[v7]{class="badge informative" title="Applicabile solo a Campaign Classic v7"}

Implementazione autonoma standalone-deployment

Questa configurazione include tutti i componenti dello stesso computer:

  • processo di applicazione (web),
  • processo di consegna (mta),
  • processo di reindirizzamento (tracciamento),
  • processo di workflow e operazioni pianificate (wfserver),
  • processo di mail non recapitate (inMail),
  • processo di statistica (stat).

La comunicazione generale tra i processi viene effettuata secondo il seguente schema:

Questo tipo di configurazione può essere eseguito quando si gestiscono elenchi con meno di 100.000 destinatari e con, ad esempio, i seguenti livelli software:

  • Linux
  • Apache
  • PostgreSQL
  • Qmail.

Con la crescita del volume, una variante di questa architettura sposta il server di database in un altro computer per migliorare le prestazioni.

NOTE
È inoltre possibile utilizzare un server di database esistente se dispone di risorse sufficienti.

Funzioni features

Vantaggi advantages

  • Completamente indipendente e a basso costo di configurazione (non sono richieste licenze fatturabili se viene utilizzato il software open-source elencato di seguito).
  • Installazione e configurazione di rete semplificate.

Svantaggi disadvantages

  • Computer critico in caso di problemi.
  • Larghezza di banda limitata durante la trasmissione dei messaggi (nella nostra esperienza, circa decine di migliaia di e-mail all'ora).
  • Potenziale rallentamento dell’applicazione durante la trasmissione.
  • Il server applicazioni deve essere disponibile dall'esterno (ad esempio nella zona demilitarizzata) in quanto ospita il server di reindirizzamento.

Passaggi per l’installazione e la configurazione installation-and-configuration-steps

Prerequisiti prerequisites

  • JDK

  • Server web (IIS, Apache),

  • Accesso a un server di database,

  • Cassetta postale di mancato recapito accessibile tramite POP3,

  • Creazione di due alias DNS:

    • la prima esposizione al pubblico per il tracciamento e il puntamento verso il computer sulla sua IP pubblica;
    • il secondo alias esposto agli utenti interni per l'accesso alla console e che punta allo stesso computer.
  • Firewall configurato per aprire SMTP (25), DNS (53), HTTP (80), HTTPS (443), SQL (1521 ad Oracle, 5432 per PostgreSQL, ecc.) porte. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione di rete.

Negli esempi seguenti, i parametri della variante sono:

  • Nome dell’istanza: demo
  • Maschera DNS: console.campaign.net* (solo per le connessioni alla console client e per i rapporti)
  • Database: campagna:demo@dbsrv

Installazione e configurazione (singolo computer) installing-and-configuring--single-machine-

Applica i seguenti passaggi:

  1. Segui la procedura di installazione per il server Adobe Campaign: nlserver pacchetto su Linux o setup.exe su Windows.

    Per ulteriori informazioni, consulta Prerequisiti per l’installazione di Campaign in Linux (Linux) Prerequisiti per l’installazione di Campaign in Windows (Windows)

  2. Una volta installato il server Adobe Campaign, avvia il server applicazioni (web) utilizzando il comando nlserver web -tomcat (il modulo Web consente di avviare Tomcat in modalità server Web standalone in ascolto sulla porta 8080) e di assicurarsi che Tomcat venga avviato correttamente:

    code language-none
    12:08:18 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
    12:08:18 >   Starting Web server module (pid=28505, tid=-1225184768)...
    12:08:18 >   Tomcat started
    12:08:18 >   Server started
    
    note note
    NOTE
    La prima volta che il modulo Web viene eseguito, crea config-default.xml e serverConf.xml file in conf nella cartella di installazione. Tutti i parametri disponibili in serverConf.xml sono elencati in questo sezione.

    Premi CTRL+C per arrestare il server.

    Per ulteriori informazioni, consulta le sezioni seguenti:

  3. Modificare il interno password tramite il comando:

    code language-none
    nlserver config -internalpassword
    

    Per ulteriori informazioni al riguardo, consulta questa sezione.

  4. Creare demo istanza con le maschere DNS per il tracciamento (in questo caso, tracking.campaign.net) e accedere alle console client (in questo caso, console.campaign.net). Esistono due modi per farlo:

    • Crea l’istanza tramite la console:

      Per ulteriori informazioni, consulta Creare un’istanza e accedere.

      o

    • Crea l’istanza utilizzando le righe di comando:

      code language-none
      nlserver config -addinstance:demo/tracking.campaign.net*,console.campaign.net*
      

      Per ulteriori informazioni, consulta Creazione di un’istanza.

  5. Modifica il config-demo.xml file (creato nel passaggio precedente accanto a config-default.xml) e assicurarsi che il mta (consegna), wfserver (workflow), inMail (messaggi non recapitati) e stat (statistiche) i processi sono abilitati. Quindi configura l’indirizzo del server delle statistiche:

    code language-none
    <?xml version='1.0'?>
    <serverconf>
      <shared>
        <!-- add lang="eng" to dataStore to force English for the instance -->
        <dataStore hosts="tracking.campaign.net*,console.campaign.net*">
          <mapping logical="*" physical="default"/>
        </dataStore>  </shared>
        <mta autoStart="true" statServerAddress="localhost"/>
        <wfserver autoStart="true"/>
        <inMail autoStart="true"/>
        <sms autoStart="false"/>
        <listProtect autoStart="false"/>
    </serverconf>
    

    Per ulteriori informazioni al riguardo, consulta questa sezione.

  6. Modifica il serverConf.xml file e specifica il dominio di consegna, quindi specifica gli indirizzi IP (o host) dei server DNS utilizzati dal modulo MTA per rispondere alle query DNS di tipo MX.

    code language-none
    <dnsConfig localDomain="campaign.com" nameServers="192.0.0.1, 192.0.0.2"/>
    
    note note
    NOTE
    Il nameServers Il parametro viene utilizzato solo in Windows.

    Per ulteriori informazioni, consulta Configurazione del server Campaign.

  7. Copia il programma di installazione della console client setup-client-7.XXX.exe al /datakit/nl/eng/jsp cartella. Ulteriori informazioni.

  8. Segui la procedura di integrazione del server web (IIS, Apache) descritta nelle sezioni seguenti:

  9. Avvia il sito web e testa il reindirizzamento utilizzando l’URL: https://tracking.campaign.net/r/test.

    Il browser deve visualizzare il seguente messaggio:

    code language-none
    <redir status="OK" date="AAAA/MM/JJ HH:MM:SS" build="XXXX" host="tracking.campaign.net" localHost="localhost"/>
    

    Per ulteriori informazioni, consulta le sezioni seguenti:

  10. Avvia il server Adobe Campaign (net start nlserver6 in Windows, /etc/init.d/nlserver6 start in Linux) ed eseguire il comando nlserver pdump ancora una volta per verificare la presenza di tutti i moduli abilitati.

    note note
    NOTE
    A partire dalla versione 20.1, si consiglia invece di utilizzare il seguente comando (per Linux): systemctl start nlserver
    code language-none
    12:09:54 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
    syslogd@default (7611) - 9.2 MB
    stat@demo (5988) - 1.5 MB
    inMail@demo (7830) - 11.9 MB
    watchdog (27369) - 3.1 MB
    mta@demo (7831) - 15.6 MB
    wfserver@demo (7832) - 11.5 MB
    web@default (28671) - 40.5 MB
    

    Questo comando consente inoltre di conoscere il numero di versione e di build del server Adobe Campaign installato nel computer.

  11. Testare nlserver web utilizzando l’URL: https://console.campaign.net/nl/jsp/logon.jsp

    Questo URL consente di accedere alla pagina di download per il programma di configurazione client.

    Inserisci il interno accesso e password associata quando si raggiunge la pagina di controllo degli accessi. Ulteriori informazioni.

  12. Avviare la console client di Adobe Campaign (dalla pagina di download precedente o avviata direttamente sul server per un'installazione di Windows), impostare l'URL della connessione al server su https://console.campaign.net e connettersi utilizzando interno accesso.

    Fai riferimento a questa pagina e questa sezione.

    La procedura guidata di creazione del database viene visualizzata quando si esegue il primo accesso:

    Segui i passaggi della procedura guidata e crea il database associato all’istanza di connessione.

    Per ulteriori informazioni, consulta Creazione e configurazione del database.

    Una volta creato il database, disconnettersi.

  13. Accedi di nuovo alla console client utilizzando admin accedi senza password e avvia la distribuzione guidata ( Tools > Advanced per completare la configurazione dell'istanza.

    Per ulteriori informazioni, consulta Distribuzione di un’istanza.

    I parametri principali da impostare sono i seguenti:

    • Email delivery: indirizzo del mittente e della risposta e cassetta postale di errore per la mail non recapitata.

    • Tracciamento: popola l’URL esterno utilizzato per il reindirizzamento e l’URL interno, fai clic su Registrazione sui server di tracciamento e quindi convalidarlo sulla scheda demo istanza del server di tracciamento.

      Per ulteriori informazioni, consulta Configurazione del tracciamento.

      Poiché il server Adobe Campaign viene utilizzato sia come server applicazioni che come server di reindirizzamento, l’URL interno utilizzato per raccogliere i registri di tracciamento e trasferire gli URL è una connessione interna diretta a Tomcat (https://localhost:8080).

    • Gestione delle e-mail non recapitate: immetti i parametri per gestire le e-mail non recapitate (non accettare il E-mail non recapitate non elaborate sezione in considerazione).

    • Accesso da: fornisci i due URL per i rapporti, i moduli web e le pagine mirror.

recommendation-more-help
601d79c3-e613-4db3-889a-ae959cd9e3e1