Gestire le richieste di accesso ai dati personali in Campaign privacy

A seconda della natura della tua attività e delle giurisdizioni in cui opera, le tue operazioni sui dati possono essere soggette a normative legali sulla privacy. Tali nornmative solitamente tutelano il diritto dei clienti di richiedere l’accesso ai dati raccolti su di loro e memorizzati, e di richiederne l’eliminazione. In tutta la documentazione, queste richieste dei clienti per i propri dati personali sono denominate "richieste di accesso a dati personali".

Adobe offre ai titolari del trattamento strumenti per creare ed elaborare richieste di accesso ai dati personali per i dati memorizzati in Adobe Campaign. In qualità di titolare del trattamento, avrai pertanto la responsabilità di confermare l’identità dell’interessato che presenta la richiesta e confermare che i dati restituiti al richiedente riguardano l’interessato. Ulteriori informazioni sui dati personali e sulle diverse entità che gestiscono i dati nella Documentazione di Adobe Campaign Classic v7.

Per gestire le richieste di accesso a dati personali in Campaign, devi prima definire uno spazio dei nomi. Dopodiché puoi creare e gestire le richieste Privacy. Per eseguire le richieste di accesso a dati personali, utilizza l’integrazione Adobe Privacy Service. Le richieste di accesso a dati personali inviate da Privacy Service a tutte le soluzioni Adobe Experience Cloud vengono gestite automaticamente da Campaign tramite un flusso di lavoro dedicato. Ulteriori informazioni

Scopri di più su Diritto di accesso e Diritto all’oblio (richiesta di eliminazione) in Documentazione di Adobe Campaign Classic v7.

Definire uno spazio dei nomi namespaces

Prima di creare una richiesta di accesso a dati personali, devi definire lo spazio dei nomi che userai. Lo spazio dei nomi è la chiave utilizzata per identificare l’interessato nel database.

NOTE
Per ulteriori informazioni sugli spazi dei nomi di identità, consulta la documentazione di Adobe Experience Platform.

Al momento Adobe Campaign non supporta l’importazione di spazi dei nomi dal servizio Identity Namespace di Experience Platform . Pertanto, dopo aver creato uno spazio dei nomi nel servizio Identity Namespace, devi creare manualmente lo spazio dei nomi corrispondente nell’interfaccia di Adobe Campaign. Per farlo, segui la procedura indicata di seguito.

  1. Crea uno spazio dei nomi nel servizio Namespace Identity.

  2. Quando vengono elencati gli spazi dei nomi di identità disponibili per la tua organizzazione, vengono elencati i dettagli dello spazio dei nomi, ad esempio:

    code language-none
    {
            "updateTime": 1632903236731,
            "code": "lumanamespace",
            "status": "ACTIVE",
            "description": "new namespace for Luma privacy requests",
            "id": 10998717,
            "createTime": 1632903236731,
            "idType": "Email",
            "namespaceType": "Custom",
            "name": "Luma Namespace",
            "custom": true
    }
    
  3. In Adobe Campaign, passa a Administration > Platform > Namespaces e seleziona New.

  4. Inserisci un Label.

  5. Inserisci i nuovi dettagli dello spazio dei nomi per far corrispondere lo spazio dei nomi creato nel servizio Identity Namespace:

    • il valore AEC Namespace ID deve corrispondere all’attributo “id”;
    • il valore Internal name deve corrispondere all’attributo “code”;
    • il valore Reconciliation key deve corrispondere all’attributo “idType”.

    Il campo Reconciliation key verrà utilizzato per identificare l’interessato nel database di Adobe Campaign.

  6. Seleziona una mappatura target per specificare come verrà riconciliato lo spazio dei nomi in Adobe Campaign.

    note note
    NOTE
    Per utilizzare più mappature target, crea uno spazio dei nomi per ogni mappatura target.
  7. Salva le modifiche.

Ora puoi creare richieste di accesso a dati personali in base al nuovo spazio dei nomi. Se utilizzi più spazi dei nomi, crea una richiesta di accesso a dati personali per ogni spazio dei nomi per lo stesso valore di riconciliazione.

Creare una richiesta di accesso a dati personali create-privacy-request

L’integrazione di Adobe Experience Platform Privacy Service consente di automatizzare le richieste di accesso a dati personali in un contesto multisoluzione tramite una singola chiamata API JSON. Adobe Campaign gestisce automaticamente le richieste inviate da Privacy Service tramite un flusso di lavoro dedicato.

Per scoprire come creare richieste di accesso a dati personali dal Privacy Core Service, fai riferimento alla documentazione del Privacy Service di Experience Platform.

Ciascun processo Privacy Service è suddiviso in più richieste Privacy in Adobe Campaign in base al numero di spazi dei nomi utilizzati. A ogni richiesta corrisponde uno spazio dei nomi.

È inoltre possibile eseguire un processo su più istanze. In questo caso vengono creati più file per un processo. Ad esempio, se una richiesta ha due spazi di nomi ed è in esecuzione in tre istanze, vengono inviati in totale sei file. Un file per ogni spazio dei nomi e istanza.

Il modello per il nome di un file è: <InstanceName>-<NamespaceId>-<ReconciliationKey>.xml

  • InstanceName: il nome dell’istanza Campaign
  • NamespaceId: l’ID spazio dei nomi di Identity Service per lo spazio dei nomi utilizzato
  • ReconciliationKey: la chiave di riconciliazione codificata
CAUTION
Per inviare una richiesta utilizzando il tipo di spazio dei nomi personalizzato, crea la richiesta utilizzando il metodo JSON and add the namespaceId to the request, or use the API call.
Per inviare richieste utilizzando il tipo di spazio dei nomi standard, utilizza solo l’interfaccia utente Privacy.

Tabelle cercate durante l’elaborazione delle richieste list-of-tables

Durante l’esecuzione di una richiesta di eliminazione o di accesso ai dati personali, Adobe Campaign cerca tutti i dati dell’interessato in base al Reconciliation value in tutte le tabelle che presentano un collegamento alla tabella dei destinatari (di tipo proprio).

L’elenco delle tabelle integrate prese in considerazione durante l’esecuzione delle richieste di accesso a dati personali è:

  • Destinatari (recipient)
  • Registro delle consegne ai destinatari (broadLogRcp)
  • Registro di tracciamento dei destinatari (trackingLogRcp)
  • Registro di consegna degli eventi archiviati (broadLogEventHisto)
  • Contenuto dell’elenco destinatari (rcpGrpRel)
  • Proposta di offerta del visitatore (propositionVisitor)
  • Visitatori (visitor)
  • Storico abbonamenti (subHisto)
  • Abbonamenti (subscription)
  • Proposta di offerta del destinatario (propositionRcp)

Se hai creato tabelle personalizzate con un collegamento alla tabella dei profili (di tipo proprio), anche queste verranno considerate. Ad esempio, se disponi di una tabella di transazioni collegata alla tabella dei destinatari e una tabella di dettagli delle transazioni collegata alla tabella delle transazioni, verranno entrambe considerate.

Stati delle richieste di accesso a dati personali privacy-request-statuses

Di seguito sono riportati i diversi stati delle richieste di accesso a dati personali in Adobe Campaign e come interpretarli:

  • New / Retry pending: in corso, il flusso di lavoro non ha ancora elaborato la richiesta.
  • Processing / Retry in progress: il flusso di lavoro sta elaborando la richiesta.
  • Delete pending: il flusso di lavoro ha identificato tutti i dati del destinatario da eliminare.
  • Delete in progress: il flusso di lavoro sta elaborando l’eliminazione.
  • Complete: l’elaborazione della richiesta è andata a buon fine.
  • Error: il flusso di lavoro ha rilevato un errore. Il motivo viene visualizzato nell’elenco delle richieste di accesso a dati personali nella colonna Request status. Ad esempio, Error data not found significa che nel database non è stato trovato nessun dato del destinatario corrispondente al Reconciliation value dell’interessato.

Argomenti correlati nella documentazione di Campaign Classic v7:

recommendation-more-help
35662671-8e3d-4f04-a092-029a056c566b