Creare un connettore di origine per il caricamento di file locale nell’interfaccia utente

Questa esercitazione fornisce i passaggi necessari per creare un connettore di origine per il caricamento di file locali per acquisire file locali in Platform utilizzando l’interfaccia utente di .

Introduzione

Questa esercitazione richiede una buona comprensione dei seguenti componenti di Platform:

  • Experience Data Model (XDM) Sistema: Il framework standardizzato tramite il quale Platform organizza i dati sulla customer experience.
    • Nozioni di base sulla composizione dello schema: Scopri i blocchi di base degli schemi XDM, inclusi i principi chiave e le best practice nella composizione dello schema.
    • Esercitazione dell’Editor di schema: Scopri come creare schemi personalizzati utilizzando l’interfaccia utente dell’Editor di schema.
  • Real-time Customer Profile: Fornisce un profilo di consumatore unificato e in tempo reale basato su dati aggregati provenienti da più origini.

Caricare file locali in Platform

Nell’interfaccia utente di Platform, seleziona Origini dalla barra di navigazione a sinistra per accedere all’area di lavoro Origini. La schermata Catalogo visualizza una varietà di sorgenti per le quali è possibile creare un account.

Puoi selezionare la categoria appropriata dal catalogo sul lato sinistro dello schermo. In alternativa, è possibile trovare la sorgente specifica con cui si desidera lavorare utilizzando l’opzione di ricerca.

Sotto la categoria Sistema locale, selezionare Caricamento file locale, quindi selezionare Configura.

catalogo

Utilizzare un set di dati esistente

La pagina Dettaglio flusso di dati ti consente di selezionare se desideri acquisire i dati CSV in un set di dati esistente o in un nuovo set di dati.

Per acquisire i dati CSV in un set di dati esistente, seleziona Set di dati esistente. Puoi recuperare un set di dati esistente utilizzando l’opzione Ricerca avanzata oppure scorrendo l’elenco dei set di dati esistenti nel menu a discesa.

select-existing-dataset

Con un set di dati selezionato, fornisci un nome per il flusso di dati e una descrizione facoltativa.

Durante questo processo, puoi anche abilitare Diagnostica errori e Acquisizione parziale. La diagnostica degli errori consente di generare messaggi di errore dettagliati per tutti i record errati presenti nel flusso di dati, mentre l’ acquisizione parziale consente di acquisire i dati contenenti errori, fino a una determinata soglia definita manualmente. Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica sull’acquisizione parziale dei batch .

dataflow-detail-esistente

Utilizzare un nuovo set di dati

Per acquisire i dati CSV in un nuovo set di dati, seleziona Nuovo set di dati e fornisci un nome del set di dati di output e una descrizione facoltativa. Quindi, seleziona uno schema da mappare utilizzando l'opzione Ricerca avanzata oppure scorrendo l'elenco degli schemi esistenti nel menu a discesa.

select-new-set di dati

Con uno schema selezionato, fornisci un nome per il flusso di dati e una descrizione facoltativa, quindi applica le impostazioni Diagnostica errori e Acquisizione parziale desiderate per il flusso di dati. Al termine, seleziona Avanti.

Seleziona dati

Viene visualizzato il passaggio Seleziona dati , che fornisce un’interfaccia per caricare i file locali e visualizzarne in anteprima la struttura e il contenuto. Seleziona Scegli file per caricare un file CSV dal sistema locale. In alternativa, puoi trascinare e rilasciare il file CSV da caricare nel pannello Trascina e rilascia i file .

SUGGERIMENTO

Solo i file CSV sono attualmente supportati dal caricamento di file locale. La dimensione massima del file per ciascun file è 1 GB.

scegli file

Una volta caricato il file, l’interfaccia di anteprima si aggiorna per visualizzare il contenuto e la struttura del file.

preview-sample-data

A seconda del file, è possibile selezionare un delimitatore di colonna, ad esempio tabulazioni, virgole, barre verticali o un delimitatore di colonna personalizzato per i dati di origine. Seleziona la freccia a discesa Delimitatore , quindi seleziona il delimitatore appropriato dal menu.

Al termine, seleziona Avanti.

delimitatore

Mappatura

Viene visualizzato il passaggio Mapping , che fornisce un’interfaccia per mappare i campi di origine dallo schema di origine ai campi XDM di destinazione appropriati nello schema di destinazione.

interfaccia di mappatura

Anteprima dati

Seleziona Anteprima dati per visualizzare i risultati della mappatura di fino a 100 righe di dati di esempio dal set di dati selezionato.

mappatura in anteprima

Durante l’anteprima, la colonna Identity ha la priorità come primo campo, in quanto rappresenta le informazioni chiave necessarie per la convalida dei risultati della mappatura. Al termine, selezionare Chiudi.

pannello di anteprima

Aggiungi campo calcolato

I campi calcolati consentono la creazione di valori in base agli attributi nello schema di input. Questi valori possono quindi essere assegnati agli attributi nello schema di destinazione e ricevere un nome e una descrizione per facilitarne il riferimento.

Selezionare il pulsante Aggiungi campo calcolato per continuare.

add-calculate-field

Viene visualizzato il pannello Crea campo calcolato . La finestra di dialogo a sinistra contiene i campi, le funzioni e gli operatori supportati nei campi calcolati. Seleziona una delle schede per iniziare ad aggiungere funzioni, campi o operatori all’editor di espressioni.

create-calculate-field

Scheda Descrizione
Funzione Nella scheda Funzioni sono elencate le funzioni disponibili per la trasformazione dei dati. Per ulteriori informazioni sulle funzioni che è possibile utilizzare all'interno dei campi calcolati, leggere la guida sulle funzioni Preparazione dati (mappatore).
Campo Nella scheda Campi sono elencati i campi e gli attributi disponibili nello schema di origine.
Operatore La scheda operatori elenca gli operatori disponibili per la trasformazione dei dati.

Seleziona l’editor di espressioni per aggiungere manualmente campi, funzioni e operatori. Dopo aver creato un campo calcolato, selezionare Salva per continuare.

editor di espressioni

Struttura di mappatura dello schema di origine del filtro

Per filtrare lo schema di origine, selezionare Tutti i campi di origine, quindi selezionare il campo specifico da mappare dal menu a discesa.

Nella tabella seguente sono visualizzate le opzioni di ordinamento per la struttura dello schema di origine:

Campi di origine Descrizione
Tutti i campi di origine Questa opzione visualizza tutti i campi di origine dello schema di origine. Questa opzione è visualizzata per impostazione predefinita.
Campi obbligatori Questa opzione filtra lo schema di origine per visualizzare solo i campi necessari per completare la mappatura.
Campi di identità Questa opzione filtra lo schema di origine per visualizzare solo i campi contrassegnati per l’identità.
Campi mappati Questa opzione filtra lo schema di origine per visualizzare solo i campi che sono già stati mappati.
Campi non mappati Questa opzione filtra lo schema di origine per visualizzare solo i campi che devono ancora essere mappati.
Campi con raccomandazione Questa opzione filtra lo schema di origine per visualizzare solo i campi che contengono consigli di mappatura.

campi all-source

Raccomandazioni intelligenti

Platform fornisce automaticamente raccomandazioni intelligenti per i campi mappati automaticamente in base allo schema o al set di dati di destinazione selezionato. Puoi regolare manualmente le regole di mappatura in base ai tuoi casi d’uso.

source-schema-tree

Per accettare tutti i valori di mappatura di generazione automatica, seleziona Accetta tutti i campi di destinazione.

all-target-fields

A volte, per lo schema di origine sono disponibili più consigli. In questo caso, la scheda di mappatura visualizza la raccomandazione più importante, seguita da un cerchio blu che contiene il numero di raccomandazioni aggiuntive disponibili. Selezionando l’icona della lampadina viene visualizzato un elenco dei consigli aggiuntivi. Potete scegliere una delle raccomandazioni alternative selezionando la casella di controllo accanto alla raccomandazione a cui desiderate eseguire la mappatura.

mappatura manuale

In alternativa, puoi scegliere di mappare manualmente lo schema di origine sullo schema di destinazione. A questo scopo, passa il puntatore del mouse sullo schema di origine da mappare, quindi seleziona l’icona più (+).

icona select-plus

Viene visualizzato il puntatore Mappatura origine a campo di destinazione . Da qui puoi selezionare il campo da mappare, seguito da Salva per aggiungere la nuova mappatura.

map-source-to-target-field

Al termine, selezionare Finished.

finire

Monitorare l’acquisizione di dati

Una volta mappato e creato il file CSV, puoi monitorare i dati che vengono acquisiti tramite il dashboard di monitoraggio. Per ulteriori informazioni, consulta l’esercitazione sui flussi di dati sorgenti di monitoraggio nell’interfaccia utente.

Passaggi successivi

Seguendo questa esercitazione, hai mappato correttamente un file CSV flat in uno schema XDM e lo hai acquisito in Platform. Questi dati possono ora essere utilizzati dai servizi a valle Platform come Real-time Customer Profile. Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica di Real-time Customer Profile .

In questa pagina