In che modo gli spazi dei nomi di identità di AEP sono correlati alle origini dati di AAM?

Descrizione

Ambiente

  • Adobe Experience Platform (AEP)
  • Adobe Audience Manager (AAM)

Problemi/Sintomi

Esiste una relazione tra Origini dati AAM e Namespace AEP Identity?

Risoluzione

Sì. Sono correlati nei seguenti modi.:

  • Tutte AAM origini dati multi-dispositivo create in AAM da aprile 2019 hanno un namespace di identità AEP corollario creato con lo stesso nome nella stessa organizzazione Experience Cloud, anche se l’organizzazione Experience Cloud non è stata autorizzata per AEP.
  • Tutte le AAM origini dati multi-dispositivo create prima di aprile 2019 avevano il loro spazio dei nomi di identità AEP corrispondente creato nell'aprile 2019.
  • Eventuali spazi dei nomi di identità generati da AAM hanno un puntatore su ma non sono la stessa entità delle controparti dell’origine dei dati multi-dispositivo AAM. Si tratta di identità separate a cui viene fatto riferimento nella stessa riga di una tabella di ricerca in Experience Edge.
  • Solo AAM origini dati multi-dispositivo hanno una controparte dello spazio dei nomi identità. Le origini dati AAM basate su cookie non lo fanno.

Alla luce di queste informazioni, di seguito sono riportati alcuni importanti avvertimenti da considerare:

  • L’eliminazione di un’origine dati AAM tra dispositivi comporta l’eliminazione dello spazio dei nomi di identità corrispondente.
  • Qualsiasi aggiornamento dell’origine dati AAM tra dispositivi name o codice di integrazione NON verrà riflesso nell’interfaccia utente dello spazio dei nomi dell’identità AEP.
  • Qualsiasi codice AAM di integrazione dell’origine dati tra dispositivi creato dopo aprile 2019 con caratteri speciali (ad esempio un trattino o un trattino basso) darà luogo a un nuovo simbolo dello spazio dei nomi identità composto da 3 lettere maiuscole
  • Il simbolo dello spazio dei nomi identità deve corrispondere al codice di integrazione dell’origine dati AAM tra dispositivi (anche se presenta caratteri speciali) SE è stata creata l’origine dati AAM precedente ad aprile 2019 AND il codice di integrazione non è stato aggiornato da allora.

Come si applica concretamente questa informazione?

Se è necessario mantenere un'implementazione AAM esistente durante una migrazione agli SDK AEP Web o Mobile, il modo per passare gli ID cliente o CRM a AAM (ciò che viene fatto storicamente tramite la funzione/metodo Set Customer ID del servizio ECID Identity) consiste nell'impostare il SDK Identity Map con simbolo dello spazio dei nomi identità si trova nell’interfaccia utente di AEP o raccolta dati che corrisponde all’origine dati AAM multi-dispositivo in questione.  Experience Edge visualizzerà il simbolo di identità, cercherà il codice di integrazione AAM corollario, quindi inoltrerà l’hit di raccolta dati con il codice di integrazione AAM corretto, consentendo così all’origine dati AAM multi-dispositivo di continuare a raccogliere gli ID cliente per i casi di utilizzo AAM che utilizzano tali ID.

Nota importante: AEP tratterà tutte le identità trasmesse tramite la mappa di identità nell’SDK Web di AEP (o in altro modo) come identità bloccabili, anche se i namespace di identità in questione non sono legati a un campo XDM abilitato per il profilo. Questo può essere problematico se gli ID che devono essere trasmessi a AAM non sono ID individuali/a livello di profilo. Questo può causare l’unione o la compressione di più profili AEP in uno solo se l’ID in questione è un ID famiglia, ad esempio, invece di un singolo ID.

Suggerimento utile: Se non è chiaro quale origine dati multi-dispositivo possa essere correlata a un dato spazio dei nomi AEP Identity, chiama l’API AAM per una delle potenziali origini dati AAM utilizzando questa chiamata API restituirà un payload JSON contenente customNamespaceCode campo . Il valore di quel campo deve corrispondere a qualsiasi spazio dei nomi AEP Identity punta a tale origine dati AAM.

3d58f420-19b5-47a0-a122-5c9dab55ec7f