Converti ID utente da Adobe Real-Time CDP agli ID universali

Funzione beta

Utilizzare l’integrazione DSP con il Adobe Real-Time Customer Data Platform (CDP), che fa parte di Adobe Experience Platform, per convertire i tuoi indirizzi e-mail con hash in ID universali per la pubblicità mirata.

  1. (Per convertire gli indirizzi e-mail in RampIDs; inserzionisti con Adobe Analytics for Advertisinga) Impostare il tracciamento per Analytics misurazione:

    1. (Se non lo hai già fatto) Completa tutto prerequisiti per l'implementazione Analytics for Advertising e AMO ID e EF ID negli URL di tracciamento.

    2. Registrati con il partner ID universale e implementa sulle tue pagine web un codice ID universale che corrisponda alle conversioni dagli ID sui browser Web per desktop e dispositivi mobili (ma non sulle app mobili) ai view-through:

      • Per RampIDs: Devi distribuire un tag JavaScript aggiuntivo sulle pagine web per far corrispondere le conversioni dagli ID sui browser web desktop e mobili (ma non sulle app mobili) alle view-through. Contatta il tuo Account Team di Adobi, che ti fornirà le istruzioni per registrarti a un LiveRamp LaunchPad tag da LiveRamp Soluzioni per il traffico di autenticazione. La registrazione è gratuita, ma è necessario firmare un accordo. Dopo la registrazione, il team dell’account Adobe genererà e fornirà un tag univoco per l’organizzazione da implementare sulle pagine web.
  2. Creare un’origine di pubblico per importare tipi di pubblico sul tuo account DSP o su un account inserzionista. Puoi scegliere di convertire gli identificatori utente in uno qualsiasi dei formati ID universali disponibili.

    Le impostazioni di origine includono una chiave di origine generata automaticamente, che verrà utilizzata nel passaggio successivo.

  3. In Adobe Experience Platform, configura una connessione di destinazione Advertising DSP utilizzando Source Key generato nelle impostazioni di origine dell’DSP.

    Per istruzioni su come attivare la connessione di destinazione DSP, selezionare i segmenti e accedere alle autorizzazioni di controllo, vedi "Connessione Adobe Advertising Cloud DSP."

    L’hashing degli indirizzi e-mail di origine deve essere eseguito utilizzando l’algoritmo SHA-256.

  4. Dopo aver completato tutti i passaggi, verifica nella libreria del pubblico (disponibile quando crei o modifichi un pubblico da Audiences > All Audiences o nelle impostazioni di posizionamento) che il segmento viene popolato entro 24 ore. Confronta il numero di ID universali con il numero di indirizzi e-mail con hash originali.

    Il tasso di conversione degli indirizzi e-mail con hash in ID universali deve essere superiore al 90%. Ad esempio, se invii 100 indirizzi e-mail con hash dalla piattaforma dati del cliente, questi devono essere tradotti in più di 90 ID universali. Un tasso di traduzione pari o inferiore al 90% è un problema. Per ulteriori informazioni sulle possibili variazioni dei conteggi dei segmenti, consulta la sezione "Cause delle varianze di dati tra ID e-mail e ID universali."

    Per assistenza nella risoluzione dei problemi, contatta il team del tuo account di Adobe oppure adcloud-support@adobe.com.

I segmenti vengono aggiornati ogni 24 ore. Tuttavia, l’inclusione in un segmento scade dopo 30 giorni per impostazione predefinita o dopo un periodo di scadenza specificato dal cliente. Aggiorna i segmenti inviandoli nuovamente da Real-Time CDP prima della scadenza. Per richiedere la scadenza di un segmento personalizzato, contatta il team dell’account Adobe.

recommendation-more-help
9ff4800f-94be-45f0-a5bf-09d0d7e96baa