Panoramica dc-ovv

Contesto

In qualità di cliente Adobe Campaign Classic, ci impegniamo a fornirti la migliore esperienza e il miglior valore. Nel corso degli anni, abbiamo realizzato il valore e l'affidabilità di ospitare i nostri clienti nel cloud. Come parte del nostro Iniziativa di aggiornamento annuale, stiamo trasferendo tutti i nostri clienti ad Adobe Managed Services (Public Cloud on AWS) per fornire servizi migliori e più affidabili.

Il programma ha tre obiettivi principali:

  • Affrontare le vulnerabilità di sicurezza identificate spostando l’infrastruttura in un ambiente protetto e moderno (AWS).
  • Eliminare i processi di scalabilità potenzialmente complessi e fornire accesso ai MTA migliorati e migliorare tutti i livelli di servizio di manutenzione.
  • Prepara l’istanza per il futuro di Adobe Campaign Classic, inclusi aggiornamenti più automatizzati e regolari che non richiederanno troppe risorse né tanto tempo.

Glossario

  • Aggiornamento della build - Quando il software Adobe Campaign Classic viene aggiornato al numero di build sicuro più recente, ma rimane nello stesso livello di build principale/secondario. Ad esempio: da Campaign v7 20.2.3 build 9182 a Campaign v7 21.2.5 build 9188. Ulteriori informazioni.
  • MID/RT - Server di esecuzione dei messaggi ospitati su Adobe Cloud (MID per campagne batch e RT per messaggi unitari in tempo reale)
  • Programma di aggiornamento annuale - questo programma offre una maggiore sicurezza, un migliore supporto, una migliore manutenzione e stabilità. Semplifica inoltre gli aggiornamenti futuri e consente l’accesso a nuove funzionalità in Campaign. Ulteriori informazioni.
  • AWS - Amazon Web Services (Amazon Public Cloud)
  • SFTP - Secure File Transfer Protocol (protocollo di trasferimento file protetto). Ulteriori informazioni.
NOTE
La migrazione di Campaign Classic v7 a Public Cloud influisce sui clienti che utilizzano Adobe Managed Services solo.

Vantaggi

Sicurezza

  • Correzioni di sicurezza più recenti
  • Crittografia dei dati a riposo
  • Autenticazione migliorata (IMS)

Infrastruttura

  • Scalabilità hardware agile
  • Ripristino più rapido
  • Maggiore affidabilità e stabilità
  • Procedure operative armonizzate

Prestazioni

  • Capacità e-mail migliorata
  • Database più grandi
  • Versione di Campaign provata

Una soluzione affidabile e affidabile per i clienti Adobe Campaign Classic

  1. Procedure di produzione migliori, che garantiscono maggiore affidabilità, reattività più rapida in caso di problemi e ripristino più rapido in caso di incidenti gravi.
  2. Maggiore capacità di invio di e-mail. Le istanze ospitate nel nuovo data center avranno la possibilità di beneficiare di un’infrastruttura specializzata per la distribuzione delle e-mail. Questo potrebbe portare a una maggiore velocità di consegna delle e-mail o consentire l’utilizzo di meno IP di invio.
  3. Migliore scalabilità dell'hardware. L'aumento delle risorse hardware può essere realizzato molto più rapidamente. Tecnicamente, sarebbe nell'ordine di grandezza di 1 ora invece di diversi giorni.

Gli aggiornamenti annuali semplificano gli aggiornamenti futuri

  1. Più si rimanda l’aggiornamento, più l’aggiornamento diventa complesso e più aumenta il rischio di vulnerabilità (in particolare quando si passa da una versione precedente).
  2. Con l’aggiornamento annuale di Campaign (precedentemente iniziativa Gold Standard), l’istanza verrà modernizzata e sarà pronta per ricevere aggiornamenti più automatizzati e regolari con meno interventi manuali e meno risorse.

Informazioni sulla migrazione

Per iniziare, gli account che richiedono questa migrazione riceveranno una comunicazione e-mail da Adobe, con una timeline e l’accesso alla documentazione. Questa sarà la notifica che avvisa che è pianificata la migrazione del tuo account.

Una migrazione può essere avviata da apertura di un nuovo ticket di supporto all’Assistenza clienti. Utilizza la riga dell’oggetto "Migrazione ad AWS".

Questa migrazione è obbligatoria?

Questa migrazione al cloud è primo passaggio al programma di aggiornamento annuale delle istanze di Adobe Campaign. Questa migrazione è obbligatoria se sei ospitato in un centro dati che non è il cloud pubblico (AWS).

Il cloud Managed Services di Adobe è ospitato su Amazon Web Services (AWS), un ambiente moderno, sicuro e ottimizzato. Ulteriori informazioni su AWS.

Adobe pianifica di smantellare il centro dati legacy; le istanze Adobe Campaign in esecuzione in tale centro devono essere trasferite al nuovo centro dati di riferimento, AWS.

Si tratta di un percorso critico in avanti in quanto la posizione corrente potrebbe essere esposta a vulnerabilità di sicurezza e prestazioni.

Inoltre, questa migrazione è ora prerequisito per qualsiasi aggiornamento futuro della build del tuo Adobe Campaign. L'aggiornamento della build non è più possibile sui datacenter legacy.

Adobe si impegna a proteggere i dati e a camminare sulla strada giusta per il futuro di Adobe Campaign. Abbiamo bisogno della vostra collaborazione per farne un successo comune!

Abbiamo organizzato un team di responsabili dell’Assistenza clienti, Customer Success Manager, Product Manager, ingegneri, specialisti TechOps e consulenti di prodotto che offrano assistenza e garanzia di un’esperienza fluida e fluida. Facciamo tutto il possibile affinché tu possa disporre sempre delle informazioni di progetto e di contatto di cui puoi avere bisogno.

Abbiamo investito molto nello sviluppo di tecnologie che renderanno la migrazione veloce, semplice e sicura.

Vincoli

  • La migrazione comporterà inevitabili tempi di inattività della piattaforma. L'obiettivo di questo piano è quello di guidare verso la riduzione al minimo di questi tempi di inattività.
  • Modifica dell’IP per le integrazioni di dati.
  • Aumento del recapito messaggi dei nuovi IP di invio. Tuttavia, il piano è quello di rendere trasparente questa operazione per l'azienda, a differenza dell'incremento iniziale che viene fatto durante il go-live.

Ulteriori informazioni nella migrazione di Campaign a Domande frequenti su cloud pubblico.

Percorso di migrazione a cloud pubblico

Adobe gestisce la maggior parte delle azioni. Abbiamo bisogno di te per la convalida e l'approvazione.

Linee guida per la migrazione

Approccio globale

Database

Il database verrà scaricato dal data center legacy e ripristinato in Public Cloud (AWS). Al riavvio del nuovo data center, l'applicazione riprenderà dallo stato esatto precedente all'arresto. Gli utenti non vedranno alcuna differenza, tranne per il fatto che alcune attività pianificate saranno state ritardate.

IP di invio e-mail

Al termine della migrazione, l’istanza Campaign avrà IP di invio completamente diversi. Al fine di garantire una transizione senza intoppi, Adobe implementerà un aumento graduale delle nuove IP di invio cambiando in modo progressivo il traffico dalle vecchie alle nuove IP.

IP di integrazione dei dati

L’integrazione dei dati sul lato client potrebbe essere influenzata dalla modifica degli IP per l’integrazione dei dati. La modifica potrebbe influire su entrambe le direzioni, a seconda che Campaign agisca come server o client.
Casi tipici:

  • SFTP, possibilmente entrambe le direzioni
  • HTTP, possibilmente in entrambe le direzioni
  • SMPP (connessione al provider SMS), Campaign as a client, modifica dell’IP sorgente

In generale, ciò significa che il client deve verificare le eventuali restrizioni IP impostate sui propri firewall e adattarle di conseguenza.*

Server di Campaign

I server Campaign esistenti (contenitori in realtà) verranno spostati in Cloud pubblico (AWS) in un approccio "lift-and-shift". In altre parole, non sarà necessaria alcuna nuova installazione del server, ma l'intero server verrà trasferito al nuovo centro dati. L'operazione non richiederà altro lavoro che una riconfigurazione tecnica di basso livello.

Nomi server

Nel/i sottodominio/i utilizzato/i per le comunicazioni di marketing: rimarrà lo stesso. Tuttavia, a seconda dell’implementazione, potrebbero essere necessarie azioni sul lato client:

  • In caso di delega di sottodominio (caso normale), Adobe si occuperà di tutte le modifiche e garantirà una transizione senza soluzione di continuità
  • In caso di configurazione CNAME (eccezione), al client verrà richiesto di implementare le modifiche. Sarà necessario il coordinamento con gli Adobi.

Per l’accesso degli utenti e l’integrazione dei dati, i nomi in neolane.net rimarranno invariati.

Ciò significa che la modifica sarà trasparente per gli utenti e le implementazioni di integrazione dei dati, se i nomi dei server non sono stati sostituiti da IP hardcoded.

Preparazione

IP di invio e-mail

Innanzitutto, Adobe Deliverability valuta lo stato di recapito della piattaforma e consiglia un piano per il passaggio ai nuovi IP.

Adobe esegue il provisioning dello stesso numero di IP sul nuovo centro dati.

L’incremento dei nuovi IP può iniziare non appena viene effettuato il provisioning dei nuovi IP.

Pulizia delle applicazioni
Il trasferimento dei dati tra i data center si trova nel percorso critico dei tempi di inattività.

I dati vengono memorizzati in due modi:

  1. Di gran lunga il più importante, il database
  2. File sul server applicazioni (importazioni ed esportazioni di dati)

Ridurre le dimensioni del database è della massima importanza per accelerare il trasferimento dei dati.

Suggerimenti:

  • Riduci i periodi di conservazione dei dati storici (registri di consegna, registri di tracciamento, ecc.)
  • Elimina record inutili in altre tabelle (consegne, destinatari, tabelle personalizzate)

Execution

Sospendi esecuzioni

È consigliabile rallentare e sospendere tutte le esecuzioni immediatamente prima che l’applicazione venga arrestata nel data center legacy: consegne e flussi di lavoro. Questo semplifica il riavvio su Cloud pubblico (AWS), in quanto ai processi è stato dato il tempo di sospendere "agevolmente" e salvare qualsiasi stato di esecuzione in corso.

Durante la migrazione

Durante la migrazione, rimarrà funzionante un solo servizio: reindirizzamento dei collegamenti e-mail. In altre parole, i destinatari saranno in grado di raggiungere la pagina di destinazione quando fanno clic in un’e-mail. Tuttavia, questi clic non verranno registrati, pertanto le percentuali di clic per le consegne avviate poco prima della migrazione saranno inferiori al normale.

Riavvia

Dopo la migrazione al nuovo ambiente, l’applicazione verrà riavviata progressivamente:

  • Primo accesso alla console, per consentire agli utenti di controllare lo stato senza dover eseguire ancora nulla
  • Quindi, flussi di lavoro e consegne

Post-migrazione

Eliminazione di istanze in data center legacy

Una volta completata la migrazione dell'applicazione, non è prevista l'esecuzione di alcun processo nel data center legacy. Prevediamo che tutti i dati del centro dati legacy possano essere cancellati, ad eccezione di quelli per scopi di backup temporanei, fino all’esecuzione dei processi di backup pianificati su Cloud pubblico (AWS).

Delega DNS

Normalmente, il dominio utilizzato per l’invio di e-mail (parte a destra del simbolo @ nell’indirizzo di errore) da Campaign è stato delegato ad Adobe. La delega può essere modificata e implementata nei confronti dei server DNS di AWS.

Supporto e altri collegamenti utili support

recommendation-more-help
601d79c3-e613-4db3-889a-ae959cd9e3e1