Creare un flusso di dati utilizzando un’origine pubblicitaria nell’interfaccia utente

Ultimo aggiornamento: 2023-11-14
  • Argomenti:
  • Sources
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Creato per:
  • Developer

Un flusso di dati è un’attività pianificata che recupera e acquisisce dati da un’origine a un set di dati in Adobe Experience Platform. Questo tutorial descrive come creare un flusso di dati per un’origine pubblicitaria utilizzando l’interfaccia utente di Platform.

NOTA

Per creare un flusso di dati, è necessario disporre già di un account autenticato con un’origine pubblicitaria. Un elenco di esercitazioni per la creazione di diversi account di origine per annunci pubblicitari nell’interfaccia utente è disponibile nella sezione panoramica sulle origini.

Introduzione

Questo tutorial richiede una buona conoscenza dei seguenti componenti di Platform:

  • Sorgenti: Platform consente di acquisire dati da varie origini, consentendoti allo stesso tempo di strutturare, etichettare e migliorare i dati in arrivo tramite Platform servizi.
  • Experience Data Model (XDM) Sistema: framework standardizzato tramite il quale Experienci Platform organizza i dati sull’esperienza del cliente.
  • Real-Time Customer Profile: fornisce un profilo consumer unificato e in tempo reale basato su dati aggregati provenienti da più origini.
  • Data Prep: consente ai data engineer di mappare, trasformare e convalidare i dati da e verso Experience Data Model (XDM).

Aggiungi dati

Dopo aver creato l’account di origine per la pubblicità, il Aggiungi dati viene visualizzato un passaggio che fornisce un’interfaccia per esplorare la gerarchia di tabelle dell’account di origine advertising.

  • La metà sinistra dell’interfaccia è un browser che visualizza un elenco di tabelle di dati contenute nell’account. L’interfaccia include anche un’opzione di ricerca che consente di identificare rapidamente i dati di origine che intendi utilizzare.
  • La metà destra dell’interfaccia è un pannello di anteprima che consente di visualizzare fino a 100 righe di dati in anteprima.
NOTA

L’opzione di ricerca dei dati di origine è disponibile per tutte le origini basate su tabelle ad eccezione di Adobe Analytics, Amazon Kinesis, e Azure Event Hubs.

Una volta trovati i dati di origine, seleziona la tabella, quindi fai clic su Successivo.

select-data

Fornisci i dettagli del flusso di dati

Il Dettagli del flusso di dati consente di scegliere se utilizzare un set di dati esistente o nuovo. Durante questo processo, puoi anche configurare le impostazioni per Set di dati profilo, Diagnostica degli errori, Acquisizione parziale, e Avvisi.

dataflow-detail

Usa un set di dati esistente

Per acquisire dati in un set di dati esistente, seleziona Set di dati esistente. Puoi recuperare un set di dati esistente utilizzando Ricerca avanzata oppure scorrendo l’elenco dei set di dati esistenti nel menu a discesa. Dopo aver selezionato un set di dati, fornisci un nome e una descrizione per il flusso di dati.

existing-dataset

Utilizza un nuovo set di dati

Per acquisire in un nuovo set di dati, seleziona Nuovo set di dati quindi fornisci un nome per il set di dati di output e una descrizione facoltativa. Quindi, seleziona uno schema a cui mappare utilizzando Ricerca avanzata oppure scorrendo l’elenco degli schemi esistenti nel menu a discesa. Dopo aver selezionato uno schema, fornisci un nome e una descrizione per il flusso di dati.

new-dataset

Abilita Profile e diagnostica degli errori

Quindi, seleziona la Set di dati profilo attiva per abilitare il set di dati per Profile. Questo consente di creare una vista olistica degli attributi e dei comportamenti di un’entità. Dati da tutti ProfileI set di dati abilitati per verranno inclusi in Profile e le modifiche vengono applicate quando salvi il flusso di dati.

Diagnostica degli errori consente la generazione di messaggi di errore dettagliati per eventuali record errati che si verificano nel flusso di dati, mentre Acquisizione parziale consente di acquisire dati contenenti errori, fino a una determinata soglia definita manualmente. Consulta la panoramica dell’acquisizione in blocco parziale per ulteriori informazioni.

profile-and-errors

Abilita avvisi

Puoi abilitare gli avvisi per ricevere notifiche sullo stato del flusso di dati. Seleziona un avviso dall’elenco per abbonarti e ricevere notifiche sullo stato del flusso di dati. Per ulteriori informazioni sugli avvisi, consulta la guida su abbonamento agli avvisi sulle origini tramite l’interfaccia utente.

Dopo aver fornito i dettagli del flusso di dati, seleziona Successivo.

avvisi

Mappare i campi dati su uno schema XDM

Il Mappatura viene visualizzato un passaggio che fornisce un’interfaccia per mappare i campi sorgente dallo schema sorgente ai campi XDM di destinazione appropriati nello schema di destinazione.

Platform fornisce consigli intelligenti per campi mappati automaticamente in base allo schema o al set di dati di destinazione selezionato. Puoi regolare manualmente le regole di mappatura in base ai tuoi casi d’uso. In base alle tue esigenze, puoi scegliere di mappare i campi direttamente o utilizzare le funzioni di preparazione dati per trasformare i dati sorgente in modo da derivare valori calcolati o calcolati. Per i passaggi completi sull’utilizzo dell’interfaccia mapper e dei campi calcolati, vedi la Guida dell’interfaccia utente per la preparazione dati.

Una volta mappati correttamente i dati di origine, seleziona Successivo.

mappatura

Pianificazione esecuzioni dell’acquisizione

Il Pianificazione viene visualizzato un passaggio che consente di configurare una pianificazione di acquisizione per acquisire automaticamente i dati di origine selezionati utilizzando le mappature configurate. Per impostazione predefinita, la pianificazione è impostata su Once. Per regolare la frequenza di acquisizione, seleziona Frequenza quindi seleziona un’opzione dal menu a discesa.

SUGGERIMENTO

L’intervallo e la retrocompilazione non sono visibili durante un’acquisizione una tantum.

pianificazione

Se imposti la frequenza di acquisizione su Minute, Hour, Day, o Week, è necessario impostare un intervallo di tempo per stabilire un intervallo di tempo impostato tra ogni acquisizione. Ad esempio, una frequenza di acquisizione impostata su Day e un intervallo impostato su 15 significa che il flusso di dati è pianificato per acquisire i dati ogni 15 giorni.

Durante questo passaggio, puoi anche abilitare retrocompilazione e definisci una colonna per l’acquisizione incrementale dei dati. La retrocompilazione viene utilizzata per acquisire i dati storici, mentre la colonna definita per l’acquisizione incrementale consente di distinguere i nuovi dati dai dati esistenti.

Per ulteriori informazioni sulle configurazioni di pianificazione, consulta la tabella seguente.

Campo Descrizione
Frequenza La frequenza con cui si verifica un’acquisizione. Le frequenze selezionabili comprendono Once, Minute, Hour, Day, e Week.
Interval Numero intero che imposta l'intervallo per la frequenza selezionata. Il valore dell'intervallo deve essere un numero intero diverso da zero e deve essere impostato su un valore maggiore o uguale a 15.
Ora di inizio Una marca temporale UTC che indica quando è impostata per avvenire la prima acquisizione. L’ora di inizio deve essere maggiore o uguale all’ora UTC corrente.
Backfill Valore booleano che determina quali dati vengono inizialmente acquisiti. Se la retrocompilazione è abilitata, tutti i file correnti nel percorso specificato verranno acquisiti durante la prima acquisizione pianificata. Se la retrocompilazione è disattivata, verranno acquisiti solo i file caricati tra la prima esecuzione dell’acquisizione e l’ora di inizio. I file caricati prima dell’ora di avvio non verranno acquisiti.
Carica dati incrementali per Opzione con un set filtrato di campi dello schema di origine di tipo, data o ora. Campo selezionato per Carica dati incrementali per per caricare correttamente i dati incrementali, i valori di data e ora devono essere nel fuso orario UTC. Tutte le origini batch basate su tabelle selezionano i dati incrementali confrontando un valore di timestamp della colonna delta con il tempo UTC della finestra di esecuzione del flusso corrispondente e quindi copiando i dati dall'origine, se vengono trovati nuovi dati all'interno della finestra di tempo UTC.

retrocompilazione

Verifica il flusso di dati

Il Revisione viene visualizzato un passaggio che consente di rivedere il nuovo flusso di dati prima di crearlo. I dettagli sono raggruppati nelle seguenti categorie:

  • Connessione: mostra il tipo di origine, il percorso pertinente del file di origine scelto e la quantità di colonne all’interno di tale file di origine.
  • Assegna set di dati e mappa campi: mostra in quale set di dati vengono acquisiti i dati di origine, incluso lo schema a cui aderisce il set di dati.
  • Pianificazione: mostra il periodo attivo, la frequenza e l’intervallo della pianificazione di acquisizione.

Dopo aver rivisto il flusso di dati, seleziona Fine e lascia un po’ di tempo per creare il flusso di dati.

recensione

Monitorare il flusso di dati

Una volta creato il flusso di dati, puoi monitorare i dati che vengono acquisiti tramite di esso per visualizzare informazioni su tassi di acquisizione, successo ed errori. Per ulteriori informazioni su come monitorare il flusso di dati, consulta l’esercitazione su monitoraggio di account e flussi di dati nell’interfaccia utente.

Eliminare il flusso di dati

Puoi eliminare i flussi di dati non più necessari o creati in modo errato utilizzando Elimina funzione disponibile nella Flussi dati Workspace. Per ulteriori informazioni su come eliminare i flussi di dati, consulta l’esercitazione su eliminazione di flussi di dati nell’interfaccia utente.

Passaggi successivi

Seguendo questa esercitazione, hai creato correttamente un flusso di dati per portare i dati dall’origine pubblicitaria a Platform. I dati in arrivo possono ora essere utilizzati da downstream Platform servizi quali Real-Time Customer Profile e Data Science Workspace. Per ulteriori informazioni, consulta i seguenti documenti:

AVVERTENZA

L’interfaccia utente di Platform mostrata nel video seguente non è aggiornata. Per le schermate e le funzionalità più recenti dell’interfaccia utente, consulta la documentazione precedente.

In questa pagina