Importazione in blocco delle risorse utilizzando la vista Assets bulk-import-assets-view

L’importazione in blocco nella vista AEM Assets consente agli amministratori di importare in AEM Assets un numero elevato di risorse da un’origine dati. Gli amministratori non devono più caricare singole risorse o cartelle in AEM Assets.

NOTE
L’importazione in blocco della vista Risorse utilizza lo stesso backend dell’importazione in blocco della vista Amministratore. Tuttavia, offre più origini dati da cui importare e un’esperienza utente più semplice.

Puoi importare le risorse dalle seguenti origini dati:

  • Azure
  • AWS
  • Google Cloud
  • Dropbox
  • OneDrive

Prerequisiti prerequisites

Origine dati
Prerequisiti
Azure
  • Account archiviazione Azure
  • Contenitore BLOB di Azure
  • Chiave di accesso Azure o token SAS in base alla modalità di autenticazione
AWS
  • Area geografica AWS
  • Bucket AWS
  • Chiave di accesso AWS
  • Segreto di accesso AWS
Google Cloud
  • Bucket GCP
  • E-mail account servizio GCP
  • Chiave privata account servizio GCP
Dropbox
  • ID client Dropbox (chiave app)
  • Segreto client Dropbox (segreto app)
OneDrive
  • ID tenant OneDrive
  • ID client OneDrive
  • Segreto client OneDrive

Oltre a questi prerequisiti basati sull’origine dati, è necessario conoscere il nome della cartella di origine disponibile nell’origine dati che contiene tutte le risorse da importare in AEM Assets.

Configurare l’applicazione per sviluppatori di Dropbox dropbox-developer-application

Prima di importare le risorse dall’account di Dropbox ad AEM Assets, crea e configura l’applicazione per sviluppatori di Dropbox.

Esegui i passaggi seguenti:

  1. Accedi al tuo Account Dropbox e fai clic su Creare le app.
    Se utilizzi un account di Dropbox Enterprise, devi avere accesso al ruolo di amministratore dei contenuti.

  2. Nella sezione Choose an API (Scegli un API), seleziona l’unico pulsante di scelta disponibile.

  3. Nella sezione Choose the type of access you need (Scegli il tipo di accesso necessario), seleziona una delle opzioni seguenti:

    • Seleziona App folder (Cartella app), se hai bisogno di accedere a una singola cartella creata all’interno dell’applicazione nel tuo account Dropbox.

    • Seleziona Full Dropbox (Dropbox completo), se hai bisogno di accedere a tutti i file e le cartelle all’interno del tuo account Dropbox.

  4. Specifica un nome per l’applicazione e fai clic su Create app (Crea app).

  5. In Impostazioni della tua applicazione, aggiungi https://experience.adobe.com alla scheda URI di reindirizzamento sezione.

  6. Copia i valori per i campi App key (Chiave app) e App secret (Segreto app). I valori sono necessari durante la configurazione dello strumento di importazione in blocco in AEM Assets.

  7. Nella scheda Permissions (Autorizzazioni), aggiungi le seguenti autorizzazioni all’interno della sezione Individual scopes (Singoli ambiti).

    • account_info.read

    • files.metadata.read

    • files.content.read

    • files.content.write

  8. Per salvare le modifiche, fai clic su Submit (Invia).

Configurare l’applicazione per sviluppatori OneDrive onedrive-developer-application

Prima di importare risorse dall’account OneDrive in AEM Assets, crea e configura l’applicazione per sviluppatori OneDrive.

Creare un'applicazione

  1. Accedi al tuo Account OneDrive e fai clic su Nuova registrazione.

  2. Specifica un nome per l’applicazione, seleziona Solo account in questa directory organizzativa (solo Adobe: singolo tenant) da Tipi di account supportati.

  3. Per aggiungere degli URI di reindirizzamento, effettua le seguenti operazioni:

    1. In Seleziona una piattaforma menu a discesa, seleziona Web.

    2. Aggiungi https://experience.adobe.com alla URI di reindirizzamento sezione.

  4. Fai clic su Registra. L’applicazione viene creata.

  5. Copia i valori per ID applicazione (client) e ID directory (tenant) campi. I valori sono necessari durante la configurazione dello strumento di importazione in blocco in AEM Assets.

  6. Clic Aggiungi un certificato o un segreto corrispondente a Credenziali client opzione.

  7. Clic Nuovo segreto client, fornisci la descrizione del segreto client, la scadenza e fai clic su Aggiungi.

  8. Dopo aver creato il segreto client, copia il campo Value (Valore) (non copiare il campo ID segreto). Verrà richiesto per configurare l’importazione in blocco in AEM Assets.

Aggiungere le autorizzazioni API

Per aggiungere le autorizzazioni API per l’applicazione, effettua le seguenti operazioni:

  1. Fai clic su API permissions (Autorizzazioni API) nel riquadro a sinistra e fai clic su Add a permission (Aggiungi un’autorizzazione).
  2. Fai clic su Microsoft Graph > Delegated permissions (Grafico Microsoft > Autorizzazioni delegate). La sezione Select Permission (Seleziona autorizzazione) mostra le autorizzazioni disponibili.
  3. Seleziona l’autorizzazione offline_access da OpenId permissions e l’autorizzazione Files.ReadWrite.All da Files.
  4. Fai clic su Add permissions (Aggiungi autorizzazioni) per salvare gli aggiornamenti.

Creare una configurazione di importazione in blocco create-bulk-import-configuration

Esegui la procedura seguente per creare una configurazione di importazione in blocco in Experience Manager Assets:

  1. Clic Importazione in blocco nel riquadro a sinistra e fare clic su Crea importazione.

  2. Seleziona l’origine dati. Le opzioni disponibili includono Azure, AWS, Google Cloud, Dropbox e OneDrive.

  3. Specifica un nome per la configurazione dell’importazione in blocco nel campo Nome.

  4. Specifica le credenziali specifiche dell’origine dati, come indicato nei Prerequisiti.

  5. Immetti il nome della cartella principale che contiene le risorse nell’origine dati in Cartella di origine campo.

    note note
    NOTE
    Se utilizzi Dropbox come origine dati, specifica il percorso della cartella di origine in base alle regole seguenti:
    • Se durante la creazione dell’applicazione di Dropbox hai selezionato Full Dropbox (Dropbox completo), la cartella che contiene le risorse è già presente in https://www.dropbox.com/home/bulkimport-assets, quindi specifica bulkimport-assets nel campo Cartella di origine.
    • Se durante la creazione dell’applicazione di Dropbox hai selezionato App folder (Cartella app), la cartella che contiene le risorse è già presente in https://www.dropbox.com/home/Apps/BulkImportAppFolderScope/bulkimport-assets, quindi specifica bulkimport-assets nel campo Cartella di origine, dove BulkImportAppFolderScope fa riferimento al nome dell’applicazione. In questo caso, Apps viene aggiunto automaticamente dopo home.
  6. (Facoltativo) Seleziona l’opzione Elimina il file di origine dopo l’importazione per eliminare i file originali dall’archivio dati di origine dopo l’importazione in Experience Manager Assets.

  7. Seleziona la Modalità di importazione. Seleziona Ignora, Sostituisci o Crea versione. La modalità Ignora è l’impostazione predefinita e, in questa modalità, l’importazione di una risorsa viene ignorata se esiste già.
    Importa dettagli origine

  8. (Facoltativo) Specifica il file di metadati da importare, fornito in formato CSV, nel File metadati campo. Il file di origine dei metadati deve trovarsi nella cartella di origine. Clic Successivo per passare a Posizione e filtri.

  9. Per definire una posizione in DAM in cui importare le risorse utilizzando il campo Cartella risorse di destinazione, specifica un percorso. Esempio: /content/dam/imported_assets.

  10. (Facoltativo) Nella sezione Scegli filtri, specifica la dimensione minima in MB del file delle risorse da includere nel processo di acquisizione nel campo Filtra per dimensione min.

  11. (Facoltativo) Specifica la dimensione massima in MB del file delle risorse da includere nel processo di acquisizione del campo Filtra per dimensione max.

  12. (Facoltativo) Seleziona i tipi MIME da includere nel processo di acquisizione utilizzando il campo Includi tipo MIME. In questo campo è possibile selezionare più tipi MIME. Se non definisci un valore, tutti i tipi MIME vengono inclusi nel processo di acquisizione.

  13. (Facoltativo) Seleziona i tipi MIME da escludere dal processo di acquisizione utilizzando il campo Escludi tipo MIME. In questo campo è possibile selezionare più tipi MIME. Se non definisci un valore, tutti i tipi MIME vengono inclusi nel processo di acquisizione.

    Filtri di importazione in blocco

  14. Fai clic su Avanti. Selezionare una delle opzioni seguenti in base alle proprie preferenze:

    • Salva importazione per salvare la configurazione per ora in modo da poterla eseguire in un secondo momento.
    • Salva ed esegui importazione per salvare la configurazione ed eseguire l'importazione in blocco.
    • Salva e pianifica l’importazione per salvare la configurazione e pianificare l’importazione in blocco per un momento successivo. Puoi scegliere la frequenza dell’importazione in blocco e impostare la data e l’ora dell’importazione. L’importazione in blocco viene eseguita alla data e all’ora impostate nella frequenza selezionata.

    Esegui importazione in blocco

  15. Fai clic su Salva per eseguire l’opzione selezionata.

Gestione dei nomi dei file durante l’importazione in blocco filename-handling-bulkimport-assets-view

Quando importi risorse o cartelle in blocco, Experience Manager Assets importa l’intera struttura di ciò che esiste nell’origine di importazione. Experience Manager segue le regole predefinite per i caratteri speciali nei nomi delle risorse e delle cartelle; pertanto, questi nomi di file devono essere bonificati. Sia per il nome della cartella che per quello della risorsa, il titolo definito dall’utente rimane invariato e viene memorizzato in jcr:title.

Durante l’importazione in blocco, Experience Manager cerca le cartelle esistenti per evitare di reimportare le risorse e le cartelle e verifica inoltre le regole di bonifica applicate nella cartella principale in cui avviene l’importazione. Se le regole di bonifica vengono applicate nella cartella principale, le stesse regole vengono applicate all’origine di importazione. Per le nuove importazioni, per gestire i nomi file di risorse e cartelle vengono applicate le seguenti regole di bonifica.

Per ulteriori informazioni sui nomi non consentiti, sulla gestione dei nomi delle risorse e sulla gestione dei nomi delle cartelle durante l’importazione in blocco, consulta Gestione dei nomi dei file durante l’importazione in blocco nella vista Amministrazione.

Visualizzare le configurazioni di importazione in blocco esistenti view-import-configuration

Per visualizzare le importazioni in blocco esistenti, selezionare Importazioni in blocco nel riquadro a sinistra. Viene visualizzata la pagina Importazioni in blocco con l'elenco di Importazioni eseguite.

È inoltre possibile visualizzare Importazioni salvate e Importazioni pianificate dall’opzione a discesa.

Salvare la configurazione dell’importazione in blocco

Modificare la configurazione dell’importazione in blocco edit-import-configuration

Per modificare i dettagli della configurazione, fai clic su Icona Altro corrisponde al nome della configurazione e fai clic su Modifica. Durante l’operazione di modifica non è possibile modificare il titolo della configurazione e l’origine dati di importazione. Puoi modificare la configurazione dalle schede Importazioni eseguite, Importazioni pianificate e Importazioni salvate.

Modificare la configurazione dell’importazione in blocco

Pianificare importazioni una tantum o ricorrenti schedule-imports

Per pianificare un’importazione in blocco una tantum o ricorrente, effettua le seguenti operazioni:

  1. Clic Icona Altro corrispondente al nome di configurazione disponibile nella Importazioni eseguite o Importazioni salvate e fai clic su Pianificazione. Puoi anche riprogrammare un’importazione pianificata esistente: passa alla scheda Importazioni pianificate e fai clic su Pianifica.

  2. Imposta un’acquisizione una tantum o una pianificazione oraria, giornaliera o settimanale. Fai clic su Invia.

    Pianificare la configurazione dell’importazione in blocco

Verificare lo stato dell’importazione import-health-check

Per convalidare la connessione all'origine dati, fare clic su Icona Altro corrisponde al nome della configurazione, quindi fai clic su Verifica. Se la connessione ha esito positivo, Experience Manager Assets presenta il seguente messaggio:

Verifica dello stato dell’importazione in blocco

Eseguire un’esecuzione di prova prima di eseguire un’importazione dry-run-bulk-import

Clic Icona Altro corrisponde al nome della configurazione e fai clic su Dry Run per richiamare un’esecuzione dei test per il processo di importazione in blocco. In Experience Manager Assets vengono visualizzati i dettagli seguenti sul processo di importazione in blocco:

Verifica dello stato dell’importazione in blocco

Eseguire un’importazione in blocco run-bulk-import

Se hai salvato l’importazione durante la creazione della configurazione, puoi passare alla scheda Importazioni salvate e fare clic su Icona Altro corrispondente alla configurazione e fai clic su Esegui.

Allo stesso modo, se devi eseguire un’importazione già eseguita, passa alla scheda Importazioni eseguite, quindi fai clic su Icona Altro corrisponde al nome della configurazione e fai clic su Esegui.

Interrompere o pianificare un’importazione in corso schedule-stop-ongoing-report

Per pianificare o interrompere un’importazione in blocco in corso, puoi usare la finestra di dialogo sullo stato dell’importazione in blocco che viene visualizzata nella pagina home di Importazione in blocco durante un’importazione.

Importazione in corso

Puoi anche visualizzare le risorse importate nella cartella di destinazione, facendo clic su Visualizza risorse.

Eliminare una configurazione di importazione in blocco delete-bulk-import-configuration

Clic Icona Altro corrispondente al nome della configurazione esistente in Importazioni eseguite, Importazioni pianificate, o Importazioni salvate e fai clic su Elimina per eliminare la configurazione Importazione in blocco.

Passare alle risorse dopo l’importazione in blocco view-assets-after-bulk-import

Per visualizzare il percorso di destinazione delle risorse in cui vengono importate dopo l’esecuzione del processo di importazione in blocco, fai clic su Icona Altro corrisponde al nome della configurazione, quindi fai clic su Visualizza risorse.

Video: importare risorse in blocco tramite la vista Risorse

recommendation-more-help
fbcff2a9-b6fe-4574-b04a-21e75df764ab