Guida introduttiva allo sviluppo delle estensioni

NOTA

Adobe Experience Platform Launch viene riclassificato come una suite di tecnologie di raccolta dati nell’Experience Platform. Queste modifiche verranno implementate in tutta la documentazione del prodotto nelle prossime settimane. Fare riferimento al seguente documento per un riferimento consolidato delle modifiche terminologiche.

Per imparare a creare estensioni, utilizzeremo lo strumento di scaffolding open source, fornito da ingegneri Adobe Experience Platform Launch per creare i file e la struttura di file necessari per il pacchetto di estensione. Non ti resterà quindi che occuparti della parte importante: scrivere di fatto il codice.

Prerequisiti

Impostazione dell’estensione

Crea una directory in cui sistemare i file dell’estensione.

mkdir example && cd example

Questa guida utilizza lo strumento di scaffolding delle estensioni per creare la struttura iniziale dell’estensione, in modo che gli sviluppatori possano iniziare rapidamente a scrivere il codice. Se necessario, questo processo può essere eseguito manualmente senza lo strumento di scaffolding.

Avvia lo strumento di scaffolding.

npx @adobe/reactor-scaffold

Lo strumento di scaffolding richiede alcune opzioni di configurazione iniziali, come segue:

  • Nome visualizzato: il nome visibile dell’estensione
  • Versione: versione dell’estensione
  • Descrizione: breve descrizione dello scopo dell’estensione
  • Autore: nome dell’autore dell’estensione

Lo strumento di scaffolding fornirà quindi le opzioni per la creazione della struttura dell’estensione:

  • Vista di configurazione dell’estensione: vista (file HTML) attraverso la quale un’estensione raccoglie le impostazioni globali fornite da un utente.
  • Tipi di evento: definisce un’attività da monitorare. Ad esempio, è utile per sapere quando un utente scorre rapidamente la pagina o interagisce con un suo elemento. Gli eventi possono quindi essere utilizzati nelle regole per eseguire delle azioni.
  • Tipi di condizione: i tipi di condizione controllano se un elemento è vero o falso. Ad esempio, è utile per sapere se l’utente utilizza il browser Chrome, se usa un iPad o se si trova su un dominio specifico.
  • Tipi di azione: l’azione da eseguire quando si verifica un evento. Ad esempio, si può inviare un beacon di analisi, mostrare un’offerta, salvare un cookie o aprire una chat di supporto.
  • Tipi di elementi dati: un tipo di elemento dati recupera dei dati. Questi possono provenire dall’archivio locale, da un cookie, da un elemento DOM o da uno specifico percorso.
  • Moduli condivisi: un modulo condiviso è un meccanismo mediante il quale le estensioni possono comunicare con altre estensioni.
  • Viste: ogni evento, condizione, azione o tipo di elemento dati può fornire una vista che consenta all’utente di fornire le impostazioni.
NOTA
  • Le successive esecuzioni dello strumento di scaffolding salteranno il passaggio di configurazione iniziale.
  • È possibile aggiungere più eventi, condizioni e azioni.
  • Può esistere una sola vista di configurazione.

In questa pagina