Gestione dei predefiniti per immagini Dynamic Media

I predefiniti per immagini consentono ad Adobe Experience Manager Assets di distribuire dinamicamente immagini di dimensioni diverse, in formati diversi o con altre proprietà immagine generate in modo dinamico. Ogni predefinito per immagini rappresenta un insieme predefinito di comandi di ridimensionamento e formattazione per la visualizzazione delle immagini. Quando crei un predefinito per immagini, scegli una dimensione per la distribuzione delle immagini. È inoltre possibile scegliere i comandi di formattazione in modo che l'aspetto dell'immagine sia ottimizzato quando l'immagine viene distribuita per la visualizzazione.

Gli amministratori possono creare predefiniti per l’esportazione delle risorse. Gli utenti possono scegliere un predefinito al momento dell’esportazione delle immagini, che riformatta anche le immagini in base alle specifiche specificate dall’amministratore.

Puoi anche creare predefiniti immagine reattivi. Se applichi un predefinito immagine reattiva alle risorse, questo cambia a seconda del dispositivo o delle dimensioni dello schermo su cui vengono visualizzate. È possibile configurare i predefiniti immagine per l’utilizzo di CMYK nello spazio colore, oltre a RGB o Grigio.

Questa sezione descrive come creare, modificare e gestire in genere i predefiniti per immagini. È possibile applicare un predefinito immagine a un'immagine in qualsiasi momento in cui viene visualizzata in anteprima. Vedi Applicazione dei predefiniti per immagini.

NOTA

La funzione Smart imaging funziona con i predefiniti per immagini esistenti e utilizza funzionalità intelligenti all’ultimo millisecondo di distribuzione per ridurre ulteriormente le dimensioni dei file immagine in base al browser o alla velocità di connessione di rete. Vedi Imaging avanzato per ulteriori informazioni.

Informazioni sui predefiniti per immagini Dynamic Media

Come una macro, un predefinito per immagini è un insieme predefinito di comandi di ridimensionamento e formattazione salvati con un nome. Per comprendere il funzionamento dei predefiniti per immagini, supponiamo che il sito web richieda che ogni immagine del prodotto venga visualizzata in dimensioni diverse, in formati diversi e con tassi di compressione per la distribuzione desktop e mobile.

NOTA

In modalità Dynamic Media - Scene7, i predefiniti immagine sono supportati solo per le risorse immagine.

Puoi creare due predefiniti immagine: uno con 500 x 500 pixel per la versione desktop e 150 x 150 pixel per la versione mobile. Puoi creare due predefiniti immagine, uno denominato Enlarge per visualizzare immagini a 500x500 pixel e una chiamata Thumbnail per visualizzare immagini a 150 x 150 pixel. Per distribuire le immagini Enlarge e Thumbnail Experience Manager cerca la definizione di Ingrandisci predefinito immagine e Predefinito immagine miniatura. Quindi, Experience Manager genera in modo dinamico un'immagine con le specifiche di dimensione e formattazione di ciascun predefinito per immagini.

Le immagini a dimensioni ridotte quando vengono consegnate in modo dinamico possono perdere nitidezza e dettagli. Per questo motivo, ogni predefinito per immagini contiene controlli di formattazione per l’ottimizzazione di un’immagine quando viene distribuita con una particolare dimensione. Questi controlli assicurano che le immagini siano nitide e chiare quando vengono inviate al sito Web o all'applicazione.

Gli amministratori possono creare i predefiniti per immagini. Per creare un predefinito per immagini, puoi iniziare da zero o da uno esistente e salvarlo con un nuovo nome.

Gestione dei predefiniti per immagini Dynamic Media

Per gestire i predefiniti immagine in Experience Manager, tocca o fai clic sul logo Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale, quindi tocca o fai clic sull’icona Strumenti e passa a Risorse > Predefiniti immagini.

6_5_tools-assets-imagepresets

NOTA

Eventuali predefiniti immagine creati sono disponibili anche come rappresentazioni dinamiche quando visualizzi l’anteprima o la distribuzione delle risorse.

In Dynamic Media - Modalità Scene7, not devono pubblicare i predefiniti per immagini quando i predefiniti per immagini vengono pubblicati automaticamente.

In Dynamic Media - Modalità ibrida, devi pubblicare manualmente i predefiniti per immagini.

Vedi Pubblicazione dei predefiniti per immagini.

NOTA

Il sistema mostra varie rappresentazioni quando selezioni Rendering in Vista dettagli di una risorsa. Puoi aumentare o diminuire il numero di predefiniti immagine da visualizzare. Vedi Aumento del numero di predefiniti immagine da visualizzare.

Formati di file Adobe Illustrator (AI), Postscript (EPS) e PDF per la raccolta avanzata

NOTA

Questo argomento è applicabile solo alla modalità ibrida di Dynamic Media.

Se desideri supportare l’acquisizione di file AI, EPS e PDF in modo da poter generare rappresentazioni dinamiche di questi formati di file, controlla le seguenti informazioni prima di creare i predefiniti per immagini.

Il formato di file Adobe Illustrator è una variante di PDF. Le principali differenze nel contesto di Experience Manager Assets sono le seguenti:

  • I documenti Adobe Illustrator sono costituiti da una singola pagina con più livelli. Ogni livello viene estratto come risorsa secondaria PNG sotto la risorsa principale Illustrator.
  • I documenti PDF sono costituiti da una o più pagine. Ogni pagina viene estratta come risorsa secondaria PDF a pagina singola sotto il documento PDF principale con più pagine.

Le risorse secondarie vengono create dalla Create Sub Asset process nel complesso DAM Update Asset workflow. Per visualizzare questo componente del processo all’interno del flusso di lavoro, tocca Strumenti > Flusso di lavoro > Modelli > Risorsa di aggiornamento DAM > Modifica.

Vedi anche Visualizzazione di pagine di un file multipagina.

Puoi visualizzare le risorse secondarie o le pagine quando apri la risorsa, toccare il menu Contenuto e selezionare Risorse secondarie o Pagine. Le risorse secondarie sono risorse reali. In altre parole, le pagine di PDF vengono estratte dal Create Sub Asset componente flusso di lavoro. Vengono quindi memorizzati come page1.pdf, page2.pdf, e così via, sotto la risorsa principale. Una volta memorizzati, il DAM Update Asset il flusso di lavoro li elabora.

Per utilizzare Dynamic Media per visualizzare in anteprima e generare rappresentazioni dinamiche per file AI, EPS o PDF, sono necessari i seguenti passaggi di elaborazione:

  1. In DAM Update Asset flusso di lavoro, Rasterize PDF/AI Image Preview Rendition il componente di processo rasterizza la prima pagina della risorsa originale, utilizzando la risoluzione configurata, in un cqdam.preview.png rendering.

  2. La cqdam.preview.png il rendering viene quindi ottimizzato in un PTIFF dal Dynamic Media Process Image Assets elabora il componente all’interno del flusso di lavoro.

NOTA

In Risorsa di aggiornamento DAM flusso di lavoro, Miniature EPS Il passaggio genera le miniature per i file EPS.

Proprietà dei metadati delle risorse di PDF/AI/EPS

Proprietà metadati Descrizione
dam:Physicalwidthininches Larghezza documento in pollici.
dam:Physicalheightininches Altezza del documento in pollici.

Accesso Rasterize PDF/AI Image Preview Rendition opzioni dei componenti del processo tramite DAM Update Asset workflow.

Tocca Adobe Experience Manager in alto a sinistra e individua Strumenti > Flusso di lavoro > Modelli. Nella pagina Modelli di flusso di lavoro , seleziona Risorsa di aggiornamento DAM, quindi sulla barra degli strumenti tocca Modifica. Sulla Risorsa di aggiornamento DAM pagina del flusso di lavoro, tocca due volte Rasterize PDF/AI Image Preview Rendition per aprire la relativa finestra di dialogo Proprietà passaggio.

Rasterizzare le opzioni di rendering dell’anteprima immagine di PDF/AI

Argomenti per rasterizzare il flusso di lavoro di PDF o AI

Argomenti per rasterizzare il flusso di lavoro di PDF o AI

Argomento del processo Impostazione predefinita Descrizione
Tipi mime

application/pdf

application/postscript

applicazione/illustratore

Elenco di tipi di mime di documenti considerati come documenti PDF o Illustrator.
Larghezza max. 2048 Larghezza massima del rendering di anteprima generato, in pixel.
Altezza max. 2048 Altezza massima in pixel del rendering di anteprima generato.
Risoluzione 72 Risoluzione per rasterizzare la prima pagina, in ppi (pixel per pollice).

Utilizzando gli argomenti di processo predefiniti, la prima pagina di un documento PDF/AI viene rasterizzata a 72 ppi e l’immagine di anteprima generata è dimensionata a 2048 x 2048 pixel. Per una distribuzione tipica, è possibile aumentare la risoluzione fino a un minimo di 150 ppi o più. Ad esempio, un documento con dimensioni lettera USA a 300 ppi richiede rispettivamente una larghezza e un'altezza massime di 2550 x 3300 pixel.

Larghezza massima e Altezza massima limitano la risoluzione a cui rasterizzare. Ad esempio, se i valori massimi sono invariati e la risoluzione è impostata su 300 ppi, un documento Lettera USA viene rasterizzato a 186 ppi. Cioè, il documento è di 1581 x 2046 pixel.

La Rasterize PDF/AI Image Preview Rendition il componente di processo ha un valore massimo definito per garantire che non crei immagini troppo grandi nella memoria. Immagini di grandi dimensioni possono sovraccaricare la memoria fornita alla JVM (Java™ Virtual Machine). È necessario prestare attenzione a fornire alla JVM memoria sufficiente per gestire il numero configurato di flussi di lavoro paralleli, ognuno dei quali ha il potenziale per creare un'immagine alle dimensioni massime configurate.

Formato di file InDesign (INDD)

Se si desidera supportare l’acquisizione di file INDD in modo da poter generare il rendering dinamico di questo formato di file, prima di creare i predefiniti per immagini è possibile esaminare le seguenti informazioni.

Per i file InDesign, le risorse secondarie vengono estratte solo se Adobe InDesign Server è integrato con Experience Manager. Le risorse di riferimento sono collegate in base ai relativi metadati. InDesign Server non è necessario per il collegamento. Tuttavia, le risorse a cui si fa riferimento devono essere presenti in Experience Manager prima che i file InDesign vengano elaborati affinché i collegamenti possano essere creati tra i file InDesign e le risorse a cui si fa riferimento.

Vedi Integrazione di Experience Manager Assets con InDesign Server.

Il componente Processo di estrazione dei file multimediali nel DAM Update Asset Il flusso di lavoro esegue diversi script di estensione preconfigurati per elaborare i file InDesign.

I percorsi ExtendScript negli argomenti del processo di estrazione di file multimediali

I percorsi ExtendScript negli argomenti del componente del processo di estrazione di file multimediali nel Risorsa di aggiornamento DAM workflow.

I seguenti script vengono utilizzati dall’integrazione Dynamic Media:

Nome ExtendScript Predefiniti Descrizione
ThumbnailExport.jsx Genera un 300 ppi thumbnail.jpg rendering ottimizzato e trasformato in rendering PTIFF da Dynamic Media Process Image Assets componente processo.
JPEGPagesExport.jsx Genera una risorsa secondaria PPI 300 JPEG per ogni pagina. La risorsa secondaria JPEG è una risorsa reale memorizzata nella risorsa InDesign. Viene inoltre ottimizzato e trasformato in un PTIFF tramite DAM Update Asset workflow.
PDFPagesExport.jsx No Genera una risorsa secondaria PDF per ogni pagina. La risorsa secondaria PDF viene elaborata come descritto in precedenza. Poiché PDF contiene una sola pagina, non vengono generate risorse secondarie.

Configurazione della dimensione delle miniature dell’immagine

Puoi configurare le dimensioni delle miniature configurando tali impostazioni nella sezione Risorsa di aggiornamento DAM workflow. Nel flusso di lavoro sono disponibili due passaggi per configurare la dimensione delle miniature delle risorse immagine. Nonostante (Risorse immagine di processo Dynamic Media) viene utilizzata per le risorse di immagini dinamiche e (Miniature del processo) è per la generazione di miniature statiche o quando tutti gli altri processi non riescono a generare miniature, entrambi devono avere le stesse impostazioni.

Con il passaggio Risorse di immagine di processo di elementi multimediali dinamici, le miniature vengono generate da Image Server e questa configurazione è indipendente da quella applicata al passaggio Elabora miniature. La generazione delle miniature tramite il passaggio Elabora miniature rappresenta il modo più lento e laborioso di creare le miniature, in termini di utilizzo della memoria.

Il dimensionamento delle miniature è definito nel seguente formato: larghezza:height:centro, ad esempio 80:80:false. La larghezza e l’altezza determinano le dimensioni in pixel della miniatura. Il valore centrale è false o true e se è impostato su true, indica che l'immagine in miniatura ha esattamente le dimensioni specificate nella configurazione. Se l'immagine ridimensionata è più piccola, viene centrata all'interno della miniatura.

NOTA
  • Le dimensioni delle miniature per i file EPS sono configurate nel Miniature EPS nel Argomenti sotto Miniature.

  • Le dimensioni delle miniature per i video sono configurate in Miniature FFmpeg nel Processo scheda sotto Argomenti.

Per configurare le dimensioni delle miniature delle immagini:

  1. Tocca Strumenti > Flusso di lavoro > Modelli > Risorsa di aggiornamento DAM > Modifica.

  2. Tocca Risorse immagine di processo Dynamic Media e tocca o fai clic sul pulsante Miniature scheda . Modifica le dimensioni delle miniature in base alle esigenze, quindi tocca OK.

    6_5_dinamicmediaprocesseassets-thumbnailstab

  3. Tocca il passaggio Elabora miniature, quindi tocca la scheda Miniature. Modifica le dimensioni delle miniature in base alle esigenze, quindi tocca OK.

    NOTA

    I valori nell’argomento miniature del passaggio Elabora miniature devono corrispondere all’argomento miniature nel passaggio Risorse di immagine di processo di elementi multimediali dinamici.

  4. Tocca Salva per salvare le modifiche al flusso di lavoro.

Aumento o riduzione del numero di predefiniti immagine Dynamic Media da visualizzare

I predefiniti immagine creati sono disponibili come rappresentazioni dinamiche quando visualizzi in anteprima le risorse. Experience Manager mostra varie rappresentazioni dinamiche quando visualizzi una risorsa da Vista dettagli > Rendering. Puoi aumentare o diminuire il limite di rappresentazioni visualizzate.

Aumenta o diminuisce il numero di predefiniti immagine di Dynamic Media visualizzati:

  1. Passa a CRXDE Lite (https://localhost:4502/crx/de).

  2. Passa al nodo di elenco dei predefiniti immagine in /libs/dam/gui/coral/content/commons/sidepanels/imagepresetsdetail/imgagepresetslist

    Increase_decreasethenumberofimagepresetsthatdisplay

  3. Nella proprietà limit, modifica Valore, che corrisponde a 15 per impostazione predefinita, inserendo un numero a piacere.

  4. Passa alla sorgente dati del predefinito per immagini in /libs/dam/gui/coral/content/commons/sidepanels/imagepresetsdetail/imgagepresetslist/datasource

    chlimage_1-495

  5. Nella proprietà limit , modifica il numero in base al numero desiderato, ad esempio {empty requestPathInfo.selectors[1] ? "20" : requestPathInfo.selectors[1]}

  6. Tocca Salva tutto.

Creazione di un predefinito per immagini Dynamic Media

La creazione di un predefinito per immagini Dynamic Media consente di applicare tali impostazioni a tutte le immagini durante l’anteprima o la pubblicazione.

NOTA

Se si utilizza Internet Explorer 9, la creazione di un predefinito non viene visualizzata nell’elenco dei predefiniti subito dopo il salvataggio. Per risolvere questo problema, disattiva la cache per IE9.

Se desideri supportare l’acquisizione di file AI, PDF e EPS in modo da generare il rendering dinamico di questi formati di file, controlla le informazioni seguenti prima di creare i predefiniti per immagini.
Vedi Formati di file Adobe Illustrator (AI), Postscript (EPS) e PDF.

Se si desidera supportare l’acquisizione di file INDD in modo da poter generare il rendering dinamico di questo formato di file, prima di creare i predefiniti per immagini è possibile esaminare le seguenti informazioni.
Vedi Formato di file InDesign (INDD).

NOTA

Per creare i predefiniti immagine di Dynamic Media, devi disporre dei privilegi di amministratore come amministratore di Experience Manager o amministratore di Admin Console.

Per creare un predefinito immagine Dynamic Media:

  1. Ad Experience Manager, tocca il logo Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale, quindi tocca Strumenti > Risorse > Predefiniti immagine.

  2. Fai clic su Crea. La Modifica predefinito immagine si apre la finestra.

    chlimage_1-496

    NOTA

    Per rendere dinamico questo predefinito immagine, cancella i valori nei campi larghezza e altezza, lasciandoli vuoti.

  3. Immetti i valori desiderati nelle schede Base e Avanzate, compreso un nome. Le opzioni sono descritte in Opzioni predefinito immagine. I predefiniti vengono visualizzati nel riquadro a sinistra e possono essere usati all’istante con altre risorse.

    6_5_imagepreset-edit

  4. Fai clic su Salva.

Creazione di un predefinito per immagini reattive

Per creare un predefinito per immagini reattive, esegui i passaggi descritti in Creazione di predefiniti per immagini. Quando immetti l’altezza e la larghezza nel Modifica predefinito immagine cancella i valori e lasciali vuoti.

Lasciandoli vuoti, indica ad Experience Manager che questo predefinito per immagini è reattivo. Se necessario, puoi regolare gli altri valori.

NOTA

Per visualizzare il URL e RESS quando applichi un predefinito immagine a una risorsa, questa deve essere pubblicata.

chlimage_1-79

In modalità Dynamic Media - Scene7, i predefiniti immagine e le risorse immagine vengono pubblicati automaticamente.

In Dynamic Media - Modalità ibrida, devi pubblicare manualmente i predefiniti immagine e le risorse immagine.

Opzioni di Image Preset

Quando crei o modifichi i predefiniti immagine, hai le opzioni descritte in questa sezione. Inoltre, l’Adobe consiglia di iniziare con le seguenti opzioni di "best practice":

  • Formato scheda (Base) - Seleziona JPEG o un altro formato che rispetta i tuoi requisiti. Tutti i browser web supportano il formato immagine JPEG, in quanto offre un buon compromesso tra dimensioni ridotte dei file e qualità delle immagini. Tuttavia, le immagini in formato JPEG usano uno schema di compressione che causa la perdita di dati, con possibile introduzione di artefatti di immagine indesiderati, qualora l’impostazione di compressione sia troppo bassa. Per questo motivo, Adobe consiglia di impostare la qualità di compressione su 75. Questa impostazione offre un buon compromesso tra la qualità delle immagini e le dimensioni ridotte dei file.

  • Attiva nitidezza semplice: non selezionare Attiva nitidezza semplice (il filtro di nitidezza offre un controllo inferiore rispetto alle impostazioni Maschera definizione dettagli).

  • Nitidezza: Modalità di ricampionamento - Seleziona Sharp2.

Opzioni della scheda Base

Campo Descrizione
Nome Inserisci un nome descrittivo senza spazi vuoti. Includi nel nome la specifica delle dimensioni dell’immagine in modo che gli utenti possano identificare questo predefinito per immagini.
Larghezza e Altezza Immettere in pixel le dimensioni in cui l'immagine viene distribuita. Larghezza e altezza devono essere maggiori di 0 pixel. Se uno dei due valori è 0, non viene creato alcun predefinito. Se entrambi i valori sono vuoti, viene creato un predefinito per immagini reattive.
Formato

Scegli un formato dal menu.

Scelta JPEG offre le seguenti opzioni aggiuntive:

  • Qualità - Controlla il livello di compressione JPEG. Questa impostazione influisce sia sulle dimensioni del file che sulla qualità dell'immagine. La scala di qualità JPEG è 1-100. La scala è visibile quando si trascina il cursore.
  • Abilita il downsampling della crominanza di JPG - Poiché l'occhio è meno sensibile alle informazioni sui colori ad alta frequenza rispetto alla luminanza ad alta frequenza, le immagini JPEG dividono le informazioni sulle immagini in componenti luminanza e colore. Quando un'immagine JPEG viene compressa, il componente luminanza viene lasciato a risoluzione piena, mentre i componenti colore vengono sottoposti a sottocampionamento utilizzando una media di gruppi di pixel. Il sottocampionamento riduce il volume dei dati di mezzo o di un terzo, senza quasi alcun impatto sulla qualità percepita. Il campionamento non è applicabile alle immagini in scala di grigi. Questa tecnica riduce la quantità di compressione utile per le immagini con contrasto elevato (ad esempio, immagini con testo sovrapposto).
Scelta GIF o GIF con alfa fornisce questi Quantizzazione colore GIF opzioni:
  • Tipo - Seleziona Adattivo (impostazione predefinita), Weboppure Macintosh. Se si seleziona GIF con Alpha, l’opzione Macintosh non è disponibile.
  • Dither - Seleziona Diffusore o Disattivato.
  • Numero di colori - Immettere un numero compreso tra 2 e 256.
  • Elenco colori - Inserire un elenco separato da virgole. Ad esempio, per bianco, grigio e nero, immetti 000000,888888,ffffff.
Scelta PDF, TIFFoppure TIFF con alfa fornisce questa opzione aggiuntiva:
  • Compressione - Selezionare un algoritmo di compressione. Le opzioni dell’algoritmo per PDF sono Nessuno, ZIPe Jpeg; per TIFF le opzioni sono Nessuno, LZW, Jpege ZIP; e per TIFF con Alpha sono Nessuno, LZWe ZIP.

Scelta PNG, PNG con alfa, o EPS non fornisce opzioni aggiuntive.

Nitidezza Seleziona la Attiva nitidezza semplice per applicare all’immagine un filtro di nitidezza di base dopo che è stata effettuata la modifica in scala. La nitidezza può contribuire a compensare la sfocatura che può verificarsi quando si visualizza un'immagine con dimensioni diverse.

Opzioni avanzate della scheda

Campo Descrizione
Spazio colore Seleziona RGB, CMYK, o Scala di grigio per lo spazio colore.
Profilo colore Seleziona il profilo dello spazio colore di output in cui deve essere convertita la risorsa se è diversa dal profilo di lavoro.
Intento di rendering È possibile ignorare l'intento di rendering predefinito. Gli intenti di rendering determinano cosa succede ai colori che non possono essere riprodotti nel profilo del colore di destinazione (fuori gamma). L’Intento di rendering viene ignorato se non è compatibile con il profilo ICC.
  • Seleziona Percettivo per comprimere la gamma totale da uno spazio colore a un altro spazio colore quando uno o più colori nell'immagine originale non rientrano nella gamma dello spazio colore di destinazione.
  • Seleziona Colorimetrico relativo quando un colore nello spazio colore corrente non rientra nella gamma nello spazio colore di destinazione. Inoltre, è possibile mapparlo al colore più vicino possibile all'interno della gamma dello spazio colore di destinazione senza influire su altri colori.
  • Seleziona Saturazione per riprodurre la saturazione del colore dell'immagine originale durante la conversione nello spazio colore di destinazione.
  • Seleziona Colorimetrico assoluto per abbinare i colori senza alcuna regolazione del punto bianco o del punto nero che alteri la luminosità dell'immagine.
Compensazione punto nero Seleziona questa opzione se il profilo di output supporta questa funzione. La compensazione blackpoint viene ignorata se non è compatibile con il profilo ICC specificato.
Dithering Selezionare questa opzione per evitare o ridurre gli artefatti di striatura del colore.
Tipo di nitidezza

Seleziona Nessuno, Nitidezzaoppure Maschera definizione dettagli.

  • Seleziona Nessuno per disattivare la nitidezza.
  • Seleziona Nitidezza se si desidera applicare un filtro di nitidezza di base all'immagine dopo che è stata effettuata la modifica in scala. La nitidezza può contribuire a compensare la sfocatura che può verificarsi quando si visualizza un'immagine con dimensioni diverse.
  • Seleziona Maschera definizione dettagli per ottimizzare un effetto filtro di nitidezza sull’immagine ricampionata verso il basso finale. Puoi controllare l’intensità dell’effetto, il raggio in pixel e una soglia di contrasto da ignorare. L’effetto utilizza le stesse opzioni del filtro “Maschera definizione dettagli” di Photoshop.

In Maschera definizione dettagli, sono disponibili le seguenti opzioni:

  • Importo - Controlla la quantità di contrasto applicata ai pixel del bordo. Il valore predefinito del numero reale è 1,0. Per le immagini ad alta risoluzione, è possibile aumentarlo fino a 5,0. Considera il valore come una misura dell'intensità del filtro.
  • Raggio - Determina il numero di pixel intorno ai pixel del bordo che influiscono sulla nitidezza. Per le immagini ad alta risoluzione, immetti un numero reale da 1 a 2. Un valore basso rende più nitidi solo i pixel del bordo; un valore elevato rende più nitida una banda più ampia di pixel. Il valore corretto dipende dalle dimensioni dell’immagine.
  • Soglia - Determina l'intervallo di contrasto da ignorare quando viene applicato il filtro Maschera definizione dettagli. In altre parole, questa opzione determina la differenza tra i pixel da rendere più nitidi rispetto all’area circostante, prima che vengano considerati pixel del bordo e resi più nitidi. Per evitare di introdurre rumore, prova con valori interi compresi tra 2 e 20.
  • Applica a - Determina se la nitidezza viene applicata a ogni colore o luminosità.
La nitidezza è descritta in Nitidezza delle immagini.
Modalità ricampionamento Seleziona una Modalità di ricampionamento opzione . Queste opzioni consentono di aumentare la nitidezza dell’immagine durante il ricampionamento verso il basso:
  • Bilineare - Il metodo di ricampionamento più veloce. Alcuni artefatti di aliasing sono evidenti.
  • Bi-Cubic - Aumenta l'utilizzo della CPU ma produce immagini più nitide con artefatti di aliasing meno evidenti.
  • Sharp2 - Può produrre risultati leggermente più nitidi rispetto a Bi-Cubic, ma a un costo di CPU ancora più elevato.
  • Bi-Sharp - Seleziona il ricampionamento predefinito di Photoshop per ridurre le dimensioni dell'immagine, che viene chiamato asino bicubico in Adobe Photoshop.
  • Ogni colore e Luminosità - ogni metodo può essere basato sul colore o sulla luminosità. Per impostazione predefinita Ogni colore è selezionato.
Risoluzione di stampa Selezionare una risoluzione per stampare l'immagine; Il valore predefinito è 72 pixel.
Modificatore immagine

Oltre alle impostazioni comuni dell’immagine disponibili nell’interfaccia utente, Dynamic Media supporta numerose modifiche avanzate alle immagini che è possibile specificare nel Modificatori immagine campo . Questi parametri sono definiti nella variabile Riferimento al comando Protocollo di Image Server.

Importante: Le seguenti funzionalità elencate nell’API non sono supportate:

  • Comandi di base per il modello e il rendering del testo: text= textAngle= textAttr= textFlowPath= textFlowXPath= textPath= e textPs=
  • Comandi di localizzazione: locale= e req=xlate
  • req=set non è disponibile per l'utilizzo generale.
  • req=mbrset
  • req=saveToFile
  • req=targets
  • template=
  • Servizi Dynamic Media non principali: SVG, Image Rendering e Web-to-Print

Definizione delle opzioni del predefinito immagine con i modificatori immagine

Oltre alle opzioni disponibili nelle schede Base e Avanzate , è possibile definire modificatori di immagine per fornire ulteriori opzioni durante la definizione dei predefiniti per immagini. Il rendering delle immagini si basa sull’API di rendering delle immagini definita in dettaglio nella sezione Riferimento al protocollo HTTP.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di base delle operazioni che puoi eseguire con i modificatori di immagini.

NOTA

Alcuni modificatori di immagini non può essere utilizzato in Experience Manager.

  • op_invert - Inverte ogni componente colore per un effetto immagine negativo.

    &op_invert=1
    

    6_5_imagepreset-edit-invert

  • op_blur - Applica un filtro di sfocatura all'immagine.

    &op_blur=7
    

    6_5_imagepreset-edit-blur

  • Comandi combinati - op_blur e op-invert

    &op_invert=1&op_blur=7
    

    chlimage_1-80

  • op_bright - Diminuisce o aumenta la luminosità.

    &op_brightness=58
    

    6_5_imagepreset-edit-luminosità

  • opaca - Regola l'opacità dell'immagine. Consente di ridurre l’opacità in primo piano.

    opac=29
    

    6_5_imagepreset-edit-opacity

Modifica dei predefiniti per immagini

  1. Ad Experience Manager, tocca il logo Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale, quindi tocca Strumenti > Risorse > Predefiniti immagine.

    6_5_imagepreset-editpreset

  2. Seleziona un predefinito e fai clic su Modifica. La Modifica predefinito immagine si apre la finestra.

  3. Apporta modifiche e fai clic su Salva per salvare le modifiche o Annulla per annullare le modifiche.

Pubblicazione dei predefiniti immagine di Dynamic Media

Se esegui Dynamic Media - Modalità ibrida, devi pubblicare manualmente i predefiniti per immagini.

(Se esegui la modalità Dynamic Media - Scene7, i predefiniti immagine vengono pubblicati automaticamente; non è necessario completare questi passaggi.)

Per pubblicare i predefiniti immagine in Dynamic Media - Modalità ibrida:

  1. Ad Experience Manager, tocca o fai clic sul logo Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale, quindi tocca o fai clic sull’icona Strumenti e passa a . Risorse > Predefiniti immagine.

  2. Seleziona il predefinito per immagini o più predefiniti per immagini dall’elenco dei predefiniti per immagini e tocca o fai clic su Pubblica.

  3. Dopo la pubblicazione del predefinito immagine, lo stato cambia da non pubblicato a pubblicato.

    chlimage_1-81

Eliminazione dei predefiniti immagine di Dynamic Media

  1. Ad Experience Manager, tocca o fai clic sul logo Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale.
  2. Tocca Strumenti , quindi passa a Risorse > Predefiniti immagine.
  3. Seleziona un predefinito e fai clic su Elimina. Dynamic Media conferma che si desidera eliminarlo. Tocca Elimina per eliminare o toccare Annulla per interrompere.

In questa pagina