Supporto per l’attivazione di ID universali

Funzione beta

L’DSP supporta ID universali basati sulle persone per il targeting senza cookie a dispositivo singolo (non tra dispositivi) tra i formati digitali supportati dall’DSP.

  • Puoi inviare manualmente i [LiveRamp RampIDs] direttamente all'DSP utilizzando il LiveRamp Connect dashboard. Consulta "Importare manualmente segmenti autenticati da LiveRamp."

  • L’DSP può acquisire i segmenti di prime parti composti da ID e-mail con hash incorporati nella piattaforma di dati cliente (CDP) e convertirli in LiveRamp RampIDs e Unified ID 2.0 (UID2.0) ID. Per ulteriori informazioni sulle piattaforme dati del cliente supportate, sulle funzioni disponibili per ciascun tipo di ID universale supportato e sui relativi flussi di lavoro, consulta la sezione "Informazioni sulle origini del pubblico di prime parti."

  • Puoi creare segmenti personalizzati che tengono traccia degli utenti associati agli ID universali ID5 esposti agli annunci da dispositivi desktop e mobili e che visitano specifiche pagine web. ID5 utilizza un modello probabilistico per assegnare un ID derivato da vari segnali utente e del browser. Per le istruzioni del caso, vedere "Creare e implementare un segmento personalizzato."

  • Segmenti di terze parti da Eyeota e alcuni altri fornitori possono includere automaticamente gli ID ID5, oltre agli utenti tracciati dai cookie o dagli ID dispositivo. I dettagli del segmento includono la dimensione per ciascun tipo. Si applica la tariffa d’uso abituale per ciascun segmento, indicata accanto al nome del segmento; non vengono addebitate tariffe aggiuntive per gli ID5.

Generazione di rapporti per tipo di ID universale

  • Rapporti personalizzati: I dati su costi, impression, clic, conversione e frequenza per tipo di ID universale sono disponibili nei rapporti personalizzati.

  • Analyticsrapporti: Inserzionisti con Adobe Analytics for Advertising che hanno implementato tutti i passaggi richiesti può visualizzare le conversioni view-through per tipo di ID universale in Analytics.

    note important
    IMPORTANT
    Per una corretta attribuzione della conversione, assicurati che gli URL di clickthrough per gli annunci includano sia ID EF e AMO ID.
  • Dettagli del segmento: Per tutti i tipi di segmento, i dettagli del segmento includono la dimensione del pubblico per tipo di ID universale e per tipo di dispositivo tracciato da cookie o ID dispositivo.

Come indirizzare un pubblico con ID universale nei posizionamenti

NOTE
Non puoi modificare i tipi di ID di destinazione in un posizionamento live. Se necessario, puoi duplicare un posizionamento live e modificare i tipi di ID di destinazione nel nuovo posizionamento.

In un posizionamento nuovo, pianificato o in pausa, effettuare le seguenti operazioni:

  1. In Geo-Targeting , specificare le aree geografiche di destinazione. Ogni partner ID universale consente il targeting degli utenti solo in aree geografiche specifiche e solo i tipi di ID idonei sono disponibili nel Targeting impostazioni.

  2. In Audience Targeting eseguire le operazioni seguenti:

    1. In Included Audiences , selezionare il segmento per il quale i dati utente sono stati convertiti in ID universali.

      Se lo desideri, puoi includere altri segmenti.

    2. In Targeting impostazioni:

      1. Seleziona il tipo di ID universale di destinazione.

        L’impostazione include le opzioni "Legacy IDs" e "Universal ID," che può includere le opzioni secondarie "ID5," "RampID," e "Unified ID2.0." I target geografici selezionati determinano le opzioni secondarie disponibili.

        Puoi selezionare entrambi "Legacy IDs" e "Universal ID," ma è possibile selezionare un solo tipo di ID universale per posizionamento. Quando selezioni sia ID legacy che ID universali, viene data la preferenza di offerta agli ID universali.

      2. Se necessario, accettare i termini del contratto di servizio per l'utilizzo degli ID universali.

        Prima di poter convertire i dati in un nuovo tipo ID, un utente nell’account DSP deve accettare i termini del contratto di assistenza. I termini devono essere accettati una sola volta per tipo di ID, per account.

Consulta "Impostazioni di posizionamento."

Best practice per il test e la convalida dei dati

Utilizza le seguenti best practice per RampIDsegmenti basati su e segmenti basati su ID5, per i quali è disponibile la misurazione Adobe Analytics.

  • Circa 24 ore dopo l’attivazione di un segmento, controlla il conteggio degli ID convertiti per il segmento in Audiences > All Audiences. Se il conteggio ID non è previsto, contatta il team dell’account Adobe.

    Consulta "Cause delle varianze di dati tra ID e-mail e ID universali" per ulteriori informazioni sulle possibili variazioni dei conteggi dei segmenti.

  • Non modificare pacchetti e posizionamenti esistenti. Tuttavia, se non disponi di budget incrementale per testare gli ID universali, riduci i budget originali per finanziare i test.

  • Copia i pacchetti e i posizionamenti originali, regola i budget in base alle dimensioni del test, cambia il pubblico da utilizzare RampIDSegmenti basati su (per utenti autenticati) o segmenti basati su ID5 (per utenti non autenticati) e verifica che i nuovi pacchetti e posizionamenti utilizzino l’intero budget.

    • Per confrontare le prestazioni dei segmenti universali basati su ID con quelle dei posizionamenti mirati ad altri identificatori di pubblico, come cookie o ID mobile advertising, crea una campagna con un posizionamento separato basato su ID universali e un posizionamento basato su ID legacy.

      Per un test di retargeting completo, esegui il targeting sia dei RampID per gli utenti autenticati che dell’ID5s per gli utenti non autenticati.

      Ottenere le prestazioni migliori non dovrebbe essere il confronto principale. Determina invece quali ID vengono scalati correttamente, il che potrebbe influenzare l’ottimizzazione e le allocazioni di budget in un secondo momento. L’obiettivo a lungo termine è quello di compensare le impression perse e il traffico del sito quando i cookie sono obsoleti.

    • Per confrontare la portata totale del browser, effettua il targeting dei segmenti universali basati su ID e dei segmenti legacy basati su ID nello stesso posizionamento. Utilizza le stesse impostazioni della campagna del caso d’uso precedente, tranne per il fatto che non è necessario dividere il budget della campagna.

      La preferenza di offerta viene data agli ID universali, ma gli ID legacy ricevono le offerte quando gli ID universali non sono disponibili. Assicurati di confrontare la portata in diversi browser (tra cui Chrome, Safari e Mozilla).

      note note
      NOTE
      Il limite di frequenza si applica a un singolo ID. Quando un utente ha più tipi di ID, puoi raggiungerlo più di quanto previsto.
  • Ricorda che la portata dei segmenti di pubblico autenticati è naturalmente inferiore a quella dei segmenti basati su cookie e che l’utilizzo di opzioni di targeting aggiuntive riduce ulteriormente la portata. Presta attenzione all’utilizzo del targeting granulare, in particolare unendo più target con istruzioni AND.

Cause delle varianze di dati tra ID e-mail e ID universali universal-ids-data-variances

  • ID e-mail con hash tradotti in ID5:

    Il modello probabilistico ha una varianza di errore di +/- 5%. Ciò significa che può sovrastimare o sottostimare il conteggio del pubblico del 5%.

  • ID e-mail con hash tradotti in RampIDs:

    • Quando più profili utilizzano lo stesso ID e-mail, il conteggio dei segmenti DSP può essere inferiore al conteggio dei profili nella piattaforma di dati del cliente. Ad esempio, in Adobe Photoshop puoi creare un account aziendale e un account personale utilizzando un singolo ID e-mail. Ma se entrambi i profili appartengono allo stesso segmento, allora i profili vengono mappati su un ID e-mail e in modo corrispondente su uno RampID.

    • A RampID può essere aggiornato a un nuovo valore. Se LiveRamp non riconosce un ID e-mail o non può mapparlo su un RampID nel proprio database, quindi assegna un nuovo RampID all’ID e-mail. In futuro, quando potranno mappare l’ID e-mail su un altro RampID oppure possono raccogliere ulteriori informazioni sullo stesso ID e-mail, aggiornano il RampID a un nuovo valore. LiveRamp si riferisce a questa azione come aggiornamento da un "derivato" RampID a un "mantenuto" RampID. Tuttavia, l’DSP non riceve mappature tra derivato e mantenuto RampIDs e quindi non può rimuovere la versione precedente della RampID dal segmento DSP. In questo caso, il conteggio dei segmenti può essere maggiore del conteggio dei profili.

      Esempio: un utente accede a Adobe e visita la pagina Photoshop. Se LiveRamp non dispone di informazioni esistenti sull’ID e-mail, quindi gli assegnano un derivato RampID, diciamo D123. Quindici giorni dopo, l’utente visita la stessa pagina, ma LiveRamp ha aggiornato il RampID durante tali 15 giorni e ha riassegnato il RampID a M123. Anche se il segmento "Photoshop Enthusiast" della piattaforma di dati cliente ha un solo ID e-mail per l’utente, il segmento DSP ha due RampID: D123 e M123.

Risoluzione dei problemi

Se non vedi il numero di utenti o se le dimensioni del pubblico sono basse, verifica quanto segue:

  • Se usa Flashtalking o Google Campaign Manager 360 annunci, quindi accertati che agli URL di click-through degli annunci siano state aggiunte le macro corrette. Vedere le macro per Flashtalking annunci e Google Campaign Manager 360 annunci.

  • Assicurati che sul tuo sito web sia implementato il codice corretto e universale specifico per il partner ID, in modo che corrisponda agli eventi nel sito e alle esposizioni degli annunci. Utilizzare LiveRamp o ID5 se necessario.

  • (Per RampIDs e UID 2.0 ID) Assicurati che il tuo L’origine dati dell’DSP è configurata correttamentee che i conteggi degli utenti siano compilati per i segmenti di pubblico generati.

  • Se la portata è inferiore a quanto previsto, controlla che la logica del segmento di pubblico non sia troppo granulare.

Se non riesci a risolvere il problema, contatta il team del tuo account Adobe.

recommendation-more-help
9ff4800f-94be-45f0-a5bf-09d0d7e96baa