Configurare un evento unitario

Gli eventi unitari sono collegati a un profilo specifico. Possono essere basati su regole o generati dal sistema. Ulteriori informazioni sull'evento unitario questa sezione.

Di seguito sono riportati i primi passaggi per configurare un nuovo evento:

  1. Nella sezione del menu AMMINISTRAZIONE, seleziona Configurazioni. In Eventi sezione, fai clic su Gestisci. Viene visualizzato l’elenco degli eventi.

  2. Fai clic su Crea evento per creare un nuovo evento. Il riquadro di configurazione dell’evento si apre sul lato destro dello schermo.

  3. Inserisci il nome dell’evento. Puoi anche aggiungere una descrizione.

    NOTA

    Non utilizzare spazi o caratteri speciali. Non usare più di 30 caratteri.

  4. In Tipo campo, scegli Unitario.

  5. In Tipo ID evento seleziona il tipo di ID evento da utilizzare: Basato su regole o Sistema generato. Ulteriori informazioni sui tipi di ID evento in questa sezione.

  6. Il numero di percorsi che utilizzano questo evento viene visualizzato nella Utilizzato in campo . Puoi fare clic su Visualizza percorsi per visualizzare l’elenco dei percorsi che utilizzano questo evento.

  7. Definisci i campi dello schema e del payload: in questo punto è possibile selezionare le informazioni sull’evento (solitamente denominato payload) che i percorsi prevedono di ricevere. Potrai quindi utilizzare queste informazioni nel tuo percorso. Vedi questa sezione.

    NOTA

    Quando selezioni la Sistema generato sono disponibili solo gli schemi con il campo del tipo eventID. Quando selezioni la Basato su regole , tutti gli schemi Experience Event sono disponibili.

  8. Per gli eventi basati su regole, fai clic all’interno del Condizione ID evento campo . Utilizzando l’editor di espressioni semplici, definisci la condizione che verrà utilizzata dal sistema per identificare gli eventi che attiveranno il percorso.

    Nel nostro esempio, abbiamo scritto una condizione basata sulla città del profilo. Ciò significa che ogni volta che il sistema riceve un evento che corrisponde a questa condizione (Città campo e Parigi (Valore), lo trasmetterà ai percorsi.

    NOTA

    L’editor di espressioni avanzate non è disponibile quando si definisce il Condizione ID evento. Nell’editor di espressioni semplici, non tutti gli operatori sono disponibili, dipendono dal tipo di dati. Ad esempio, per un tipo di stringa di campo, è possibile utilizzare "contiene" o "uguale a".

  9. Aggiungi uno spazio dei nomi. Questo passaggio è facoltativo ma consigliato, poiché l’aggiunta di uno spazio dei nomi consente di sfruttare le informazioni memorizzate nel servizio Profilo cliente in tempo reale, definendo il tipo di chiave di cui dispone l’evento. Vedi questa sezione.

  10. Definisci l’identificatore del profilo: scegli un campo dai campi payload o definisci una formula per identificare la persona associata all’evento. Se selezioni uno spazio dei nomi, questa chiave viene impostata automaticamente, ma può essere comunque modificata. In effetti, percorsi seleziona la chiave che deve corrispondere allo spazio dei nomi (ad esempio, se selezioni uno spazio dei nomi e-mail, verrà selezionata la chiave e-mail). Vedi questa sezione.

  11. Fai clic su Salva.

    L’evento è ora configurato e pronto per essere rilasciato in un percorso. Per poter ricevere gli eventi sono necessari ulteriori passaggi di configurazione. Consulta questa pagina.

Definire i campi payload

La definizione del payload ti consente di scegliere le informazioni che il sistema prevede di ricevere dall’evento nel tuo percorso e la chiave per identificare quale persona è associata all’evento. Il payload si basa sulla definizione del campo XDM di Experience Cloud. Per ulteriori informazioni su XDM, consulta Documentazione di Adobe Experience Platform.

  1. Seleziona uno schema XDM dall’elenco e fai clic sul pulsante Campi o sul campo Modifica icona.

    Vengono visualizzati tutti i campi definiti nello schema. L’elenco dei campi varia da uno schema all’altro. È possibile cercare un campo specifico o utilizzare i filtri per visualizzare tutti i nodi e i campi o solo i campi selezionati. In base alla definizione dello schema, alcuni campi possono essere obbligatori e preselezionati. Non è possibile deselezionarli. Per impostazione predefinita, tutti i campi obbligatori affinché l’evento possa essere ricevuto correttamente dai percorsi sono selezionati.

    NOTA

    Per gli eventi generati dal sistema, assicurati di aver aggiunto il gruppo di campi "orchestrazione" allo schema XDM. Questo assicurerà che lo schema contenga tutte le informazioni necessarie con cui lavorare Journey Optimizer.

  2. Selezionare i campi che si prevede di ricevere dall’evento. Questi sono i campi che l'utente aziendale sfrutterà nel percorso. Devono inoltre includere la chiave che verrà utilizzata per identificare la persona associata all’evento (vedi questa sezione).

    NOTA

    Per gli eventi generati dal sistema, la variabile eventID viene aggiunto automaticamente nell’elenco dei campi selezionati in modo che Journey Optimizer può identificare l’evento. Il sistema che preme l’evento non deve generare un ID, ma deve utilizzare quello disponibile nell’anteprima del payload. Vedi questa sezione.

  3. Dopo aver selezionato i campi necessari, fai clic su Ok o premere Invio.

    Il numero di campi selezionati viene visualizzato nella sezione Campi campo .

Selezionare lo spazio dei nomi

Lo spazio dei nomi ti consente di definire il tipo di chiave utilizzata per identificare la persona associata all’evento. La configurazione è facoltativa. È necessario se desideri recuperare, nei tuoi percorsi, informazioni aggiuntive provenienti dalla Profilo cliente in tempo reale. La definizione dello spazio dei nomi non è necessaria se utilizzi solo dati provenienti da un sistema di terze parti tramite un’origine dati personalizzata.

È possibile utilizzare uno dei predefiniti oppure crearne uno nuovo utilizzando il servizio Namespace Identity. Fai riferimento a Documentazione di Adobe Experience Platform.

Se selezioni uno schema con un'identità principale, la Identificatore profiler e Namespace i campi sono precompilati. Se non è definita alcuna identità, selezioniamo identityMap > id come chiave primaria. Quindi devi selezionare uno spazio dei nomi e la chiave verrà precompilata (sotto la Namespace campo) utilizzando identityMap > id.

Durante la selezione dei campi, i campi di identità principali vengono contrassegnati con tag.

Seleziona uno spazio dei nomi dall’elenco a discesa.

È consentito un solo spazio dei nomi al percorso. Se utilizzi più eventi nello stesso percorso, devi utilizzare lo stesso namespace. Consulta questa pagina.

Definire l’identificatore del profilo

La chiave è il campo, o combinazione di campi, che fa parte dei dati di payload dell’evento e che consente al sistema di identificare la persona associata all’evento. La chiave può essere, ad esempio, l'ID Experience Cloud, un ID CRM o un indirizzo e-mail.

Per utilizzare i dati memorizzati nel database del profilo cliente in tempo reale di Adobe, la chiave evento deve essere costituita dalle informazioni definite come identità di un profilo nel Servizio Profilo cliente in tempo reale.

L’identificatore del profilo consente al sistema di eseguire la riconciliazione tra l’evento e il profilo del singolo utente. Se selezioni uno schema con un'identità principale, la Identificatore profilo e Namespace i campi sono precompilati. Se non è definita alcuna identità, la identityMap > id è la chiave primaria. Quindi devi selezionare uno spazio dei nomi e la chiave viene precompilata automaticamente utilizzando identityMap > id.

Durante la selezione dei campi, i campi di identità principali vengono contrassegnati con tag.

Se devi utilizzare una chiave diversa, ad esempio un ID CRM o un indirizzo e-mail, devi aggiungerla manualmente, come spiegato di seguito:

  1. Fai clic all’interno del Identificatore profilo o sull'icona della matita.

  2. Seleziona il campo scelto come chiave nell’elenco dei campi payload. Puoi anche passare all’editor di espressioni avanzate per creare chiavi più complesse (ad esempio, una concatenazione di due campi degli eventi).

Quando l’evento viene ricevuto, il valore della chiave consente al sistema di identificare la persona associata all’evento. Associato a uno spazio dei nomi (consulta questa sezione), può essere utilizzata per eseguire query su Adobe Experience Platform. Consulta questa pagina.
La chiave viene utilizzata anche per verificare che una persona si trovi in un percorso. Infatti, una persona non può trovarsi in due luoghi diversi nello stesso percorso. Di conseguenza, il sistema non consente che la stessa chiave, ad esempio la chiave CRMID=3224, si trovi in luoghi diversi nello stesso percorso.

Puoi anche accedere alle funzioni di espressione avanzate (Modalità avanzata) se desideri eseguire ulteriori manipolazioni. Queste funzioni consentono di manipolare i valori utilizzati per eseguire query specifiche, ad esempio la modifica dei formati, l’esecuzione di concatenazioni di campi, tenendo conto solo di una parte di un campo (ad esempio i 10 primi caratteri). Consulta questa pagina.

Anteprima del payload

L’anteprima del payload ti consente di convalidare la definizione del payload.

NOTA

Per gli eventi generati dal sistema, quando crei un evento, prima di visualizzare l’anteprima del payload, salva l’evento e riaprilo. Questo passaggio è necessario per generare un ID evento nel payload.

  1. Fai clic sul pulsante Visualizza payload per visualizzare in anteprima il payload previsto dal sistema.

    I campi selezionati vengono visualizzati.

  2. Seleziona l’anteprima per convalidare la definizione del payload.

  3. Quindi, puoi condividere l’anteprima del payload con la persona responsabile dell’invio dell’evento. Questo payload può aiutarli a progettare la configurazione di un evento che invia a Journey Optimizer. Consulta questa pagina.

In questa pagina