Query Editor Guida all’interfaccia utente

Query Editor è uno strumento interattivo fornito da Adobe Experience Platform Query Service, che consente di scrivere, convalidare ed eseguire query per i dati sulla customer experience all’interno dell’ Experience Platform interfaccia utente. Query Editor supporta lo sviluppo di query per l’analisi e l’esplorazione dei dati e consente di eseguire query interattive a scopo di sviluppo, nonché query non interattive per compilare i set di dati in Experience Platform.

Per ulteriori informazioni sui concetti e le funzionalità di Query Service, vedi Panoramica del servizio query. Per ulteriori informazioni su come navigare nell’interfaccia utente del servizio query su Platform, vedi Panoramica dell’interfaccia utente del servizio query.

Introduzione

Query Editor fornisce un'esecuzione flessibile delle query tramite la connessione a Query Service, e le query verranno eseguite solo quando la connessione è attiva.

Connessione a Query Service

Query Editor L'inizializzazione e la connessione richiedono alcuni secondi Query Service quando viene aperto. La console indica quando è connessa, come illustrato di seguito. Se tenti di eseguire una query prima che l’editor si sia connesso, l’esecuzione ritarda fino al completamento della connessione.

Immagine

Esecuzione delle query da Query Editor

Query eseguite da Query Editor esegui in modo interattivo. Ciò significa che se chiudi il browser o se ti allontani, la query viene annullata. Questo vale anche per le query create per generare set di dati dagli output delle query.

Creazione di query tramite Query Editor

Utilizzo Query Editor, puoi scrivere, eseguire e salvare query per i dati sulla customer experience. Tutte le query eseguite o salvate in Query Editor sono disponibili per tutti gli utenti dell’organizzazione con accesso a Query Service.

Accesso al Query Editor

In Experience Platform Interfaccia utente, seleziona Query nel menu di navigazione a sinistra per aprire Query Service workspace. Quindi, seleziona Crea query in alto a destra della schermata per iniziare a scrivere query. Questo collegamento è disponibile da una qualsiasi delle pagine nel Query Service workspace.

Immagine

Scrittura di query

Editor query è organizzato in modo da rendere la scrittura di query il più semplice possibile. La schermata seguente mostra come l’editor appare nell’interfaccia utente, con Play campo voce pulsante e SQL evidenziato.

Immagine

Per ridurre al minimo il tempo di sviluppo, è consigliabile sviluppare le query con limiti sulle righe restituite. Ad esempio, SELECT fields FROM table WHERE conditions LIMIT number_of_rows. Dopo aver verificato che la query produca l’output previsto, rimuovi i limiti ed esegui la query con CREATE TABLE tablename AS SELECT per generare un set di dati con l’output.

Strumenti di scrittura in Query Editor

  • Evidenziazione automatica della sintassi: Semplifica la lettura e l'organizzazione di SQL.

Immagine

  • Completamento automatico parola chiave SQL: Inizia a digitare la query e utilizza i tasti freccia per passare al termine desiderato e premi Invio.

Immagine

  • Completamento automatico tabella e campo: Inizia a digitare il nome della tabella che desideri SELECT da, quindi utilizzare i tasti freccia per passare alla tabella desiderata e premere Invio. Una volta selezionata una tabella, la funzione di completamento automatico riconoscerà i campi presenti nella tabella.

L’interfaccia della riga di comando dell’Editor query che visualizza suggerimenti a discesa.

Interruttore di configurazione dell’interfaccia utente con completamento automatico

La Query Editor suggerisce automaticamente potenziali parole chiave SQL insieme ai dettagli di tabella o colonna per la query durante la scrittura. La funzione di completamento automatico è attivata per impostazione predefinita e può essere disabilitata o abilitata in qualsiasi momento selezionando la Completamento automatico sintassi passa all’Editor query in alto a destra.

L'impostazione di configurazione del completamento automatico è per utente e ricordata per gli accessi consecutivi per quell'utente.

Editor query con la sintassi auto-complete evidenziata.

La disattivazione di questa funzione impedisce l’elaborazione di diversi comandi di metadati e fornisce consigli che in genere sfruttano la velocità dell’autore durante la modifica delle query.

Quando si utilizza l'interruttore per attivare la funzione di completamento automatico, dopo una breve pausa diventano disponibili suggerimenti consigliati per i nomi di tabella e colonna e per le parole chiave SQL. Un messaggio di successo nella console sotto l’Editor query indica che la funzione è attiva.

Se disattivi la funzione di completamento automatico, è necessario un aggiornamento della pagina per rendere effettiva la funzione. Quando disattivi la finestra di dialogo di conferma, vengono visualizzate tre opzioni Completamento automatico sintassi interruttore :

  • Annulla
  • Salva modifiche e aggiorna
  • Aggiorna senza salvare le modifiche
IMPORTANTE

Se si scrive o si modifica una query durante la disattivazione di questa funzione, è necessario salvare le modifiche apportate alla query prima di aggiornare la pagina o tutti i progressi andranno persi.

Finestra di dialogo di conferma per disattivare la funzione di completamento automatico.

Selezionare l'opzione appropriata per disattivare la funzione di completamento automatico.

Rilevamento degli errori

Query Editor convalida automaticamente una query durante la scrittura, fornendo una convalida SQL generica e una convalida di esecuzione specifica. Se sotto la query viene visualizzata una sottolineatura rossa (come illustrato nell’immagine seguente), la query presenta un errore.

Immagine

Quando vengono rilevati errori, è possibile visualizzare i messaggi di errore specifici passando il mouse sul codice SQL.

Immagine

Dettagli query

Durante la visualizzazione di una query in Query Editor, Dettagli query Il pannello fornisce gli strumenti per gestire la query selezionata.

Immagine

Questo pannello consente di generare un set di dati di output direttamente dall’interfaccia utente, eliminare o denominare la query visualizzata e aggiungere una pianificazione alla query.

Questo pannello mostra anche metadati utili, come l’ultima volta che la query è stata modificata e chi l’ha modificata, se applicabile. Per generare un set di dati, seleziona Set di dati di output. La Set di dati di output viene visualizzata la finestra di dialogo . Immetti un nome e una descrizione, quindi seleziona Esegui query. Il nuovo set di dati viene visualizzato nel Set di dati nella scheda Query Service interfaccia utente attiva Platform.

Query pianificate

IMPORTANTE

Di seguito è riportato un elenco di limitazioni per le query pianificate quando si utilizza l’editor delle query. Non si applicano al Query Service API:
È possibile aggiungere una pianificazione solo a una query già creata, salvata ed eseguita.
You impossibile aggiungi una pianificazione a una query con parametri.
Query pianificate impossibile contiene un blocco anonimo.

Per aggiungere una pianificazione a una query, seleziona Aggiungi pianificazione.

Immagine

La Dettagli della pianificazione viene visualizzata la pagina . In questa pagina puoi scegliere la frequenza della query pianificata, le date di esecuzione della query pianificata e il set di dati in cui esportare la query.

Immagine

Puoi scegliere le seguenti opzioni per Frequenza:

  • Orario: La query pianificata viene eseguita ogni ora per il periodo di data selezionato.
  • Giornaliero: La query pianificata verrà eseguita ogni X giorni all’ora e al periodo di data selezionato. Tieni presente che l’ora selezionata è in UTC e non il fuso orario locale.
  • Settimanale: La query selezionata verrà eseguita nei giorni della settimana, dell’ora e del periodo di data selezionati. Tieni presente che l’ora selezionata è in UTC e non il fuso orario locale.
  • Mensile: La query selezionata viene eseguita ogni mese al giorno, all’ora e al periodo di data selezionato. Tieni presente che l’ora selezionata è in UTC e non il fuso orario locale.
  • Annuale: La query selezionata viene eseguita ogni anno al giorno, al mese, all’ora e al periodo di data selezionato. Tieni presente che l’ora selezionata è in UTC e non il fuso orario locale.

Per il set di dati, puoi utilizzare un set di dati esistente o crearne uno nuovo.

IMPORTANTE

Poiché utilizzi un set di dati esistente o crei un nuovo, lo fai not devono includere INSERT INTO o CREATE TABLE AS SELECT come parte della query, poiché i set di dati sono già impostati. Includere INSERT INTO o CREATE TABLE AS SELECT come parte delle query pianificate si verifica un errore.

Dopo aver confermato tutti questi dettagli, seleziona Salva per creare una pianificazione.

La pagina dei dettagli della query viene visualizzata nuovamente e ora mostra i dettagli della nuova pianificazione creata, inclusi l’ID pianificazione, la pianificazione stessa e il set di dati di output della pianificazione. Puoi utilizzare l’ID pianificazione per cercare ulteriori informazioni sulle esecuzioni della query pianificata stessa. Per saperne di più, leggere il guida agli endpoint di esecuzione delle query programmate.

NOTA

È possibile pianificare solo uno modello di query utilizzando l’interfaccia utente. Se desideri aggiungere ulteriori pianificazioni a un modello di query, dovrai utilizzare l’API . Se una pianificazione è già stata aggiunta utilizzando l’API, not puoi aggiungere altre pianificazioni utilizzando l’interfaccia utente . Se più pianificazioni sono già collegate a un modello di query, verrà visualizzata solo la pianificazione meno recente. Per informazioni su come aggiungere le pianificazioni utilizzando l’API, leggi la guida all’endpoint delle query pianificate.

Inoltre, devi aggiornare la pagina se desideri avere lo stato più recente della pianificazione che stai visualizzando.

Eliminare una pianificazione

Per eliminare una pianificazione, seleziona Eliminare una pianificazione.

Immagine

IMPORTANTE

Se si desidera eliminare una pianificazione per una query, è necessario prima disattivare la pianificazione.

Salvataggio delle query

Query Editor fornisce una funzione di salvataggio che ti consente di salvare una query e lavorarci in un secondo momento. Per salvare una query, seleziona Salva nell'angolo in alto a destra di Query Editor. Prima di salvare una query, è necessario specificare un nome per la query utilizzando Dettagli query pannello.

NOTA

Le query denominate e salvate con l’Editor query sono disponibili come modelli all’interno del dashboard Query Sfoglia scheda . Consulta la sezione documentazione dei modelli per ulteriori informazioni.

Come trovare le query precedenti

Tutte le query eseguite da Query Editor vengono acquisiti nella tabella Registro. Puoi utilizzare la funzionalità di ricerca nella sezione Registro per trovare le esecuzioni delle query. Le query salvate sono elencate nella Sfoglia scheda .

Consulta la sezione Panoramica dell’interfaccia utente del servizio query per ulteriori informazioni.

NOTA

Le query non eseguite non vengono salvate dal registro. Affinché la query sia disponibile in Query Service, deve essere eseguito o salvato in Query Editor.

Esecuzione di query tramite Editor query

Per eseguire una query in Query Editor, è possibile immettere SQL nell'editor o caricare una query precedente dal Registro o Sfoglia e seleziona Play. Lo stato dell’esecuzione della query viene visualizzato nel Console , e i dati di output sono visualizzati nella Risultati scheda .

Console

La console fornisce informazioni sullo stato e sul funzionamento di Query Service. Nella console viene visualizzato lo stato della connessione a Query Service, le operazioni di query in esecuzione ed eventuali messaggi di errore risultanti da tali query.

Immagine

NOTA

La console mostra solo gli errori derivanti dall’esecuzione di una query. Non mostra gli errori di convalida delle query prima dell’esecuzione di una query.

Risultati della query

Al termine di una query, i risultati vengono visualizzati nella Risultati accanto alla scheda Console scheda . Questa visualizzazione mostra l’output tabulare della query, visualizzando fino a 100 righe. Questa visualizzazione ti consente di verificare che la query produca l’output previsto. Per generare un set di dati con la query, rimuovi i limiti sulle righe restituite ed esegui la query con CREATE TABLE tablename AS SELECT per generare un set di dati con l’output. Consulta la sezione esercitazione sulla generazione di set di dati per istruzioni su come generare un set di dati dai risultati della query in Query Editor.

Immagine

Eseguire query con Query Service video tutorial

Il video seguente mostra come eseguire le query nell’interfaccia Adobe Experience Platform e in un client PSQL. Inoltre, vengono dimostrate l’utilizzo di singole proprietà in un oggetto XDM, di funzioni definite in Adobe e di CREATE TABLE AS SELECT (CTAS).

Passaggi successivi

Ora sai quali funzioni sono disponibili in Query Editor e come navigare nell’applicazione, puoi iniziare a creare query personalizzate direttamente in Platform. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di query SQL rispetto ai set di dati in Data Lake, consulta la guida su query in esecuzione.

In questa pagina