Decisioni sul dispositivo per at.js

A partire dalla versione 2.5.0, at.js offre funzioni decisionali sul dispositivo. Le decisioni sul dispositivo consentono di memorizzare nella cache le attività A/B Test e Targeting esperienza (XT) sul browser per eseguire le decisioni in memoria senza una richiesta di rete di blocco alla rete Adobe Target Edge Network.

Target offre anche la flessibilità di fornire l'esperienza più pertinente e aggiornata dalle attività di personalizzazione basate sulla sperimentazione e sull'apprendimento automatico (basate su ML) tramite una chiamata al server live. In altre parole, quando le prestazioni sono più importanti, puoi scegliere di utilizzare le decisioni sul dispositivo. Tuttavia, quando è necessaria l’esperienza più pertinente, aggiornata e basata su ML, è possibile effettuare una chiamata al server.

Quali sono i vantaggi delle decisioni su dispositivi?

I vantaggi delle decisioni sul dispositivo includono:

  • Consegnare decisioni ed esperienze veloci. Il bucket e le decisioni vengono eseguiti in memoria e sul browser per evitare di bloccare le richieste di rete.
  • Migliorare le prestazioni dell'applicazione. Esegui esperimenti e distribuisci personalizzazioni ai tuoi clienti e utenti senza compromettere le esperienze degli utenti finali.
  • Migliora il punteggio di qualità del sito Google. Con le decisioni che avvengono in memoria, migliorare il punteggio Google Site Quality della tua attività online per renderlo più individuabile dai consumatori.
  • Scopri le funzioni di analisi in tempo reale. Ottieni informazioni approfondite dalle prestazioni dell’attività in tempo reale tramite il reporting di Analytics for Target (A4T). A4T consente di eseguire il pivot della strategia in momenti critici.

Funzioni supportate

L’SDK di Adobe Target JS offre ai clienti la flessibilità di scegliere tra prestazioni e aggiornamento dei dati per le decisioni. In altre parole, se la distribuzione di contenuti personalizzati più rilevanti e coinvolgenti tramite l’apprendimento automatico è per te più importante, è necessario effettuare una chiamata al server live. Ma quando le prestazioni sono più importanti, è necessario prendere una decisione su dispositivo e in memoria. Per il corretto funzionamento delle decisioni sul dispositivo, consulta l’elenco delle funzioni supportate:

  • Tipi di attività
  • Targeting del pubblico
  • Metodo di allocazione

Per ulteriori informazioni, consulta Funzioni supportate per le decisioni sui dispositivi.

Come funziona il processo decisionale su dispositivo?

Quando distribuisci e inizializzi at.js con le decisioni sui dispositivi abilitate, un artefatto di regole che include le decisioni sui dispositivi per attività A/B e XT, tipi di pubblico e risorse, viene scaricato dal CDN Akamai più vicino al visitatore e memorizzato nella cache locale sul browser del visitatore. Quando viene effettuata una richiesta da at.js per recuperare un’esperienza, la decisione relativa all’esperienza da restituire viene presa in memoria, in base ai metadati codificati nell’artefatto della regola nella cache.

Metodo di decisione

Con le decisioni sul dispositivo, Target introduce una nuova impostazione denominata Metodo di decisione. L’impostazione Metodo di decisione determina il modo in cui at.js distribuisce le esperienze. Il metodo di decisione ha tre valori:

  • Solo lato server
  • Solo su dispositivo
  • Ibrido

Solo lato server

Solo lato server è il metodo decisionale predefinito impostato automaticamente quando at.js 2.5.0+ viene implementato e distribuito sulle proprietà web.

Se si utilizza solo lato server come configurazione predefinita, tutte le decisioni vengono prese sulla rete Edge Target, che comporta una chiamata al server di blocco. Questo approccio può introdurre una latenza incrementale, ma offre anche vantaggi significativi, come la possibilità di applicare le funzionalità di machine-learning di Target che includono attività di Recommendations, Automated Personalization (AP) e Targeting automatico.

Inoltre, migliorare le esperienze personalizzate utilizzando il profilo utente di Target, persistente tra sessioni e canali, può fornire risultati efficaci per la tua azienda.

Infine, solo lato server consente di utilizzare Adobe Experience Cloud e perfezionare i tipi di pubblico su cui è possibile eseguire il targeting tramite i segmenti Audience Manager e Adobe Analytics.

Il diagramma seguente illustra l’interazione tra il visitatore, il browser, at.js 2.5.0+ e la rete Adobe Target Edge. Questo diagramma di flusso acquisisce nuovi visitatori e visitatori di ritorno.

Diagramma di flusso solo lato server

L’elenco seguente corrisponde ai numeri nel diagramma:

Passaggio Descrizione
1 Il Experience Cloud Visitor ID viene recuperato dal servizio Adobe Experience Cloud Identity.
2 La libreria at.js viene caricata in modo sincrono e nasconde il corpo del documento.
La libreria at.js può anche essere caricata in modo asincrono con un frammento pre-hiding facoltativo implementato nella pagina.
3 La libreria at.js nasconde il corpo per evitare sfarfallii.
4 Viene effettuata una richiesta di caricamento pagina che include tutti i parametri configurati, ad esempio (ECID, ID cliente, parametri personalizzati, profilo utente e così via).
5 Gli script di profilo vengono eseguiti e quindi inseriti nell’archivio profili.
L’archivio profili richiede tipi di pubblico idonei dalla libreria Pubblico (ad esempio, audience condivisi da Adobe Analytics, Adobe Audience Manager e così via).
Gli attributi del cliente vengono inviati all’archivio profili in un processo batch.
6 L’archivio profili viene utilizzato per la qualifica del pubblico e il bucket per filtrare le attività.
7 Il contenuto risultante viene selezionato dopo che l’esperienza è determinata dalle attività live Target .
8 La libreria at.js nasconde gli elementi corrispondenti nella pagina associati all’esperienza di cui è necessario eseguire il rendering.
9 La libreria at.js visualizza il corpo in modo che il resto della pagina possa essere caricato perché il visitatore possa visualizzarlo.
10 La libreria at.js gestisce il DOM per eseguire il rendering dell’esperienza dalla rete Edge di Target.
11 Viene eseguito il rendering dell’esperienza per il visitatore.
12 Viene caricata l’intera pagina web.
13 I dati Analytics vengono inviati ai server di raccolta dati.
14 I dati di destinazione vengono confrontati con i dati Analytics tramite SDID e vengono elaborati nell’ archivio dei rapporti Analytics . I dati di Analytics possono quindi essere visualizzati sia in Analytics che in Target tramite i rapporti Analytics for Target (A4T).

Solo su dispositivo

Solo su dispositivo è il metodo decisionale che deve essere impostato in at.js 2.5.0+ quando le decisioni su dispositivi devono essere utilizzate solo in tutte le pagine web.

Le decisioni sul dispositivo possono fornire esperienze e attività di personalizzazione a una velocità sorprendente, perché le decisioni vengono prese da un artefatto di regole memorizzate nella cache che contiene tutte le attività che si qualificano per le decisioni sul dispositivo.

Per ulteriori informazioni sulle attività idonee per le decisioni su dispositivi, consulta Funzioni supportate in decisionale su dispositivi.

Questo metodo decisionale deve essere utilizzato solo se le prestazioni sono altamente critiche in tutte le pagine che richiedono decisioni da Target. Inoltre, ricorda che quando viene selezionato questo metodo decisionale, le attività Target non idonee per le decisioni su dispositivi non verranno consegnate o eseguite. La libreria at.js 2.5.0+ è configurata per cercare solo l’artefatto delle regole memorizzate nella cache per prendere decisioni.

Il diagramma seguente illustra l’interazione tra il visitatore, il browser, at.js 2.5.0+ e la rete CDN di Akamai. La rete CDN di Akamai memorizza in cache l’artefatto delle regole per la prima visita del visitatore. Per la prima visita di pagina per un nuovo visitatore, l’artefatto delle regole JSON deve essere scaricato dalla rete CDN Akamai per essere memorizzato nella cache locale sul browser del visitatore. Una volta scaricato l’artifact delle regole JSON, la decisione viene presa immediatamente senza una chiamata di rete di blocco. Il diagramma di flusso seguente acquisisce nuovi visitatori.

Diagramma di flusso solo su dispositivo

L’elenco seguente corrisponde ai numeri nel diagramma:

NOTA

Adobe Target I server di amministrazione qualificano tutte le attività idonee per le decisioni sui dispositivi, generano l’artefatto delle regole JSON e lo propagano alla rete CDN Akamai. Le tue attività sono costantemente monitorate per verificare la disponibilità di aggiornamenti per restituire un nuovo artefatto di regole JSON da propagare alla rete CDN Akamai.

Passaggio Descrizione
3 Il Experience Cloud Visitor ID viene recuperato dal servizio Adobe Experience Cloud Identity.
2 La libreria at.js viene caricata in modo sincrono e nasconde il corpo del documento.
La libreria at.js può anche essere caricata in modo asincrono con un frammento pre-hiding facoltativo implementato nella pagina.
3 La libreria at.js nasconde il corpo per evitare sfarfallii.
4 La libreria at.js effettua una richiesta per recuperare l’artefatto della regola JSON dal CDN Akamai più vicino al visitatore.
5 La rete CDN di Akamai risponde con l’artefatto della regola JSON.
6 L’artefatto della regola JSON viene memorizzato nella cache locale sul browser del visitatore.
7 La libreria at.js interpreta l’artefatto della regola JSON ed esegue la decisione di recuperare l’esperienza e nasconde gli elementi testati.
8 La libreria at.js visualizza il corpo in modo che il resto della pagina possa essere caricato perché il visitatore possa visualizzarlo.
9 La libreria at.js manipola il DOM per eseguire il rendering dell’esperienza dall’artefatto della regola JSON memorizzato nella cache.
10 Viene eseguito il rendering dell’esperienza per il visitatore.
11 Viene caricata l’intera pagina web.
12 I dati Analytics vengono inviati ai server di raccolta dati. I dati di destinazione vengono confrontati con i dati Analytics tramite SDID e vengono elaborati nell’ archivio dei rapporti Analytics . AnalyticsAnalyticsI dati di possono quindi essere visualizzati sia in che in tramite i rapporti Analytics for Target (A4T).Target

Il diagramma seguente illustra l’interazione tra il visitatore, il browser, at.js 2.5.0+ e l’artefatto della regola JSON memorizzata nella cache per l’hit di pagina o la visita di ritorno del visitatore successivo. Poiché l’artifact delle regole JSON è già memorizzato nella cache e disponibile nel browser, la decisione viene presa immediatamente senza una chiamata di rete di blocco. Questo diagramma di flusso acquisisce la navigazione delle pagine successive o i visitatori di ritorno.

Diagramma di flusso solo su dispositivo per la navigazione delle pagine successive e le visite ripetute

L’elenco seguente corrisponde ai numeri nel diagramma:

NOTA

Adobe Target I server di amministrazione qualificano tutte le attività idonee per le decisioni sui dispositivi, generano l’artefatto delle regole JSON e lo propagano alla rete CDN Akamai. Le tue attività sono costantemente monitorate per verificare la disponibilità di aggiornamenti per restituire un nuovo artefatto di regole JSON da propagare alla rete CDN Akamai.

Passaggio Descrizione
3 Il Experience Cloud Visitor ID viene recuperato dal servizio Adobe Experience Cloud Identity.
2 La libreria at.js viene caricata in modo sincrono e nasconde il corpo del documento.
La libreria at.js può anche essere caricata in modo asincrono con un frammento pre-hiding facoltativo implementato nella pagina.
3 La libreria at.js nasconde il corpo per evitare sfarfallii.
4 La libreria at.js interpreta l’artefatto della regola JSON ed esegue la decisione in memoria per recuperare l’esperienza.
5 Gli elementi testati sono nascosti.
6 La libreria at.js visualizza il corpo in modo che il resto della pagina possa essere caricato perché il visitatore possa visualizzarlo.
7 La libreria at.js manipola il DOM per eseguire il rendering dell’esperienza dall’artefatto della regola JSON memorizzato nella cache.
8 Viene eseguito il rendering dell’esperienza per il visitatore.
9 Viene caricata l’intera pagina web.
10 I dati Analytics vengono inviati ai server di raccolta dati. I dati di destinazione vengono confrontati con i dati Analytics tramite SDID e vengono elaborati nell’ archivio dei rapporti Analytics . I dati di Analytics possono quindi essere visualizzati sia in Analytics che in Target tramite i rapporti Analytics for Target (A4T).

Ibrido

Hybridis è il metodo decisionale che deve essere impostato in at.js 2.5.0+ quando è necessario eseguire sia le decisioni sui dispositivi che le attività che richiedono una chiamata di rete alla rete Adobe Target Edge.

Quando gestisci sia le attività di decisione sul dispositivo che quelle sul lato server, può essere un po' complicato e noioso pensare a come distribuire ed eseguire il provisioning Target sulle tue pagine. Con ibrido come metodo decisionale, Target sa quando deve effettuare una chiamata al server alla rete Adobe Target Edge per le attività che richiedono l’esecuzione lato server e anche quando eseguire solo decisioni sul dispositivo.

L’artefatto delle regole JSON include i metadati per informare at.js se una mbox ha un’attività lato server in esecuzione o un’attività decisionale sul dispositivo. Questo metodo decisionale assicura che le attività che intendi consegnare rapidamente vengano eseguite tramite le decisioni sui dispositivi e per le attività che richiedono una personalizzazione basata su ML più potente, tali attività vengono eseguite tramite la rete Adobe Target Edge.

Il diagramma seguente illustra l’interazione tra il visitatore, il browser, at.js 2.5.0+, la rete CDN di Akamai e la rete Adobe Target Edge per un nuovo visitatore che visita la pagina per la prima volta. Il passo da questo diagramma è che l’artefatto delle regole JSON viene scaricato in modo asincrono mentre le decisioni vengono prese tramite la rete Adobe Target Edge.

Questo approccio assicura che le dimensioni dell’artefatto, che possono includere molte attività, non influenzino negativamente la latenza della decisione. Il download dell’artefatto delle regole JSON in modo sincrono e la decisione successiva possono avere effetti negativi sulla latenza e possono essere incoerenti. Pertanto, il metodo di decisione ibrido è una raccomandazione di best practice per effettuare sempre una chiamata lato server per la decisione di un nuovo visitatore e quando l’artefatto delle regole JSON viene memorizzato nella cache in parallelo. Per qualsiasi visita di pagina successiva e visita di ritorno, le decisioni vengono prese dalla cache e in memoria tramite l’artefatto delle regole JSON.

Diagramma di flusso ibrido per un nuovo visitatore

L’elenco seguente corrisponde ai numeri nel diagramma:

NOTA

Adobe Target I server di amministrazione qualificano tutte le attività idonee per le decisioni sui dispositivi, generano l’artefatto delle regole JSON e lo propagano alla rete CDN Akamai. Le tue attività sono costantemente monitorate per verificare la disponibilità di aggiornamenti per restituire un nuovo artefatto di regole JSON da propagare alla rete CDN Akamai.

Passaggio Descrizione
3 Il Experience Cloud Visitor ID viene recuperato dal servizio Adobe Experience Cloud Identity.
2 La libreria at.js viene caricata in modo sincrono e nasconde il corpo del documento.
La libreria at.js può anche essere caricata in modo asincrono con un frammento pre-hiding facoltativo implementato nella pagina.
3 La libreria at.js nasconde il corpo per evitare sfarfallii.
4 Viene effettuata una richiesta di caricamento pagina ad Adobe Target Edge Network, con tutti i parametri configurati come (ECID, ID cliente, parametri personalizzati, profilo utente e così via).
5 In parallelo, at.js invia una richiesta per recuperare l’artefatto della regola JSON dal CDN Akamai più vicino al visitatore.
6 (Adobe Target Edge Network) Gli script di profilo vengono eseguiti e quindi inseriti nell’archivio profili. L’archivio profili richiede tipi di pubblico idonei dalla libreria Pubblico (ad esempio, audience condivisi da Adobe Analytics, Adobe Audience Manager e così via).
7 La rete CDN di Akamai risponde con l’artefatto della regola JSON.
8 L’archivio profili viene utilizzato per la qualifica del pubblico e il bucket per filtrare le attività.
9 Il contenuto risultante viene selezionato dopo che l’esperienza è determinata dalle attività live Target .
10 La libreria at.js nasconde gli elementi corrispondenti nella pagina associati all’esperienza di cui è necessario eseguire il rendering.
11 La libreria at.js visualizza il corpo in modo che il resto della pagina possa essere caricato perché il visitatore possa visualizzarlo.
12 La libreria at.js gestisce il DOM per eseguire il rendering dell’esperienza dalla rete Edge di Target.
13 Viene eseguito il rendering dell’esperienza per il visitatore.
14 Viene caricata l’intera pagina web.
15 I dati Analytics vengono inviati ai server di raccolta dati. I dati di destinazione vengono confrontati con i dati Analytics tramite SDID e vengono elaborati nell’ archivio dei rapporti Analytics . I dati di Analytics possono quindi essere visualizzati sia in Analytics che in Target tramite i rapporti Analytics for Target (A4T).

Il diagramma seguente illustra l’interazione tra il visitatore, il browser, at.js 2.5.0+ e l’artefatto delle regole JSON memorizzate nella cache per una navigazione di pagina successiva o una visita di ritorno. In questo diagramma, fai particolare attenzione solo al caso d’uso in cui viene presa una decisione sul dispositivo per la navigazione o la visita di ritorno della pagina successiva. Tieni presente che a seconda delle attività live per determinate pagine, puoi effettuare una chiamata lato server per eseguire decisioni lato server.

Diagramma di flusso ibrido per la navigazione delle pagine successive e le visite ripetute

L’elenco seguente corrisponde ai numeri nel diagramma:

NOTA

Adobe Target I server di amministrazione qualificano tutte le attività idonee per le decisioni sui dispositivi, generano l’artefatto delle regole JSON e lo propagano alla rete CDN Akamai. Le tue attività sono costantemente monitorate per verificare la disponibilità di aggiornamenti per restituire un nuovo artefatto di regole JSON da propagare alla rete CDN Akamai.

Passaggio Descrizione
3 Il Experience Cloud Visitor ID viene recuperato dal servizio Adobe Experience Cloud Identity.
2 La libreria at.js viene caricata in modo sincrono e nasconde il corpo del documento.
La libreria at.js può anche essere caricata in modo asincrono con un frammento pre-hiding facoltativo implementato nella pagina.
3 La libreria at.js nasconde il corpo per evitare sfarfallii.
4 Viene effettuata una richiesta per recuperare un’esperienza.
5 La libreria at.js conferma che l’artefatto della regola JSON è già stato memorizzato nella cache ed esegue la decisione in memoria di recuperare l’esperienza.
6 Gli elementi testati sono nascosti.
7 La libreria at.js visualizza il corpo in modo che il resto della pagina possa essere caricato perché il visitatore possa visualizzarlo.
8 La libreria at.js manipola il DOM per eseguire il rendering dell’esperienza dall’artefatto della regola JSON memorizzato nella cache.
9 Viene eseguito il rendering dell’esperienza per il visitatore.
10 Viene caricata l’intera pagina web.
11 I dati Analytics vengono inviati ai server di raccolta dati. I dati di destinazione vengono confrontati con i dati Analytics tramite SDID e vengono elaborati nell’ archivio dei rapporti Analytics . I dati di Analytics possono quindi essere visualizzati sia in Analytics che in Target tramite i rapporti Analytics for Target (A4T).

Come si abilitano le decisioni sul dispositivo?

Le decisioni sul dispositivo sono disponibili per tutti i clienti Target che utilizzano at.js 2.5.0+.

Per abilitare le decisioni sul dispositivo:

NOTA

Per attivare o disattivare l'opzione On-Device Decisioning, è necessario disporre di Amministratore o Approvatore ruolo utente.

  1. Fai clic su Amministrazione > Implementazione > Dettagli account.

  2. In Dettagli account, sposta l'interruttore On-Device Decisioning nella posizione "on".

    Attiva/disattiva le decisioni sul dispositivo

    L'opzione "Includi tutte le attività qualificate per le decisioni sul dispositivo esistenti nell'artefatto" viene visualizzata se abiliti le decisioni sul dispositivo.

  3. (Condizionale) Fai scorrere l’interruttore nella posizione "on" se desideri che tutte le attività di Target live idonee per le decisioni sul dispositivo siano incluse automaticamente nell’artefatto.

    Se questa opzione è disattivata, è necessario ricreare e attivare tutte le attività di decisione sul dispositivo affinché siano incluse nell’artefatto delle regole generate. In altre parole, qualsiasi attività in stato live prima di attivare l'interruttore On-Device Decisioning non è inclusa nell'artefatto delle regole.

Dopo aver abilitato l'interruttore On-Device Decisioning, Target inizia a generare e a propagarsi artefatti di regole per il client.

IMPORTANTE

Assicurati di attivare l'interruttore prima di inizializzare l'SDK di Adobe Target per l'utilizzo delle decisioni sui dispositivi. Gli artefatti della regola devono prima generare e propagarsi ai CDN di Akamai per il funzionamento delle decisioni sui dispositivi. La propagazione può richiedere da cinque a dieci minuti perché il primo artefatto della regola generi e si propaghi alla rete CDN Akamai.

Come si configura at.js 2.5.0+ per l’utilizzo delle decisioni sul dispositivo?

  1. Fai clic su Amministrazione > Implementazione > Dettagli account.

  2. In Metodi di implementazione > Metodo di implementazione principale, fai clic su Modifica accanto alla versione at.js (deve essere at.js 2.5.0 o successiva).

    Modificare le impostazioni del metodo di implementazione principale

    IMPORTANTE

    Prima di modificare queste impostazioni predefinite, consulta l’Assistenza clienti in modo da non influenzare l’implementazione corrente.

  3. Selezionare il metodo decisionale desiderato:

    • Solo lato server
    • Solo su dispositivo
    • Ibrido

    Modificare il pannello delle impostazioni di at.js

Impostazioni globali

È possibile configurare un Metodo di disattivazione predefinito per tutte le decisioni Target. I vari metodi decisionali sono Solo lato server, Solo dispositivo e Ibrido. Il metodo decisionale selezionato nell'interfaccia utente di Target è configurato in window.targetGlobalSettings nel campo decisioningMethod . Ulteriori informazioni su decisioningMethod in targetGlobalSettings().

<head> 
    <script type="text/javascript">

        window.targetGlobalSettings = { 
            clientCode: "yourClientCodeHere", 
            imsOrgId: "imsOrgId@AdobeOrg", 
            decisioningMethod: "on-device"

        }; 
    </script>

    <script type="text/javascript" src="at.js"></script> 
</head>

Impostazione personalizzata

Se imposti il decisioningMethod in window.targetGlobalSettings ma desideri ignorare il decisioningMethod per ogni decisione di Adobe Target in base al tuo caso d’uso, puoi eseguire questa procedura specificando decisioningMethod nella chiamata getOffers() di At.js2.5.0+.

adobe.target.getOffers({ 

  decisioningMethod:"on-device", 
  request: { 
    execute: { 
      mboxes: [ 
        { 
          index: 0, 
          name: "homepage" 
        } 
      ] 
    } 
 } 
});
NOTA

Per utilizzare "on-device" o "ibrido" come metodo decisionale nella chiamata getOffers() , assicurati che l’impostazione globale sia decisioningMethod come "on-device" o "ibrido". La libreria at.js 2.5.0+ deve sapere se scaricare e memorizzare nella cache l’artefatto delle regole JSON immediatamente dopo il caricamento sulla pagina. Se il metodo decisionale per l’impostazione globale è impostato su "lato server" e il metodo decisionale "sul dispositivo" o "ibrido" viene passato nella chiamata getOffers() , at.js 2.5.0+ non avrà l’artefatto della regola JSON memorizzato nella cache per eseguire le decisioni sul dispositivo.

TTL della cache degli artefatti

Target rappresenta le attività idonee per le decisioni sul dispositivo come un artefatto costituito da metadati, regole e condizioni. Questo artefatto è memorizzato nella cache della rete CDN Akamai. Durante la prima visita dell’utente, il browser dell’utente scarica e memorizza in cache l’artefatto che rappresenta le attività di decisione sul dispositivo.

Nelle visite successive al sito, il browser controlla automaticamente se deve scaricare una versione più recente dell’artefatto. Questo controllo aggiunge latenza. Il TTL della cache degli artefatti definisce il numero di minuti che non si desidera che il browser verifichi la presenza di un artefatto aggiornato dall'ultimo download riuscito. Più è lungo l'intervallo di tempo, migliori sono le prestazioni. Più breve è l'intervallo di tempo, migliore è la freschezza dei dati, ma al costo di una maggiore latenza.

Come faccio a sapere che un'attività è idonea per le decisioni sui dispositivi?

Dopo aver creato un'attività che è idonea per le decisioni sui dispositivi, un'etichetta che legge On-Device Decisioning Idoneo, è visibile nella pagina Overview dell'attività.

Etichetta Idonea di On-Device Decisioning nella pagina Panoramica dell’attività.

Questa etichetta non significa che l’attività verrà sempre consegnata tramite decisioni sul dispositivo. Solo quando at.js 2.5.0+ è configurato per utilizzare le decisioni sul dispositivo, questa attività verrà eseguita sul dispositivo. Se at.js 2.5.0+ non è configurato per l’utilizzo sul dispositivo, questa attività verrà comunque recapitata tramite una chiamata al server effettuata da at.js.

Puoi filtrare tutte le attività che possono essere prese con decisioni sul dispositivo nella pagina Attività tramite il filtro Decisioning idoneo su dispositivo.

Filtro idoneo di On-Device Decisioning nella pagina Attività.

NOTA

Dopo aver creato e attivato un’attività che può essere considerata idonea per le decisioni dei dispositivi, l’inclusione di un’attività nelle regole generata e propagata al punto di presenza CDN di Akamai può richiedere da cinque a dieci minuti.

Riepilogo dei passaggi per garantire che le mie attività decisionali su dispositivi vengano distribuite tramite At.js 2.5.0+?

  1. Accedi all'interfaccia utente di Adobe Target e passa a Amministrazione > Implementazione > Account Details per abilitare l'opzione On-Device Decisioning.

  2. Abilita l’ "Includi tutte le attività qualificate per le decisioni sul dispositivo esistenti nell’interruttore artefatto".

    La prima generazione di artifact delle regole JSON può richiedere fino a 10 minuti.

  3. Crea e attiva un tipo di attività supportato dalle decisioni sul dispositivo e verifica che le decisioni sul dispositivo siano idonee.

  4. Imposta il Metodo di decisione su "Hybrid" o "On-device only" tramite l’interfaccia utente delle impostazioni di at.js.

  5. Scarica e distribuisci at.js 2.5.0+ nelle tue pagine.

In questa pagina