Note sulla versione di Adobe Experience Platform

Data di rilascio: sabato 28 giugno 2019

Nuove funzioni di Adobe Experience Platform:

Aggiornamenti alle funzioni esistenti:

Data Science Workspace dsw

Adobe Experience Platform Data Science Workspace è un servizio completamente gestito all’interno di Experience Platform che consente ai data scientist di generare senza interruzioni informazioni da dati e contenuti tra soluzioni Adobe e sistemi di terze parti tramite la creazione e l’operazionalizzazione di modelli di apprendimento automatico. Data Science Workspace è strettamente integrato con Platform e potenzia il ciclo di vita della data science end-to-end, inclusa l'esplorazione e la preparazione dei dati XDM, seguita dallo sviluppo e dall'operazionalizzazione di modelli per l'arricchimento automatico Real-Time Customer Profile con Approfondimenti apprendimento automatico.

Funzioni principali

Funzione
Descrizione
Provisioning e isolamento del calcolo
Fornire risorse di elaborazione dedicate necessarie per consentire ai data scientist di eseguire codice non attendibile in Experience Platform in modo sicuro.
Esperienza del primo utente
Include esempi predefiniti per vari framework e linguaggi di apprendimento automatico, come Python, R, PySpark e Scala Spark.
Notebooks
Ambiente personalizzato per data scientist/data engineer basato su Jupyter Notebooks per consentire loro di preparare dati, estrarre funzionalità e sviluppare modelli ML con un elenco curato di librerie e framework di apprendimento automatico popolari.
Esplorazione dei dati
Accesso semplificato ai dati XDM acquisiti in Platform integrato con Platform Data Access SDK
Visualizzazione dati
Possibilità di eseguire query SQL in Jupyter Notebooks per accelerare la preparazione dei dati e la progettazione delle feature.
Pipeline per feature
API/SDK per Scala/PySpark per distribuire pipeline di ingegneria delle funzioni per trasformare i dati XDM di base in schemi di funzioni.
Authoring del modello
Modelli e runtime che consentono ai data scientist di concentrarsi sullo sviluppo di modelli senza dover implementare il codice dell’infrastruttura per accedere ai dati e alle risorse di calcolo. Puoi importare il codice del modello e renderlo operativo per derivare informazioni approfondite dai dati in Platform.
Gestione dei modelli aziendali
Supporto per il modello dati multi-tenant per monitorare le versioni dei modelli e le configurazioni hyperparameter associate, in modo da fornire le basi per l’ecosistema dei partner.
Valutazione del modello
Valutare e ottimizzare la regressione e i modelli di classificazione in Python, PySpark, R e Scala.
Distribuzione del modello
Possibilità di confrontare le metriche e le configurazioni di valutazione in più esecuzioni di esperimenti e pubblicare il modello ottimale come servizio.
Punteggio batch
Arricchire Real-Time Customer Profile con informazioni di Machine Learning o riscrivile come set di dati in Platform
Pianificazione
Integrato con Platform Servizio di orchestrazione per automatizzare l’apprendimento dei modelli, il punteggio e le pipeline delle funzioni con pianificazioni definite dall’utente tramite API.

Problemi noti

  • Le pipeline delle funzioni e di pianificazione sono attualmente disponibili solo tramite API e un’interfaccia utente verrà aggiunta in una versione futura.

Per ulteriori informazioni, visitare il Panoramica di Data Science Workspace.

Decisioning Service decisioning

Adobe Experience Platform Decisioning Service consente di selezionare in modo programmatico e intelligente la "Migliore esperienza successiva" da una serie di opzioni disponibili per un determinato individuo, distribuirla a qualsiasi canale o applicazione ed eseguire attività di reporting e analisi.

Un modello con dati avanzati precompilato consente il caso d’uso del decisioning con "Proposta d’acquisto successiva" in modo indipendente dai canali.

Funzioni principali

Funzione
Descrizione
Archivio di oggetti business
Un archivio basato su modelli di schema JSON consente a uno sviluppatore di creare, leggere, aggiornare ed eliminare una varietà di oggetti business. L’archivio fornisce API di query espressive con finalità generali e ricerca in base allo schema.
Contenitori archivio
All’interno dell’archivio di business object, uno sviluppatore può isolare i propri dubbi relativi a progetti, unità aziendali o organizzative o alle fasi del ciclo di vita di un progetto (ad esempio, sviluppo e integrazione, staging o per l’utilizzo in produzione live). Tali isolamenti sono denominati contenitori dell’archivio.
Ruoli e autorizzazioni
Utilizzo di Admin Console, un’organizzazione può creare e gestire profili per concedere un accesso mirato alle risorse per tipo, operazione di accesso e contenitore. Gli utenti possono essere aggiunti a tali profili di accesso e i privilegi di accesso effettivi vengono calcolati automaticamente da tali criteri.
Modello a oggetti di offerta predefinito
Senza la necessità di creare prima un modello dati, un Platform Lo sviluppatore può sfruttare gli schemi e le relazioni JSON pregenerati per creare un catalogo di offerte, definire regole di decisione e vincoli e assemblare raccolte di offerte per il processo decisionale.
Regole di decisione basate su dati profilo e non profilo
Una stretta integrazione con Real-Time Customer Profile consente a uno sviluppatore di creare regole di decisione che sfruttano i dati di profilo. Non solo è possibile prendere decisioni utilizzando gli attributi del profilo, ma anche in base alla cronologia degli eventi esperienza di un profilo e in base a entità aziendali non correlate a un’identità utente (ad esempio, condizioni di traffico, inventario dei prodotti). Qualsiasi Experience Data Model (XDM) per cui esiste uno schema nel Schema Registry può essere utilizzato per le regole di decisione. Le regole sono entità di prima classe e possono essere riutilizzate per qualsiasi opzione di decisione e attività.
Classificazione e limiti
Vengono classificate le opzioni di decisione che soddisfano tutti i vincoli di idoneità e di altro tipo per un determinato utente e viene selezionata l’opzione migliore. È possibile utilizzare vincoli di quota limite aggiuntivi per utente e globali per limitare l’esposizione delle opzioni disponibili, consentendo in tal modo la personalizzazione tenendo presenti i vincoli delle risorse e l’affaticamento degli utenti.
Decisioning API REST
Il Decisioning Service può essere richiamato utilizzando una semplice API REST per ottenere la Proposta d’acquisto successiva per una determinata persona. È possibile utilizzare un’API per le metriche per verificare la proposta di offerte e i valori di limite in tempo reale.
Streaming di eventi decisionali in Data Lake e Query Service
Il Decisioning Service crea automaticamente i set di dati per inviare automaticamente in streaming tutti gli eventi decisionali XDM nel Data Lake. I set di dati sono quindi disponibili per l’analisi e il reporting utilizzando Query Service.
Abilitazione sviluppatore
Consenso self-service con documentazione sull’Adobe I/O, inclusi tutorial su vari argomenti.

Problemi noti

  • Il modello dati dell’offerta non viene esposto tramite Schema Registry e possono quindi essere estese solo in modo limitato. Lo schema del modello dispone di strutture incorporate per consentire l’associazione di dati personalizzati. In futuro, potrai estendere una classe di modello XDM di base per definire domini decisionali personalizzati.
  • Devi essere provvisto del modello di dominio di Gestione delle offerte e gli utenti e le integrazioni devono essere gestiti in questo contesto di prodotto.

Query Service query

Query Service consente di utilizzare istruzioni SQL standard per eseguire query sui dati in Adobe Experience Platform per supportare diversi casi di utilizzo di analisi e gestione dei dati. Si tratta di uno strumento serverless che consente di unire qualsiasi set di dati nel Data Lake e acquisiscono i risultati della query sotto forma di nuovo set di dati da utilizzare nel reporting, Data Science Workspace, o per l’acquisizione in Profile Service.

È possibile utilizzare Query Service creare ecosistemi di analisi dei dati, creando un quadro dei consumatori attraverso i loro vari canali di interazione. Questi canali possono includere:

  • Sistema del punto vendita
  • Web
  • Dispositivi mobili
  • Sistema CRM

Funzioni principali

Funzione
Descrizione
Editor query
Utilizza uno strumento basato su Web per scrivere, convalidare, testare ed eseguire query. Include una console per informazioni dettagliate sull’esecuzione delle query e la possibilità di visualizzare in anteprima i risultati delle query.
Creazione di set di dati
Crea set di dati su Experience Platform tramite la sintassi SQL standard.
Funzioni definite da Adobe
Sfrutta le funzioni di collegamento per attività comuni come l’identificazione delle sessioni o l’impostazione dell’attribuzione.
Connettività dello strumento BI
Utilizzare i driver PostgreSQL (Postgres) disponibili negli strumenti di business intelligence comuni per connettersi a Query Service per creare rapporti e visualizzazioni. Gli strumenti supportati includono: Tableau, Power BI, e Looker. Trova informazioni di autenticazione nella scheda Credenziali.
Connettività dello strumento di gestione del database
Connetti Aqua Data Studio o DB Visualizer a Query Service funzionalità di esplorazione dei dati e creazione di set di dati. Query Service supporta anche la connettività da R Studio. Trova informazioni di autenticazione nella scheda Credenziali.
Strumento query riga di comando
Connettere PSQL per poter eseguire query dalla riga di comando.
Registro query
Mantiene una cronologia delle query eseguite da Query Service e consente di trovare istruzioni SQL precedenti per la modifica, l’esecuzione o la creazione di un set di dati dai risultati.
API di pianificazione query
Pianifica le query per l’esecuzione ricorrente tramite questa API.

Problemi noti

  • Query Editor mostra un esempio di 100 righe dei risultati delle query. Per rendere persistente l’intero set di risultati, utilizza le funzionalità di creazione dei set di dati dal registro delle query.
  • Le versioni a breve termine aggiungeranno il supporto per le visualizzazioni e un’interfaccia utente per l’applicazione di pianificazioni alle query.

Per ulteriori informazioni su Query Service, vedere documentazione del prodotto.

Experience Data Model (XDM) xdm

La standardizzazione e l'interoperabilità sono concetti chiave alla base di Experience Platform. Experience Data Model (XDM), guidato da Adobe, è un tentativo di standardizzare i dati sull’esperienza del cliente e definire schemi per la gestione della customer experience.

XDM è una specifica documentata pubblicamente progettata per migliorare la potenza delle esperienze digitali. Fornisce strutture e definizioni comuni per qualsiasi applicazione per comunicare con i servizi su Adobe Experience Platform. Aderendo agli standard XDM, tutti i dati sulla customer experience possono essere incorporati in una rappresentazione comune che fornisce informazioni in modo più veloce e integrato. Puoi ottenere approfondimenti importanti dalle azioni della clientela, definire i tipi di pubblico della clientela attraverso i segmenti e utilizzare gli attributi della clientela a scopo di personalizzazione.

XDM è il meccanismo che consente Experience Cloud, con tecnologia Adobe Experience Platform, per inviare il messaggio giusto alla persona giusta, sul canale giusto, al momento giusto.

La metodologia su cui Experience Platform è stato creato, XDM System operazionalizza Experience Data Model schemi utilizzati da Experience Platform componenti.

Nuove funzioni

Funzione
Descrizione
Vincoli dello schema JSON
I seguenti tipi di dati ora dispongono di opzioni aggiuntive nell’interfaccia utente per definire i vincoli: string - lunghezza min/max, pattern, valore predefinito, formati (come definiti in Bozza-6 dello schema JSON) e double - min/max, valore predefinito.
Personalizzato $id
Ora puoi fornire $id valore durante la creazione di risorse nelle richieste POST.
Miglioramenti delle prestazioni del registro dello schema
Sono state ottimizzate la generazione di schemi di unione e la memorizzazione nella cache avanzata degli schemi per migliorare notevolmente i tempi di risposta API.

Correzioni di bug

  • Il campo identityMap è stato spostato fuori contesto/profilo e nel proprio gruppo di campi di schema per rendere più intuitiva la definizione delle identità.
  • È stata applicata la patch a tutti gli schemi esistenti basati su contesto/profilo con context/identitymap.
  • È stato corretto un messaggio di errore a causa del quale non veniva fornita alcuna versione.
  • È stato corretto un bug in cui Schema Registry stava fornendo risposte casuali per le chiamate dello schema di unione profili.
  • È stato corretto un bug a causa del quale gli schemi di unione non visualizzavano i campi corretti in Schema Registry.
  • È stato corretto un bug a causa del quale talvolta i descrittori di identità non potevano essere creati con spazi dei nomi validi.
  • È stato risolto un problema di riferimento se un oggetto utilizza properties invece di allOf.

Problemi noti

  • Impossibile estendere un PlatformGruppo di campi fornito da tramite l'aggiunta di un campo.
  • I descrittori non vengono eliminati quando un gruppo di campi viene rimosso dalla composizione dello schema.
  • Impossibile creare un campo enum senza etichette.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di XDM con Schema Registry API e Schema Editor, leggi le Documentazione del sistema XDM.

Segmentation Service segmentation

Segmentation Service definisce un particolare sottoinsieme di profili dall’archivio profili, descrivendo i criteri per distinguere un gruppo di persone commerciabile all’interno dell’archivio profili. I segmenti possono essere basati su dati record (ad esempio informazioni demografiche) o su eventi di serie temporali che rappresentano i punti di contatto dei clienti con il tuo marchio.

Ad esempio, in una campagna e-mail incentrata sulle scarpe da corsa, puoi utilizzare un segmento di pubblico composto da tutti gli utenti che hanno cercato le scarpe da corsa negli ultimi 30 giorni, ma non hanno completato un acquisto. Un altro esempio potrebbe essere l’utilizzo di un segmento per eseguire il targeting del contenuto del sito in modo che venga visualizzato solo ai visitatori che appartengono a un determinato livello del programma di premi.

Nuove funzioni

Funzione
Descrizione
Regole temporali relative
Ora puoi scegliere finestre di rotazione come 14 giorni fa, da 3 a 5 ore fa, ecc.
Riepiloghi campi XDM
Per Attributi, nella barra a sinistra, sono ora disponibili i riepiloghi che forniscono una visualizzazione dei dati sottostanti.
Ricerca nella barra a sinistra
Sono state migliorate le funzionalità di ricerca per la sezione segmenti della barra a sinistra.
Nomi descrittivi eVar
È stato migliorato il supporto per nomi descrittivi, che consente di vedere più facilmente quali informazioni vengono acquisite all’interno di eventi personalizzati e dimensioni da Adobe Analytics.
Supporto per i criteri di unione
Ora puoi scegliere quale criterio di unione applicare alla relativa definizione di segmento utilizzando un semplice menu a discesa.

Correzioni di bug

  • È stato risolto un problema intermittente che causava un caricamento lento dei blocchi predefiniti di attributi ed eventi nella barra a sinistra.
  • È stato corretto un bug a causa del quale lo stimatore restituiva una risposta "NaN".
  • È stato corretto un errore a causa del quale alcuni campi aprivano l’area di lavoro di generazione delle regole errata.

Problemi noti

  • Nessuno.

Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica del servizio di segmentazione.

recommendation-more-help
76ad3ef1-9c0e-417b-8891-a4c7034d8bac