Note sulla versione di Adobe Experience Platform

Data di rilascio: 12 febbraio 2020

Aggiornamenti alle funzioni esistenti in Adobe Experience Platform:

Origini

Adobe Experience Platform può acquisire dati da sorgenti esterne e allo stesso tempo strutturare, etichettare e migliorare tali dati utilizzando Platform servizi. È possibile acquisire dati da diverse sorgenti, come applicazioni di Adobe, archiviazione basata su cloud, software di terze parti e il sistema CRM in uso.

Experience Platform fornisce un’API RESTful e un’interfaccia utente interattiva che consente di impostare facilmente le connessioni sorgente per vari provider di dati. Queste connessioni di origine ti consentono di autenticare e connettersi a sistemi di archiviazione esterni e servizi CRM, impostare i tempi di esecuzione dell’acquisizione e gestire il throughput di inserimento dei dati.

Nuove funzioni

Funzione Descrizione
Supporto API per SaaS - Sistemi di servizio Nuovi connettori sorgente per Salesforce Service Cloud API e ServiceNow API.
Supporto API per SaaS - Sistemi di marketing Nuovi connettori sorgente per HubSpot API.
Supporto API per NoSQL sistemi di database Nuovi connettori sorgente per AWS Redshift, Google BigQuery, MariaDB, MySQL, PostgreSQLe SQL Server API.
Supporto API per sistemi di archiviazione cloud Nuovi connettori sorgente per Azure Data Lake Service Gen 2 API e Google Cloud Storage API.
Supporto dell’interfaccia utente per i sistemi di archiviazione cloud Nuovo connettore sorgente per Google Cloud Storage nell’interfaccia utente di .

Problemi noti

  • Nessuna

Per ulteriori informazioni sulle origini, consulta la sezione panoramica di origini.

In questa pagina