Note sulla versione 2023.12.0 di Cloud Manager in Adobe Experience Manager as a Cloud Service release-notes

Questa pagina illustra le note sulla versione 2023.12.0 di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service.

NOTE
Per le note sulla versione corrente di Adobe Experience Manager as a Cloud Service, consulta questa pagina.

Data di pubblicazione release-date

La data di pubblicazione di Cloud Manager versione 2023.12.0 in AEM as a Cloud Service è il 14 dicembre 2023. La prossima versione è pianificata per il 18 gennaio 2024.

Novità what-is-new

  • Autorizzazioni personalizzate di Cloud Manager consente di creare profili di autorizzazioni personalizzati con autorizzazioni configurabili per limitare l’accesso a programmi, pipeline e ambienti per gli utenti di Cloud Manager.

    • Questa funzione verrà implementata in modo graduale, con il completamento previsto con la versione di Cloud Manager di febbraio 2024.
    • Invia un'e-mail a Grp-CloudManager-custom-permissions@adobe.com dall’indirizzo e-mail associato al tuo Adobe ID, se desideri che venga attivato prima.
  • I contenitori delle build ora supportano Node.js versione 18 per pipeline front-end.

  • Per i nuovi programmi di Cloud Manager, l’account secondario New Relic associato non è attivato per impostazione predefinita.

    • Per i programmi esistenti in cui non si accede all’account secondario di New Relic da più di 90 giorni, questo verrà disattivato.
    • Se desideri utilizzare l’account secondario New Relic, devi fornire il consenso tramite Cloud Manager.
  • I rollout degli aggiornamenti dell’ambiente di build che sono stati annunciati e che sono iniziati con la versione di ottobre di Cloud Manager sono stati completati.

    • È stato aggiunto il supporto per il nodo 18 per pipeline front-end.

    • La versione secondaria di Java 8 è stata aggiornata a jdk1.8.0_371.

    • La versione secondaria di Java 11 è stata aggiornata a jdk-11.0.20.

    • Maven è stato aggiornato alla versione 3.8.8.

      • Maven ora disabilita tutte le corrispondenze http://* non sicure per impostazione predefinita.
      • Adobe consiglia agli utenti di aggiornare i loro archivi Maven per utilizzare HTTPS invece di HTTP.
    • L’immagine di base del contenitore di compilazione è stata aggiornata a Ubuntu 22.04.

Programma per i primi utilizzatori early-adoption

Per testare alcune delle prossime funzionalità, partecipa al programma di adozione anticipata di Adobe.

Raccolta lato client tramite Real User Monitoring (RUM) rum

Puoi sfruttare Servizio dati di Real User Monitoring (RUM) per abilitare la raccolta lato client per AEM as a Cloud Service.

Real User Monitoring (RUM) Data Service offre un riflesso più preciso delle interazioni degli utenti, garantendo una misura affidabile del coinvolgimento del sito web. È un’ottima opportunità per ottenere informazioni avanzate sulle prestazioni della pagina. Questa funzione è utile per i clienti che utilizzano una rete CDN gestita da Adobe o una rete CDN gestita da non Adobe. Per i clienti che utilizzano una rete CDN gestita non basata su Adobi, ora è possibile abilitare il reporting automatico del traffico, eliminando in tal modo la necessità di condividere eventuali rapporti sul traffico con Adobe.

Se ti interessa testare questa nuova funzionalità e condividere i tuoi commenti, invia un’e-mail a aemcs-rum-adopter@adobe.com dall’indirizzo e-mail associato al tuo Adobe ID. Includi il nome di dominio per gli ambienti di produzione, staging e sviluppo nell’e-mail. La disponibilità del programma di adozione anticipata di questa funzione è limitata.

Porta il tuo GitHub personale byo-github

Se utilizzi GitHub per gestire gli archivi, ora puoi convalidare il codice direttamente all’interno degli archivi GitHub tramite Cloud Manager. Questa integrazione elimina la necessità di sincronizzare in modo coerente il codice con l’archivio Adobe e consente di verificare le richieste pull prima di unirle ai rami principali.

Se ti interessa testare questa nuova funzione e condividere i tuoi commenti, invia un’e-mail a Grp-CloudManager_BYOG@adobe.com dal tuo indirizzo e-mail associato al tuo Adobe ID.

Ripristino del contenuto self-service content-restore

Una nuova funzione di ripristino dei contenuti self-service ora fornisce il ripristino del backup per un massimo di sette giorni ed è disponibile per gli utenti iniziali che lo adottano a scopo di valutazione, con le seguenti caratteristiche:

  • Ripristino del backup in un momento specifico per le 24 ore precedenti
  • Ripristini a tempo fisso per un massimo di sette giorni

Se ti interessa testare questa nuova funzione e condividere i tuoi commenti, invia un’e-mail a aemcs-restorefrombackup-adopter@adobe.com dall’e-mail associata al tuo Adobe ID.

  • Il programma di adozione anticipata è limitato solo agli ambienti di sviluppo.
  • La disponibilità del programma di adozione anticipata di questa funzione è limitata.
  • Questa funzione consente di ripristinare i contenuti eliminati accidentalmente e non è destinata al ripristino di emergenza.

Dashboard di Experience Audit experience-audit-dashboard

La dashboard di Audit dell’esperienza di Cloud Manager include una vista dei trend dei punteggi delle prestazioni della pagina, oltre a insight e consigli per aiutarti a migliorarli. La funzione Audit dell’esperienza è inclusa come passaggio nella pipeline di produzione di Cloud Manager.

La dashboard utilizza Google Lighthouse, uno strumento open-source automatizzato per migliorare la qualità delle app web. Puoi eseguirla su qualsiasi pagina web, pubblica o che richiede l’autenticazione. Sono disponibili audit di prestazioni, accessibilità, applicazioni web progressive, SEO e altro ancora.

Ti interessa testare la nuova dashboard? Per iniziare, invia un’e-mail a aem-lighthouse-pilot@adobe.com dall’e-mail associata al tuo Adobe ID.

recommendation-more-help
fbcff2a9-b6fe-4574-b04a-21e75df764ab