una risoluzione migliore, migliorando l’esperienza di visualizzazione del cliente. L’utilizzo di set video adattivi offre la migliore riproduzione possibile per i clienti che riproducono video Dynamic Medie su più schermi e dispositivi.

La logica utilizzata da un lettore video per determinare quale video codificato riprodurre o selezionare durante la riproduzione si basa sul seguente algoritmo:

  1. Il lettore video carica il frammento video iniziale in base al bitrate più vicino al valore impostato per "bitrate iniziale" nel lettore stesso.

  2. Il lettore video cambia in base alle modifiche apportate alla velocità della larghezza di banda utilizzando i seguenti criteri:

    1. Il lettore sceglie il flusso di larghezza di banda più alto al di sotto o uguale alla larghezza di banda stimata.
    2. Il lettore considera solo l'80% della larghezza di banda disponibile. Tuttavia, in caso di passaggio, è più prudente con solo il 70% per evitare di sovrastimare e tornare subito indietro.

Per informazioni tecniche dettagliate sull’algoritmo, consulta https://android.googlesource.com/platform/frameworks/av/+/master/media/libstagefright/httplive/LiveSession.cpp

Per la gestione di set video singoli e adattivi, sono supportati i seguenti elementi:

  • Caricamento di video da numerosi formati video supportati e formati audio e codifica video in formato MP4 H.264 per la riproduzione su più schermi. È possibile utilizzare predefiniti per video adattivi, predefiniti per codifica video singola o personalizzare la propria codifica per controllare la qualità e le dimensioni del video.

    • Quando viene generato un set video adattivo, questo include video MP4.
    • Nota: i video principali/sorgenti non vengono aggiunti a un set di video adattivi.
  • Sottotitoli video in tutti i visualizzatori video di HTML5.

  • Organizza, sfoglia e cerca video con supporto completo per i metadati, per una gestione efficiente delle risorse video.

  • Distribuisci set video adattivi sul web e su desktop e dispositivi mobili, inclusi iPhone, iPad, Android™, BlackBerry® e Windows Phone.

Lo streaming video adattivo è supportato su varie piattaforme iOS. Consulta Guida di riferimento per i visualizzatori di Dynamic Medie.

Dynamic Medie supporta la riproduzione di video per dispositivi mobili per video MP4 H.264.

I dispositivi Windows che supportano questo formato video sono disponibili nei seguenti percorsi: Codec multimediali supportati per Windows Phone 8

  • Riproduci il video utilizzando i predefiniti visualizzatore video Dynamic Medie, inclusi i seguenti elementi:

    • Visualizzatori video singoli.
    • Visualizzatori di file multimediali diversi che combinano contenuti sia video che immagini.
  • Configura i lettori video in base alle tue esigenze di branding.

  • Integra il video nel tuo sito web, sito mobile o app mobile con un semplice URL o codice da incorporare.

Vedi anche Visualizzatori per Experience Manager Assets e Dynamic Media Classic e Visualizzatori solo per risorse di Experience Manager.

Best practice: utilizzo del visualizzatore video di HTML5

I predefiniti visualizzatore video di Dynamic Medie HTML5 sono lettori video affidabili. Puoi utilizzarli per evitare molti problemi comuni associati alla riproduzione di video HTML5. Inoltre, problemi associati ai dispositivi mobili come la mancanza di distribuzione di streaming bitrate adattivo e la portata limitata del browser desktop.

Dal lato della progettazione del lettore, puoi progettare le funzionalità del lettore video utilizzando gli strumenti di sviluppo web standard. Ad esempio, puoi progettare pulsanti, controlli e sfondo personalizzato per l’immagine del poster utilizzando HTML5 e CSS per raggiungere i clienti con un aspetto personalizzato.

Sul lato di riproduzione del visualizzatore, rileva automaticamente la funzionalità video del browser. Distribuisce quindi il video utilizzando HLS (HTTP Live Streaming) o DASH (Dynamic Adaptive Streaming over HTTP) , noto anche come streaming bitrate adattivo. Oppure, se tali metodi di consegna non sono presenti, viene utilizzato invece HTML5 progressive.

Combinando in un singolo lettore quanto segue:

  • Possibilità di progettare i componenti di riproduzione utilizzando HTML5 e CSS
  • Avere riproduzione incorporata
  • Utilizza lo streaming adattivo e progressivo a seconda delle funzionalità del browser

È possibile estendere la portata dei contenuti rich media agli utenti desktop e mobili e garantire un'esperienza video semplificata.

Vedi anche Informazioni sui visualizzatori HTML5.

Riproduzione di video su computer desktop e dispositivi mobili mediante il visualizzatore video di HTML5

Per lo streaming video adattivo per desktop e dispositivi mobili, i video utilizzati per il passaggio a bit rate si basano su tutti i video MP4 nel set di video adattivi.

La riproduzione video viene eseguita utilizzando DASH o HLS oppure tramite download progressivo di video. Nelle versioni precedenti di Experience Manager, come 6.0, 6.1 e 6.2, i video venivano inviati in streaming tramite HTTP.

Nell’Experience Manager 6.3 e versioni successive, i video vengono ora inviati in streaming tramite HTTPS (ovvero DASH o HLS) perché l’URL del servizio gateway DM utilizza sempre anche HTTPS. Questo comportamento predefinito non ha alcun impatto sul cliente. In altre parole, lo streaming video si verifica sempre tramite HTTPS, a meno che non sia supportato dal browser. (Vedi la tabella seguente). Pertanto,

  • Se disponi di un sito web HTTPS con streaming video HTTPS, lo streaming va bene.
  • Se disponi di un sito web HTTP con streaming video HTTPS, lo streaming va bene e non vi sono problemi di contenuti misti dal browser web.

DASH è lo standard internazionale e HLS è uno standard Apple. Entrambi vengono utilizzati per lo streaming video adattivo. Entrambe le tecnologie regolano automaticamente la riproduzione in base alla capacità della larghezza di banda della rete. Consente inoltre al cliente di "cercare" in qualsiasi punto del video senza dover attendere il download del resto del video.

Il video progressivo viene distribuito scaricando e memorizzando il video localmente sul sistema desktop o sul dispositivo mobile di un utente.

La tabella seguente descrive il dispositivo, il browser e il metodo di riproduzione dei video su computer desktop e dispositivi mobili che utilizzano il Visualizzatore video di Dynamic Medie.

Dispositivo Browser Modalità di riproduzione video
Desktop Internet Explorer 9 e 10 Download progressivo.
Desktop Internet Explorer 11+ In Windows 8 e Windows 10 - Forza l’utilizzo di HTTPS ogni volta che viene richiesto DASH* o HLS. Limitazione nota: HTTP su DASH* o HLS non funziona in questa combinazione browser/sistema operativo

Su Windows 7 - Download progressivo. Utilizza la logica standard per selezionare il protocollo HTTP rispetto al protocollo HTTPS.
Desktop Firefox 23-44 Download progressivo.
Desktop Firefox 45 o versione successiva Streaming del bitrate adattivo DASH* o HLS.
Desktop Chrome Streaming del bitrate adattivo DASH* o HLS.
Desktop Safari (Mac) Streaming del bitrate adattivo HLS.
Mobile Chrome (Android™ 6 o versioni precedenti) Download progressivo.
Mobile Chrome (Android™ 7 o versione successiva) Streaming del bitrate adattivo DASH* o HLS.
Mobile Android™ (browser predefinito) Download progressivo.
Mobile Safari (iOS) Streaming del bitrate adattivo HLS.
Mobile Chrome (iOS) Streaming del bitrate adattivo HLS.
Mobile Blackberry® Streaming del bitrate adattivo DASH* o HLS./td>
IMPORTANTE

*Per utilizzare DASH per i video, è necessario prima attivarlo con l'assistenza tecnica Adobe sul tuo account. Consulta Abilita DASH sul tuo account Dynamic Medie.

Architettura della soluzione video Dynamic Medie

L’immagine seguente mostra il flusso di lavoro complessivo per l’authoring dei video caricati e codificati tramite DMGateway (in modalità ibrida Dynamic Medie) e resi disponibili al pubblico.

Architettura della soluzione video Dynamic Medie.

Architettura di pubblicazione ibrida per video

Architettura di pubblicazione ibrida per video.

Best practice per la codifica dei video

Il Codifica video Dynamic Medie se hai attivato Dynamic Medie e hai impostato video cloud services, workflow codifica video. Questo flusso di lavoro acquisisce la cronologia del processo del flusso di lavoro e le informazioni di errore. Se hai abilitato Dynamic Medie e hai impostato Cloud Services per i video, il Codifica video Dynamic Medie il flusso di lavoro viene applicato automaticamente al caricamento di un video. Se non utilizzi Dynamic Medie, il Aggiorna risorsa DAM il flusso di lavoro ha effetto.)

File video sorgente

Quando codificate un file video, utilizzate un file video sorgente della massima qualità possibile. Evita di utilizzare file video codificati in precedenza perché sono già compressi e un’ulteriore codifica crea un video di qualità inferiore.

  • Dynamic Medie supporta principalmente video in formato breve con una durata massima di 30 minuti e una risoluzione minima superiore a 25 x 25.
  • È possibile caricare file video di origine primari fino a 15 GB ciascuno.

La tabella seguente descrive le dimensioni, le proporzioni e la velocità bit minima consigliate per i file video sorgente prima di codificarli:

Dimensione Proporzioni Velocità bit minima
1024 X 768 4:3 4500 kbps per la maggior parte dei video.
1280 X 720 16:9 3000 - 6000 kbps, in base alla quantità di movimento nel video.
1920 X 1080 16:9 6000 - 8000 kbps, a seconda della quantità di movimento nel video.

Ottenere i metadati di un file

È possibile ottenere i metadati di un file visualizzandone i metadati mediante uno strumento di modifica video o un'applicazione progettata per ottenere i metadati. Di seguito sono riportate le istruzioni per l’utilizzo di MediaInfo, un’applicazione di terze parti, per ottenere i metadati di un file video:

  1. Vai a Download di MediaInfo.
  2. Selezionare e scaricare il programma di installazione per la versione GUI e seguire le istruzioni di installazione.
  3. Dopo l'installazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul file video (solo Windows) e selezionare MediaInfo, oppure aprire MediaInfo e trascinare il file video nell'applicazione. Puoi visualizzare tutti i metadati associati al file video, compresi quelli relativi a larghezza, altezza e fps.

Proporzioni

Quando scegliete o create un predefinito di codifica video per il file video sorgente principale, assicuratevi che il predefinito abbia le stesse proporzioni del file video sorgente principale. Le proporzioni corrispondono al rapporto tra la larghezza e l'altezza del video.

Per determinare le proporzioni di un file video, recuperate i metadati del file e annotate la larghezza e l'altezza del file (consultate Ottenere i metadati di un file qui sopra). Quindi utilizza questa formula per determinare le proporzioni:

larghezza/altezza = proporzioni

Nella tabella seguente viene descritto come i risultati della formula si traducono in scelte di proporzioni comuni:

Risultato formula Proporzioni
1,33 4:3
0,75 3:4
1,78 16:9
0,56 09:16

Ad esempio, un video con larghezza 1440 x altezza 1080 ha proporzioni 1440/1080 o 1,33. In questo caso, scegliete un predefinito di codifica video con proporzioni 4:3 per codificare il file video.

Bitrate

Bitrate è la quantità di dati codificati per costituire un singolo secondo di riproduzione video. Il bitrate viene misurato in kilobit al secondo (Kbps).

NOTA

Poiché tutti i codec utilizzano la compressione con perdita di dati, il bitrate è il fattore più importante nella qualità video. Con la compressione con perdita di dati, più si comprime un file video, più la qualità si riduce. Per questo motivo, tutte le altre caratteristiche sono uguali (risoluzione, frame rate e codec), minore è il bitrate, minore è la qualità del file compresso.

Quando si seleziona una codifica bitrate, è possibile scegliere tra due tipi:

  • Codifica bitrate costante (CBR) - Durante la codifica CBR, il bitrate o il numero di bit al secondo viene mantenuto invariato durante il processo di codifica. La codifica CBR mantiene la velocità dati impostata sull’impostazione per l’intero video. Inoltre, la codifica CBR non ottimizza i file multimediali per la qualità, ma consente di risparmiare spazio di archiviazione.
    Utilizzate CBR se il video contiene un livello di movimento simile per l'intero video. CBR viene utilizzato più comunemente per lo streaming di contenuti video. Vedi anche Utilizzare parametri di codifica video personalizzati.

  • Codifica bitrate variabile (VBR) - La codifica VBR regola la velocità dati verso il basso e al limite superiore impostato, in base ai dati richiesti dal compressore. Questa funzionalità significa che durante un processo di codifica VBR il bitrate del file multimediale aumenta o diminuisce in modo dinamico a seconda delle esigenze di bitrate dei file multimediali.
    La codifica VBR richiede più tempo, ma produce i risultati più favorevoli; la qualità del file multimediale è superiore. VBR viene utilizzato in genere per la distribuzione progressiva http di contenuti video.

Quando si utilizza VBR rispetto a CRB?
Quando selezioni VBR rispetto a CBR, si consiglia quasi sempre di utilizzare VBR per i file multimediali. VBR fornisce file di qualità superiore a bitrate competitivi. Quando si utilizza VBR, assicurarsi di utilizzare con la codifica a due passate e impostare il bitrate massimo su 1,5 volte il bitrate video di destinazione.

Quando scegli un predefinito di codifica video, ricorda la velocità di connessione dell’utente finale target. Scegli un predefinito con una velocità dati pari all’80% di quella velocità. Ad esempio, se la velocità di connessione dell'utente finale è di 1000 Kbps, il valore predefinito migliore è 800 Kbps.

Questa tabella descrive la velocità dati delle velocità di connessione tipiche.

Velocità (Kbps) Tipo di connessione
256 Connessione remota.
800 Connessione mobile tipica. Per questa connessione, esegui il targeting di una velocità di dati compresa tra 400 e un massimo di 800 per le esperienze 3G.
2000 Connessione desktop a banda larga tipica. Per questa connessione, eseguire il targeting di una velocità di dati nell'intervallo 800-2000 Kbps, con la maggior parte delle destinazioni in media 1200-1500 Kbps.
5000 Tipica connessione a banda larga. La codifica in questo intervallo superiore non è consigliata perché la distribuzione di video a questa velocità non è disponibile per la maggior parte dei consumatori.

Risoluzione

Risoluzione descrive l'altezza e la larghezza in pixel di un file video. La maggior parte dei video sorgente viene memorizzata ad alta risoluzione (ad esempio, 1920 x 1080). Ai fini dello streaming, il video sorgente viene compresso a una risoluzione inferiore (640 x 480 o inferiore).

La risoluzione e la velocità dei dati sono due fattori strettamente collegati che determinano la qualità video. Per mantenere la stessa qualità video, maggiore è il numero di pixel in un file video (maggiore è la risoluzione), maggiore è la velocità dati. Ad esempio, si consideri il numero di pixel per fotogramma in un file video con risoluzione 320 x 240 e 640 x 480:

Risoluzione Pixel per frame
320 x 240 76.800
640 x 480 307.200

Il file 640 x 480 ha un numero di pixel per frame quattro volte superiore. Per ottenere la stessa velocità dati per queste due risoluzioni di esempio, applicate una compressione quattro volte superiore al file 640 x 480, riducendo in tal modo la qualità del video. Di conseguenza, una velocità di dati video di 250 Kbps produce una visualizzazione di alta qualità con una risoluzione di 320 x 240, ma non con una risoluzione di 640 x 480.

In generale, maggiore è la velocità dati utilizzata, migliore è l'aspetto del video e maggiore è la risoluzione, maggiore è la velocità dati, maggiore è la qualità di visualizzazione (rispetto alle risoluzioni più basse).

Poiché la risoluzione e la velocità dati sono collegate, durante la codifica del video sono disponibili due opzioni:

  • Scegli una velocità dati e quindi codificala alla risoluzione più alta che risulti appropriata alla velocità dati scelta.
  • Scegliete una risoluzione e quindi codificate alla velocità dati necessaria per ottenere video di alta qualità alla risoluzione desiderata.

Quando scegli (o crei) un predefinito di codifica video per il file video sorgente principale, utilizza questa tabella per individuare la risoluzione corretta:

Risoluzione Altezza (pixel) Dimensioni dello schermo
240P 240 Schermo piccolo
300P 300 Schermo piccolo in genere per dispositivi mobili
360P 360 Schermo piccolo
480P 480 Schermo medio
720P 720 Schermo grande
1080P 1080 Schermo ad alta definizione di grandi dimensioni

Fps (frame al secondo)

Negli Stati Uniti e in Giappone, la maggior parte dei video viene girata a 29,97 fps; in Europa, la maggior parte dei video viene girata a 25 fps. Il film viene girato a 24 fps.

Scegli un predefinito di codifica video che corrisponda alla velocità fps del file video sorgente principale. Ad esempio, se il video sorgente principale è a 25 fps, scegliete un predefinito di codifica con 25 fps. Per impostazione predefinita, tutta la codifica personalizzata utilizza il fps del file video sorgente principale. Per questo motivo, non è necessario specificare esplicitamente l'impostazione fps quando si crea un predefinito di codifica video.

Dimensioni di codifica video

Per risultati ottimali, seleziona dimensioni di codifica tali che il video sorgente sia un multiplo di tutti i video codificati.

Per calcolare questo rapporto, si divide la larghezza dell'origine per la larghezza codificata per ottenere il rapporto di larghezza. Quindi, per ottenere il rapporto di altezza, dividi l’altezza sorgente per altezza codificata.

Se il rapporto risultante è un numero intero, significa che il video è ridimensionato in modo ottimale. Se il rapporto risultante non è un numero intero, influisce sulla qualità video lasciando sul display gli artefatti di pixel rimanenti. Questo effetto è più evidente quando il video contiene del testo.

Ad esempio, supponiamo che il video sorgente sia 1920 x 1080. Nella tabella seguente, i tre video codificati forniscono le impostazioni di codifica ottimali da utilizzare.

Tipo di video Larghezza x altezza Rapporto larghezza Rapporto altezza
Sorgente 1920 x 1080 1 1
Codificato 960 x 540 2 2
Codificato 640 x 360 3 3
Codificato 480 x 270 4 4

Formato file video codificato

Dynamic Medie consiglia di utilizzare i predefiniti di codifica video MP4 H.264. Poiché i file MP4 utilizzano il codec video H.264, questo offre video di alta qualità ma in dimensioni di file compressi.

Abilita il supporto per DASH, sottotitoli multipli e tracce audio multiple sul tuo account Dynamic Medie

Informazioni sull’abilitazione di DASH sul tuo account
DASH (Digital Adaptive Streaming over HTTP) è lo standard internazionale per lo streaming video ed è ampiamente adottato tra diversi visualizzatori video. Quando DASH è abilitato sul tuo account, puoi scegliere tra DASH o HLS per lo streaming video adattivo. Oppure, è possibile optare per entrambi con cambio automatico tra i lettori quando auto viene selezionato come tipo di riproduzione nel predefinito Visualizzatore.

Alcuni vantaggi chiave dell'attivazione di DASH sul tuo account includono:

  • Video con flusso DASH del pacchetto per lo streaming con bitrate adattivo. Questo metodo porta a una maggiore efficienza nella consegna. Lo streaming adattivo assicura la migliore esperienza di visualizzazione per i clienti.
  • Lo streaming ottimizzato per il browser con i lettori Dynamic Medie passa dallo streaming HLS a quello DASH per garantire la migliore qualità del servizio. Il lettore video passa automaticamente a HLS quando si utilizza un browser Safari.
  • Puoi configurare il metodo di streaming preferito (HLS o DASH) modificando il predefinito visualizzatore video.
  • La codifica video ottimizzata garantisce che non venga utilizzata alcuna risorsa di archiviazione aggiuntiva durante l’abilitazione della funzionalità DASH. Viene creato un unico set di codifiche video sia per HLS che per DASH per ottimizzare i costi di archiviazione video.
  • Consente di rendere la distribuzione di video più accessibile ai clienti.
  • Ottieni l’URL di streaming anche tramite API.

L’attivazione di DASH sul tuo account richiede due passaggi:

  • Configurazione di Dynamic Medie per l’utilizzo di DASH, operazione che è possibile eseguire in modo semplice.
  • La configurazione dell’Experience Manager 6.5 per l’utilizzo di DASH viene eseguita tramite un caso di assistenza clienti di Adobe che hai creato e inviato.

Informazioni sull’attivazione del supporto per più sottotitoli e tracce audio multiple sul tuo account

Contemporaneamente alla creazione di un caso di supporto Adobe per abilitare DASH sul tuo account, puoi anche usufruire del supporto per più sottotitoli e tracce audio abilitate automaticamente. Dopo l’abilitazione, tutti i video successivi caricati vengono elaborati con una nuova architettura back-end che include il supporto per l’aggiunta di tracce multi-sottotitolo e multi-audio ai video.

IMPORTANTE

Tutti i video caricati prima di consentire il supporto di tracce multi-sottotitoli e multi-audio sul proprio account Dynamic Medie, deve essere rielaborato. Questo passaggio di rielaborazione video è necessario affinché siano disponibili capacità di traccia multi-sottotitoli e multi-audio. Gli URL del video continuano a funzionare e a essere riprodotti come di consueto, dopo la rielaborazione.

Per abilitare il supporto per DASH, sottotitoli multipli e tracce audio multiple sul tuo account Dynamic Medie:

  1. Inizia per configurazione di Dynamic Medie per DASH - Da un Experience Manager, passa a Strumenti > Operazioni > Console web.

  2. Dalla sezione Configurazione console Web Adobe Experience Manager pagina, scorri fino al nome Flag per funzione Streaming avanzato video di AEM Assets Dynamic Medie.

  3. A sinistra del nome, selezionare la casella di controllo per attivare (attivare) DASH.

  4. Seleziona Salva.

  5. Ora utilizza l’Admin Console per avviare la creazione di un nuovo caso di supporto.

  6. Per creare un caso di supporto, attieniti alle istruzioni e accertati di fornire le seguenti informazioni:

    • Nome del contatto principale, e-mail, telefono.
    • Nome dell’account Dynamic Medie.
    • Specifica di abilitare il supporto per tracce DASH, sottotitoli multipli e audio sul tuo account Dynamic Medie, all'Experience Manager 6.5.
  7. L’Assistenza clienti di Adobe ti aggiunge alla Lista di attesa dei clienti in base all’ordine in cui vengono inviate le richieste.

  8. Quando Adobe è pronto a gestire la richiesta, l’Assistenza clienti ti contatta per coordinare e impostare una data limite per l’abilitazione.

  9. Ricevi una notifica dopo il completamento da parte dell’Assistenza clienti.

  10. A questo punto è possibile effettuare una delle seguenti operazioni:

Visualizzare rapporti video

NOTA

I rapporti video sono disponibili solo quando si esegue Dynamic Medie in modalità ibrida.

I rapporti video visualizzano diverse metriche aggregate in un determinato periodo di tempo per aiutarti a monitorare che pubblicato i singoli video e i video aggregati funzionano come previsto. I seguenti dati sulle metriche principali sono aggregati per tutti i video pubblicati sull’intero sito web:

  • Inizio video
  • Percentuale completata
  • Tempo medio sul video
  • Tempo totale su video
  • Video per visita

Una tabella di tutti pubblicato Sono elencati anche i video, in modo da poter tenere traccia dei video più visualizzati sul sito web in base al totale degli avvii dei video.

Quando selezioni un nome video nell’elenco, viene visualizzato il rapporto di conservazione del pubblico (a discesa) del video sotto forma di un grafico a linee. Il grafico mostra il numero di visualizzazioni per un dato momento della riproduzione video. Quando si riproduce il video, la barra verticale viene sincronizzata con l'indicatore di tempo nel lettore. Le cadute nei dati del grafico a linee indicano dove il pubblico abbandona il disinteresse.

Se il video è stato codificato al di fuori di Adobe Experience Manager Dynamic Medie, il grafico di conservazione del pubblico (a discesa) e i dati della percentuale di riproduzione nella tabella non sono disponibili.

Vedi anche Configurare Cloud Service Dynamic Medie.

NOTA

I dati di tracciamento e reporting si basano esclusivamente sull’utilizzo del lettore video di Dynamic Medie e del relativo predefinito per lettore video. Di conseguenza, non è possibile tracciare e creare rapporti sui video riprodotti da altri lettori video.

Per impostazione predefinita, la prima volta che si immettono i rapporti video, il rapporto visualizza i dati video a partire dal primo del mese corrente e termina con la data del mese corrente. Tuttavia, puoi sovrascrivere l’intervallo di date predefinito specificando un intervallo di date personalizzato. Alla successiva immissione di Report video, viene utilizzato l'intervallo di date specificato.

Affinché i rapporti video funzionino correttamente, viene creato automaticamente un ID suite di rapporti quando vengono configurati i Cloud Service Dynamic Medie. Allo stesso tempo, l’ID suite di rapporti viene inviato al server di pubblicazione, in modo che sia disponibile per la funzione Copia URL quando visualizzi l’anteprima delle risorse. Tuttavia, questa funzionalità richiede che il server di pubblicazione sia già configurato. Se il server di pubblicazione non è configurato, puoi comunque eseguire la pubblicazione per visualizzare il rapporto video. Tuttavia, devi tornare alla configurazione cloud di Dynamic Medie e selezionare OK.

Per visualizzare i rapporti video:

  1. Nell’angolo in alto a sinistra dell’Experience Manager, seleziona il logo dell’Experience Manager, quindi nella barra a sinistra seleziona Strumenti (icona a forma di martello) > Risorse > Rapporti video.

  2. Nella pagina Rapporti video eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Nell'angolo superiore destro, selezionare Aggiorna rapporto video icona.
      Utilizzare Aggiorna solo se la data di fine del rapporto è il giorno corrente. In questo modo potrai vedere il tracciamento video che si è verificato dall’ultima volta che hai eseguito il rapporto.

    • Nell'angolo superiore destro, selezionare Selettore data icona.
      Specifica l’intervallo di date iniziale e finale per il quale desideri visualizzare i dati video, quindi seleziona Esegui rapporto.

    La casella di gruppo Metriche principali identifica varie misurazioni aggregate per tutti pubblicato video nel sito.

  3. Nella tabella in cui sono elencati i video più pubblicati, seleziona un nome per riprodurre il video e consulta il rapporto sulla fidelizzazione del pubblico (drop-off) del video.

Visualizzare rapporti video basati su un visualizzatore video creato con l’SDK del visualizzatore di Dynamic Medie HTML5

Se utilizzi un visualizzatore video predefinito fornito da Dynamic Medie o se hai creato un predefinito visualizzatore personalizzato basato su un visualizzatore video predefinito, non sono necessari ulteriori passaggi per visualizzare i rapporti video. Tuttavia, se hai creato un visualizzatore video personalizzato basato sull’API SDK del visualizzatore di HTML5, utilizza i passaggi seguenti per assicurarti che il visualizzatore video invii eventi di tracciamento ai rapporti video di Dynamic Medie.

Utilizza il Guida di riferimento per i visualizzatori Dynamic Medie di Adobe e API SDK di HTML5 Viewer per creare visualizzatori video personalizzati.

Per visualizzare i rapporti video basati su un visualizzatore video creato con l’SDK del visualizzatore di Dynamic Medie HTML5:

  1. Passa a qualsiasi risorsa video pubblicata.

  2. Seleziona Visualizzatori dall’elenco a discesa dell’angolo in alto a sinistra della pagina della risorsa.

  3. Seleziona un predefinito visualizzatore video e copia il codice da incorporare.

  4. Nel codice di incorporamento, individua la riga con la seguente:

    videoViewer.setParam("config2", "<value>");

    Il config2 Il parametro abilita il tracciamento nei visualizzatori HTML5. È anche un predefinito specifico per l’azienda che contiene le informazioni di configurazione per Video Reporting e per le configurazioni Adobe Analytics specifiche per il cliente.

    Il valore corretto per il parametro config2 si trova in entrambi Codice di incorporamento e nella copia URL funzione. Nell’URL dalla copia URL , il parametro da cercare è &config2=<value> . Il valore è quasi sempre companypreset, ma in alcuni casi può anche essere companypreset-1, companypreset-2 e così via.

  5. Nel codice del visualizzatore video personalizzato, aggiungi AppMeasurementBridge .jsp alla pagina del visualizzatore eseguendo le seguenti operazioni:

    • Innanzitutto, determina se è necessario &preset parametro.

      Se il config2 il parametro è companypreset, tu sì non bisogno &preset=parameter.

      Se config2 è qualsiasi altra cosa, imposta il parametro di preselezione allo stesso modo del config2 parametro. Ad esempio, se config2=companypreset-2, aggiungi &param2=companypreset-2 all’URL AppMeasurmentBridge.jsp.

    • Quindi, aggiungi lo script AppMeasurementBridge.jsp:

      <script language="javascript" type="text/javascript" src="https://s7d1.scene7.com/s7viewers/AppMeasurementBridge.jsp?company=robindallas&preset=companypreset-2"></script>

  6. Creare il componente TrackingManager eseguendo le operazioni seguenti:

    • Dopo aver chiamato s7sdk.Util.init();, crea un’istanza di Tracking Manager per tenere traccia degli eventi aggiungendo gli elementi seguenti:

      var trackingManager = new s7sdk.TrackingManager();

    • Connettere i componenti a Tracking Manager effettuando le seguenti operazioni:

      In s7sdk.Event.SDK_READY , collegare il componente di cui si desidera tenere traccia a TrackingManager.

      Ad esempio, se il componente è videoPlayer, aggiungi

      trackingManager.attach(videoPlayer);

      per collegare il componente a trackingManager. Per tenere traccia di più visualizzatori su una pagina, utilizza più componenti di gestione del tracciamento.

    • Creare l'oggetto AppMeasurementBridge aggiungendo gli elementi seguenti:

      var appMeasurementBridge = new AppMeasurementBridge(); appMeasurementBridge.setVideoPlayer(videoPlayer);
      
    • Aggiungi la funzione di tracciamento aggiungendo gli elementi seguenti:

      trackingManager.setCallback(appMeasurementBridge.track,
       appMeasurementBridge);
      

    L'oggetto appMeasurementBridge ha una funzione di tracciamento incorporata. Tuttavia, puoi fornire il tuo per supportare più sistemi di tracciamento o altre funzionalità.

Informazioni sul supporto di tracce multi-sottotitolo e multi-audio per video in Dynamic Medie

Con la funzionalità multi-sottotitoli e tracce audio multiple in Dynamic Medie, è possibile aggiungere facilmente più sottotitoli e tracce audio a un video primario. Grazie a questa funzionalità, i video sono accessibili a un pubblico globale. Puoi personalizzare un singolo video principale pubblicato per un pubblico globale in più lingue e rispettare le linee guida sull’accessibilità per diverse aree geografiche. Gli autori possono anche gestire i sottotitoli e le tracce audio da una singola scheda nell’interfaccia utente.

Scheda Sottotitoli e tracce audio in Dynamic Medie insieme a una tabella che mostra i file di sottotitoli .VTT caricati e i file di tracce audio .MP3 caricati per un video.

Alcuni dei casi d’uso da considerare per aggiungere sottotitoli multipli e tracce audio multiple al video principale sono i seguenti:

Tipo Caso d’uso
Sottotitoli Supporto di più lingue
Testo descrittivo per accessibilità
Tracce audio Supporto di più lingue
Brani di commento
Audio descrittivo

Tutti formati video supportati in Dynamic Medie e tutti i visualizzatori video di Dynamic Medie, ad eccezione di Dynamic Medie Video_360 visualizzatore—sono supportate per l'uso con sottotitoli multipli e tracce audio multiple.

La funzionalità di traccia multi-sottotitoli e multi-audio è disponibile per il tuo account Dynamic Medie tramite un interruttore di funzioni che deve essere abilitato (attivato) da Adobe Customer Support.

Aggiungere sottotitoli multipli e tracce audio al video

Prima di aggiungere tracce multi-sottotitolo e multi-audio al video, assicurati di avere già le seguenti tracce sul posto:

I sottotitoli e i sottotitoli aggiunti sono supportati nei formati WebVTT e VTT di Adobe. Inoltre, i file di traccia audio aggiunti sono supportati con il formato MP3.

IMPORTANTE

Tutti i video caricati prima di consentire il supporto di tracce multi-sottotitoli e multi-audio sul proprio account Dynamic Medie, deve essere rielaborato. Questo passaggio di rielaborazione video è necessario affinché siano disponibili capacità di traccia multi-sottotitoli e multi-audio. Gli URL del video continuano a funzionare e a essere riprodotti come di consueto, dopo la rielaborazione.

Per aggiungere al video più sottotitoli e tracce audio multiple:

  1. Carica il video principale in una cartella a cui è già stato assegnato un profilo video.

  2. Passa alla risorsa video caricata a cui desideri aggiungere tracce con più sottotitoli e più audio.

  3. In modalità di selezione delle risorse, dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede, seleziona la risorsa video.

  4. Sulla barra degli strumenti, seleziona l’icona Proprietà (un cerchio con una "i" all’interno).
    La risorsa video selezionata con il segno di spunta sopra l’immagine della miniatura video e Visualizza proprietà sono evidenziate sulla barra degli strumenti.Risorsa video selezionata nella vista a schede.

  5. Nella pagina Proprietà del video, seleziona la Sottotitoli e tracce audio scheda.

    SUGGERIMENTO

    Se non vede il Sottotitoli e tracce audio , significa una delle due cose seguenti:

    Dopo aver completato una delle attività di cui sopra, torna a questi passaggi.

    Scheda Sottotitoli e tracce audio nella pagina Proprietà.Scheda Sottotitoli e tracce audio nella pagina Proprietà del video.

  6. (Facoltativo) Per aggiungere uno o più file di sottotitoli a un video, effettuate le seguenti operazioni:

    • Seleziona Carica sottotitoli.

    • Passa a uno o più file .vtt (Video Text Tracks) e selezionali, quindi aprili.

    • Affinché i sottotitoli siano visibili sul lettore multimediale, deve aggiungi dettagli richiesti (metadati) su ogni file dei sottotitoli caricato. Selezionare l'icona della matita a destra del nome di un file di sottotitoli. In Modifica sottotitolo immetti i seguenti dettagli richiesti sul file, quindi seleziona Salva. Ripeti questa procedura per ogni file di sottotitoli caricato:

      Metadati sottotitoli Descrizione
      Nome file Il nome file predefinito è derivato dal nome file originale. Il nome del file può essere modificato solo durante il caricamento e non può essere modificato in un secondo momento. I requisiti di carattere per il nome file sono gli stessi di AEM Assets.
      Non è possibile utilizzare lo stesso nome di file per file di sottotitoli e di tracce audio aggiuntivi.
      Lingua Selezionare la lingua del sottotitolo.
      Tipo Selezionare il tipo di sottotitolo in uso.
      Sottotitolo : il testo del sottotitolo visualizzato con il video che traduce o trascrive la finestra di dialogo.
      Didascalia - Il testo della didascalia include anche i rumori di fondo, la differenziazione degli oratori e altre informazioni rilevanti, insieme alla traduzione o trascrizione del dialogo, rendendo il contenuto più accessibile per gli individui non udenti o ipoudenti.
      Etichetta Testo visualizzato per il nome del sottotitolo nel Seleziona audio o didascalia elenco a comparsa nel lettore multimediale. L’etichetta è ciò che vede il cliente e corrisponde a un sottotitolo o a una traccia di didascalia. Esempio: English (CC).

      Se necessario, è possibile modificare i metadati dei sottotitoli in un secondo momento. Quando il video viene pubblicato, questi dettagli si riflettono sugli URL pubblici nei video pubblicati.

  7. (Facoltativo) Per aggiungere una o più tracce audio a un video, effettuate le seguenti operazioni:

    • Seleziona Carica tracce audio.

    • Passa a uno o più file .mp3 e selezionali, quindi aprili.

    • Per rendere visibili le tracce audio nel Seleziona audio o didascalia elenco a comparsa sul lettore multimediale, deve aggiungi i dettagli richiesti su ogni file di traccia audio aggiunto. Selezionate l'icona della matita a destra del nome di un file di traccia audio. In Modifica traccia audio , immettere i dettagli richiesti seguenti, quindi selezionare Salva. Ripetere questa procedura per ogni file di traccia audio caricato.

      Metadati traccia audio Descrizione
      Nome file Il nome file predefinito è derivato dal nome file originale. Il nome del file può essere modificato solo durante il caricamento e non può essere modificato in un secondo momento. I requisiti di carattere per il nome file sono gli stessi di AEM Assets.
      Non è possibile usare lo stesso nome di file per file di traccia audio o sottotitoli aggiuntivi.
      Lingua Selezionate la lingua della traccia audio.
      Tipo Selezionate il tipo di traccia audio in uso.
      Originale - La traccia audio originariamente allegata al video e rappresentata come [Original] nell’etichetta con English lingua selezionata per impostazione predefinita. Mentre Etichetta e Lingua può essere modificato in Modifica traccia audio , vengono utilizzati i valori originali se il video principale viene rielaborato.
      Standard - Traccia audio aggiuntiva per una lingua diversa dall'originale.
      Descrizione audio - Traccia audio che include anche una narrazione descrittiva delle azioni non verbali e dei gesti nel video, rendendo il contenuto più accessibile agli utenti ipovedenti.
      Etichetta Testo visualizzato come nome della traccia audio nel Seleziona audio o didascalia elenco a comparsa nel lettore multimediale. L’etichetta è ciò che il cliente vede e che corrisponde a una traccia audio. Ad esempio: English [Original]. L'etichetta dell'audio collegata a un video è impostata su `[Original

      Se necessario, potete modificare i metadati della traccia audio in un secondo momento. Quando il video viene pubblicato, questi dettagli si riflettono sugli URL pubblici nei video pubblicati.

  8. Nell’angolo superiore destro della pagina, dal menu Salva e chiudi elenco a discesa, seleziona Salva. I file vengono caricati e inizia l’elaborazione dei metadati, come mostrato nella Stato dell'interfaccia.

    NOTA

    In base alle impostazioni di caching dell’istanza, l’elaborazione dei metadati può richiedere diversi minuti prima che venga visualizzata nell’anteprima e negli URL pubblicati.

  9. (Facoltativo) Se hai selezionato Salva e chiudi nel passaggio precedente, invece di selezionare Salva, è comunque possibile visualizzare lo stato di elaborazione dei file caricati. Consulta Visualizzare lo stato del ciclo di vita dei sottotitoli caricati e dei file di traccia audio.

  10. (Facoltativo) Visualizza l'anteprima del video prima della pubblicazione per assicurarti che i sottotitoli e l'audio funzionino come previsto. Consulta Visualizzare in anteprima un video con più sottotitoli e tracce audio

  11. Pubblica il video. Consulta Pubblicare le risorse.

Informazioni sull'aggiunta di file di sottotitoli e tracce audio a un video già pubblicato

Quando carichi altri file di sottotitoli o di tracce audio in un video già pubblicato, questi file avranno un Processed stato dopo che sono stati preparati, dopo il caricamento. A questo punto, puoi visualizzare in anteprima il video in Dynamic Medie per vedere o ascoltare i file appena caricati.

Dopo l’anteprima, tuttavia, devi pubblicare il video per pubblicare anche i file dei sottotitoli o delle tracce audio appena aggiunti. Dopo la pubblicazione, i sottotitoli o l’audio diventano disponibili con l’URL pubblico di Dynamic Medie.

NOTA

In base alle impostazioni di caching dell’istanza, gli aggiornamenti dei metadati possono richiedere alcuni minuti prima che vengano visualizzati nell’anteprima e negli URL pubblicati.

Nel caso in cui Dynamic Medie sia stato configurato per la pubblicazione immediata, il caricamento di sottotitoli o file audio aggiuntivi attiva immediatamente la pubblicazione del video in seguito al caricamento di sottotitoli o file audio.

ATTENZIONE

Quando si caricano file di sottotitoli o file audio in un video pubblicato o non pubblicato, i file vengono eliminati se rielabora il video. Solo l'audio originale del video rimane intatto. In questi casi, è necessario caricare nuovamente i file dei sottotitoli e delle tracce audio nel video.

Aggiungere più sottotitoli a un video che ha un URL esistente con modificatore sottotitoli

Dynamic Medie supporta l’aggiunta di una didascalia singola con video tramite un modificatore URL. Consulta Aggiungi didascalie al video.

Le modifiche apportate a più sottotitoli hanno la precedenza su una didascalia aggiunta tramite un modificatore URL per i video pubblicati.

Per aggiungere più sottotitoli a un video che ha un URL esistente con modificatore sottotitoli:

  1. Carica il file di didascalia già aggiunto come modificatore al video, in modo da poter gestire il file esplicitamente.
  2. Caricare eventuali file di sottotitoli/sottotitoli aggiuntivi, se necessario.
  3. Pubblica il video come di consueto.
    L’URL esistente con il modificatore didascalia ora può caricare più didascalie.

Visualizzare lo stato del ciclo di vita dei sottotitoli caricati e dei file di traccia audio

È possibile osservare lo stato del ciclo di vita di qualsiasi file di sottotitoli o traccia audio caricato nel video principale da Sottotitoli e tracce audio scheda di Proprietà.

Per visualizzare lo stato del ciclo di vita di un video:

  1. Passa alla risorsa video di cui desideri visualizzare lo stato del ciclo di vita.
  2. In modalità di selezione delle risorse, dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede, seleziona la risorsa video.
  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona l’icona Proprietà (un cerchio con una "i" all’interno).
  4. Nella pagina Proprietà, seleziona la Sottotitoli e tracce audio scheda. Nella colonna Stato (Status), notate lo stato di ciascun sottotitolo o file audio.
Stato sottotitolo o traccia audio Descrizione
Elaborazione Quando si aggiunge e si salva un nuovo file di sottotitoli o di tracce audio, lo stato diventa "Elaborazione". Dynamic Medie elabora il file allegando il manifesto di streaming al video principale.
Elaborato Al termine dell'elaborazione, il sottotitolo o il file di traccia audio, o la traccia audio originale associata al video principale, appare in uno stato "Elaborato". È possibile visualizzare in anteprima i sottotitoli e i file di traccia audio che appaiono come "elaborati" prima di pubblichi il video in diretta.
Pubblicato Uno stato "Pubblicato" rappresenta uno stato simile a "Pubblicato" per un video principale. Le risorse vengono pubblicate quando il video principale viene pubblicato e sono disponibili sull’URL pubblico di Dynamic Medie.
Non riuscito Lo stato "Non riuscito" indica che l'elaborazione di un file di sottotitoli o traccia audio non è stata completata. Elimina il file dei sottotitoli o delle tracce audio e caricalo di nuovo.
La pagina di cui è stata annullata la pubblicazione Quando si annulla esplicitamente la pubblicazione di un video principale pubblicato, vengono annullati anche i sottotitoli o i file di traccia audio aggiunti al video.

Colonna di stato evidenziata per i campi Sottotitoli e Tracce audio.Stato del ciclo di vita di ciascun sottotitolo e file di traccia audio caricato.

Impostare l'audio predefinito per un video con più tracce audio

Per impostazione predefinita, l'audio originale di un video è impostato come audio predefinito da riprodurre.

Tuttavia, tutti i file di traccia audio caricati possono essere impostati come audio predefinito da riprodurre dopo il caricamento di un video nel visualizzatore. Nell’interfaccia utente Proprietà, sotto Sottotitoli e tracce audio , la scheda Default l'etichetta viene applicata a destra del file di traccia audio per la riproduzione video.

NOTA

La riproduzione dell’audio predefinito può anche dipendere da quanto impostato nei seguenti browser:

  • Chrome - Viene riprodotto l'audio predefinito impostato nel video.
  • Safari - Se la lingua predefinita è impostata in Safari, l'audio viene riprodotto con la lingua predefinita impostata, se disponibile con il manifesto del video. In caso contrario, viene riprodotto l'audio predefinito impostato come parte delle proprietà di un video.

Per impostare l'audio predefinito per un video con più tracce audio:

  1. Passa alla risorsa video di cui desideri impostare la traccia audio predefinita.

  2. In modalità di selezione delle risorse, dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede, seleziona la risorsa video.

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona l’icona Proprietà (un cerchio con una "i" all’interno).

  4. Nella pagina Proprietà, seleziona la Sottotitoli e tracce audio scheda.

  5. Sotto Tracce audio selezionare il file di traccia audio che si desidera impostare come predefinito per il video.

  6. Seleziona Imposta come predefinito.
    In Imposta come predefinito finestra di dialogo, seleziona Sostituisci.

    L'intestazione Tracce audio con un nome di file di traccia audio selezionato ed evidenziato il pulsante Imposta come predefinito.Impostazione della traccia audio predefinita per un video.

  7. Nell’angolo superiore destro, seleziona Salva e chiudi.

  8. Pubblica il video. Consulta Pubblicare le risorse.

Visualizzare in anteprima un video con più sottotitoli e tracce audio

Dopo aver caricato i file dei sottotitoli e delle tracce audio in un video ed elaborato, potete utilizzare il visualizzatore video Dynamic Medie (o altri tipi di visualizzatore, se necessario) per visualizzare in anteprima tutte le diverse tracce. L'anteprima consente di vedere l'aspetto e l'audio del video per i clienti e di assicurarsi che si comporti come previsto.

Quando sei soddisfatto del video, puoi pubblicarlo utilizzando uno dei metodi seguenti.

Consulta Incorporare il visualizzatore di video o immagini in una pagina Web.
Consulta Collegare gli URL all’applicazione web. Il metodo di collegamento basato su URL non è possibile se il contenuto interattivo presenta collegamenti con URL relativi, in particolare collegamenti a pagine Experience Manager Sites.
Consulta Aggiungere risorse Dynamic Medie alle pagine.

NOTA

La scheda di anteprima Experience Manager predefinita non mostra più sottotitoli e tracce audio. Il motivo è che questi brani sono associati a Dynamic Medie e possono essere visualizzati solo utilizzando l'anteprima di Dynamic Medie Viewer.

Per visualizzare in anteprima un video con più sottotitoli e tracce audio:

  1. In entrata Risorse, passa a un video esistente a cui sono stati aggiunti più sottotitoli e tracce audio.

  2. Fai clic sulla risorsa video per aprirla in modalità anteprima.

  3. Nella pagina di anteprima, nell’angolo superiore sinistro della pagina, seleziona l’elenco a discesa, quindi fai clic su Visualizzatori.

    Elenco a discesa che mostra l’opzione Visualizzatori.

  4. Nell'elenco Visualizzatori selezionare il visualizzatore che si desidera utilizzare per l'anteprima video. Ad esempio, la schermata seguente mostra Video visualizzatore selezionato.

    Selezione del visualizzatore video dall’elenco a discesa Visualizzatori.

  5. Nell'angolo in basso a destra, a sinistra dell'icona del volume, selezionare l'icona a forma di fumetto, quindi selezionare l'audio o il sottotitolo che si desidera ascoltare o vedere o entrambi. Se lo desideri, in Sottotitoli puoi selezionare Disattivato per non visualizzare sottotitoli o didascalie.

    L'elenco a comparsa Audio e sottotitoli nel visualizzatore video.Simulazione di un utente che seleziona l’audio e il sottotitolo per la riproduzione video.

  6. Per iniziare la riproduzione, seleziona il Play pulsante.
    Osserva URL e Incorpora nell'angolo inferiore sinistro. Utilizzare questi pulsanti per collega l’URL del video alla tua applicazione web o a incorporare il video in una pagina web, rispettivamente.

  7. Nell’angolo superiore destro della pagina di anteprima, seleziona Chiudi.

Eliminare file di sottotitoli o tracce audio da un video

È possibile eliminare file di sottotitoli o tracce audio da un video. L'eliminazione dei sottotitoli pubblicati o dei file di traccia audio viene automaticamente riportata nell'URL pubblicato del video.

Non è possibile eliminare la traccia audio originale estratta da un video principale.

Per eliminare file di sottotitoli o tracce audio da un video:

  1. Passa alla risorsa video di cui desideri impostare la traccia audio predefinita.

  2. In modalità di selezione delle risorse, dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede, seleziona la risorsa video.

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona l’icona Proprietà (un cerchio con una "i" all’interno).

  4. Nella pagina Proprietà, seleziona la Sottotitoli e tracce audio scheda.

  5. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Sottotitoli - Sotto il Sottotitoli , seleziona uno o più file di sottotitoli da eliminare dal video, quindi fai clic su Elimina.
    • Tracce audio - Sotto il Tracce audio , seleziona uno o più file di traccia audio da eliminare dal video, quindi fai clic su Elimina.
  6. Nella finestra di dialogo Elimina selezionare OK.

  7. Pubblica il video.

Scaricare sottotitoli o file di tracce audio caricati in un video

È possibile scaricare uno o più file di sottotitoli o tracce audio caricati per l'utilizzo con un video. È possibile scaricare tutti i file selezionati come file.zip o creare una cartella di download separata per ciascun file.

Non è possibile scaricare la traccia audio originale estratta da un file principale.

Per scaricare file di sottotitoli o tracce audio da un video:

  1. Passa alla risorsa video di cui desideri impostare la traccia audio predefinita.

  2. In modalità di selezione delle risorse, dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede, seleziona la risorsa video.

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona l’icona Proprietà (un cerchio con una "i" all’interno).

  4. Nella pagina Proprietà, seleziona la Sottotitoli e tracce audio scheda.

  5. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Sottotitoli - Sotto il Sottotitoli , seleziona uno o più file di sottotitoli da scaricare dal video, quindi fai clic su Scarica.
    • Tracce audio - Sotto il Tracce audio , seleziona uno o più file di traccia audio da scaricare dal video, quindi fai clic su Scarica.
  6. Nella finestra di dialogo Scarica impostare le opzioni seguenti:

    Opzione Descrizione
    Salva con nome Utilizzare il nome file predefinito specificato nel campo di testo Salva con nome oppure specificare un nome personalizzato.
    Crea una cartella separata per ogni risorsa Creare una cartella per ogni file di sottotitoli o di traccia audio selezionato per il download.
    E-mail Utilizza il tuo programma e-mail predefinito per inviare il file .zip a un indirizzo e-mail specificato.
    Risorse Specifica il numero di file da scaricare e la dimensione totale combinata di tutti i file selezionati. Deselezionando questa opzione, il valore Scarica , impedendo il download di qualsiasi file.
  7. Seleziona Scarica.

  8. Pubblica il video. Consulta Pubblicare le risorse.

Aggiungere sottotitoli codificati o sottotitoli a un video

IMPORTANTE

Adobe consiglia di: abilitare la capacità di traccia multi-sottotitolo e multi-audio sul tuo account Dynamic Medie. In questo modo puoi sfruttare la più recente architettura back-end di Dynamic Medie e un flusso di lavoro semplificato per aggiungere didascalie, sottotitoli e tracce audio ai video.

Puoi estendere la portata dei tuoi video ai mercati globali aggiungendo sottotitoli ai singoli video o ai set di video adattivi. Aggiungendo i sottotitoli, si evita di duplicare l'audio o di utilizzare madrelingua per registrare nuovamente l'audio per ogni lingua. Il video viene riprodotto nella lingua in cui è stato registrato. I sottotitoli delle lingue straniere vengono visualizzati in modo che persone di lingue diverse possano ancora comprendere la porzione audio.

I sottotitoli codificati consentono inoltre una maggiore accessibilità alle persone non udenti o ipoudenti.

NOTA

Il lettore video utilizzato deve supportare la visualizzazione dei sottotitoli.

Vedi anche Accessibilità in Dynamic Medie.

Dynamic Medie converte i file di didascalia in formato JSON (JavaScript Object Notation). Questa conversione ti consente di incorporare il testo JSON in una pagina web come trascrizione nascosta ma completa del video. I motori di ricerca possono quindi eseguire la ricerca per indicizzazione e indicizzare il contenuto per rendere i video più facilmente individuabili e fornire ai clienti ulteriori dettagli sul contenuto video.

Consulta Distribuisci contenuti statici (non immagine) nel Guida all’API per il server e il rendering immagini di Dynamic Medie per ulteriori informazioni sull’utilizzo della funzione JSON in un URL.

Per aggiungere sottotitoli o sottotitoli a un video:

  1. Utilizza un’applicazione o un servizio di terze parti per creare il file di sottotitoli/sottotitoli video.

    Assicurati che il file creato segua lo standard WebVTT (Web Video Text Tracks). L'estensione del nome file dei sottotitoli è .vtt. Ulteriori informazioni sullo standard per i sottotitoli WebVTT.

    Consulta WebVTT: formato per tracce di testo video Web.

    Esistono molti siti Web che offrono sia strumenti e servizi gratuiti che premium che è possibile utilizzare per creare file di sottotitoli/sottotitoli WebVTT al di fuori di Dynamic Medie.

    Seguire le istruzioni visualizzate da un sito per creare e salvare il file WebVTT. Al termine, copiare il contenuto del file di didascalia e incollarlo in un editor di testo normale e salvarlo con un .vtt estensione del nome file.

    NOTA

    Per il supporto globale dei sottotitoli video in più lingue, lo standard WebVTT richiede la creazione di file .vtt e chiamate separati per ogni lingua che si desidera supportare.

    In genere, si desidera assegnare al file VTT della didascalia lo stesso nome del file video e aggiungerlo alla lingua locale, ad esempio -EN, -FR o -DE. In questo modo, è possibile automatizzare la generazione degli URL video utilizzando il sistema di gestione dei contenuti web esistente.

  2. Ad Experience Manager, carica il file di didascalia WebVTT in DAM.

  3. Accedi a pubblicato risorsa video da associare al file di didascalia caricato.

    Gli URL sono disponibili per la copia solo dopo la prima pubblicazione delle risorse.

    Consulta Pubblicare le risorse.

  4. Effettua una delle operazioni seguenti:

    • Per visualizzare un video a comparsa, seleziona URL. Nella finestra di dialogo URL, seleziona e copia l’URL negli Appunti, quindi trascina l’URL in un semplice editor di testo. Aggiungi all’URL copiato del video la seguente sintassi:

      &caption=<server_path>/is/content/<path_to_caption.vtt_file,1>

      Osserva ,1 alla fine del percorso della didascalia. Immediatamente dopo il .vtt estensione del nome file nel percorso, puoi facoltativamente abilitare (attivare) o disabilitare (disattivare) il pulsante sottotitoli codificati sulla barra del lettore video impostando su ,1 o ,0, rispettivamente.

    • Per un’esperienza di visualizzazione video incorporata, seleziona Codice di incorporamento. Nella finestra di dialogo Incorpora codice, seleziona e copia il codice da incorporare negli Appunti, quindi incolla il codice in un semplice editor di testo. Aggiungi il codice da incorporare copiato con la seguente sintassi:

      videoViewer.setParam("caption","<path_to_caption.vtt_file,1>");

      Osserva ,1 alla fine del percorso della didascalia. Immediatamente dopo il .vtt estensione del nome file nel percorso, puoi facoltativamente abilitare (attivare) o disabilitare (disattivare) il pulsante sottotitoli codificati sulla barra del lettore video impostando su ,1 o ,0, rispettivamente.

Aggiungere marcatori capitolo al video

Per semplificare la visualizzazione e la navigazione dei video lunghi, aggiungi marcatori capitolo ai singoli video o ai set di video adattivi. Quando un utente riproduce il video, può fare clic sui contrassegni dei capitoli sulla timeline del video (nota anche come scorrimento video) per passare facilmente al punto di interesse. In alternativa, è possibile passare immediatamente a nuovi contenuti, dimostrazioni e tutorial.

NOTA

Il lettore video utilizzato deve supportare l’uso dei marcatori capitolo. I lettori video Dynamic Medie supportano i contrassegni dei capitoli, ma non i lettori video di terze parti.

Se lo desideri, puoi creare un visualizzatore video personalizzato con i capitoli e aggiungerlo al tuo marchio, invece di utilizzare un predefinito visualizzatore video. Per istruzioni sulla creazione di un visualizzatore HTML5 personalizzato con navigazione dei capitoli, nell’API SDK del visualizzatore AdobeHTML 5, fai riferimento all’intestazione "Personalizzazione del comportamento con i modificatori" sotto le classi s7sdk.video.VideoPlayer e s7sdk.video.VideoScrubber. Consulta la API SDK di HTML5 Viewer documentazione.

Per creare un elenco di capitoli per il video è necessario seguire le stesse procedure utilizzate per creare i sottotitoli. In altre parole, si crea un file WebVTT. Si noti, tuttavia, che questo file deve essere separato da qualsiasi file di sottotitoli WebVTT che si sta utilizzando anche; non è possibile combinare sottotitoli e capitoli in un unico file WebVTT.

L'esempio seguente può essere utilizzato come esempio del formato utilizzato per creare un file WebVTT con navigazione nei capitoli:

File WebVTT con navigazione capitolo video

WEBVTT
Chapter 1
00:00.000 --> 01:04.364
The bicycle store behind it all.
Chapter 2
01:04.364 --> 02:00.944
Creative Cloud.
Chapter 3
02:00.944 --> 03:02.937
Ease of management for a working solution.
Chapter 4
03:02.937 --> 03:35.000
Cost-efficient access to rapidly evolving technology.

Nell’esempio precedente, Chapter 1 è l’identificatore del cue ed è facoltativo. Il tempo di cue di 00:00:000 --> 01:04:364 specifica l'ora di inizio e di fine del capitolo, in 00:00:000 formato. Le ultime tre cifre sono millisecondi e possono essere lasciate come 000, se preferita. Titolo del capitolo di The bicycle store behind it all è la descrizione effettiva del contenuto del capitolo. L'identificatore del cue, il tempo di cue iniziale e il titolo del capitolo vengono visualizzati in una finestra a comparsa del lettore video quando un utente passa il puntatore del mouse su un punto di cue visivo nella timeline del video.

Poiché si utilizza un visualizzatore video di HTML5, assicurarsi che il file del capitolo creato segua lo standard WebVTT (Web Video Text Tracks). L’estensione del nome file del capitolo è .vtt. Ulteriori informazioni sullo standard per i sottotitoli WebVTT.

Consulta WebVTT: formato per tracce di testo video Web

Per aggiungere la navigazione ai capitoli video:

  1. Salva il .vtt file con codifica UTF8, per evitare problemi con la rappresentazione dei caratteri nel testo del titolo del capitolo.

    In genere, si desidera assegnare al file VTT del capitolo lo stesso nome del file video e aggiungerlo ai capitoli. In questo modo, è possibile automatizzare la generazione degli URL video utilizzando il sistema di gestione dei contenuti web esistente.

  2. Ad Experience Manager, carica il file del capitolo WebVTT.

    Consulta Caricamento risorse.

  3. Effettua una delle operazioni seguenti:

    Per un'esperienza di visualizzazione video popup
    1. Accedi a pubblicato risorsa video da associare al file del capitolo caricato. Gli URL sono disponibili per la copia solo dopo la prima pubblicazione delle risorse. Consulta Pubblicazione delle risorse.
    2. Dal menu a discesa, quindi fai clic su Visualizzatori.
    3. Nella barra a sinistra, fai clic sul nome del predefinito per visualizzatori video. Un’anteprima del video viene aperta in una pagina separata.
    4. Nella barra a sinistra, in basso, fai clic su URL.
    5. Nella finestra di dialogo URL, seleziona e copia l’URL negli Appunti, quindi trascina l’URL in un semplice editor di testo.
    6. Aggiungi l’URL copiato del video con la seguente sintassi per associarlo all’URL copiato nel file del capitolo:

      &navigation=<full_copied_URL_path_to_chapter_file.vtt>
    Per un’esperienza di visualizzazione video incorporata
    1. Accedi a pubblicato risorsa video da associare al file del capitolo caricato. Gli URL sono disponibili per la copia solo dopo la prima pubblicazione delle risorse. Consulta Pubblicazione delle risorse.
    2. Dal menu a discesa, quindi fai clic su Visualizzatori.
    3. Nella barra a sinistra, fai clic sul nome del predefinito per visualizzatori video. Un’anteprima del video viene aperta in una pagina separata.
    4. Nella barra a sinistra, in basso, fai clic su Incorpora.
    5. Nella finestra di dialogo Incorpora codice, seleziona e copia l’intero codice negli Appunti, quindi incollalo in un semplice editor di testo.
    6. Aggiungi il codice di incorporamento del video con la seguente sintassi per associarlo all’URL copiato nel file del capitolo:

      videoViewer.setParam("navigation","<full_copied_URL_path_to_chapter_file.vtt>"

Informazioni sulle miniature video in Dynamic Medie - Modalità Scene7

Una miniatura video è una versione di dimensioni ridotte di un fotogramma video o di una risorsa immagine che rappresenta il video per il cliente. La miniatura serve a incoraggiare un cliente a selezionare il video.

A tutti i video dell'Experience Manager deve essere associata una miniatura; non è possibile eliminare una miniatura senza sostituirla. Per impostazione predefinita, quando caricate un video in Experience Manager, il primo fotogramma viene utilizzato come miniatura. Tuttavia, puoi personalizzare la miniatura a scopo di branding o di ricerca visiva, ad esempio. Quando si personalizza una miniatura video, è possibile riprodurre il video e metterlo in pausa sul fotogramma che si desidera utilizzare. In alternativa, puoi selezionare una risorsa di immagine che hai già caricato e pubblicato nel gestore delle risorse digitali.

Un’immagine di miniatura video personalizzata selezionata da un video non viene estratta e salvata in DAM come risorsa separata e distinta. Tuttavia, una miniatura video personalizzata selezionata da una risorsa immagine esistente viene salvata in JCR. Il percorso della risorsa selezionata viene memorizzato nel nodo della risorsa video come nell’esempio di percorso seguente:

/content/dam/*<folder_name*>/<*video_name*>/jcr:content/manualThumbnail

La possibilità di personalizzare una miniatura video è disponibile solo dopo aver applicato un profilo video alla cartella in cui si trova il video.

Vedi anche Informazioni sulle miniature video in Dynamic Medie - Modalità ibrida.

Aggiungi una miniatura video personalizzata

Questi passaggi si applicano solo a Dynamic Medie in esecuzione in modalità "Dynamicmedia_Scene7".

Per aggiungere una miniatura video personalizzata:

  1. Accertati di aver già eseguito le seguenti operazioni:

  2. Passa a una risorsa video caricata di cui desideri modificare l’immagine in miniatura.

  3. Nella modalità di selezione delle risorse da Vista a elenco o Vista a schede, seleziona la risorsa video.

  4. Sulla barra degli strumenti, seleziona Proprietà (un cerchio contenente una "i").

  5. Nella pagina Proprietà del video, seleziona Cambia miniatura.

  6. Nella pagina Modifica miniatura eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Per utilizzare un fotogramma del video come nuova miniatura:

      • Sulla barra degli strumenti, seleziona Seleziona fotogramma da video.
      • Selezionare il pulsante Riproduci, quindi selezionare il pulsante Pausa sul fotogramma che si desidera catturare come nuova miniatura del video.
    • Per utilizzare una risorsa immagine come nuova miniatura:

      • Sulla barra degli strumenti, seleziona Seleziona miniatura da risorse.
      • Seleziona Seleziona miniatura.
      • Passa a una risorsa immagine caricata e pubblicata in precedenza che desideri utilizzare. La risorsa viene ridimensionata automaticamente in modo da fungere da immagine miniatura per il video.
      • Seleziona la risorsa immagine, quindi seleziona Seleziona.
  7. Nella pagina Modifica miniatura, seleziona Salva modifica.

  8. Nella pagina Proprietà del video, nell’angolo superiore destro, seleziona Salva e chiudi.

Informazioni sulle miniature video in Dynamic Medie - Modalità ibrida

Puoi scegliere una delle dieci immagini in miniatura generate automaticamente da Dynamic Medie da aggiungere al video. Il lettore video mostra la miniatura selezionata quando una risorsa video viene utilizzata con il componente Dynamic Medie nell’ambiente di authoring di Experience Manager Sites, Experience Manager Mobile o Experienci Manager Screens. La miniatura funge da immagine statica che rappresenta al meglio il contenuto dell’intero video e incoraggia ulteriormente gli utenti a fare clic sul pulsante Play.

In base al tempo totale del video, Dynamic Medie acquisisce dieci miniature (impostazione predefinita). Le immagini vengono acquisite a un tasso dell'1%, 11%, 21%, 31%, 41%, 51%, 61%, 71%, 81% e 91% nel video. Le dieci miniature persistono, il che significa che se decidi di scegliere un’altra miniatura in un secondo momento, non è necessario rigenerare la serie. Puoi visualizzare in anteprima le dieci immagini in miniatura e quindi selezionare quella che desideri usare con il video. Se desideri impostare l’impostazione predefinita, puoi utilizzare CRXDE Liti per configurare l’intervallo di tempo in cui vengono generate le immagini in miniatura. Ad esempio, se desideri generare solo una serie di quattro immagini miniatura con spaziatura uniforme dal video, puoi configurare l’intervallo in modo che sia compreso tra 24%, 49%, 74% e 99%.

Idealmente, puoi aggiungere una miniatura video in qualsiasi momento dopo aver caricato il video, ma prima di pubblicarlo sul sito web.

Se lo desideri, puoi scegliere di caricare una miniatura personalizzata per rappresentare il video invece di utilizzare una miniatura generata da Dynamic Medie. Ad esempio, puoi creare un’immagine miniatura personalizzata con il titolo del video, un’immagine di apertura accattivante o un’immagine specifica acquisita dal video. L’immagine miniatura video personalizzata caricata deve avere una risoluzione massima di 1280 x 720 pixel (larghezza minima di 640 pixel) e non superare i 2 MB.

Vedi anche Informazioni sulle miniature video in Dynamic Medie - Modalità Scene7.

Aggiungi una miniatura video

Questi passaggi si applicano solo a Dynamic Medie in esecuzione in modalità ibrida.

Per aggiungere una miniatura video:

  1. Passa a una risorsa video caricata a cui desideri aggiungere una miniatura video.

  2. Nella modalità di selezione delle risorse, seleziona la risorsa video dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede.

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona Visualizza proprietà (un cerchio contenente una "i").

  4. Nella pagina Proprietà del video, seleziona Cambia miniatura.

  5. Nella pagina Modifica miniatura, sulla barra degli strumenti, seleziona Seleziona frame.

    Dynamic Medie genera una serie di miniature dal video, in base all'intervallo di tempo predefinito o personalizzato.

  6. Visualizza l'anteprima delle immagini in miniatura generate, quindi seleziona quella che desideri aggiungere al video.

  7. Seleziona Salva modifica.

    L'immagine miniatura del video viene aggiornata in modo da utilizzare la miniatura selezionata. Se successivamente decidi di modificare l’immagine miniatura, puoi tornare al Cambia miniatura e selezionarne una nuova.

    Se hai configurato nuovi intervalli di tempo predefiniti o hai caricato un nuovo video per sostituire quello esistente, chiedi a Dynamic Medie di rigenerare le miniature.

    Consulta Configura l'intervallo di tempo predefinito per la generazione delle miniature video.

Configura l'intervallo di tempo predefinito per la generazione delle miniature video

Quando configuri e salvi il nuovo intervallo di tempo predefinito, la modifica viene applicata automaticamente solo ai video caricati in futuro. Il nuovo predefinito non viene applicato automaticamente ai video caricati in precedenza. Per i video esistenti, è necessario rigenerare le miniature.

Consulta Aggiungi una miniatura video.

Per configurare l'intervallo di tempo predefinito per la generazione delle miniature video:

  1. Ad Experience Manager, seleziona Strumenti > Generale > CRXDE Liti.

  2. Nella pagina CRXDE Liti, nel pannello directory a sinistra, passa a o etc/dam/imageserver/configuration/jcr:content/settings.

    se il pannello directory non è visibile, seleziona l’icona >> a sinistra della scheda Home.

  3. Nel pannello in basso a destra, nella scheda Proprietà, fai doppio clic su thumbnailtime.

  4. In Modifica miniatura , utilizzare i campi di testo per immettere valori di intervallo come percentuali.

    • Selezionare l'icona del segno più (+) se si desidera aggiungere uno o più campi del valore di intervallo. Se necessario, scorrere fino alla parte inferiore della finestra di dialogo per visualizzare l'icona.
    • Selezionare l'icona del segno meno (-) a destra di un campo del valore di intervallo per eliminarlo dall'elenco.
    • Se si desidera riordinare i valori dell'intervallo, selezionare l'icona freccia su e l'icona freccia giù.
  5. Seleziona OK e tornare alla scheda Proprietà.

  6. Nell'angolo superiore sinistro della pagina CRXDE Liti, seleziona Salva tutto, quindi seleziona l’icona Indietro Home nell’angolo in alto a sinistra per tornare a Experience Manager.

    Consulta Aggiungi una miniatura video.

Aggiungi una miniatura video personalizzata

Questi passaggi si applicano solo a Dynamic Medie in esecuzione in modalità ibrida.

Per aggiungere una miniatura video personalizzata:

  1. Passa a una risorsa video caricata per aggiungere una miniatura video personalizzata.

  2. Nella modalità di selezione delle risorse, seleziona la risorsa video dalla Vista a elenco o dalla Vista a schede.

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona Visualizza proprietà (un cerchio contenente una "i").

  4. Nella pagina Proprietà del video, seleziona Cambia miniatura.

  5. Nella pagina Modifica miniatura, sulla barra degli strumenti, seleziona Carica nuova miniatura.

  6. Passa alla miniatura da utilizzare, selezionala e fai clic su Apri per iniziare a caricare l’immagine in Experience Manager. Dopo il caricamento, assicurati di pubblicare l’immagine.

  7. Dopo aver caricato e pubblicato correttamente l’immagine, nella pagina Modifica miniatura seleziona Salva modifiche.

    La miniatura personalizzata viene aggiunta al video.

Modificare l’URL di Dynamic Medie per le risorse Dynamic Medie

I video elaborati in Dynamic Medie possono essere utilizzati tramite visualizzatori predefiniti e anche accedendo direttamente agli URL del manifesto e riproducendoli attraverso visualizzatori personalizzati. Di seguito è riportata l’API per recuperare gli URL del manifesto di un video.

Informazioni sull’API getVideoManifestURI

Il getVideoManifestURIL’API è esposta tramite cq-scene7-api:com.day.cq.dam.scene7.api e possono essere utilizzati per generare i seguenti URL manifesto:

/**
* Returns the manifest url for videos
* @param resource video resource
* @param manifestType type of video streaming manifest being requested
* @param onlyIfPublished return a manifest only if the video is published
* @return the manifest url for videos
*
* @throws Exception
*/
@Nullable
String getVideoManifestURI(Resource resource, ManifestType manifestType, boolean onlyIfPublished) throws Exception;

Parametri API getVideoManifestURI

Questa API accetta i tre parametri seguenti:

Parametro Descrizione
resource Risorsa corrispondente al video acquisito da Dynamic Medie.
manifestType Può essere ManifestType.DASH o ManifestType.HLS
onlyIfPublished Imposta su true se l’URI del manifesto viene generato solo se è pubblicato e disponibile sul livello di consegna.

Per recuperare gli URL del manifesto per i video utilizzando il metodo precedente, aggiungi un profilo di codifica video in una cartella "carica video". Dynamic Medie elabora questi video in base alle codifiche trovate nel file di codifica video assegnato alla cartella. Ora puoi richiamare la precedente API per recuperare gli URL del manifesto per i video caricati.

Scenari di errore

L’API restituisce null in caso di errori. Le eccezioni vengono registrate nei log degli errori di Experience Manager. Tutti gli errori registrati iniziano con Could not generate Video Manifest URI. Gli errori possono verificarsi nei seguenti scenari:

  • Un IllegalArgumentException viene registrato per uno dei seguenti elementi:

    • Il resource il parametro passato è nullo.
    • Il resource Il parametro passato non è un video.
    • Il manifestType il parametro passato è nullo.
    • Il onlyIfPublished Il parametro viene passato come true, ma il video non viene pubblicato.
    • Il video non è stato acquisito utilizzando un set video adattivo di Dynamic Medie.
  • IOException viene registrato quando si verifica un problema di connessione a Dynamic Medie.

  • UnsupportedOperationException viene registrato quando manifestType il parametro passato è ManifestType.DASH, mentre il video non è stato elaborato utilizzando il formato DASH.

Di seguito è riportato un esempio dell’API precedente utilizzando i servlet scritti in HTTPWhiteBoard specifica. Seleziona ogni scheda per la sintassi del codice.

 Aggiungi dipendenza in pom.xml
dependency>
     <groupId>com.day.cq.dam</groupId>
     <artifactId>cq-scene7-api</artifactId>
     <version>5.12.64</version>
     <scope>provided</scope>
</dependency>
 Servlet di esempio
@Component
        service = Servlet.class
)
@HttpWhiteboardServletPattern(value = ManifestServlet.SERVLET_PATTERN)
@HttpWhiteboardContextSelect(value = Constants.SERVLET_CONTEXT_SELECTOR)
public class ManifestServlet extends HttpServlet {

   private static final Logger LOGGER = LoggerFactory.getLogger(ManifestServlet.class);

   private final ObjectMapper objectMapper;

    @Reference
    private Scene7Service scene7Service;

   public static final String SERVLET_PATTERN = Constants.VIDEO_API_PREFIX + "/manifestUrl";

   public ManifestServlet() {
         this.objectMapper = new ObjectMapper();
         objectMapper.setSerializationInclusion(JsonInclude.Include.NON_NULL);
   }

   @Override

   protected void doGet(HttpServletRequest request, HttpServletResponse response) throws IOException {
        final ResourceResolver resolver = getResourceResolver(request);
        String assetPath = request.getParameter("assetPath");
        String manifest = request.getParameter("manifestType");
        String onlyIfPublished = request.getParameter("onlyIfPublished");
        Resource resource = resolver.getResource(assetPath);
        response.setCharacterEncoding(StandardCharsets.UTF_8.toString());
        response.setContentType("application/json");
        if(resource == null) {
            LOGGER.info("could not retrieve the resource from JCR");
            error("could not retrieve the resource from JCR", response);
            return;
        }

        String manifestUri = null;

        try{
            ManifestType manifestType =  ManifestType.DASH;
            if(manifest != null) {
                manifestType = ManifestType.valueOf(manifest);
            }
            manifestUri = scene7Service.getVideoManifestURI(resource, manifestType, onlyIfPublished != null);
            objectMapper.writeValue(response.getWriter(), new ManifestUrl(manifestUri));
            response.setContentType("application/json");
        } catch (Exception e) {
            LOGGER.error(e.getMessage(), e);
            error(String.format("Unable to get the manifest url for %s. %s", assetPath, e.getMessage()), response);
        }
    }

    private ResourceResolver getResourceResolver(HttpServletRequest request) {
        Object rr = request.getAttribute(AuthenticationSupport.REQUEST_ATTRIBUTE_RESOLVER);
        if (!(rr instanceof ResourceResolver)) {
            throw new IllegalStateException(
                    "The request does not seem to have been created via Apache Sling's authentication mechanism.");
        } else {
            return (ResourceResolver) rr;
        }
    }

    private void error(String errorMessage, HttpServletResponse response) throws IOException {
        ManifestUrl errorManifest = new ManifestUrl(null);
        errorManifest.setErrorMessage(errorMessage);
        response.setStatus(HttpServletResponse.SC_INTERNAL_SERVER_ERROR);
        objectMapper.writeValue(response.getWriter(), errorManifest);
    }
}
 Classe di risposta per il servlet
public class ManifestUrl extends VideoResponse {
     String manifestUrl;
     public ManifestUrl(String manifestUrl) {
         this.manifestUrl = manifestUrl;
     }
     public String getManifestUrl() {
         return manifestUrl;
     }
}

public abstract class VideoResponse {
     String errorString;

     public String getErrorString() {
         return errorString;
     }

     public void setErrorMessage(String errorString) {
         this.errorString = errorString;
     }
}
 File delle costanti a cui si fa riferimento nel servlet
public final class Constants {

     private Constants() {
     }

     public static final String VIDEO_API_PREFIX = "/dynamicmedia/video";
     public static final String SERVLET_CONTEXT_SELECTOR = "(" + HttpWhiteboardConstants.HTTP_WHITEBOARD_CONTEXT_NAME + "=" +
             DMSampleApiHttpContext.CONTEXT_NAME + ")";

 }
 ServletContext

Montare il servlet di cui sopra utilizzando un servletContext. Di seguito è riportato un esempio di servletContext.

public class DMSampleApiHttpContext extends ServletContextHelper {

 public static final String CONTEXT_NAME = "com.adobe.dmSample";
 public static final String CONTEXT_PATH = "/dmSample";

 private final MimeTypeService mimeTypeService;

 private final AuthenticationSupport authenticationSupport;

 /**
  * Constructs a new context that will use the given dependencies.
  *
  * @param mimeTypeService Used when providing mime type of requests.
  * @param authenticationSupport Used to authenticate requests with sling.
  */
 @Activate
 public DMSampleApiHttpContext(@Reference final MimeTypeService mimeTypeService,
                               @Reference final AuthenticationSupport authenticationSupport) {
     this.mimeTypeService = mimeTypeService;
     this.authenticationSupport = authenticationSupport;
 }

 // ---------- HttpContext interface ----------------------------------------
 /**
  * Returns the MIME type as resolved by the <code>MimeTypeService</code> or
  * <code>null</code> if the service is not available.
  */
 @Override
 public String getMimeType(String name) {
     MimeTypeService mtservice = mimeTypeService;
     if (mtservice != null) {
         return mtservice.getMimeType(name);
     }
     return null;
 }

 /**
  * Returns the real context path that is used to mount this context.
  * @param req servlet request
  * @return the context path
  */
 public static String getRealContextPath(HttpServletRequest req) {
     final String path = req.getContextPath();
     if (path.equals(CONTEXT_PATH)) {
         return "";
     }
     return path.substring(CONTEXT_PATH.length());
 }

 /**
  * Returns a request wrapper that transforms the context path back to the original one
  * @param req request
  * @return the request wrapper
  */
 public static HttpServletRequest createContextPathAdapterRequest(HttpServletRequest req) {
     return new HttpServletRequestWrapper(req) {

         @Override
         public String getContextPath() {
             return getRealContextPath((HttpServletRequest) getRequest());
         }

     };

 }

 /**
  * Always returns <code>null</code> because resources are all provided
  * through individual endpoint implementations.
  */
 @Override
 public URL getResource(String name) {
     return null;
 }

 /**
  * Tries to authenticate the request using the
  * <code>SlingAuthenticator</code>. If the authenticator or the Repository
  * is missing this method returns <code>false</code> and sends a 503/SERVICE
  * UNAVAILABLE status back to the client.
  */
 @Override
 public boolean handleSecurity(HttpServletRequest request,
                               HttpServletResponse response) throws IOException {

     final AuthenticationSupport authenticator = this.authenticationSupport;
     if (authenticator != null) {
         return authenticator.handleSecurity(createContextPathAdapterRequest(request), response);
     }

     // send 503/SERVICE UNAVAILABLE, flush to ensure delivery
     response.sendError(HttpServletResponse.SC_SERVICE_UNAVAILABLE,
             "AuthenticationSupport service missing. Cannot authenticate request.");
     response.flushBuffer();

     // terminate this request now
     return false;
 }
}

Utilizza il servlet di esempio

Il servlet viene richiamato eseguendo una GET operazione in /dmSample/dynamicmedia/video/manifestUrl. Vengono passati i seguenti parametri di query:

Parametro query Descrizione
assetPath Obbligatorio Percorso del video per il quale manifestUrl viene generato.
manifestType Facoltativo. Il parametro può essere DASH o HLS. Se non viene passato, per impostazione predefinita viene usato il DASH.
onlyIfPublished Facoltativo. Se superato, il manifestUrl viene restituito solo se il video è pubblicato.

In questo esempio, supponiamo la seguente configurazione:

  • L'azienda è samplecompany.
  • L’istanza di authoring è http://sample-aem-author.com.
  • La cartella /content/dam/video-example dispone di un profilo di codifica video applicato.
  • Il video scenery.mp4 viene caricato nella cartella /content/dam/video-example.

Puoi richiamare il servlet nei seguenti modi:

Tipo Descrizione
HLS http://sample-aem-author.com/dmSample/dynamicmedia/video/manifestUrl?manifestType=HLS&assetPath=/content/dam/video-example/scenery.mp4

Se la consegna DASH è abilitata:
{"manifestUrl":"https://s7d1.scene7.com/is/content/samplecompany/scenery-AVS.m3u8?packagedStreaming=true"}

Se la consegna DASH è disabilitata:
{"manifestUrl":"https://s7d1.scene7.com/is/content/samplecompany/scenery-AVS.m3u8"}
TRATTINO http://sample-aem-author.com/dmSample/dynamicmedia/video/manifestUrl?manifestType=DASH&assetPath=/content/dam/video-example/scenery.mp4

Se la consegna DASH è abilitata:
{"manifestUrl":"https://s7d1.scene7.com/is/content/samplecompany/scenery-AVS.mpd"}

Se la consegna DASH è disabilitata:
{}
Errore: percorso risorsa errato http://sample-aem-author.com/dmSample/dynamicmedia/video/manifestUrl?manifestType=DASH&assetPath=/content/dam/video-example/scennnnnnery.mp4

{"errorString":"could not retrieve the resource from JCR"}

In questa pagina