(Beta) Google Ad Manager 360 connection

Panoramica

La Google Ad Manager 360 la connessione abilita il caricamento batch per publisher provided identifiers (PPID) in Google Ad Manager 360, tramite Google Cloud Storage.

Per ulteriori dettagli sul funzionamento degli identificatori forniti dall'editore in Google Ad Manager 360, consulta la sezione documentazione ufficiale di Google.

IMPORTANTE

Questa destinazione è attualmente in versione beta ed è disponibile solo per un numero limitato di clienti. Per richiedere l’accesso al Google Ad Manager 360 contatta il tuo rappresentante di Adobe e fornisci IMS Organization ID.

La Google Ad Manager 360 esportazioni di destinazione CSV file nel tuo Google Cloud Storage secchio. Una volta esportato il CSV file, è necessario importarli nel Google Ad Manager 360 conto.

Specifiche di destinazione

Tieni presente i seguenti dettagli specifici per Google Ad Manager 360 destinazioni.

  • I tipi di pubblico attivati vengono creati a livello di programmazione nella piattaforma Google e compilati nel file CSV.

Identità supportate

This integration supporta l’attivazione delle identità descritte nella tabella seguente.

Identità di destinazione Descrizione Considerazioni
PPID Publisher provided ID Seleziona questa identità target a cui inviare i tipi di pubblico Google Ad Manager 360

Tipo e frequenza di esportazione

Per informazioni sul tipo e sulla frequenza di esportazione della destinazione, fare riferimento alla tabella seguente.

Elemento Tipo Note
Tipo di esportazione Basato su profilo Stai esportando tutti i membri di un segmento, insieme ai campi dello schema applicabili (ad esempio il tuo PPID), come scelto nella schermata Seleziona attributi profilo del flusso di lavoro di attivazione della destinazione.
Frequenza delle esportazioni Batch Le destinazioni batch esportano file su piattaforme downstream con incrementi di tre, sei, otto, dodici o ventiquattro ore. Ulteriori informazioni destinazioni batch basate su file.

Prerequisiti

Inserimento nell’elenco Consentiti

NOTA

L’elenco consentiti è obbligatorio prima di configurare il primo Google Ad Manager in Platform. Assicurati che il processo di elenco consentiti descritto di seguito sia stato completato da Google prima di creare una destinazione.

IMPORTANTE

Google ha semplificato il processo per collegare piattaforme esterne di gestione dell'audience a Google Ad Manager 360. Ora puoi seguire il processo per collegarti a Google Ad Manager 360 in modo self-service. Leggi Segmenti da piattaforme di gestione dati nella documentazione di Google. Devi disporre degli ID elencati di seguito.

  • ID account: ID account Adobe con Google. ID account: 87933855.
  • ID cliente: ID account cliente Adobe con Google. ID cliente: 89690775.
  • Codice di rete: Questo è il tuo Google Ad Manager identificatore di rete, trovato in Amministratore > Impostazioni globali nell’interfaccia Google e nell’URL.
  • ID collegamento pubblico: Questo è un identificatore specifico associato al Google Ad Manager rete (non il Network code), disponibile anche in Amministratore > Impostazioni globali nell’interfaccia di Google.
  • Tipo di account. DFP per Google o acquirente AdX.

Collegati alla destinazione

IMPORTANTE

Per connettersi alla destinazione, è necessario Gestire le destinazioni autorizzazione controllo accessi. Leggi la sezione panoramica sul controllo degli accessi oppure contatta l’amministratore del prodotto per ottenere le autorizzazioni richieste.

Per connettersi a questa destinazione, segui i passaggi descritti in esercitazione sulla configurazione della destinazione. Nel flusso di lavoro di configurazione della destinazione, compila i campi elencati nelle due sezioni seguenti.

Autentica a destinazione

Per eseguire l’autenticazione nella destinazione, compila i campi richiesti e seleziona Connetti alla destinazione.

  • ID chiave di accesso: Una stringa alfanumerica di 61 caratteri utilizzata per autenticare il tuo Google Cloud Storage a Platform.
  • Chiave di accesso segreta: Una stringa con codifica base64 a 40 caratteri utilizzata per l'autenticazione della Google Cloud Storage a Platform.

Per ulteriori informazioni su questi valori, consulta la sezione Chiavi HMAC di Google Cloud Storage guida. Per i passaggi su come generare il tuo ID chiave di accesso e la chiave di accesso segreta, consulta Google Cloud Storage panoramica di origine.

Compila i dettagli della destinazione

Per configurare i dettagli della destinazione, compila i campi obbligatori e facoltativi riportati di seguito. Un asterisco accanto a un campo nell’interfaccia utente indica che il campo è obbligatorio.

  • Nome: Compila il nome preferito per questa destinazione.
  • Descrizione: Facoltativo. Ad esempio, è possibile indicare per quale campagna si utilizza questa destinazione.
  • Nome blocco: Immetti il nome della Google Cloud Storage bucket utilizzato da questa destinazione.
  • Percorso cartella: Immettere il percorso della cartella di destinazione che ospiterà i file esportati.
  • ID account: Compila il tuo ID collegamento pubblico con Google.
  • Tipo di conto: Seleziona un’opzione, a seconda dell’account con Google:
    • Utilizzo DFP by Google per DoubleClick per gli editori
    • Utilizzo AdX buyer per Google AdX

Abilitare gli avvisi

Puoi abilitare gli avvisi per ricevere notifiche sullo stato del flusso di dati nella tua destinazione. Seleziona un avviso dall’elenco per abbonarti e ricevere le notifiche sullo stato del flusso di dati. Per ulteriori informazioni sugli avvisi, consulta la guida su iscrizione agli avvisi sulle destinazioni tramite l’interfaccia utente.

Una volta completati i dettagli della connessione di destinazione, seleziona Successivo.

Attiva i segmenti in questa destinazione

IMPORTANTE

Per attivare i dati, è necessario Gestire le destinazioni, Attivare le destinazioni, Visualizza profili e Visualizzare i segmenti autorizzazioni di controllo accessi. Leggi la sezione panoramica sul controllo degli accessi oppure contatta l’amministratore del prodotto per ottenere le autorizzazioni richieste.

Vedi Attivare i dati del pubblico nelle destinazioni di esportazione del profilo batch per istruzioni su come attivare i segmenti di pubblico a questa destinazione.

Nel passaggio di mappatura identità , puoi vedere le seguenti mappature precompilate:

Mappatura precompilata Descrizione
ECID -> ppid Questa è l’unica mappatura precompilata modificabile dall’utente. Puoi selezionare uno qualsiasi degli attributi o dei namespace di identità da Platform e mapparli su ppid.
metadata.segment.alias -> list_id Mappa i nomi dei segmenti di Experience Platform agli ID dei segmenti nella piattaforma Google.
iif(${segmentMembership.ups.seg_id.status}=="exited", "1","0") -> delete Indica alla piattaforma Google quando rimuovere utenti squalificati dai segmenti.

Queste mappature sono richieste da Google Ad Manager 360 e vengono create automaticamente da Adobe Experience Platform per tutti Google Ad Manager 360 connessioni.

Immagine dell’interfaccia utente che mostra il passaggio di mappatura per Google Ad Manager 360.

Dati esportati

Per verificare se i dati sono stati esportati correttamente, controlla il tuo Google Cloud Storage e assicurati che i file esportati contengano le popolazioni di profilo previste.

In questa pagina