Configurare un’azione personalizzata configure-an-action

Se utilizzi un sistema di terze parti per l’invio di messaggi o desideri che i percorsi inviino chiamate API a un sistema di terze parti, utilizza azioni personalizzate per configurarne la connessione al tuo percorso. Ad esempio, è possibile connettersi ai seguenti sistemi con azioni personalizzate: Epsilon, Slack, Adobe Developer, Firebase, ecc.

Le azioni personalizzate sono azioni aggiuntive definite dagli utenti tecnici e rese disponibili agli esperti di marketing. Una volta configurate, vengono visualizzate nella palette a sinistra del percorso, nel Azione categoria. Per ulteriori informazioni, consulta questa pagina.

Limitazioni custom-actions-limitations

Le azioni personalizzate presentano alcune limitazioni elencate in questa pagina.

Nei parametri delle azioni personalizzati, puoi trasmettere una semplice raccolta e un insieme di oggetti. Ulteriori informazioni sulle limitazioni della raccolta in questa pagina.

Inoltre, i parametri delle azioni personalizzate hanno un formato previsto (ad esempio, stringa, decimale, ecc.). Devi fare attenzione a rispettare questi formati previsti. Ulteriori informazioni caso d’uso.

Le azioni personalizzate supportano il formato JSON solo quando si utilizza richiesta o payload di risposta.

Best practice custom-action-enhancements-best-practices

Quando scegli un endpoint per il targeting utilizzando un’azione personalizzata, assicurati che:

  • Questo endpoint possa supportare la velocità effettiva del percorso utilizzando le configurazioni della API di limitazione o API di limitazione di utilizzo per limitarlo. Fai attenzione che una configurazione di limitazione non può scendere al di sotto di 200 TPS. Qualsiasi endpoint di destinazione dovrà supportare almeno 200 TPS.
  • Questo endpoint deve avere un tempo di risposta il più basso possibile. A seconda della velocità effettiva prevista, avere un tempo di risposta elevato potrebbe influire sulla velocità effettiva.

Per tutte le azioni personalizzate viene definito un limite massimo di 300.000 chiamate in un minuto. Inoltre, il limite predefinito viene eseguito per host e per sandbox. Ad esempio, se in una sandbox hai due endpoint con lo stesso host (ad esempio: https://www.adobe.com/endpoint1 e https://www.adobe.com/endpoint2), il limite verrà applicato a tutti gli endpoint nell’host adobe.com. "endpoint1" ed "endpoint2" condivideranno la stessa configurazione di limitazione e il fatto che un endpoint raggiunga il limite avrà un impatto sull’altro endpoint.

Questo limite è stato impostato in base all’utilizzo da parte della clientela, per proteggere gli endpoint esterni interessati dalle azioni personalizzate. Devi tenerne conto nei percorsi basati sul pubblico definendo una velocità di lettura appropriata (5000 profili al secondo quando vengono utilizzate le azioni personalizzate). Se necessario, puoi ignorare questa impostazione definendo un limite di limitazione di utilizzo o di limitazione maggiore tramite le rispettive API. Consulta questa pagina.

Non eseguire il targeting degli endpoint pubblici con azioni personalizzate per vari motivi:

  • Senza limiti o limitazioni corretti, esiste il rischio di inviare troppe chiamate a un endpoint pubblico che potrebbe non supportare tale volume.
  • I dati del profilo possono essere inviati tramite azioni personalizzate, pertanto il targeting di un endpoint pubblico potrebbe causare la condivisione involontaria di informazioni personali esternamente.
  • Non hai alcun controllo sui dati restituiti dagli endpoint pubblici. Se un endpoint modifica la propria API o inizia a inviare informazioni errate, queste saranno rese disponibili nelle comunicazioni inviate, con potenziali effetti negativi.

Consenso e governance dei dati privacy

In Journey Optimizer, puoi applicare la governance dei dati e i criteri di consenso alle azioni personalizzate per impedire l’esportazione di campi specifici in sistemi di terze parti o escludere clienti che non hanno acconsentito a ricevere comunicazioni e-mail, push o SMS. Per ulteriori informazioni, consulta le pagine seguenti:

Passaggi di configurazione configuration-steps

Di seguito sono riportati i passaggi principali necessari per configurare un’azione personalizzata:

  1. Nella sezione del menu ADMINISTRATION, selezionare Configurazioni. In Azioni , fare clic su Gestisci. Clic Crea azione per creare una nuova azione. Il riquadro di configurazione delle azioni si apre sul lato destro dello schermo.

  2. Immetti un nome per l'azione.

    note note
    NOTE
    Non utilizzare spazi o caratteri speciali. Non usare più di 30 caratteri.
  3. Aggiungi una descrizione all’azione. Questo passaggio è facoltativo.

  4. Il numero di percorsi che utilizzano questa azione viene visualizzato nel Utilizzato in campo. Puoi fare clic su Visualizza percorsi per visualizzare l'elenco dei percorsi che utilizzano questa azione.

  5. Definisci i diversi Configurazione URL parametri. Consulta questa pagina.

  6. Configurare Autenticazione sezione. Questa configurazione è la stessa delle origini dati. Consulta questa sezione.

  7. Definisci il Parametri azione. Consulta questa pagina.

  8. Fai clic su Salva.

    L’azione personalizzata è ora configurata ed è pronta per essere utilizzata nei percorsi. Consulta questa pagina.

    note note
    NOTE
    Quando un’azione personalizzata viene utilizzata in un percorso, la maggior parte dei parametri è di sola lettura. È possibile modificare solo Nome, Descrizione, URL campi e Autenticazione sezione.

Configurazione endpoint url-configuration

Durante la configurazione di un’azione personalizzata, devi definire quanto segue Configurazione endpoint parametri:

  1. In URL , specifica l’URL del servizio esterno:

    • Se l’URL è statico, inseriscilo in questo campo.

    • Se l'URL include un percorso dinamico, immettere solo la parte statica dell'URL, ovvero lo schema, l'host, la porta e, facoltativamente, una parte statica del percorso.

      Esempio: https://xxx.yyy.com/somethingstatic/

      Specificherai il percorso dinamico dell’URL quando aggiungi l’azione personalizzata a un percorso. Ulteriori informazioni.

    note note
    NOTE
    Per motivi di sicurezza, si consiglia vivamente di utilizzare lo schema HTTPS per l’URL. Non consentiamo l’uso di indirizzi Adobe non pubblici e l’uso di indirizzi IP.
    Durante la definizione di un’azione personalizzata sono consentite solo le porte predefinite: 80 per http e 443 per https.
  2. Seleziona la chiamata Metodo: può essere POST, GET o PUT.

    note note
    NOTE
    Il DELETE metodo non supportato. Se devi aggiornare una risorsa esistente, seleziona la PUT metodo.
  3. Definisci le intestazioni e i parametri di query:

    • In Intestazioni , fare clic su Aggiungere un campo intestazione per definire le intestazioni HTTP del messaggio di richiesta da inviare al servizio esterno. Il Content-Type e Charset i campi dell’intestazione sono impostati per impostazione predefinita. Non è possibile eliminare questi campi. Solo il Content-Type l’intestazione può essere modificata. Il suo valore deve rispettare il formato JSON. Di seguito è riportato il valore predefinito:

    • In Parametri di query , fare clic su Aggiungere un campo Parametro query per definire i parametri che desideri aggiungere all’URL.

  4. Immettere l'etichetta o il nome del campo.

  5. Selezionare il tipo: Costante o Variabile. Se hai selezionato Costante, quindi inserisci il valore costante nel Valore campo. Se hai selezionato Variabile, quindi specificherai questa variabile quando aggiungi l’azione personalizzata a un percorso. Ulteriori informazioni.

    note note
    NOTE
    Dopo aver aggiunto l’azione personalizzata a un percorso, puoi comunque aggiungere campi di intestazione o parametri di query se il percorso si trova nello stato Bozza. Se non desideri che le modifiche alla configurazione influiscano sul percorso, duplica l’azione personalizzata e aggiungi i campi alla nuova azione personalizzata.
    Le intestazioni vengono convalidate in base alle regole di analisi dei campi. Ulteriori informazioni in questa documentazione.

Definire i parametri di payload define-the-message-parameters

  1. In Richiesta incolla un esempio del payload JSON da inviare al servizio esterno. Questo campo è facoltativo e disponibile solo per i metodi di chiamata POST e PUT.

  2. In Risposta incolla un esempio del payload restituito dalla chiamata. Questo campo è facoltativo e disponibile per tutti i metodi di chiamata. Per informazioni dettagliate su come sfruttare le risposte alle chiamate API nelle azioni personalizzate, consulta questa pagina.

NOTE
La funzionalità di risposta è attualmente disponibile in versione beta.

NOTE
L’esempio di payload non può contenere valori Null. I nomi dei campi nel payload non possono contenere un "." aggiuntivo. Non possono iniziare con il carattere "$".

Potrai definire il tipo di parametro (ad esempio stringa, numero intero e così via).

Puoi anche scegliere se specificare se un parametro è una costante o una variabile:

  • Costante significa che il valore del parametro è definito nel riquadro di configurazione dell’azione da un utente tecnico. Il valore sarà sempre lo stesso tra i percorsi. Non varia e l’addetto marketing non la vede quando utilizza l’azione personalizzata nel percorso. Potrebbe essere ad esempio un ID previsto dal sistema di terze parti. In tal caso, il campo a destra della costante/variabile di attivazione è il valore passato.
  • Variabile indica che il valore del parametro varia. Gli addetti al marketing che utilizzano questa azione personalizzata in un percorso saranno liberi di trasmettere il valore desiderato o di specificare dove recuperare il valore per questo parametro (ad esempio dall’evento, da Adobe Experience Platform, ecc.). In tal caso, il campo a destra della costante/variabile di attivazione è l’etichetta che gli addetti al marketing vedranno nel percorso per denominare questo parametro.

recommendation-more-help
b22c9c5d-9208-48f4-b874-1cefb8df4d76