Archivi di Cloud Manager

Gli archivi sono il luogo in cui gestisci il codice utilizzando Git. Scopri come creare archivi per i programmi Cloud Manager.

Accesso agli archivi

Puoi accedere e gestire gli archivi Git in un self-service da Cloud Manager.

Per accedere al tuo archivio, utilizza il pulsante Accedi a dati archivio disponibile in Cloud Manager, che si trova in primo piano sulla scheda della pipeline.

  1. Accedi a Cloud Manager all’indirizzo my.cloudmanager.adobe.com e seleziona l’organizzazione e il programma appropriati.

  2. Passa alla scheda Pipeline dalla pagina Panoramica del programma e visualizzerai l’opzione Accedi a dati archivio per accedere e gestire l’archivio Git configurato con questa pipeline.

    Pulsante Accedi a dati archivio

  3. Se passi alla scheda pipeline Non di produzione l’opzione Accedi a dati archivio è disponibile anche in questo caso, in quanto configurata per la pipeline.

    Pipeline non di produzione

  4. Fai clic sul pulsante Accedi a dati archivio per aprire una finestra di dialogo che presenta:

    • L’URL dell’archivio Git
    • Nome utente
    • Password
    • Il comando Git da eseguire per clonare l’archivio in locale

    Finestra di dialogo Informazioni archivio

Utilizza le informazioni fornite per clonare l’archivio in locale in modo da poter iniziare lo sviluppo locale.

NOTA

L’opzione Accedi a dati archivio è visibile agli utenti con il ruolo di Sviluppatore o Responsabile della distribuzione.

Aggiunta di archivi

Per aggiungere archivi in Cloud Manager, segui i passaggi seguenti:

  1. Accedi a Cloud Manager all’indirizzo my.cloudmanager.adobe.com e seleziona l’organizzazione e il programma appropriati.

  2. Dalla pagina Panoramica del programma, fai clic sulla scheda Archivi e passa alla pagina Archivi.

  3. Fai clic su Aggiungi archivio per avviare la procedura guidata.

    NOTA

    Per aggiungere un archivio devi avere il ruolo di Responsabile della distribuzione o Proprietario business.

    Aggiungi archivio

  4. Inserisci il nome e la descrizione come richiesto e fai clic su Salva.

    Dettagli dell’archivio

  5. Seleziona Salva.

Verrà visualizzato l’archivio appena creato.

Nuovo archivio creato

Gli archivi creati in Cloud Manager sono disponibili per la selezione quando crei le pipeline.

Visualizzare e modificare gli archivi

Per modificare e visualizzare gli archivi in Cloud Manager, segui i passaggi seguenti:

  1. Accedi a Cloud Manager all’indirizzo my.cloudmanager.adobe.com e seleziona l’organizzazione e il programma appropriati.

  2. Dalla pagina Panoramica del programma, fai clic sulla scheda Archivi e passa alla pagina Archivi. Qui puoi visualizzare i dettagli degli archivi esistenti.

  3. Seleziona l’archivio e fai clic sul pulsante con i puntini di sospensione all’estrema destra della tabella per effettuare sul tuo archivio le operazioni di Copia URL archivio, Visualizza e aggiorna o Elimina.

Modifica archivio

Supporto per i sottomoduli Git

È possibile utilizzare i moduli Git secondari per unire il contenuto di più rami tra archivi Git al momento della generazione.

Quando viene eseguito il processo di generazione di Cloud Manager, dopo che l’archivio configurato per la pipeline è stato clonato e il ramo configurato viene registrato, se il ramo contiene un file .gitmodules nella directory principale, il comando viene eseguito.

$ git submodule update --init

In questo modo, ogni sottomodulo verrà registrato nella directory appropriata. Questa tecnica è una potenziale alternativa all’utilizzo di più archivi Git di origine per le organizzazioni che hanno familiarità con l’utilizzo dei sottomoduli Git e che non desiderano gestire un processo di unione esterno.

Ad esempio, supponiamo che ci siano tre archivi, ciascuno contenente un singolo ramo denominato main. Nell’archivio “principale”, ovvero quello configurato nelle pipeline, il ramo main ha un file pom.xml che dichiara i progetti contenuti negli altri due archivi:

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<project xmlns="http://maven.apache.org/POM/4.0.0" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance"
    xsi:schemaLocation="http://maven.apache.org/POM/4.0.0 http://maven.apache.org/maven-v4_0_0.xsd">
    <modelVersion>4.0.0</modelVersion>

    <groupId>customer.group.id</groupId>
    <artifactId>customer-reactor</artifactId>
    <version>0.0.1-SNAPSHOT</version>
    <packaging>pom</packaging>

    <modules>
        <module>project-a</module>
        <module>project-b</module>
    </modules>

</project>

Aggiungi quindi i sottomoduli per gli altri due archivi:

$ git submodule add -b main https://git.cloudmanager.adobe.com/ProgramName/projectA/ project-a
$ git submodule add -b main https://git.cloudmanager.adobe.com/ProgramName/projectB/ project-b

Questo determina un file .gitmodules con questo aspetto:

[submodule "project-a"]
    path = project-a
    url = https://git.cloudmanager.adobe.com/ProgramName/projectA/
    branch = main
[submodule "project-b"]
    path = project-b
    url = https://git.cloudmanager.adobe.com/ProgramName/projectB/
    branch = main

Ulteriori informazioni sui sottomoduli Git sono disponibili nella sezione Manuale di riferimento Git.

Limitazioni

Quando utilizzi i sottomoduli Gt, tieni presente che:

  • L’URL Git deve avere esattamente la sintassi descritta sopra.
  • Per motivi di sicurezza, non incorporare le credenziali in questi URL.
  • Sono supportati solo i sottomoduli nella directory principale del ramo.
  • I riferimenti ai sottomoduli Git vengono archiviati in commit specifici Git.
    • Di conseguenza, quando vengono apportate modifiche all’archivio dei sottomoduli, il commit a cui si fa riferimento deve essere aggiornato, ad esempio, utilizzando git submodule update --remote.
  • Se non diversamente necessario, consigliamo vivamente di utilizzare sottomoduli “superficiali”.
    • Per farlo, esegui git config -f .gitmodules submodule.<submodule path>.shallow true per ciascun sottomodulo.

In questa pagina