Architettura iniziale

L’architettura Starter di Adobe Commerce su infrastruttura cloud supporta fino a quattro ambienti, tra cui master ambiente che contiene il codice del progetto iniziale, l’ambiente di staging e fino a due ambienti di integrazione.

Tutti gli ambienti sono contenuti in contenitori PaaS (Platform as a service). Questi contenitori vengono distribuiti all'interno di contenitori con restrizioni elevate su una griglia di server. Questi ambienti sono di sola lettura e accettano le modifiche del codice distribuito dai rami inviati dall’area di lavoro locale. Ogni ambiente fornisce un database e un server web.

Puoi utilizzare qualsiasi metodologia di sviluppo e ramificazione che ti piace. Quando ottieni l’accesso iniziale al progetto, crea un’ staging ambiente da master ambiente. Quindi, crea il integration ambiente diramando da staging.

Architettura dell’ambiente di partenza

Il diagramma seguente mostra le relazioni gerarchiche degli ambienti Starter.

Visualizzazione di alto livello del progetto Starter

Ambiente di produzione

L’ambiente di produzione fornisce il codice sorgente per implementare Adobe Commerce nell’infrastruttura Cloud che esegue le vetrine di singoli e più siti pubbliche. L’ambiente di produzione utilizza il codice del master per configurare e abilitare il server web, il database, i servizi configurati e il codice dell'applicazione.

Perché il production è di sola lettura, utilizza integration per apportare modifiche al codice, implementare nell’architettura da integration a staging, e infine al production ambiente. Consulta Distribuire lo store e Lancio del sito.

L’Adobe consiglia di eseguire test completi nel staging diramazione prima di eseguire il push al master ramo, che distribuisce in production ambiente.

Ambiente di staging

L’Adobe consiglia di creare un ramo denominato staging da master. Il staging branch distribuisce il codice nell’ambiente di staging per fornire un ambiente di pre-produzione per testare codice, moduli ed estensioni, gateway di pagamento, spedizione, dati di prodotto e molto altro. Questo ambiente fornisce la configurazione per tutti i servizi in modo che corrispondano all’ambiente di produzione, inclusi Fastly, New Relic APM e search.

Altre sezioni in questa guida forniscono istruzioni per le distribuzioni finali del codice e il test delle interazioni a livello di produzione in un ambiente di staging sicuro. Per ottenere prestazioni ottimali e test delle funzionalità, replicare il database nell'ambiente di staging.

WARNING
L’Adobe consiglia di testare ogni interazione di esercenti e clienti nell’ambiente di staging prima di implementarla nell’ambiente di produzione. Consulta Distribuire lo store e Distribuzione dei test.

Ambiente di integrazione

Gli sviluppatori utilizzano integration ambiente per sviluppare, distribuire e testare:

  • Codice dell’applicazione Adobe Commerce

  • Codice personalizzato

  • Estensioni

  • Servizi

Casi d’uso consigliati:

Gli ambienti di integrazione sono progettati per test e sviluppo limitati. Ad esempio, puoi utilizzare l’ambiente di integrazione per completare le seguenti attività:

  • Assicurati che le modifiche ai processi di integrazione continua (CI) siano compatibili con cloud

  • Verifica i flussi di lavoro critici su pagine chiave come Home, Categoria, Pagina dettagli prodotto (PDP), Pagamento e Amministratore

Per ottenere le migliori prestazioni nell’ambiente di integrazione, segui queste best practice:

  • Limita dimensioni catalogo

  • Limita l'utilizzo a uno o due utenti simultanei

  • Disabilita i processi cron ed esegui manualmente in base alle esigenze

Puoi avere fino a due ambienti di integrazione attivi. Puoi creare un ambiente di integrazione creando un ramo dalla sezione staging filiale. Quando crei un ambiente di integrazione, il nome dell’ambiente corrisponde al nome del ramo. Un ambiente di integrazione include un server web e un database. Non include tutti i servizi, ad esempio Fastly CDN e New Relic non sono disponibili.

Puoi avere un numero illimitato di rami inattivi per l’archiviazione del codice. Per accedere, visualizzare e verificare un ramo inattivo, è necessario attivarlo

NOTE
I progetti eseguiti prima del 5 giugno 2020 disponevano di più ambienti di integrazione più piccoli. Se hai bisogno di un ambiente di integrazione più ampio per i test e lo sviluppo, richiedi un aggiornamento per gli ambienti di integrazione avanzata. Consulta la Richiesta ambiente di integrazione articolo nel Centro assistenza Adobe Commerce per i dettagli.

Stack di tecnologia di produzione e staging

Gli ambienti di produzione e staging includono le seguenti tecnologie. Puoi modificare e configurare queste tecnologie tramite il .magento.app.yaml file.

  • Fastly per il caching HTTP e CDN
  • Server web Nginx che parla con PHP-FPM, un'istanza con più lavoratori
  • Server Redis
  • Elasticsearch di ricerca nel catalogo per Adobe Commerce da 2.2 a 2.4.3-p2
  • OpenSearch per la ricerca di cataloghi per Adobe Commerce 2.3.7-p3, 2.4.3-p2, 2.4.4 e versioni successive
  • Filtro in uscita (firewall in uscita)

Servizi

Adobe Commerce on cloud infrastructure supporta attualmente i seguenti servizi: PHP, MySQL (MariaDB), Elasticsearch (Adobe Commerce da 2.2 a 2.4.3-p2), OpenSearch (2.3.7-p3, 2.4.3-p2, 2.4.4 e versioni successive), Redis e RabbitMQ.

Ogni servizio viene eseguito in un contenitore protetto separato. I contenitori vengono gestiti insieme nel progetto. Alcuni servizi sono standard, come i seguenti:

  • Router HTTP (gestione delle richieste in ingresso, ma anche caching e reindirizzamenti)

  • Server applicazioni PHP

  • Git

  • Secure Shell (SSH)

Versioni software

Adobe Commerce su infrastruttura cloud utilizza il sistema operativo Debian GNU/Linux e il server web NGINX. Non è possibile aggiornare questo software, ma è possibile configurare le versioni per i seguenti elementi:

Negli ambienti di staging e produzione, utilizzi Fastly per CDN e caching. La versione più recente dell’estensione Fastly CDN viene installata durante il provisioning iniziale del progetto. Puoi aggiornare l’estensione per ottenere le correzioni di bug e i miglioramenti più recenti. Consulta Modulo CDN Fastly per il Magento 2. Inoltre, puoi accedere a New Relic monitoraggio delle prestazioni.

Utilizzare i seguenti file per configurare le versioni del software da utilizzare nell'implementazione.

Backup e disaster recovery

È possibile creare un backup del database e del file system utilizzando Cloud Console o CLI. Consulta Gestione dei backup.

Prepararsi per lo sviluppo

Il flusso di lavoro seguente riepiloga il processo per diramare il codice, sviluppare e distribuire lo store:

  1. Configurare l’ambiente locale

  2. Clona il master ramo all'ambiente locale

  3. Creare un staging ramo da master

  4. Crea rami per lo sviluppo da staging

  5. Invia il codice a Git che genera e distribuisce in un ambiente per il test

Consulta le sezioni seguenti per istruzioni dettagliate e procedure dettagliate per sviluppare, testare e distribuire lo store:

recommendation-more-help
05f2f56e-ac5d-4931-8cdb-764e60e16f26