Attivare i dati del pubblico nelle destinazioni di esportazione del profilo batch

Panoramica

Questo articolo spiega il flusso di lavoro necessario per attivare i dati del pubblico nelle destinazioni basate su profili batch di Adobe Experience Platform, come l’archiviazione cloud e le destinazioni di marketing via e-mail.

Prerequisiti

Per attivare i dati nelle destinazioni, è necessario aver completato l'operazione connesso a una destinazione. Se non lo hai già fatto, vai alla catalogo delle destinazioni, sfoglia le destinazioni supportate e configura la destinazione che desideri utilizzare.

Seleziona la destinazione

  1. Vai a Connessioni > Destinazioni, quindi seleziona la Catalogo scheda .

    Scheda Catalogo di destinazione

  2. Seleziona Attivare i segmenti sulla scheda corrispondente alla destinazione in cui desideri attivare i segmenti, come illustrato di seguito.

    Pulsante Attiva segmenti

  3. Seleziona la connessione di destinazione che desideri utilizzare per attivare i segmenti, quindi seleziona Successivo.

    Seleziona destinazione

  4. Passa alla sezione successiva in seleziona i segmenti.

Selezionare i segmenti

Utilizza le caselle di controllo a sinistra dei nomi dei segmenti per selezionare i segmenti che desideri attivare nella destinazione, quindi seleziona Successivo.

Selezionare segmenti

Esportazione di segmenti programmata

Adobe Experience Platform esporta i dati per le destinazioni di marketing e archiviazione cloud sotto forma di CSV file. In Pianificazione È possibile configurare la pianificazione e i nomi dei file per ciascun segmento che si sta esportando. La configurazione della pianificazione è obbligatoria, ma il nome del file è facoltativo.

IMPORTANTE

Adobe Experience Platform divide automaticamente i file di esportazione a 5 milioni di record (righe) per file. Ogni riga rappresenta un profilo.

I nomi dei file divisi vengono aggiunti con un numero che indica che il file fa parte di un’esportazione più grande, in quanto tale: filename.csv, filename_2.csv, filename_3.csv.

Seleziona la Crea pianificazione corrispondente al segmento da inviare alla destinazione.

Pulsante Crea pianificazione

Esportare file completi

Seleziona Esportare file completi per attivare l’esportazione di un file contenente uno snapshot completo di tutte le qualifiche di profilo per il segmento selezionato.

Esportare file completi

  1. Utilizza la Frequenza selettore per selezionare la frequenza di esportazione:

    • Una volta: pianificare un'esportazione di file completi on-demand una sola volta.
    • Giornaliero: pianifica esportazioni di file completi una volta al giorno, ogni giorno, al momento specificato.
  2. Utilizza la Time selettore per scegliere l’ora del giorno, in UTC formato, quando deve aver luogo l'esportazione.

    IMPORTANTE

    A causa del modo in cui vengono configurati i processi di Experience Platform interni, la prima esportazione di file incrementali o completi potrebbe non contenere tutti i dati di backfill.

    Per garantire un’esportazione completa e più aggiornata dei dati di backfill sia per i file completi che per quelli incrementali, l’Adobe consiglia di impostare l’orario di esportazione del primo file dopo le 12:00 GMT del giorno successivo. Questa limitazione sarà affrontata nelle prossime versioni.

  3. Utilizza la Data selettore per scegliere il giorno o l’intervallo in cui deve aver luogo l’esportazione.

    SUGGERIMENTO

    Per le esportazioni giornaliere, imposta la data di inizio e di fine in modo che corrisponda alla durata delle campagne nelle piattaforme downstream.

  4. Seleziona Crea per salvare la pianificazione.

Esportare file incrementali

Seleziona Esportare file incrementali per attivare un’esportazione in cui il primo file è uno snapshot completo di tutte le qualifiche di profilo per il segmento selezionato e i file successivi sono qualifiche di profilo incrementali a partire dall’esportazione precedente.

IMPORTANTE

Il primo file incrementale esportato include tutti i profili idonei per un segmento, che funzionano come backfill.

Esportare file incrementali

  1. Utilizza la Frequenza selettore per selezionare la frequenza di esportazione:

    • Giornaliero: pianifica esportazioni incrementali di file una volta al giorno, ogni giorno, al momento specificato.
    • Orario: pianificare esportazioni di file incrementali ogni 3, 6, 8 o 12 ore.
  2. Utilizza la Time selettore per scegliere l’ora del giorno, in UTC formato, quando deve aver luogo l'esportazione.

    IMPORTANTE

    A causa del modo in cui vengono configurati i processi di Experience Platform interni, la prima esportazione di file incrementali o completi potrebbe non contenere tutti i dati di backfill.

    Per garantire un’esportazione completa e più aggiornata dei dati di backfill sia per i file completi che per quelli incrementali, l’Adobe consiglia di impostare l’orario di esportazione del primo file dopo le 12:00 GMT del giorno successivo. Questa limitazione sarà affrontata nelle prossime versioni.

  3. Utilizza la Data selettore per scegliere il giorno o l’intervallo in cui deve aver luogo l’esportazione.

    SUGGERIMENTO

    Imposta la data di inizio e la data di fine in modo che siano allineate alla durata delle campagne nelle piattaforme downstream.

  4. Seleziona Crea per salvare la pianificazione.

Configurare i nomi dei file

I nomi file predefiniti sono costituiti dal nome di destinazione, dall’ID del segmento e da un indicatore di data e ora. Ad esempio, puoi modificare i nomi dei file esportati per distinguere tra campagne diverse o per far sì che il tempo di esportazione dei dati sia aggiunto ai file.

Seleziona l’icona a forma di matita per aprire una finestra modale e modificare i nomi dei file. I nomi dei file sono limitati a 255 caratteri.

configura nome file

Nell’editor dei nomi dei file, puoi selezionare diversi componenti da aggiungere al nome del file.

modifica opzioni nome file

Impossibile rimuovere il nome di destinazione e l’ID del segmento dai nomi dei file. Oltre a questi, puoi aggiungere quanto segue:

  • Nome del segmento: Puoi aggiungere il nome del segmento al nome del file.
  • Data e ora: Seleziona tra l’aggiunta di un MMDDYYYY_HHMMSS o un timestamp Unix a 10 cifre dell’ora in cui i file vengono generati. Scegliere una di queste opzioni se si desidera che i file abbiano un nome file dinamico generato con ogni esportazione incrementale.
  • Testo personalizzato: Aggiungi testo personalizzato ai nomi dei file.

Seleziona Applica modifiche per confermare la selezione.

IMPORTANTE

Se non si seleziona il Data e ora i nomi dei file saranno statici e il nuovo file esportato sovrascriverà il file precedente nel percorso di archiviazione con ogni esportazione. Quando esegui un processo di importazione ricorrente da un percorso di archiviazione in una piattaforma di marketing e-mail, questa è l’opzione consigliata.

Al termine della configurazione di tutti i segmenti, seleziona Successivo per continuare.

Selezionare gli attributi del profilo

Per le destinazioni basate su profili, devi selezionare gli attributi di profilo da inviare alla destinazione.

  1. In Seleziona attributi pagina, seleziona Aggiungi nuovo campo.

    Aggiungi nuova mappatura

  2. Seleziona la freccia a destra del Campo schema voce.

    Selezionare il campo di origine

  3. In Seleziona campo seleziona gli attributi XDM da inviare alla destinazione, quindi scegli Seleziona.

    Seleziona la pagina del campo di origine

  4. Per aggiungere altre mappature, ripeti i passaggi da 1 a 3.

NOTA

Adobe Experience Platform precompila la selezione con quattro attributi consigliati e di uso comune dallo schema: person.name.firstName, person.name.lastName, personalEmail.address, segmentMembership.status.

Le esportazioni di file variano nei seguenti modi, a seconda che segmentMembership.status è selezionato:

  • Se la segmentMembership.status campo selezionato, i file esportati includono Attivo membri nello snapshot completo iniziale e Attivo e Scaduto membri nelle esportazioni incrementali successive.
  • Se la segmentMembership.status campo non selezionato, i file esportati includono solo Attivo membri nello snapshot completo iniziale e nelle esportazioni incrementali successive.

attributi consigliati

Attributi obbligatori

Un attributo obbligatorio è una casella di controllo abilitata dall’utente che assicura che tutti i record di profilo contengano l’attributo selezionato. Ad esempio: tutti i profili esportati contengono un indirizzo e-mail. ​

Puoi contrassegnare gli attributi come obbligatori per garantire che Platform esporta solo i profili che includono l’attributo specifico. Di conseguenza, può essere utilizzato come ulteriore forma di filtro. Contrassegnare un attributo come obbligatorio è not obbligatorio.

Se non selezioni un attributo obbligatorio, vengono esportati tutti i profili qualificati, indipendentemente dai relativi attributi.

È consigliabile che uno degli attributi sia un identificatore univoco dallo schema. Per ulteriori informazioni sugli attributi obbligatori, consulta la sezione relativa all’identità in Destinazioni di marketing e-mail documentazione.

Chiavi di deduplicazione

Una chiave di deduplicazione è una chiave primaria definita dall’utente che determina l’identità in base alla quale gli utenti desiderano che i loro profili vengano deduplicati. ​

Le chiavi di deduplicazione eliminano la possibilità di avere più record dello stesso profilo in un unico file di esportazione.

Esistono tre modi per utilizzare le chiavi di deduplicazione in Platform:

  • Utilizzo di un singolo spazio dei nomi di identità come chiave di deduplicazione
  • Utilizzo di un singolo attributo di profilo da un XDM profilo come chiave di deduplicazione
  • Utilizzo di una combinazione di due attributi di profilo da un XDM profilo come chiave composita
IMPORTANTE

È possibile esportare un singolo namespace di identità in una destinazione e lo spazio dei nomi viene impostato automaticamente come chiave di deduplicazione. L’invio di più namespace a una destinazione non è supportato.

Non è possibile utilizzare una combinazione di namespace identità e attributi di profilo come chiavi di deduplicazione.

Esempio di deduplicazione

Questo esempio illustra il funzionamento della deduplicazione, a seconda delle chiavi di deduplicazione selezionate.

Consideriamo i due profili seguenti.

Profilo A

{
  "identityMap": {
    "Email": [
      {
        "id": "johndoe_1@example.com"
      },
      {
        "id": "johndoe_2@example.com"
      }
    ]
  },
  "segmentMembership": {
    "ups": {
      "fa5c4622-6847-4199-8dd4-8b7c7c7ed1d6": {
        "status": "existing",
        "lastQualificationTime": "2021-03-10 10:03:08"
      }
    }
  },
  "person": {
    "name": {
      "lastName": "Doe",
      "firstName": "John"
    }
  },
  "personalEmail": {
    "address": "johndoe@example.com"
  }
}

Profilo B

{
  "identityMap": {
    "Email": [
      {
        "id": "johndoe_1@example.com"
      },
      {
        "id": "johndoe_2@example.com"
      }
    ]
  },
  "segmentMembership": {
    "ups": {
      "fa5c4622-6847-4199-8dd4-8b7c7c7ed1d6": {
        "status": "existing",
        "lastQualificationTime": "2021-04-10 11:33:28"
      }
    }
  },
  "person": {
    "name": {
      "lastName": "D",
      "firstName": "John"
    }
  },
  "personalEmail": {
    "address": "johndoe@example.com"
  }
}

Caso di utilizzo della deduplicazione 1: nessuna deduplicazione

Senza la deduplicazione, il file di esportazione conterrebbe le seguenti voci.

personalEmail firstName lastName
johndoe@example.com John Doe
johndoe@example.com John D

Caso di utilizzo della deduplicazione 2: deduplicazione basata sullo spazio dei nomi identità

Presupponendo una deduplicazione da parte della Email spazio dei nomi, il file di esportazione conterrà le seguenti voci. Il profilo B è l’ultimo ad essere qualificato per il segmento, quindi è l’unico ad essere esportato.

E-mail* personalEmail firstName lastName
johndoe_1@example.com johndoe@example.com John D
johndoe_2@example.com johndoe@example.com John D

Caso di utilizzo della deduplicazione 3: deduplicazione basata su un singolo attributo di profilo

Presupponendo una deduplicazione da parte della personal Email attributo , il file di esportazione conterrà la seguente voce. Il profilo B è l’ultimo ad essere qualificato per il segmento, quindi è l’unico ad essere esportato.

personalEmail* firstName lastName
johndoe@example.com John D

Caso di utilizzo della deduplicazione 4: deduplicazione basata su due attributi di profilo

Supponendo la deduplicazione da parte della chiave composita personalEmail + lastName, il file di esportazione conterrebbe le seguenti voci.

personalEmail* lastName* firstName
johndoe@example.com D John
johndoe@example.com Doe John

Adobe consiglia di selezionare uno spazio dei nomi di identità, ad esempio un CRM ID o indirizzo e-mail come chiave di deduplicazione, per garantire che tutti i record di profilo siano identificati in modo univoco.

NOTA

Se sono state applicate etichette di utilizzo dei dati a determinati campi all’interno di un set di dati (anziché all’intero set di dati), l’applicazione di tali etichette a livello di campo all’attivazione si verifica nelle seguenti condizioni:

  • I campi vengono utilizzati nella definizione del segmento.
  • I campi sono configurati come attributi proiettati per la destinazione di destinazione.

Ad esempio, se il campo person.name.firstName dispone di alcune etichette di utilizzo dei dati in conflitto con l'azione di marketing della destinazione; nel passaggio di revisione viene visualizzata una violazione dei criteri di utilizzo dei dati. Per ulteriori informazioni, consulta Governance dei dati in Adobe Experience Platform.

Revisione

Sulla Revisione per visualizzare un riepilogo della selezione. Seleziona Annulla per interrompere il flusso, Indietro per modificare le impostazioni, oppure Fine per confermare la selezione e iniziare a inviare dati alla destinazione.

IMPORTANTE

In questo passaggio, Adobe Experience Platform verifica la presenza di violazioni dei criteri di utilizzo dei dati. Di seguito è riportato un esempio di violazione di un criterio. Non puoi completare il flusso di lavoro di attivazione dei segmenti finché non avrai risolto la violazione. Per informazioni su come risolvere le violazioni dei criteri, vedi Applicazione delle politiche nella sezione documentazione sulla governance dei dati .

violazione dei criteri dei dati

Se non sono state rilevate violazioni dei criteri, seleziona Fine per confermare la selezione e iniziare a inviare dati alla destinazione.

Revisione

Verificare l’attivazione dei segmenti

Per le destinazioni di e-mail marketing e di cloud storage, Adobe Experience Platform crea un .csv nel percorso di archiviazione fornito. Attendi la creazione di un nuovo file nel percorso di archiviazione ogni giorno. Il formato predefinito del file è:
<destinationName>_segment<segmentID>_<timestamp-yyyymmddhhmmss>.csv

I file che si riceverebbero in tre giorni consecutivi potrebbero essere così:

Salesforce_Marketing_Cloud_segment12341e18-abcd-49c2-836d-123c88e76c39_20200408061804.csv
Salesforce_Marketing_Cloud_segment12341e18-abcd-49c2-836d-123c88e76c39_20200409052200.csv
Salesforce_Marketing_Cloud_segment12341e18-abcd-49c2-836d-123c88e76c39_20200410061130.csv

La presenza di questi file nel percorso di archiviazione è la conferma di un'attivazione riuscita. Per comprendere la struttura dei file esportati, puoi scaricare un file .csv di esempio. Questo file di esempio include gli attributi del profilo person.firstname, person.lastname, person.gender, person.birthyeare personalEmail.address.

In questa pagina