Gestione degli ambienti

Scopri i tipi di ambienti che puoi creare per il tuo progetto Cloud Manager e come farlo.

Tipi di ambienti

L’utente con le autorizzazioni necessarie può creare i seguenti tipi di ambienti (entro i limiti delle opzioni disponibili per il tenant specifico).

  • Produzione e staging: gli ambienti di produzione e staging sono disponibili in coppia e vengono utilizzati rispettivamente a scopi di produzione e test.

  • Sviluppo: è possibile creare un ambiente di sviluppo sia per scopi di sviluppo sia per scopi di test e associarlo solo a pipeline non di produzione.

Le funzionalità dei singoli ambienti dipendono dalle soluzioni abilitate nel programma.

NOTA

Gli ambienti di produzione e staging vengono creati solo in coppia. Non è possibile creare solo un ambiente di staging o solo un ambiente di produzione.

Aggiunta di un ambiente

  1. Accedi a Cloud Manager all’indirizzo my.cloudmanager.adobe.com e seleziona l’organizzazione appropriata.

  2. Fai clic sul programma al quale desideri aggiungere un ambiente.

  3. Per aggiungere un programma, dalla pagina Panoramica del programma, accedi alla scheda Ambienti e fai clic su Aggiungi ambiente.

    Scheda Ambienti

    • L’opzione Aggiungi ambiente è disponibile anche nella scheda Ambienti.

      Scheda Ambienti

    • L’opzione Aggiungi ambiente potrebbe essere disattivata per mancanza di autorizzazioni o a seconda delle risorse concesse in licenza.

  4. Nella finestra di dialogo Aggiungi ambiente che viene visualizzata:

    • Seleziona un Tipo di ambiente.
      • Il numero di ambienti disponibili/utilizzati viene visualizzato tra parentesi dopo il tipo di ambiente di sviluppo.
    • Fornisci un Nome ambiente.
    • Fornisci una Descrizione ambiente.
    • Seleziona un’Area geografica cloud.

    Finestra di dialogo Aggiungi ambiente

  5. Per aggiungere l’ambiente specificato, fai clic su Salva.

Ora il nuovo ambiente viene visualizzato nella schermata Panoramica della scheda Ambienti. Ora puoi configurare le pipeline per il nuovo ambiente.

Dettagli dell’ambiente

La scheda Ambienti nella pagina della panoramica consente di accedere ai dettagli di un ambiente in due modi.

  1. Dalla pagina Panoramica, fai clic sulla scheda Ambienti nella parte superiore della schermata.

    Scheda Ambienti

    • In alternativa, per passare direttamente alla scheda Ambienti, fai clic sul pulsante Mostra tutto nella scheda Ambienti.

      Opzione Mostra tutto

  2. La scheda Ambienti apre ed elenca tutti gli ambienti del programma.

    Scheda Ambienti

  3. Fai clic su un ambiente dell’elenco per visualizzarne i dettagli.

    Dettagli dell’ambiente

In alternativa, fai clic sul pulsante con i puntini di sospensione dell’ambiente desiderato, quindi seleziona Visualizza dettagli.

Visualizza dettagli ambiente

NOTA

Nella scheda Ambienti sono elencati solo tre ambienti. Per visualizzare tutti gli ambienti del programma, fai clic sul pulsante Mostra tutto come descritto in precedenza.

Accesso al servizio di anteprima

Cloud Manager fornisce un servizio di anteprima (fornito come servizio di pubblicazione aggiuntivo) per ogni ambiente di AEM as a Cloud Service.

Con il servizio puoi visualizzare in anteprima l’esperienza finale di un sito web prima di aggiungerla all’ambiente di pubblicazione effettivo e renderla disponibile agli utenti.

Al momento della creazione, al servizio di anteprima viene applicato un elenco IP consentiti predefinito, denominato Preview Default [<envId>], che blocca tutto il traffico verso il servizio. Per abilitare l’accesso, rimuovi l’elenco IP consentiti predefinito dal servizio di anteprima.

Servizio di anteprima e relativo elenco Consentiti

Per garantire l’accesso all’URL di anteprima, prima di condividerlo con uno dei team, l’utente con le autorizzazioni necessarie deve completare i passaggi delle opzioni riportate di seguito.

  1. Crea un elenco IP consentiti appropriato, applicalo al servizio di anteprima e rimuovi immediatamente l’elenco Consentiti Preview Default [<envId>].

  2. Rimuovi l’IP predefinito e aggiungi gli IP appropriati con il flusso di lavoro per l’aggiornamento dell’elenco IP consentiti. Per ulteriori informazioni, consulta Gestione degli elenchi IP consentiti.

Una volta sbloccato l’accesso al servizio di anteprima, l’icona a forma di lucchetto che precede il relativo nome non viene più visualizzata.

Dopo l’attivazione puoi pubblicare il contenuto nel servizio di anteprima tramite l’interfaccia utente Gestisci pubblicazione in AEM. Per ulteriori informazioni, consulta il documento Anteprima del contenuto.

NOTA

La versione dell’ambiente AEM deve essere 2021.05.5368.20210529T101701Z o successiva. Per eseguire l’operazione, assicurati che nell’ambiente sia stata eseguita correttamente una pipeline di aggiornamento.

Aggiornamento degli ambienti

Come servizio nativo per il cloud, Adobe gestisce automaticamente gli aggiornamenti degli ambienti di staging e produzione all’interno dei programmi di produzione.

Tuttavia, gli aggiornamenti degli ambienti di sviluppo e degli ambienti nei programmi sandbox vengono gestiti internamente ai programmi. Se in tale ambiente non è in esecuzione l’ultima versione di AEM disponibile pubblicamente, lo stato nella scheda Ambienti della schermata Panoramica del programma indica Aggiornamento disponibile.

Stato dell’aggiornamento dell’ambiente

Aggiornamenti e pipeline

Le pipeline sono l’unico modo per distribuire il codice negli ambienti di AEM as a Cloud Service. Per questo motivo, ogni pipeline è associata a una particolare versione di AEM.

Se Cloud Manager rileva che è disponibile una versione di AEM più recente rispetto all’ultima distribuita con la pipeline, viene visualizzato lo stato Aggiornamento disponibile per l’ambiente.

Il processo di aggiornamento è quindi articolato in due fasi:

  1. Aggiornamento della pipeline all’ultima versione di AEM
  2. Esecuzione della pipeline per distribuire la nuova versione di AEM in un ambiente

Aggiornamento degli ambienti

Per gli ambienti di sviluppo e gli ambienti nei programmi sandbox, facendo clic sul pulsante con i puntini di sospensione nella scheda Ambienti è disponibile l’opzione Aggiorna.

Opzione Aggiorna dalla scheda Ambienti

L’opzione è disponibile anche facendo clic sulla scheda Ambienti del programma e selezionando il pulsante con i puntini di sospensione corrispondente all’ambiente.

Opzione Aggiorna dalla scheda Ambienti

Con quest’opzione, l’utente con il ruolo Responsabile dell’implementazione può aggiornare alla versione di AEM più recente la pipeline associata a questo ambiente.

Dopo aver aggiornato la pipeline alla versione di AEM più recente disponibile al pubblico, viene richiesto di eseguire la pipeline associata per distribuire la suddetta versione nell’ambiente.

Richiesta di esecuzione della pipeline per aggiornare l’ambiente

Il comportamento dell’opzione Aggiorna varia a seconda della configurazione e dello stato corrente del programma.

  • Se la pipeline è già stata aggiornata, l’opzione Aggiorna richiede all’utente di eseguire la pipeline.
  • Se l’aggiornamento della pipeline è già in corso, l’opzione Aggiorna informa l’utente circa la presenza di un aggiornamento in corso.
  • Se non esiste una pipeline appropriata, l’opzione Aggiorna richiede all’utente di crearne una.

Eliminazione degli ambienti di sviluppo

L’utente con le autorizzazioni necessarie può eliminare un ambiente di sviluppo.

Dalla schermata Panoramica del programma, accedi alla scheda Ambienti e fai clic sul pulsante con i puntini di sospensione corrispondente all’ambiente che desideri eliminare.

Opzione Elimina

L’opzione Elimina è disponibile anche dalla scheda Ambienti della finestra Panoramica del programma. Fai clic sul pulsante con i puntini di sospensione corrispondente all’ambiente e seleziona Elimina.

Opzione Elimina dalla scheda Ambienti

NOTA
  • Non è possibile eliminare gli ambienti di produzione e di staging creati in un programma di produzione.
  • È possibile eliminare gli ambienti di produzione e di staging contenuti in un programma sandbox.

Gestione dell’accesso

Dal menu con i puntini di sospensione dell’ambiente nella scheda Ambienti, seleziona Gestisci accesso. Puoi accedere direttamente all’istanza di authoring e gestire l’accesso all’ambiente.

Opzione Gestisci accesso

Accesso a Console sviluppatori

Dal menu con i puntini di sospensione dell’ambiente nella scheda Ambienti, seleziona Console sviluppatori. Si apre una nuova scheda nel browser con la pagina di accesso a Console sviluppatori.

Solo gli utenti con il ruolo Sviluppatore possono accedere a Console sviluppatori. Tuttavia, per i programmi sandbox, tutti gli utenti con accesso al programma sandbox hanno accesso a Console sviluppatori.

Per ulteriori informazioni, consulta il documento Sospensione e riattivazione degli ambienti sandbox.

Questa opzione è disponibile anche nella scheda Ambiente della finestra Panoramica, facendo clic sul menu con i puntini di sospensione dell’ambiente di interesse.

Accesso locale

Per accedere a Adobe Experience Manager a livello locale, fai clic sul menu con i puntini di sospensione dell’ambiente nella scheda Ambienti e seleziona Accesso locale.

Accesso locale

È possibile accedere a livello locale anche dalla scheda Ambienti della pagina Panoramica.

Accesso locale dalla scheda Ambienti

Gestione dei nomi di dominio personalizzati

I nomi di dominio personalizzati sono supportati in Cloud Manager per i programmi Sites, sia per i servizi di pubblicazione sia per quelli di anteprima. Ogni ambiente di Cloud Manager può ospitare fino a un massimo di 250 domini personalizzati.

Per configurare i nomi di dominio personalizzati, accedi alla scheda Ambienti e fai clic su un ambiente per visualizzare i relativi dettagli.

Dettagli dell’ambiente

Nell’ambito del servizio di pubblicazione dell’ambiente, è possibile eseguire le azioni indicate di seguito.

Gestione degli elenchi IP consentiti

Gli elenchi IP consentiti sono supportati in Cloud Manager per i servizi di Author, Publish e anteprima dei programmi Sites.

Per gestire gli elenchi IP consentiti, accedi alla scheda Ambienti della pagina Panoramica del programma. Fai clic su un ambiente per gestire i relativi dettagli.

Applicazione di un elenco IP consentiti

Applicando un elenco IP consentiti, tutti gli intervalli IP inclusi nella definizione dell’elenco vengono associati a un servizio Author o Publish in un ambiente. Per applicare un elenco IP consentiti, l’utente con il ruolo Proprietario business o Responsabile dell’implementazione deve aver effettuato l’accesso.

Per poter applicare l’elenco IP consentiti a un ambiente, l’elenco deve esistere in Cloud Manager. Per ulteriori informazioni sugli elenchi IP consentiti in Cloud Manager, consulta il documento Introduzione agli elenchi IP consentiti in Cloud Manager.

Per applicare un elenco IP consentiti, segui la procedura riportata di seguito.

  1. Dalla scheda Ambienti della schermata Panoramica del programma, accedi all’ambiente specifico e seleziona la tabella Elenco IP consentiti.
  2. Seleziona l’elenco IP consentiti e il servizio Author o Publish che desideri applicare con i campi di immissione nella parte superiore della tabella Elenco IP consentiti.
  3. Fai clic su Applica e conferma quanto inserito.

Rimozione di un elenco IP consentiti

Rimuovendo un elenco IP consentiti, tutti gli intervalli IP inclusi nella definizione dell’elenco vengono rimossi da un servizio Author o Publish in un ambiente. Per rimuovere un elenco IP consentiti, l’utente con il ruolo Proprietario business o Responsabile dell’implementazione deve aver effettuato l’accesso.

Per rimuovere un elenco IP consentiti, segui la procedura riportata di seguito.

  1. Dalla scheda Ambienti della schermata Panoramica del programma, accedi all’ambiente specifico e seleziona la tabella Elenco IP consentiti.
  2. Individua la riga corrispondente alla regola dell’elenco IP consentiti che desideri rimuovere.
  3. Seleziona il pulsante con i puntini di sospensione alla fine della riga.
  4. Seleziona Annulla applicazione e conferma quanto inserito.

In questa pagina