Note sulla versione

Versione 2.7.0 - 26 ottobre 2021

  • Esporre informazioni aggiuntive da Experience Edge nel valore restituito da sendEvent, tra cui inferences e destinations. Il formato di queste proprietà può cambiare in quanto queste funzioni vengono attualmente distribuite come parte di una versione beta. Per ulteriori informazioni, consulta Tracciamento degli eventi.

Versione 2.6.4 - 7 settembre 2021

  • È stato risolto un problema che causava l’impostazione di azioni HTML Adobe Target applicate al head stavano sostituendo l'intero head contenuto. Ora imposta le azioni di HTML applicate al head vengono modificati per aggiungere HTML.

Versione 2.6.3 - 16 agosto 2021

  • È stato risolto un problema a causa del quale gli oggetti non destinati all’uso pubblico venivano esposti tramite la promessa risolta dal configure comando.

Versione 2.6.2 - 4 agosto 2021

  • È stato risolto un problema che causava un avviso di elementi obsoleti di result.decisions (forniti sendEvent viene registrato nella console anche quando result.decisions non è stato effettuato l'accesso alla proprietà. Non verrà registrato alcun avviso quando si accede al result.decisions , ma la proprietà rimane obsoleta.

Versione 2.6.1 - 29 luglio 2021

  • È stato risolto un problema a causa del quale il rendering della personalizzazione per una visualizzazione di app a pagina singola senza contenuto di personalizzazione generava un errore e causava la restituzione della promessa dal sendEvent comando da rifiutare.

Versione 2.6.0 - 27 luglio 2021

  • Fornisce più contenuto di personalizzazione nel sendEvent promessa risolta, inclusi i token di risposta di Adobe Target. Quando il sendEvent viene eseguito un comando, viene restituita una promessa, che alla fine viene risolta con un result oggetto contenente le informazioni ricevute dal server. In precedenza, questo oggetto risultato includeva una proprietà denominata decisions. Questo decisions La proprietà è stata dichiarata obsoleta. Una nuova proprietà, propositionsè stato aggiunto . Questa nuova proprietà consente ai clienti di accedere a più contenuti di personalizzazione, tra cui token di risposta.

Versione 2.5.0 - giugno 2021

  • È stato aggiunto il supporto per le offerte di personalizzazione di reindirizzamento.
  • Le larghezze e le altezze del riquadro di visualizzazione raccolte automaticamente con valori negativi non verranno più inviate al server.
  • Quando un evento viene annullato restituendo false da onBeforeEventSend callback, ora viene registrato un messaggio.
  • È stato risolto un problema a causa del quale parti specifiche di dati XDM destinate a un singolo evento venivano incluse in più eventi.

Versione 2.4.0 - marzo 2021

  • L'SDK può ora essere installato come pacchetto npm.
  • È stato aggiunto il supporto per un out opzione quando configurazione del consenso predefinito, che rilascia tutti gli eventi finché non viene ricevuto il consenso (il pending mette in coda gli eventi e li invia una volta ricevuto il consenso).
  • La callback onBeforeEventSend può ora essere utilizzato per impedire l’invio di un evento.
  • Ora utilizza un gruppo di campi di schema XDM anziché meta.personalization quando si inviano eventi relativi a contenuti personalizzati di cui si sta eseguendo il rendering o si fa clic su di essi.
  • La getIdentity, comando ora restituisce l'ID della regione perimetrale accanto all'identità.
  • Gli avvisi e gli errori ricevuti dal server sono stati migliorati e vengono gestiti in modo più appropriato.
  • È stato aggiunto il supporto per Standard Adobe Consent 2.0.
  • Quando vengono ricevute, le preferenze di consenso vengono hashing e memorizzate nell’archivio locale per un’integrazione ottimizzata tra CMP, Platform Web SDK e Platform Edge Network. Se raccogli le preferenze di consenso, ti invitiamo a chiamare setConsent a ogni caricamento di pagina.
  • Due ganci di monitoraggio, onCommandResolved e onCommandRejected, sono stati aggiunti.
  • Correzione bug: Gli eventi di notifica dell’interazione di personalizzazione conterrebbero informazioni duplicate sulla stessa attività quando un utente passava a una nuova visualizzazione di app a pagina singola, tornava alla visualizzazione originale e faceva clic su un elemento idoneo alla conversione.
  • Correzione bug: Se il primo evento inviato dall’SDK era documentUnloading impostato su true, sendBeacon viene utilizzato per inviare l'evento, con conseguente errore relativo a un'identità non stabilita.

Versione 2.3.0 - novembre 2020

  • È stato aggiunto il supporto nonce per consentire criteri di sicurezza dei contenuti più rigorosi.
  • È stato aggiunto il supporto per la personalizzazione per le applicazioni a pagina singola.
  • È stata migliorata la compatibilità con altri codici JavaScript on-page che potrebbero essere sovrascritti window.console API.
  • Correzione bug: sendBeacon non è stato utilizzato quando documentUnloading è impostato su true o quando i clic sui collegamenti venivano tracciati automaticamente.
  • Correzione bug: Un collegamento non viene tracciato automaticamente se l’elemento di ancoraggio contiene contenuto HTML.
  • Correzione bug: Alcuni errori del browser contenenti una sola lettura message la proprietà non è stata gestita in modo appropriato e si è verificato un errore diverso.
  • Correzione bug: L'esecuzione dell'SDK all'interno di un iframe genererebbe un errore se la pagina HTML dell'iframe proveniva da un sottodominio diverso da quello della pagina HTML della finestra principale.

Versione 2.2.0 - ottobre 2020

  • Correzione bug: L'oggetto Opt-in impediva ad Alloy di effettuare chiamate quando idMigrationEnabled è true.
  • Correzione bug: Presta attenzione alle richieste che dovrebbero restituire le offerte di personalizzazione per evitare un problema di sfarfallio.

Versione 2.1.0 - agosto 2020

  • Rimuovi syncIdentity e supportano il passaggio di tali ID nel sendEvent comando.
  • Supporto dello standard di consenso IAB 2.0.
  • Supporto per il passaggio di ID aggiuntivi nella setConsent comando.
  • Supporto per ignorare i datasetId in sendEvent comando.
  • Supporta i monitor della lega (Leggi tutto)
  • Pass environment: browser nei dettagli di implementazione dati contestuali.

In questa pagina