Configurazione di contenuti multimediali dinamici - Modalità Scene7

Se utilizzate la configurazione di Adobe Experience Manager per ambienti diversi, ad esempio uno per lo sviluppo, uno per l’area di visualizzazione e uno per la produzione live, è necessario configurare Cloud Services di contenuti multimediali dinamici per ciascuno di questi ambienti.

Diagramma dell'architettura Dynamic Media - Modalità Scene7

Nel diagramma di architettura seguente viene descritto il funzionamento della modalità Dynamic Media - Scene7.

Con la nuova architettura, AEM è responsabile delle risorse di origine primaria e delle sincronizzazioni con Dynamic Media per l’elaborazione e la pubblicazione delle risorse:

  1. Quando la risorsa di origine principale viene caricata in AEM, viene replicata in Contenuti multimediali dinamici. A questo punto, Dynamic Media gestisce l’elaborazione e la generazione di rappresentazioni di tutte le risorse, ad esempio la codifica video e le varianti dinamiche di un’immagine.
  2. Una volta generate le rappresentazioni, AEM accedere e visualizzare in modo sicuro le rappresentazioni remote per file multimediali dinamici (non vengono inviati nuovamente i file binari all’istanza AEM).
  3. Quando il contenuto è pronto per essere pubblicato e approvato, attiva il servizio Contenuti multimediali dinamici per inviare contenuti ai server di distribuzione e memorizzare il contenuto nella cache del CDN.

chlimage_1-550

Abilitazione di Dynamic Media in modalità Scene7

Per impostazione predefinita, i contenuti multimediali dinamici sono disattivati. Per sfruttare le funzioni per contenuti multimediali dinamici, è necessario attivarle.

NOTA

Contenuti multimediali dinamici - La modalità Scene7 è destinata solo all’istanza di AEM Author. Di conseguenza, devi configurare runmode=dynamicmedia_scene7 nell'istanza di AEM Author, non l'istanza di AEM Publish.

Per abilitare i contenuti multimediali dinamici, è necessario avviare AEM utilizzando la modalità di esecuzione dynamicmedia_scene7 dalla riga di comando immettendo quanto segue in una finestra terminale (la porta di esempio utilizzata è 4502):

java -Xms4096m -Xmx4096m -Doak.queryLimitInMemory=500000 -Doak.queryLimitReads=500000 -jar cq-quickstart-6.5.0.jar -gui -r author,dynamicmedia_scene7 -p 4502

(Facoltativo) Migrazione di predefiniti e configurazioni per contenuti multimediali dinamici da 6.3 a 6.5 Zero Downtime

Se state effettuando l'aggiornamento AEM Contenuti multimediali dinamici dalla versione 6.3 alla versione 6.4 o 6.5 (che ora include la possibilità di eseguire senza tempi di inattività), dovete eseguire il seguente comando curl per migrare tutti i predefiniti e le configurazioni da /etc a /conf in CRXDE Lite.

NOTA

Se eseguite l'istanza AEM in modalità di compatibilità, ovvero se avete installato il pacchetto di compatibilità, non è necessario eseguire questi comandi.

Per tutti gli aggiornamenti, con o senza il pacchetto di compatibilità, potete copiare i predefiniti per visualizzatori predefiniti forniti originariamente con Dynamic Media, eseguendo il seguente comando curl di Linux:

curl -u admin:admin -X POST https://<server_address>:<server_port>/libs/settings/dam/dm/presets/viewer.pushviewerpresets.json

Per migrare eventuali predefiniti e configurazioni di visualizzatore personalizzati creati da /etc a /conf, eseguite il seguente comando curl Linux:

curl -u admin:admin -X POST https://<server_address>:<server_port>/libs/settings/dam/dm/presets.migratedmcontent.json

Installazione del feature pack 18912 per la migrazione di massa delle risorse

L'installazione del feature pack 18912 è opzionale.

Il Feature Pack 18912 consente di caricare le risorse in blocco tramite FTP, oppure di migrare le risorse dalla modalità Dynamic Media - Hybrid o Dynamic Media Classic alla modalità Dynamic Media - Scene7 in AEM. È disponibile da Adobe Professional Services.

Per ulteriori informazioni, consultate Installazione del feature pack 18912 per la migrazione di massa delle risorse.

Creazione di una configurazione per contenuti multimediali dinamici in Cloud Services

Prima di configurare l’elemento multimediale dinamico: dopo aver ricevuto l’e-mail di provisioning con le credenziali per l’elemento multimediale dinamico, è necessario accedere a Dynamic Media Classic per modificare la password. La password fornita nel messaggio e-mail di provisioning è generata dal sistema e deve essere solo una password temporanea. È importante aggiornare la password in modo che il Cloud Service di contenuti multimediali dinamici sia configurato con le credenziali corrette.

dynamicmediaconfiguration2updated

Per creare una configurazione per contenuti multimediali dinamici negli Cloud Services

  1. In AEM, toccate il logo AEM per accedere alla console di navigazione globale e toccate l'icona Strumenti, quindi toccate Cloud Services > Configurazione elemento multimediale dinamico.

  2. Nella pagina del Browser configurazioni Dynamic Media, seleziona il riquadro a sinistra e tocca global (globale) (non toccare o selezionare l’icona della cartella a sinistra di global), quindi tocca Crea.

  3. Nella pagina Crea configurazione elemento multimediale dinamico, immetti un titolo, l'indirizzo e-mail dell'account elemento multimediale dinamico, la password, quindi seleziona la tua area geografica. Questi vengono forniti Adobe nel messaggio e-mail di provisioning. Se non avete ricevuto questa richiesta, contattate l'assistenza.

    Fare clic su Connetti a elemento multimediale dinamico.

    NOTA

    Dopo aver ricevuto l'e-mail di provisioning con le credenziali per i contenuti multimediali dinamici, accedete a Dynamic Media Classic per cambiare la password. La password fornita nel messaggio e-mail di provisioning è generata dal sistema e deve essere solo una password temporanea. È importante aggiornare la password in modo che il servizio Dynamic Media Cloud sia configurato con le credenziali corrette.

  4. Quando la connessione ha esito positivo, impostate quanto segue. Le intestazioni con un asterisco (*) sono obbligatorie:

    • Company - il nome dell'account Dynamic Media. È possibile che si disponga di più account Dynamic Media per diversi marchi secondari, divisioni o diversi ambienti di produzione/staging.

    • Percorso cartella principale della società

    • Risorse di pubblicazione: potete scegliere tra le tre opzioni seguenti:

      • In modo immediato, quando le risorse vengono caricate, il sistema le acquisisce e fornisce l’URL/incorpora immediatamente. Non è necessario alcun intervento da parte degli utenti per pubblicare le risorse.
      • Al momento dell’ attivazione, è necessario pubblicare la risorsa in modo esplicito prima di fornire un collegamento URL/Incorpora.
      • ​Pubblicazione selettivaQuesta opzione consente di controllare le cartelle pubblicate in Contenuti multimediali dinamici in modo da poter utilizzare funzioni quali SmartCrop o rappresentazioni dinamiche o, quali cartelle vengono pubblicate esclusivamente in AEM per la visualizzazione dell’anteprima; la stessa risorsa ** non viene pubblicata in Contenuti multimediali dinamici per la distribuzione nel dominio pubblico.
        Puoi impostare questa opzione in Dynamic Media Cloud Configurationo, se preferisci, puoi scegliere di impostare questa opzione a livello di cartella, in Proprietà di una cartella.
        Consultate Utilizzo della pubblicazione selettiva nei file multimediali dinamici.
        Se successivamente modificate questa configurazione o la modificate a livello di cartella, tali modifiche interesseranno solo le nuove risorse che caricate da quel momento in poi. Lo stato di pubblicazione delle risorse esistenti nella cartella rimane invariato finché non vengono modificate manualmente dalla finestra di dialogo Pubblicazione rapida o Gestisci pubblicazione.
    • Secure Preview Server : consente di specificare il percorso URL del server di anteprima delle rappresentazioni protette. In altre parole, dopo la generazione delle rappresentazioni, AEM accedere e visualizzare in modo sicuro le rappresentazioni per contenuti multimediali dinamici remoti (nessun file binario viene inviato nuovamente all’istanza AEM).
      A meno che non disponiate di una disposizione speciale per utilizzare il server della vostra società o un server speciale, Adobe Systems consiglia di lasciare questa impostazione come specificato.

    • Sincronizza tutto il contenuto - Selezionato per impostazione predefinita. Deselezionate questa opzione se desiderate includere o escludere selettivamente le risorse dalla sincronizzazione a elementi multimediali dinamici. Deselezionando questa opzione, potete scegliere tra le due seguenti modalità di sincronizzazione per elementi multimediali dinamici:

    • Modalità di sincronizzazione elementi Dynamic Media

      • Abilitata per impostazione predefinita : la configurazione viene applicata a tutte le cartelle per impostazione predefinita, a meno che non venga contrassegnata una cartella specifica per l'esclusione.
      • Disabilitata per impostazione predefinita : la configurazione non viene applicata ad alcuna cartella finché non si contrassegna in modo esplicito una cartella selezionata per la sincronizzazione con gli elementi multimediali dinamici.
        Per contrassegnare una cartella selezionata per la sincronizzazione con gli elementi multimediali dinamici, selezionate una cartella di risorse, quindi fate clic su Proprietà sulla barra degli strumenti. Nella ​scheda Dettagli, nell’elenco a discesa della modalità di sincronizzazione per file multimediali dinamici, scegliete una delle tre opzioni seguenti. Al termine, toccate Salva. Ricorda: queste tre opzioni non sono disponibili se avete selezionato Sincronizza tutto il​contenuto in precedenza. Consultate anche Utilizzo della pubblicazione selettiva a livello di cartella in Contenuti multimediali dinamici.
        • Ereditato : nessun valore di sincronizzazione esplicito sulla cartella; invece, la cartella eredita il valore di sincronizzazione da una delle cartelle antenate o dalla modalità predefinita nella configurazione cloud. Lo stato dettagliato per le presentazioni ereditate viene visualizzato tramite una descrizione comandi.
        • Abilita per le sottocartelle - Includi tutto ciò che si trova in questo sottoalbero per la sincronizzazione con gli elementi multimediali dinamici. Le impostazioni specifiche per la cartella sostituiscono la modalità predefinita nella configurazione cloud.
        • Disattivato per le sottocartelle - Escludete tutti gli elementi presenti in questa sottostruttura dalla sincronizzazione a Contenuti multimediali dinamici.
    NOTA

    Non è supportato il controllo delle versioni in DMS7. Inoltre, l’attivazione ritardata si applica solo se l’opzione Pubblica risorse della pagina Modifica configurazione Dynamic Media è impostata su All’attivazione e soltanto fino alla prima attivazione della risorsa.

    Dopo l’attivazione di una risorsa, tutti gli aggiornamenti vengono immediatamente pubblicati in diretta su S7 Delivery.

  5. Toccate Salva.

  6. Per visualizzare in modo sicuro l’anteprima del contenuto multimediale dinamico prima di pubblicarlo, è necessario " " l’istanza di autore AEM per collegarsi a Contenuti multimediali dinamici:

    • Accedete al vostro account Dynamic Media Classic: https://www.adobe.com/marketing-cloud/experience-manager/scene7-login.html. Le credenziali e l'accesso sono stati forniti Adobe al momento del provisioning. Se non disponete di tali informazioni, contattate il supporto tecnico.

    • Nella barra di navigazione in alto a destra della pagina, fate clic su Configurazione > Impostazione applicazione > Impostazione pubblicazione > Server immagini.

    • Nella pagina Pubblica su Image Server, nell’elenco a discesa Contesto pubblicazione, selezionate Test Image Server.

    • Per Filtro indirizzi client, toccare Aggiungi.

    • Selezionate la casella di controllo per attivare l'indirizzo, quindi immettete l'indirizzo IP dell'istanza di AEM Author (non l'IP del dispatcher).

    • Fai clic su Salva.

Ora hai finito con la configurazione di base; è possibile utilizzare la modalità Dynamic Media - Scene7.

Se desiderate personalizzare ulteriormente la configurazione, potete eventualmente completare una qualsiasi delle attività in (Facoltativo) Configurazione delle impostazioni avanzate in Dynamic Media - Scene7 mode.

(Facoltativo) Configurazione delle impostazioni avanzate in Dynamic Media - Modalità Scene7

Per personalizzare ulteriormente la configurazione e l'impostazione di Dynamic Media - Modalità Scene7 o ottimizzarne le prestazioni, è possibile completare una o più delle seguenti attività facoltative:

(Facoltativo) Configurazione e configurazione di Dynamic Media - Impostazioni modalità Scene7

Quando siete in modalità di esecuzione dynamicmedia_scene7, utilizzate l'interfaccia utente di Dynamic Media Classic (Scene7) per apportare modifiche alle impostazioni di Dynamic Media.

Per alcune delle attività di cui sopra è necessario accedere a Dynamic Media Classic (Scene7), effettuare le seguenti operazioni: https://www.adobe.com/marketing-cloud/experience-manager/scene7-login.html

Le attività di configurazione e configurazione includono:

Configurazione pubblicazione per Image Server

Le impostazioni Impostazione pubblicazione specificano il modo in cui le risorse vengono distribuite per impostazione predefinita dai file multimediali dinamici. Se non viene specificata alcuna impostazione, Dynamic Media distribuisce una risorsa in base alle impostazioni predefinite definite in Impostazione pubblicazione. Ad esempio, una richiesta di invio di un'immagine che non include un attributo di risoluzione produce un'immagine con l'impostazione Risoluzione oggetto predefinita.

Per configurare Impostazione pubblicazione: in Dynamic Media Classic fate clic su Configurazione > Impostazione applicazione > Impostazione pubblicazione > Image Server.

La schermata Server immagini stabilisce le impostazioni predefinite per la distribuzione delle immagini. Consultate la schermata dell’interfaccia utente per una descrizione di ciascuna impostazione.

  • Attributi richiesta - Queste impostazioni impongono limiti alle immagini che possono essere distribuite dal server.
  • Attributi richiesta predefiniti: queste impostazioni interessano l'aspetto predefinito delle immagini.
  • Attributi comuni delle miniature: queste impostazioni interessano l’aspetto predefinito delle miniature.
  • Valori predefiniti per i campi catalogo: queste impostazioni interessano la risoluzione e il tipo predefinito di miniatura delle immagini.
  • Attributi di gestione del colore: queste impostazioni determinano quali profili colore ICC vengono utilizzati.
  • Attributi di compatibilità: questa impostazione consente ai paragrafi iniziali e finali nei livelli di testo di essere trattati come nella versione 3.6 per garantire la compatibilità con le versioni precedenti.
  • Supporto per la localizzazione: queste impostazioni consentono di gestire più attributi della lingua. Consente inoltre di specificare una stringa di mappa lingua in modo da definire le lingue da supportare per le varie descrizioni comandi nei visualizzatori. Per ulteriori informazioni sull'impostazione di [Supporto per la localizzazione], vedere Considerazioni per l'impostazione della localizzazione delle risorse.

Configurazione delle impostazioni generali dell'applicazione

Per aprire la pagina Impostazioni generali applicazione, nella barra di navigazione globale di Dynamic Media Classic fate clic su Configurazione > Impostazione applicazione > Impostazioni generali.

Server - Al provisioning dell'account, Dynamic Media fornisce automaticamente i server assegnati alla società. Questi server vengono utilizzati per creare stringhe URL per il sito Web e le applicazioni. Queste chiamate URL sono specifiche per il vostro account. Non modificate i nomi dei server, a meno che non sia espressamente richiesto dal supporto AEM.

Sovrascrivi immagini - Contenuti multimediali dinamici non consentono a due file di avere lo stesso nome. L’ID URL di ogni elemento (il nome del file senza l’estensione) deve essere univoco. Queste opzioni specificano la modalità di caricamento delle risorse sostitutive: se sostituiscono l’originale o diventano duplicati. Le risorse duplicate vengono rinominate con il suffisso "-1" (ad esempio, sedia.tif viene rinominato sedia-1.tif). Queste opzioni interessano le risorse caricate in una cartella diversa dall’originale o le risorse con un’estensione file diversa dall’originale (ad esempio, JPG, TIF o PNG).

  • Sovrascrivi in cartella corrente, nome/estensione stessa immagine base: questa opzione rappresenta la regola di sostituzione più restrittiva. Richiede che l’immagine sostitutiva venga caricata nella stessa cartella dell’originale e che abbia la stessa estensione del nome file dell’originale. Se questi requisiti non sono soddisfatti, viene creato un duplicato.
NOTA

Per mantenere la coerenza con AEM, scegliete sempre questa impostazione: Sovrascrivi nella cartella corrente, nome/estensione della stessa immagine base

  • Sovrascrivi in qualsiasi cartella, nome/estensione della risorsa base - Richiede che l’immagine sostitutiva abbia la stessa estensione del nome file dell’immagine originale (ad esempio, sedia.jpg deve sostituire sedia.jpg, non sedia.tif). Tuttavia, potete caricare l’immagine sostitutiva in una cartella diversa da quella dell’originale. L’immagine aggiornata si trova nella nuova cartella; il file non può più essere trovato nella posizione originale
  • Sovrascrivi in qualsiasi cartella, nome della stessa risorsa di base, indipendentemente dall’estensione . Questa opzione è la regola di sostituzione più inclusiva. Potete caricare un’immagine sostitutiva in una cartella diversa da quella dell’originale, caricare un file con un’estensione diversa e sostituire il file originale. Se il file originale si trova in un’altra cartella, l’immagine sostitutiva si trova nella nuova cartella in cui è stata caricata.

Profili colore predefiniti - Per ulteriori informazioni, consultate Configurazione della gestione del colore.

NOTA

Per impostazione predefinita, il sistema mostra 15 rappresentazioni quando selezioni Rappresentazioni e 15 predefiniti visualizzatore quando fai clic su Visualizzatori nella vista Dettaglio della risorsa. Puoi aumentare questo limite. Consultate Incremento del numero di predefiniti per immagini che visualizzano o Aumento del numero di predefiniti per visualizzatori che vengono visualizzati.

Configurazione della gestione del colore

La gestione dinamica del colore dei contenuti multimediali consente di colorare le risorse corrette. Con la correzione del colore, le risorse inserite mantengono lo spazio colore (RGB, CMYK, Grigio) e il profilo colore incorporato. Quando si richiede una rappresentazione dinamica, il colore dell'immagine viene corretto nello spazio colore di destinazione utilizzando l'output CMYK, RGB o Grigio. Consultate Configurazione dei predefiniti per immagini.

Per configurare le proprietà colore predefinite per attivare la correzione colore durante la richiesta delle immagini:

  1. Effettuate l'accesso a Dynamic Media Classicmediante le credenziali fornite durante il provisioning. Passare a Configurazione > Impostazione applicazione.

  2. Espandi l’area Publish Setup (Impostazione pubblicazione) e seleziona Image Server. Per le istanze di pubblicazione, imposta Contesto di pubblicazione su Image Server.

  3. Scorrete fino alla proprietà da modificare, ad esempio una proprietà nell'area Attributi di gestione del colore.

    Potete impostare le seguenti proprietà di correzione del colore:

    • Spazio colore predefinito CMYK - Nome del profilo colore CMYK predefinito
    • Scala di grigio Spazio colore predefinito - Nome del profilo colore grigio predefinito
    • Spazio colore predefinito RGB - Nome del profilo colore RGB predefinito
    • Intento di rendering conversione colore - Specifica l'intento di rendering. I valori accettabili sono: percettivo, colometrico relativo, saturazione, colometrico assoluto. Adobe consiglia ​i parenti come impostazione predefinita.
  4. Toccate Salva.

Ad esempio, puoi impostare Spazio colore predefinito RGB su sRGB e Spazio colore predefinito CMYK su WebCoated.

In questo modo si effettua quanto segue:

  • Attiva la correzione del colore per le immagini RGB e CMYK.
  • Si presume che le immagini RGB che non hanno un profilo colore siano nello spazio colore sRGB.
  • Si presume che le immagini CMYK che non hanno un profilo colore siano nello spazio colore WebCoated.
  • Le rappresentazioni dinamiche che restituiscono l'output RGB, lo restituiranno nello spazio colore *sRGB *s.
  • Rappresentazioni dinamiche che restituiscono l'output CMYK, lo restituiranno nello spazio colore WebCoated.

Modifica dei tipi MIME per i formati supportati

Potete definire i tipi di risorse che devono essere elaborati da Dynamic Media e personalizzare i parametri di elaborazione avanzati delle risorse. Ad esempio, potete specificare i parametri di elaborazione delle risorse per effettuare le seguenti operazioni:

  • Convertite un Adobe PDF in una risorsa eCatalog.
  • Convertite un documento Adobe Photoshop (.PSD) in una risorsa modello banner per la personalizzazione.
  • Rasterizzare un file Adobe Illustrator (.AI) o un file Encapsulated Postscript di Adobe Photoshop (.EPS).
  • I profili video e i profili immagine possono essere utilizzati rispettivamente per definire l’elaborazione di video e immagini.

Consulta Caricamento delle risorse.

Per modificare i tipi MIME per i formati supportati

  1. In AEM, fare clic sul logo AEM per accedere alla console di navigazione globale, quindi fare clic su Strumenti > Generale > CRXDE Lite.

  2. Nella barra a sinistra, andate a:

    /conf/global/settings/cloudconfigs/dmscene7/jcr:content/mimeTypes

    mimetypes

  3. Sotto la cartella mimeTypes, selezionate un tipo mime.

  4. Sul lato destro della pagina CRXDE Lite, nella parte inferiore:

    • fare doppio clic sul campo enabled. Per impostazione predefinita, tutti i tipi di mime delle risorse sono attivati (impostati su true), il che significa che le risorse verranno sincronizzate su Contenuti multimediali dinamici per l’elaborazione. Se desiderate escludere l'elaborazione di questo tipo di mime della risorsa, modificate questa impostazione in false.

    • fare doppio clic su jobParam per aprire il relativo campo di testo associato. Consultate Tipi mime supportati per un elenco dei valori di parametro di elaborazione consentiti che potete utilizzare per un determinato tipo mime.

  5. Effettua una delle operazioni seguenti:

    • Ripetete i passaggi da 3 a 4 per modificare altri tipi di mime.
    • Nella barra dei menu della pagina dei CRXDE Lite, fare clic su Salva tutto.
  6. Nell'angolo superiore sinistro della pagina, toccare CRXDE Lite per tornare alla AEM.

Aggiunta di tipi MIME per i formati non supportati

All’interno di AEM Assets puoi aggiungere tipi MIME personalizzati per i formati non supportati. Per assicurarti che AEM non elimini eventuali nuovi nodi che aggiungi in CRXDE Lite, devi accertarti di spostare il tipo MIME prima di image_ e che il suo valore abilitato sia impostato su false.

Aggiunta di tipi MIME per i formati non supportati

  1. Da AEM, toccare Strumenti > Operazioni > Console Web.

    2019-08-02_16-13-14

  2. Viene visualizzata una nuova scheda del browser nella pagina Configurazione della console Web Adobe Experience Manager.

    2019-08-02_16-17-29

  3. Nella pagina, scorri verso il basso fino al nome Adobe CQ Scene7 Asset MIME type Service, come illustrato nella schermata successiva. A destra del nome, tocca Modifica i valori di configurazione (icona a forma di matita).

    2019-08-02_16-44-56

  4. Nella pagina Adobe CQ Scene7 Asset MIME type Service fare clic sull'icona con il segno più <+>. La posizione nella tabella in cui si fa clic sul segno più per aggiungere il nuovo tipo mime è insignificante.

    2019-08-02_16-27-27

  5. Digitare DWG=image/vnd.dwg nel campo di testo vuoto appena aggiunto.

    L'esempio DWG=image/vnd.dwg è solo a scopo illustrativo. Il tipo MIME aggiunto qui può essere qualsiasi altro formato non supportato.

    2019-08-02_16-36-36

  6. Nell'angolo inferiore destro della pagina, toccare Salva.

    A questo punto, è possibile chiudere la scheda del browser con la pagina di configurazione della console Web di Adobe Experience Manager aperta.

  7. Tornate alla scheda del browser con la console AEM aperta.

  8. Da AEM, toccare Strumenti > Generale > CRXDE Lite.

    2019-08-02_16-55-41

  9. Nella barra a sinistra, andate a:

    conf/global/settings/cloudconfigs/dmscene7/jcr:content/mimeTypes

  10. Trascinate il tipo mime image_vnd.dwg e rilasciatelo direttamente sopra image_ nella struttura ad albero, come mostrato nella schermata seguente.

    crxdelite_cqdoc-14627

  11. Con il tipo mime image_vnd.dwg ancora selezionato, nella scheda Proprietà della riga abilitata, seleziona l’intestazione della colonna Valore e fai doppio clic sul valore per aprire l’elenco a discesa Valore.

  12. Digitare false nel campo (oppure selezionare false dall'elenco a discesa).

    2019-08-02_16-60-30

  13. Nell'angolo superiore sinistro della pagina dei CRXDE Lite, fare clic su Salva tutto.

Creazione di predefiniti per set di batch per generare automaticamente set di immagini e set 360 gradi

Usate i predefiniti per set di batch per automatizzare la creazione di set di immagini o set 360 gradi durante il caricamento delle risorse su elementi multimediali dinamici.

In primo luogo, definite la convenzione di denominazione in base alla quale le risorse devono essere raggruppate in un set. Potete quindi creare un predefinito per set di batch con un nome univoco e un set autonomo di istruzioni che definisca come creare il set utilizzando immagini che corrispondono alle convenzioni di denominazione definite nella definizione del predefinito.

Quando caricate dei file, Dynamic Media crea automaticamente un set con tutti i file che corrispondono alla convenzione di denominazione definita nei predefiniti attivi.

Configurazione della denominazione predefinita

Create una convenzione di denominazione predefinita da usare in qualsiasi predefinito per set di batch. La convenzione di denominazione predefinita selezionata nella definizione del predefinito per set di batch può essere l’unica impostazione effettivamente necessaria per generare i set in batch per la società. Per usare la convenzione di denominazione predefinita, viene creato un predefinito per set di batch. Potete creare tutti i predefiniti per set di batch con convenzioni di denominazione alternative e personalizzate necessarie per un particolare set di contenuti, nei casi in cui esiste un’eccezione alla denominazione predefinita definita dalla società.

Sebbene l’impostazione di una convenzione di denominazione predefinita non sia necessaria per utilizzare le funzionalità dei predefiniti per set di batch, è comunque consigliabile utilizzare la convenzione di denominazione predefinita per definire tutti gli elementi di denominazione da raggruppare in un set, semplificando così la creazione dei set di batch.

In alternativa, è possibile utilizzare Visualizza codice senza campi modulo. In questa visualizzazione potete creare definizioni complete delle convenzioni di denominazione utilizzando espressioni regolari.

Sono disponibili due elementi per la definizione, Corrispondenza e Nome base. Questi campi consentono di definire tutti gli elementi di una convenzione di denominazione e identificare la parte della convenzione utilizzata per denominare il set in cui sono contenuti. Una convenzione di denominazione individuale di una società può utilizzare una o più righe di definizione per ciascuno di questi elementi. Potete usare tutte le righe necessarie per creare una definizione univoca e raggrupparle in elementi distinti, ad esempio per l’immagine principale, l’elemento colore, l’elemento visualizzazione alternativa e l’elemento campione.

Per configurare la denominazione predefinita

  1. Accedete al vostro account Dynamic Media Classic (Scene7): https://www.adobe.com/marketing-cloud/experience-manager/scene7-login.html

    Le credenziali e l'accesso sono stati forniti Adobe al momento del provisioning. Se non disponete di tali informazioni, contattate il supporto tecnico.

  2. Nella barra di navigazione accanto alla parte superiore della pagina, toccate Configurazione > Impostazione applicazione > Predefiniti set di batch > Denominazione predefinita.

  3. Per specificare come visualizzare e immettere le informazioni di ciascun elemento, seleziona Visualizza modulo o Visualizza codice.

    È possibile selezionare la casella di controllo Visualizza codice per visualizzare il valore dell'espressione regolare creato accanto alle selezioni del modulo. Potete immettere o modificare questi valori per definire meglio gli elementi della convenzione di denominazione, se la visualizzazione modulo vi limita per qualsiasi motivo. Se i valori non possono essere analizzati nella visualizzazione modulo, i campi del modulo diventano inattivi.

    NOTA

    I campi del modulo disattivati non eseguono alcuna convalida relativa alla correttezza delle espressioni regolari. Vengono visualizzati i risultati dell'espressione regolare che si sta creando per ogni elemento dopo la riga Risultato. L'espressione regolare completa è visibile nella parte inferiore della pagina.

  4. Espandete ciascun elemento come necessario e inserite le convenzioni di denominazione da utilizzare.

  5. Se necessario, effettuate una delle seguenti operazioni:

    • Toccate Aggiungi per aggiungere un'altra convenzione di denominazione a un elemento.
    • Toccate Remove per eliminare una convenzione di denominazione per un elemento.
  6. Effettua una delle operazioni seguenti:

    • Toccate Salva con nome e digitate un nome per il predefinito.
    • Toccate Salva se state modificando un predefinito esistente.

Creazione di un predefinito per set di batch

Dynamic Media utilizza i predefiniti per set di batch per organizzare le risorse in set di immagini (immagini alternative, opzioni colore, 360 rotazioni) da visualizzare nei visualizzatori. I predefiniti per set di batch vengono eseguiti automaticamente insieme ai processi di caricamento delle risorse in Contenuti multimediali dinamici.

Potete creare, modificare e gestire i predefiniti per set di batch. Esistono due moduli per le definizioni dei predefiniti per set di batch: uno per una convenzione di denominazione eventualmente configurata e uno per convenzioni di denominazione generate al momento.

Potete definire un predefinito per set di batch con i campi modulo o con il metodo del codice, che consente di usare espressioni regolari. Come in Denominazione predefinita, potete scegliere Visualizza codice nello stesso momento che state definendo nella vista Modulo e utilizzare espressioni regolari per creare le vostre definizioni. In alternativa, è possibile deselezionare una delle due visualizzazioni per utilizzare esclusivamente l'una o l'altra.

Per creare un predefinito per set di batch

  1. Accedete al vostro account Dynamic Media Classic (Scene7): https://www.adobe.com/marketing-cloud/experience-manager/scene7-login.html

    Le credenziali e l'accesso sono stati forniti Adobe al momento del provisioning. Se non disponete di tali informazioni, contattate il supporto tecnico.

  2. Nella barra di navigazione accanto alla parte superiore della pagina, toccate Configurazione > Impostazione applicazione > Predefiniti set di batch > Predefinito set di batch.

    Tenere presente che la vista predefinita è Visualizza modulo, come impostato nell'angolo superiore destro della pagina Dettagli.

  3. Nel pannello Elenco predefiniti, toccate Aggiungi per attivare i campi delle definizioni nel pannello Dettagli sul lato destro della schermata.

  4. Nel pannello Dettagli, nel campo Nome predefinito, digitate un nome per il predefinito.

  5. Nel menu a discesa Tipo set di batch, selezionate un tipo di predefinito.

  6. Effettua una delle operazioni seguenti:

    • Se utilizzate una convenzione di denominazione predefinita precedentemente impostata in Impostazione applicazione > Predefiniti set di batch > Denominazione predefinita, espandete Convenzioni di denominazione delle risorse, quindi nell'elenco a discesa Denominazione file toccate Predefinito.

    • Per definire una nuova convenzione di denominazione durante la configurazione del predefinito, espandete Convenzioni di denominazione delle risorse, quindi nell'elenco a discesa Denominazione file fate clic su Personalizzato.

  7. Per l’ordine della sequenza, definite l’ordine in cui le immagini vengono visualizzate dopo che il set è stato raggruppato in Contenuti multimediali dinamici.

    Per impostazione predefinita, le risorse sono ordinate in ordine alfabetico. Tuttavia, potete definire l’ordine utilizzando un elenco separato da virgole di espressioni regolari.

  8. Per Imposta convenzione di denominazione e creazione, specificate il suffisso o il prefisso per il nome di base definito nella convenzione di denominazione delle risorse. Inoltre, definite la posizione in cui verrà creato il set nella struttura di cartelle per gli elementi multimediali dinamici.

    Se definite un numero elevato di set, potete preferire tenerli separati dalle cartelle contenenti le risorse stesse. Ad esempio, potete creare una cartella per i set di immagini e inserire qui i set generati.

  9. Nel pannello Dettagli, toccate Salva.

  10. Toccate Active accanto al nuovo nome del predefinito.

    Quando attivate il predefinito, al momento di caricare le risorse su Contenuti multimediali dinamici viene applicato il predefinito per set di batch.

Creazione di un predefinito per set di batch per la generazione automatica di un set 360 gradi 2D

Potete usare il tipo di set di batch Set 360 gradi con asse multiplo per creare una ricetta che automatizza la generazione di set 360 gradi 2D. Il raggruppamento di immagini utilizza espressioni regolari Riga e Colonna per allineare correttamente le risorse di immagine nella posizione corrispondente nell’array multidimensionale. Non esiste un numero minimo o massimo di righe o colonne da includere in un set 360 gradi con più assi.

Ad esempio, se desiderate creare un set 360 gradi con più assi denominato spin-2dspin, Sono disponibili una serie di immagini per set 360 gradi contenenti tre righe, con 12 immagini per riga. Le immagini sono denominate come segue:

spin-01-01
 spin-01-02
 …
 spin-01-12
 spin-02-01
 …
 spin-03-12

Con queste informazioni, la ricetta Tipo set di batch potrebbe essere creata come segue:

chlimage_1-560

Il raggruppamento per la parte del nome della risorsa condivisa del set 360 gradi viene aggiunto al campo Match (Corrispondenza) (come evidenziato). La parte variabile del nome della risorsa, contenente la riga e la colonna, viene aggiunta rispettivamente ai campi Riga e Colonna.

Quando il set 360 gradi viene caricato e pubblicato, puoi attivare il nome della definizione del set 360 gradi 2D che è riportato in Predefiniti set di batch, nella finestra di dialogo Opzioni processo di caricamento.

Per creare un predefinito per set di batch per la generazione automatica di un set 360 gradi 2D

  1. Accedete al vostro account Dynamic Media Classic (Scene7): https://www.adobe.com/marketing-cloud/experience-manager/scene7-login.html

    Le credenziali e l'accesso sono stati forniti Adobe al momento del provisioning. Se non disponete di tali informazioni, contattate il supporto tecnico.

  2. Nella barra di navigazione accanto alla parte superiore della pagina, fate clic su Configurazione > Impostazione applicazione > Predefiniti set di batch > Predefinito set di batch.

    Tenere presente che la vista predefinita è Visualizza modulo, come impostato nell'angolo superiore destro della pagina Dettagli.

  3. Nel pannello Elenco predefiniti, fate clic su Aggiungi per attivare i campi delle definizioni nel pannello Dettagli sul lato destro della schermata.

  4. Nel pannello Dettagli, nel campo Nome predefinito, digitate un nome per il predefinito.

  5. Nel menu a discesa Tipo set di batch, seleziona Set risorse.

  6. Nell'elenco a discesa Sottotipo, selezionare Set 360 gradi con asse multiplo.

  7. Espandete Convenzioni di denominazione delle risorse, quindi nell'elenco a discesa Denominazione file fate clic su Personalizzato.

  8. Utilizza gli attributi Match (Corrispondenza) e, facoltativamente, Nome base per definire un’espressione regolare per la denominazione delle risorse dell’immagine che compongono il raggruppamento.

    Ad esempio, l'espressione regolare letterale Corrispondenza potrebbe essere simile a quella riportata di seguito:

    (w+)-w+-w+

  9. Espandete Posizione colonna riga, quindi definite il formato del nome per la posizione della risorsa immagine nell’array di set 360 gradi 2D.

    Utilizzare le parentesi per racchiudere la posizione di riga o colonna nel nome del file.

    Ad esempio, per l'espressione regolare riga, potrebbe essere simile a quella riportata di seguito:

    \w+-R([0-9]+)-\w+

    o

    \w+-(\d+)-\w+

    Per l'espressione regolare della colonna, potrebbe essere simile a quella riportata di seguito:

    \w+-\w+-C([0-9]+)

    o

    \w+-\w+-C(\d+)

    Ricorda che questi sono solo esempi. Potete creare le espressioni regolari in base alle vostre esigenze.

    NOTA

    Se la combinazione di espressioni regolari per riga e colonna non è in grado di determinare la posizione della risorsa all’interno dell’array di set 360 gradi multidimensionale, la risorsa non viene aggiunta al set e viene registrato un errore.

  10. Per Imposta convenzione di denominazione e creazione, specificate il suffisso o il prefisso per il nome di base definito nella convenzione di denominazione delle risorse.

    Inoltre, definite la posizione in cui verrà creato il set 360 gradi nella struttura di cartelle di Dynamic Media Classic.

    Se definite un numero elevato di set, potete preferire tenerli separati dalle cartelle contenenti le risorse stesse. Ad esempio, create una cartella Set 360 gradi in cui inserire i set generati.

  11. Nel pannello Dettagli, fare clic su Salva.

  12. Fate clic su Active accanto al nuovo nome del predefinito.

    Quando attivate il predefinito, al momento di caricare le risorse su Contenuti multimediali dinamici viene applicato il predefinito per set di batch.

(Facoltativo) Ottimizzazione delle prestazioni di Dynamic Media - Modalità Scene7

Per mantenere la modalità Dynamic Media - Scene7 in esecuzione senza problemi, Adobe consiglia i seguenti suggerimenti di ottimizzazione delle prestazioni di sincronizzazione/scalabilità:

  • Aggiornamento dei parametri di processo predefiniti per l’elaborazione di diversi formati di file.
  • Aggiornamento dei thread di lavoro predefiniti per il flusso di lavoro Granite (risorse video) in coda.
  • Aggiornamento dei thread di lavoro transitori Granite (immagini e risorse non video) predefiniti per il flusso di lavoro in coda.
  • Aggiornamento delle connessioni di caricamento massime nel server Dynamic Media Classic.

Aggiornamento dei parametri di processo predefiniti per l’elaborazione di diversi formati di file

Potete ottimizzare i parametri di processo per velocizzare l’elaborazione quando caricate i file. Ad esempio, se caricate file PSD ma non desiderate elaborarli come modelli, potete impostare l’estrazione dei livelli su false (disattivato). In tal caso, il parametro del processo sintonizzato apparirebbe come process=None&createTemplate=false.

Adobe consiglia di utilizzare i seguenti parametri di processo "sintonizzati" per i file PDF, Postscript e PSD:

Tipo di file Parametri di processo consigliati
PDF pdfprocess=Thumbnail&resolution=150&colorspace=Auto&pdfbrochure=false&keywords=false&links=false
PostScript psprocess=Rasterize&psresolution=150&pscolorspace=Auto&psalpha=false&psextractsearchwords=false&aiprocess=Thumbnail&airesolution=150&aicolorspace=Auto&aialpha=false
PSD process=None&layerNaming=Layername&anchor=Center&createTemplate=false&extractText=false&extendLayers=false

Per aggiornare uno di questi parametri, segui i passaggi descritti in Abilitazione del parametro di processo di caricamento risorse/elementi multimediali dinamici classici basati su tipo MIME - Supporto.

Aggiornamento della coda del flusso di lavoro transitorio Granite

La coda del flusso di lavoro di transito Granite viene utilizzata per il flusso di lavoro DAM Update Asset. In Contenuti multimediali dinamici, vengono utilizzati per l’assimilazione e l’elaborazione delle immagini.

Per aggiornare la coda del flusso di lavoro transitorio Granite

  1. Andate su https://<server>/system/console/configMgr e cercate Coda: Granite Transient Workflow Queue.

    NOTA

    È necessaria una ricerca di testo invece di un URL diretto, perché il PID OSGi viene generato in modo dinamico.

  2. Nel campo Processi paralleli massimi, impostate il numero sul valore desiderato.

    È possibile aumentare il numero massimo di processi paralleli massimo per supportare in modo adeguato il caricamento di file su file multimediali dinamici. Il valore esatto dipende dalla capacità hardware. In alcuni scenari, ad esempio una migrazione iniziale o un caricamento in blocco una tantum, potete usare un valore elevato. Tenete presente, tuttavia, che l'utilizzo di un valore elevato (ad esempio, due volte il numero di core) può avere effetti negativi su altre attività simultanee. È quindi necessario verificare e regolare il valore in base al caso di utilizzo specifico.

chlimage_1

  1. Toccate Salva.

Aggiornamento della coda del flusso di lavoro Granite

La coda Flusso di lavoro Granite viene utilizzata per i flussi di lavoro non transitori. In Contenuti multimediali dinamici, veniva utilizzato per elaborare i video con il flusso di lavoro Codifica video multimediale dinamica.

Per aggiornare la coda del flusso di lavoro Granite

  1. Andate su https://<server>/system/console/configMgr e cercate Coda: Granite Workflow Queue.

    NOTA

    È necessaria una ricerca di testo invece di un URL diretto, perché il PID OSGi viene generato in modo dinamico.

  2. Nel campo Processi paralleli massimi, impostate il numero sul valore desiderato.

    Potete aumentare il numero massimo di processi paralleli per supportare in modo adeguato il caricamento di file su file multimediali dinamici. Il valore esatto dipende dalla capacità hardware. In alcuni scenari, ad esempio una migrazione iniziale o un caricamento in blocco una tantum, potete usare un valore elevato. Tenete presente, tuttavia, che l'utilizzo di un valore elevato (ad esempio, due volte il numero di core) può avere effetti negativi su altre attività simultanee. È quindi necessario verificare e regolare il valore in base al caso di utilizzo specifico.

    chlimage_1-1

  3. Toccate Salva.

Aggiornamento della connessione di caricamento Dynamic Media Classic

L’impostazione di Scene7 Upload Connection sincronizza AEM risorse sui server Dynamic Media Classic.

Per aggiornare la connessione di caricamento Dynamic Media Classic

  1. Accedi a https://<server>/system/console/configMgr/com.day.cq.dam.scene7.impl.Scene7UploadServiceImpl

  2. Nel campo Numero di connessioni e/o nel campo Timeout processo attivo, modificare il numero come desiderato.

    L'impostazione Numero di connessioni controlla il numero massimo di connessioni HTTP consentite per AEM al caricamento di contenuti multimediali dinamici; in genere, il valore predefinito di 10 connessioni è sufficiente.

    L'impostazione Timeout processo attivo determina il tempo di attesa per le risorse multimediali dinamiche caricate da pubblicare nel server di distribuzione. Per impostazione predefinita, questo valore è di 2100 secondi o 35 minuti.

    Per la maggior parte dei casi di utilizzo, è sufficiente impostare 2100.

    chlimage_1-2

  3. Toccate Salva.

(Facoltativo) Filtrare le risorse per la replica

Nelle distribuzioni di contenuti multimediali non dinamici, potete replicare tutte le risorse tutte (immagini e video) dall’ambiente di authoring AEM al nodo di pubblicazione AEM. Questo flusso di lavoro è necessario perché i server di pubblicazione AEM forniscono anche le risorse.

Tuttavia, nelle distribuzioni di contenuti multimediali dinamici, poiché le risorse vengono distribuite tramite il servizio cloud, non è necessario replicare le stesse risorse AEM nodi di pubblicazione. Tale flusso di lavoro "ibrido per la pubblicazione" evita costi di archiviazione aggiuntivi e tempi di elaborazione più lunghi per la replica delle risorse. Altri contenuti, come le pagine Sito, continuano a essere gestiti dai nodi di pubblicazione AEM.

I filtri forniscono un modo per escludere le risorse escludendo dalla replica nel nodo di pubblicazione AEM.

Utilizzo dei filtri risorse predefiniti per la replica

Se utilizzi un elemento multimediale dinamico per l’imaging e/o il video, puoi utilizzare i filtri predefiniti forniti così come sono. Per impostazione predefinita, sono attivi i seguenti filtri:

Filtro Tipo mime Rappresentazioni
Consegna immagine multimediale dinamica

filter-images

set di filtri

Inizia con image/

Contiene application/ e termina con set.

Le "immagini filtro" predefinite (applicabili a singole risorse di immagini, comprese le immagini interattive) e i "set di filtri" (applicabili a set 360 gradi, set di immagini, set di file multimediali diversi e set di caroselli) consentono di:
  • Escludete dalla replica le rappresentazioni originali dell’immagine e dell’immagine statica.
Consegna video per contenuti multimediali dinamici filter-video Inizia con video/ Il "filtro-video" preimpostato:
  • Escludere dalla replica le rappresentazioni video e thumbnail statiche originali.

NOTA

I filtri si applicano ai tipi mime e non possono essere specifici per un percorso.

Personalizzazione dei filtri risorse per la replica

  1. In AEM, toccate il logo AEM per accedere alla console di navigazione globale e toccate Strumenti > Generale > CRXDE Lite.

  2. Nella struttura delle cartelle a sinistra, andate a /etc/replication/agents.author/publish/jcr:content/damRenditionFilters per esaminare i filtri.

    chlimage_1-17

  3. Per definire il tipo di mime per il filtro, potete individuare il tipo mime nel modo seguente:

    Nella barra a sinistra, espandere content > dam > <locate_your_asset> > jcr:content > metadata, quindi nella tabella individuare dc:format.

    L'elemento grafico seguente è un esempio del percorso di una risorsa in dc:format.

    chlimage_1-18

    Tenere presente che la dc:format della risorsa Fiji Red.jpg è image/jpeg.

    Affinché questo filtro possa essere applicato a tutte le immagini, indipendentemente dal loro formato, impostate il valore su image/* dove * è un'espressione regolare applicata a tutte le immagini di qualsiasi formato.

    Affinché il filtro possa essere applicato solo alle immagini di tipo JPEG, immettete un valore di image/jpeg.

  4. Definite le rappresentazioni da includere o escludere dalla replica.

    I caratteri utilizzabili per filtrare la replica includono quanto segue:

Carattere da usare Filtrare le risorse per la replica
* Carattere jolly
+ Include le risorse per la replica.
- Esclude le risorse dalla replica.

Accedi a content/dam/<locate your asset>/jcr:content/renditions.

L’elemento grafico seguente è un esempio delle rappresentazioni di una risorsa.

chlimage_1-4

Se si desidera replicare solo l'originale, è necessario inserire +original.

In questa pagina