Creare elementi dati

Scopri come creare elementi dati nei tag per contenuti, eCommerce e dati di identità sulla Sito di dimostrazione Luma. Quindi popola i campi nello schema XDM con il tipo di elemento dati Variabile dell’estensione Adobe Experience Platform Web SDK.

Obiettivi di apprendimento

Alla fine di questa lezione, sarai in grado di:

  • Comprendere diversi approcci per la mappatura di un livello dati su XDM
  • Creare elementi dati per acquisire dati
  • Mappare elementi dati a un oggetto XDM

Prerequisiti

Conosci cos’è un livello dati e hai completato le lezioni precedenti nell’esercitazione:

IMPORTANT
I dati per questa lezione provengono da digitalData sul sito Luma. Per visualizzare il livello dati, apri la console per sviluppatori e digita digitalData per visualizzare l’intero livello dati disponibile. livello dati digitalData

Approcci al livello dati

Esistono diversi modi per mappare i dati dal livello dati a XDM utilizzando la funzionalità tag di Adobe Experience Platform. Di seguito sono riportati alcuni pro e contro di tre diversi approcci. Se necessario, è possibile combinare gli approcci:

  1. Implementare XDM nel livello dati
  2. Mappare su XDM nei tag
  3. Mappa su XDM nello stream di dati
NOTE
Gli esempi in questa esercitazione seguono l’approccio Map to XDM in tags.

Implementare XDM nel livello dati

Questo approccio comporta l’utilizzo dell’oggetto XDM completamente definito come struttura per il livello dati. Quindi mappi l’intero livello dati a un elemento dati di oggetti XDM nei tag. Se l’implementazione non utilizza un gestore di tag, questo approccio può essere ideale perché puoi inviare dati a XDM direttamente dall’applicazione utilizzando XDM sendEvent, comando. Se utilizzi i tag, puoi creare un elemento dati con codice personalizzato che acquisisce l’intero livello dati come oggetto JSON pass-through per XDM. Quindi, mappi il JSON pass-through al campo dell’oggetto XDM nell’azione Invia evento.

Di seguito è riportato un esempio dell’aspetto del livello dati utilizzando il formato Livello dati client di Adobe:

Esempio di XDM in Data Layer
code language-json
window.adobeDataLayer.push({
"eventType": "web.webPageDetails.pageViews",
"web":{
         "webInteraction":{
            "linkClicks":{
               "id":"",
               "value":""
            },
            "URL":"",
            "name":"",
            "region":"",
            "type":""
         },
         "webPageDetails":{
            "pageViews":{
               "id":"",
               "value":"1"
            },
            "URL":"https://luma.enablementadobe.com/",
            "isErrorPage":"",
            "isHomePage":"",
            "name":"luma:home",
            "server":"enablementadobe.com",
            "siteSection":"home",
            "viewName":""
         },
         "webReferrer":{
            "URL":"",
            "type":""
         }
      }
});

Pro

  • Elimina passaggi aggiuntivi per la mappatura delle variabili del livello dati su XDM
  • L’implementazione può essere più rapida se il team di sviluppo web è anche proprietario di tag per il comportamento digitale

Contro

  • Completa dipendenza dal team di sviluppo e dal ciclo di sviluppo per aggiornare i dati da inviare a XDM
  • Flessibilità limitata, poiché XDM riceve il payload esatto dal livello dati
  • Non è possibile utilizzare le funzioni dei tag incorporate, ad esempio raschiamento, persistenza e funzioni per distribuzioni rapide
  • È più difficile utilizzare il livello dati per i pixel di terze parti, ma potrebbe essere utile spostare questi pixel in inoltro eventi!
  • Impossibilità di trasformare i dati tra il livello dati e XDM

Mappare il livello dati nei tag

Questo approccio comporta la mappatura di singole variabili del livello dati O di oggetti del livello dati su elementi dati nei tag e infine su XDM. Si tratta dell’approccio tradizionale all’implementazione tramite un sistema di gestione dei tag.

Pro

  • L’approccio più flessibile, in quanto è possibile controllare singole variabili e trasformare i dati prima che arrivino a XDM
  • Può utilizzare i trigger di tag Adobe e la funzionalità di scraping per trasmettere dati a XDM
  • È in grado di mappare gli elementi dati su pixel di terze parti lato client

Contro

  • Ci vuole del tempo per ricostruire il livello dati come elementi dati
TIP
Google Data Layer
Se la tua organizzazione utilizza già Google Analytics e dispone del tradizionale oggetto Google dataLayer sul sito web, puoi utilizzare Estensione Google Data Layer nei tag. Questo consente di implementare la tecnologia Adobe più rapidamente senza dover richiedere supporto al team IT. La mappatura del livello dati di Google su XDM segue gli stessi passaggi indicati sopra.

Mappa su XDM nello stream di dati

Questo approccio utilizza funzionalità integrate nella configurazione dello stream di dati denominate Preparazione per la raccolta dati e ignora la mappatura delle variabili del livello dati su XDM nei tag.

Pro

Contro

  • Non è possibile utilizzare le variabili del livello dati come elementi dati per pixel di terze parti lato client, ma può utilizzarle con l’inoltro degli eventi
  • Impossibile utilizzare la funzionalità di raschiamento della funzionalità tag di Adobe Experience Platform
  • La complessità di manutenzione aumenta se si esegue la mappatura del livello dati sia nei tag che nello stream di dati
IMPORTANT
Come indicato in precedenza, gli esempi in questa esercitazione seguono l’approccio Map to XDM in tags.

Creare elementi dati per acquisire il livello dati

Prima di creare l’oggetto XDM, crea il seguente set di elementi dati per Sito di dimostrazione Luma livello dati:

  1. Vai a Elementi dati e seleziona Aggiungi elemento dati (o Creare un nuovo elemento dati se nella proprietà tag non sono presenti elementi dati)

    Crea elemento dati

  2. Denomina l’elemento dati page.pageInfo.pageName

  3. Utilizza il Variabile JavaScript Tipo di elemento dati per puntare a un valore nel livello dati di Luma: digitalData.page.pageInfo.pageName

  4. Seleziona le caselle per Forza valore minuscolo e Pulisci testo per standardizzare l'uso di maiuscole/minuscole e rimuovere spazi estranei

  5. Esci None come Durata archiviazione poiché questo valore è diverso su ogni pagina

  6. Seleziona Salva

    Elemento dati Nome pagina

Crea questi elementi di dati aggiuntivi seguendo gli stessi passaggi:

  • page.pageInfo.server mappato a
    digitalData.page.pageInfo.server

  • page.pageInfo.hierarchie1 mappato a
    digitalData.page.pageInfo.hierarchie1

  • user.profile.attributes.username mappato a
    digitalData.user.0.profile.0.attributes.username

  • user.profile.attributes.loggedIn mappato a
    digitalData.user.0.profile.0.attributes.loggedIn

  • product.productInfo.sku mappato a digitalData.product.0.productInfo.sku

  • product.productInfo.title mappato a digitalData.product.0.productInfo.title

  • cart.orderId mappato a digitalData.cart.orderId

  • product.category utilizzando Codice personalizzato Tipo di elemento dati e il seguente codice personalizzato per analizzare l’URL del sito per la categoria di livello principale:

    code language-javascript
    var cat = location.pathname.split(/[/.]+/);
    if (cat[5] == 'products') {
       return (cat[6]);
    } else if (cat[5] != 'html') {
       return (cat[5]);
    }
    
  • cart.productInfo utilizzando il seguente codice personalizzato:

    code language-javascript
    var cart = digitalData.cart.cartEntries;
    var cartItem = [];
    cart.forEach(function(item, index, array){
    cartItem.push({
    "SKU": item.sku
    });
    });
    return cartItem;
    
  • cart.productInfo.purchase utilizzando il seguente codice personalizzato:

    code language-javascript
    var cart = digitalData.cart.cartEntries;
    var cartItem = [];
    cart.forEach(function(item, index, array){
    var qty = parseInt(item.qty);
    var price = parseInt(item.price);
    cartItem.push({
    "SKU": item.sku,
    "quantity": qty,
    "priceTotal": price
    });
    });
    return cartItem;
    
CAUTION
Il Variabile JavaScript il tipo di elemento dati tratta i riferimenti di array come punti invece che come parentesi, facendo riferimento all’elemento dati username come digitalData.user[0].profile[0].attributes.username non funzionerà.

Creare elementi dati variabili per XDM e oggetti dati

Gli elementi dati appena creati verranno utilizzati per creare un oggetto XDM (per le applicazioni Platform) e un oggetto dati (per Analytics, Target e Audienci Manager). Questi oggetti hanno i propri elementi dati speciali denominati Variabile elementi dati molto facili da creare.

Per creare l'elemento dati Variable per XDM, è necessario collegarlo allo schema creato in Configurare uno schema lezione:

  1. Seleziona Aggiungi elemento dati

  2. Denomina l’elemento dati xdm.variable.content. È consigliabile usare il prefisso "xdm" per gli elementi dati specifici di XDM per organizzare meglio la proprietà tag

  3. Seleziona la Adobe Experience Platform Web SDK come Estensione

  4. Seleziona la Variabile come Tipo di elemento dati

  5. Seleziona XDM come proprietà

  6. Seleziona la Sandbox in cui è stato creato lo schema

  7. Seleziona la scheda appropriata Schema, in questo caso Luma Web Event Data

  8. Seleziona Salva

    Elemento dati variabile per XDM

Quindi, crea l’elemento dati Variable per l’oggetto dati:

  1. Seleziona Aggiungi elemento dati

  2. Denomina l’elemento dati data.variable. Per organizzare meglio la proprietà tag, si consiglia di usare il prefisso "data" per gli elementi dati specifici dell’oggetto dati

  3. Seleziona la Adobe Experience Platform Web SDK come Estensione

  4. Seleziona la Variabile come Tipo di elemento dati

  5. Seleziona dati come proprietà

  6. Seleziona le soluzioni di Experience Cloud da implementare come parte di questa esercitazione

  7. Seleziona Salva

    Elemento dati variabile per oggetto dati

Al termine di questi passaggi, dovresti aver creato i seguenti elementi di dati:

Elementi dati dell'estensione core
Elementi dati dell’estensione Platform Web SDK
cart.orderId
data.variable
cart.productInfo
xdm.variable.content
cart.productInfo.purchase
page.pageInfo.hierarchie1
page.pageInfo.pageName
page.pageInfo.server
product.category
product.productInfo.sku
product.productInfo.title
user.profile.attributes.loggedIn
user.profile.attributes.username
TIP
In un futuro Creare regole di tag lezione, si impara come Variabile Gli elementi dati consentono di sovrapporre più regole nei tag utilizzando Aggiorna tipo di azione variabile.

Una volta impostati questi elementi dati, puoi iniziare a inviare dati all’Edge Network di Platform con una regola di tag. Ma prima, scopri come raccogliere le identità con Web SDK.

Successivo:

NOTE
Grazie per aver dedicato il tuo tempo all’apprendimento di Adobe Experience Platform Web SDK. Se hai domande, vuoi condividere commenti generali o suggerimenti su contenuti futuri, condividili su questo Experience League post di discussione community
recommendation-more-help
8cbc0fd8-ca1d-433b-9c3d-bc3f113347d4