Impostare le identità primarie in un set di dati ad hoc

Adobe Experience Platform Query Service consente di contrassegnare le colonne dei set di dati come identità primarie o secondarie utilizzando i vincoli per SQL ALTER TABLE comando. Puoi utilizzare questa funzione per garantire che i campi contrassegnati siano coerenti con i requisiti sulla privacy dei dati. Questo comando consente di aggiungere o eliminare vincoli per le colonne della tabella delle identità primaria e secondaria direttamente tramite SQL.

Introduzione

Per etichettare le colonne dei set di dati come identità primaria o secondaria è necessario conoscere ALTER TABLE Comando SQL e buona comprensione dei requisiti di privacy dei dati. Prima di continuare con questo documento, consulta la seguente documentazione:

Aggiungere vincoli add-constraints

Il ALTER TABLE Questo comando consente di etichettare una colonna di set di dati come identità di una persona e quindi di utilizzarla come identità primaria aggiornando i metadati associati tramite SQL. Questa funzione è particolarmente utile quando i set di dati vengono creati tramite SQL anziché direttamente da uno schema tramite l’interfaccia utente di Platform. Il comando può essere utilizzato per garantire che le operazioni sui dati in Platform siano conformi ai criteri di utilizzo dei dati.

Esempi

Nell'esempio seguente viene aggiunto un vincolo al t1 tabella. I valori di id sono ora contrassegnate come identità primarie sotto il IDFA spazio dei nomi. Uno spazio dei nomi di identità è una parola chiave che dichiara il tipo di dati di identità che il campo rappresenta.

ALTER TABLE t1 ADD CONSTRAINT PRIMARY IDENTITY (id) NAMESPACE 'IDFA';

Il secondo esempio assicura che id è contrassegnata come identità secondaria.

ALTER TABLE t1 ADD CONSTRAINT IDENTITY(id) NAMESPACE 'IDFA';

Elimina vincoli drop-constraints

I vincoli possono essere rimossi anche dalle colonne della tabella utilizzando ALTER TABLE comando.

Esempi

Nell'esempio seguente viene rimosso il requisito che c1 colonna deve essere etichettata come identità primaria nella t1 tabella.

ALTER TABLE t1 DROP CONSTRAINT PRIMARY IDENTITY (c1) ;

Come mostrato di seguito, la stessa sintassi viene utilizzata per la rimozione di un vincolo di identità.

ALTER TABLE t1 DROP CONSTRAINT IDENTITY (c1) ;

Mostra identità

Usa il comando metadati show identities dall’interfaccia della riga di comando per visualizzare una tabella con tutti gli attributi assegnati come identità.

> show identities;

Di seguito è riportato un esempio di tabella restituita.

 tableName | columnName | datatype | namespace | ifPrimary
-----------+------------+----------+-----------+----------
(0 rows)

Limitazioni di XDM limitations

L’elenco seguente spiega considerazioni importanti per l’aggiornamento delle identità nei set di dati esistenti quando si utilizza XDM.

  • Per specificare una colonna come identità, deve definisci anche lo spazio dei nomi da mantenere come metadati per la colonna.
  • XDM non supporta la specifica di un nome di colonna nell’attributo namespace.
  • Se lo schema utilizza identityMap Campo XDM, radice o livello principale identityMap oggetto deve essere etichettati come identità o identità primaria.
recommendation-more-help
ccf2b369-4031-483f-af63-a93b5ae5e3fb