Supporto IAB TCF 2.0 in Audience Manager iab-tcf-support-in-audience-manager

Adobe consente di gestire e comunicare le scelte degli utenti in materia di privacy tramite la funzionalità Opt-in e il supporto del plug-in Audience Manager per IAB Transparency and Consent Framework 2.0 (TCF 2.0). Questo articolo funziona insieme alla documentazione per aiutarti a comprendere il plug-in di Audience Manager in IAB TCF e come funziona con l’oggetto Opt-in di Adobe e il tuo provider di gestione dei consensi (CMP). Per ulteriori informazioni su IAB, visitare il sito Web all'indirizzo https://www.iabeurope.eu/.

Primo passaggio: comprendere l’opt-in dell’ID Experience Cloud first-step-understand-ecid-s-opt-in

Per capire come lavorare con IAB TCF, devi prima capire Opt-in , che fa parte della libreria del servizio ID Experience Cloud (ECID). Se non sai come funziona il consenso, consulta questo articolo utile prima. Devi anche rivedere il Consenso documentazione. Dopo aver esaminato tali risorse, torna a questa pagina e continua.

Plug-in di Audience Manager per IAB TCF the-audience-manager-plug-in-for-iab-tcf

Ora che hai almeno una conoscenza di base di come funziona il servizio Opt-in, Audience Manager può aggiungervi un livello IAB Transparency and Consent Framework (TCF) che viene eseguita tramite un plug-in nell'oggetto Opt-in.

Il plug-in di Audience Manager per IAB TCF estende la funzionalità di Opt-in e consente ai clienti AAM di valutare, rispettare e inoltrare le scelte sulla privacy degli utenti ai partner a valle in conformità con IAB TCF. Fornisce uno standard per i titolari del trattamento dei dati (ossia se sei un cliente Adobe) e i fornitori (DMP, DSP, SSP, Ad Server, ecc.) può utilizzare per comprendere il consenso in tutta l’area del consenso.

Abilita IAB TCF enabling-iab-tcf

Abilitare il plug-in di Audience Manager per IAB TCF è facile se si utilizza Adobe Experience Platform Launch, in quanto si tratta di una semplice casella di controllo, come mostrato nel breve video seguente:

In alternativa, se non utilizzi Launch, puoi utilizzare isIabContext=true per abilitarlo quando crei un’istanza del visitatore Experience Cloud. Questo avvia il flusso IAB TCF, ovvero aggiunge un altro passaggio alla raccolta del consenso, utilizzando IAB TCF per eseguire una query per la stringa IAB TC e la restituisce a Opt-in, che a sua volta comunica con le soluzioni Experience Cloud.

Uno degli standard che IAB fornisce è una "stringa di consenso" (nota anche come "DaisyBit"), che in realtà è due elenchi messi insieme:

  1. Finalità: Cosa viene dato il consenso?
  2. Fornitori: Chi viene dato il consenso a?

Finalità purposes

Con IAB TCF 2.0, ci sono dieci "scopi" per i quali raccogliere il consenso (cosa possono fare i fornitori con i dati del visitatore). Adobe Audience Manager non richiede tutti i dieci, ma richiede il consenso solo per i seguenti scopi, oltre al consenso del fornitore:

  • Scopo 1: Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo;
  • Scopo 10: sviluppare e migliorare i prodotti;
  • Uso speciale 1: Garantire la sicurezza, prevenire le frodi ed eseguire il debug.

Questa è la prima parte della stringa TC IAB ed è appena registrata come 1 e 0, che determina se tale scopo/attività è approvato o meno.

NOTE
In base alle normative IAB, la funzione speciale 1 (garantire la sicurezza, prevenire le frodi ed eseguire il debug) è sempre autorizzata e gli utenti non possono opporsi.

Fornitori vendors

Un’altra parte della stringa TC IAB è costituita da un lungo elenco di diverse centinaia di fornitori, in modo che ai visitatori possa essere presentato un elenco dei fornitori applicabili che dispongono di tag sul sito e possono scegliere quali fornitori utilizzare. I fornitori mantengono il proprio posto nell'elenco. Ad esempio, il numero del fornitore di Adobe Audience Manager in questo elenco è 565. Se quel numero nell'elenco ha "1", allora Audience Manager può fare le finalità approvate dalla parte anteriore dell'elenco. Se il punto dell’AAM ha uno "0", non può fare nulla con i dati.

Ad Audience Manager, per fornire ai clienti un’interfaccia utente che consenta loro di utilizzare IAB TCF per scegliere questi scopi e fornitori, o per approvare/disapprovare tutte le attività, devi utilizzare un partner CMP registrato con IAB TCF o crearne uno che supporti IAB TCF e sia registrato con IAB TCF.

Opt-in: traduzione tra applicazioni IAB e Adobe opt-in-translating-between-iab-and-adobe-solutions

Uno dei vantaggi dell’utilizzo di IAB TCF è che le finalità standard sopra elencate probabilmente forniscono all’utente finale più un’idea di ciò che sta approvando rispetto a un elenco di soluzioni Adobi. Gli utenti finali potrebbero non sapere cosa significa "approvare" l’Audience Manager o Target, ma "Memorizzare e/o accedere alle informazioni su un dispositivo" o "Sviluppare e migliorare i prodotti" è probabilmente più facile per loro da capire e acconsentire a.

Per poter approvare l'Audience Manager (cioè Affinché la traduzione delle finalità IAB di Opt-in dia il "sì" all'AAM, le finalità 1 e 10, come sopra elencate, devono essere approvate dall'utente finale. Se uno di questi non è approvato, o se un fornitore non è approvato, l'AAM non eseguirà incendi di pixel o non imposterà cookie. È inoltre utile sapere che molti clienti scelgono semplicemente di fornire all’utente finale un’interfaccia utente "tutto o niente", che consentirebbe o meno l’utilizzo di Audience Manager (e delle altre soluzioni di Experience Cloud).

Ci sono alcune ottime informazioni nel documentazione informazioni sul modo in cui il flusso del plug-in Audience Manager per IAB TCF si applica sia ai casi di utilizzo di Publisher che agli inserzionisti.

Quando si utilizza il plug-in di Audience Manager per IAB TCF, le scelte di consenso dell’utente vengono inviate anche alle sincronizzazioni ID a livello di piattaforma (terze parti) per i partner presenti nell’elenco dei fornitori globali, in modo che il partner disponga delle informazioni di consenso dell’utente e possa agire di conseguenza. Queste informazioni vengono inviate in due variabili:

  • rgpd = 1
  • gdpr_consent = [stringa di consenso codificata]

Bisogna però prestare attenzione: se l’utente si trova nel contesto IAB e non fornisce il consenso (o fornisce un consenso negativo), Audience Manager non raccoglie affatto la stringa TC IAB e, di conseguenza, interrompe le chiamate. Quindi, in quel caso… non si passa il consenso a valle.

Demo demo

Nel video seguente, scopri in che modo le scelte degli utenti IAB influenzano i cookie e i beacon di ECID e delle soluzioni.

Per informazioni più dettagliate sul plug-in di Audience Manager per il TCF IAB 2.0, tra cui come implementare e testare, casi di utilizzo e flusso di lavoro, vedi documentazione.

recommendation-more-help
468cbaa0-07ce-4354-9a38-4f23b645a466