Query Service Guida all’interfaccia utente

Adobe Experience Platform Query Service fornisce un’interfaccia utente che può essere utilizzata per scrivere ed eseguire query, visualizzare query eseguite in precedenza e accedere alle query salvate dagli utenti all’interno dell’organizzazione IMS. Per accedere all’interfaccia in Adobe Experience Platform, seleziona Query nella navigazione a sinistra.

Query Editor

La Query Editor consente di scrivere ed eseguire query senza utilizzare un client esterno. Seleziona Crea query per aprire Query Editor e crea una nuova query. Puoi anche accedere al Query Editor selezionando una query dal Registro o Modelli schede. Quando si seleziona una query eseguita o salvata in precedenza, viene aperta la Query Editor e visualizza l'istruzione SQL per la query selezionata.

Il dashboard Query con Crea query evidenziato.

Query Editor fornisce uno spazio di modifica in cui iniziare a digitare una query. Mentre si digita, l'editor completa automaticamente le parole riservate SQL, le tabelle e i nomi di campo all'interno delle tabelle. Al termine della scrittura della query, seleziona la Play per eseguire la query. La Console la scheda sotto l’editor mostra cosa Query Service è in corso, per indicare quando è stata restituita una query. La Risultato accanto alla console vengono visualizzati i risultati delle query. Consulta la sezione Guida all’editor delle query per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Query Editor.

Uno zoom in vista del Query Editor.

Query pianificate

Le query già salvate come modello possono essere programmate per essere eseguite con cadenza regolare. Quando pianifichi una query, puoi scegliere la frequenza delle esecuzioni, la data di inizio e di fine, il giorno della settimana in cui viene eseguita la query pianificata e il set di dati in cui esportare la query. Le pianificazioni delle query vengono impostate utilizzando l’Editor query.

Per informazioni su come pianificare una query tramite l’interfaccia utente, consulta guida alle query pianificate. Per informazioni su come aggiungere le pianificazioni utilizzando l’API, leggi la guida all’endpoint delle query pianificate.

Una volta pianificata una query, questa viene visualizzata nell’elenco delle query pianificate nella Query pianificate scheda . Per informazioni complete sulla query, le esecuzioni, il creatore e gli intervalli, seleziona una query pianificata dall’elenco.

Area di lavoro Query con la scheda Query pianificate evidenziata e visualizzazione delle righe delle pianificazioni delle query.

Colonna Descrizione
Nome Il campo nome è il nome del modello o i primi caratteri della query SQL. All’inizio viene denominato qualsiasi query creata tramite l’interfaccia utente con l’Editor query. Se la query è stata creata tramite l’API, il nome della query è uno snippet dell’SQL iniziale utilizzato per creare la query.
Modello Nome del modello della query. Selezionare un nome di modello per passare all’Editor query. Il modello di query viene visualizzato nell’Editor query per comodità. Se non è presente un nome di modello, la riga viene contrassegnata con un trattino e non è possibile reindirizzare all’Editor query per visualizzare la query.
SQL Frammento della query SQL.
Frequenza di esecuzione Questa è la cadenza alla quale la query è impostata per essere eseguita. I valori disponibili sono Run once e Scheduled. Le query possono essere filtrate in base alla loro frequenza di esecuzione.
Creato da Nome dell’utente che ha creato la query.
Creato La marca temporale alla creazione della query, in formato UTC.
Timestamp ultima esecuzione La marca temporale più recente all’esecuzione della query. Questa colonna evidenzia se una query è stata eseguita in base alla pianificazione corrente.
Stato dell'ultima esecuzione Lo stato dell’esecuzione della query più recente. I tre valori di stato sono: successful failed o in progress.

Consulta la documentazione per ulteriori informazioni su come monitorare le query tramite l’interfaccia utente del servizio query.

Modelli

La Modelli mostra le query salvate dagli utenti dell’organizzazione. È utile considerarli come progetti di query, in quanto le query salvate qui potrebbero essere ancora in costruzione. Query visualizzate nel Modelli viene visualizzata anche come query di esecuzione nella scheda Registro se sono stati eseguiti in precedenza da Query Service.

Una visualizzazione ingrandita della scheda Modelli dashboard Query che mostra diverse query salvate.

Colonna Descrizione
Nome Il campo nome è il nome della query creato dall'utente o i primi caratteri della query SQL. All’inizio viene denominato qualsiasi query creata tramite l’interfaccia utente con l’Editor query. Se la query è stata creata tramite l’API, il nome della query è uno snippet dell’SQL iniziale utilizzato per creare la query. Puoi selezionare il nome della query per aprire la query nella Query Editor. È inoltre possibile utilizzare la barra di ricerca per cercare Nome di una query. Le ricerche sono sensibili all’uso di maiuscole e minuscole.
SQL I primi caratteri della query SQL. Passando il puntatore del mouse sul codice viene visualizzata la query completa.
Modificato da Ultimo utente che ha modificato la query. Qualsiasi utente della tua organizzazione con accesso a Query Service può modificare le query.
Ultima modifica La data e l’ora dell’ultima modifica alla query, nel fuso orario del browser.

Consulta la sezione modelli di query per ulteriori informazioni sui modelli nell’interfaccia utente di Platform.

Registro

La Registro fornisce un elenco delle query che sono state eseguite in precedenza. Per impostazione predefinita, il registro elenca le query nella cronologia inversa.

Una visualizzazione ingrandita della scheda Registro dashboard Query che visualizza un elenco di query in ordine cronologico inverso.

Colonna Descrizione
Nome Nome della query, costituito dai primi caratteri della query SQL. Seleziona il nome del modello per aprire il Dettagli del registro query visualizza l'esecuzione. È possibile utilizzare la barra di ricerca per cercare il nome di una query. Le ricerche sono sensibili all’uso di maiuscole e minuscole.
Ora di inizio Ora di esecuzione della query.
Tempo di completamento L’ora di esecuzione della query completata.
Stato Lo stato corrente della query.
Set di dati Il set di dati di input utilizzato dalla query. Seleziona il set di dati da passare alla schermata dei dettagli del set di dati di input.
Client Client utilizzato per la query.
Creato da Nome della persona che ha creato la query.

!![Note]
Seleziona l’icona a forma di matita (Icona a forma di matita.) da qualsiasi riga del registro delle query per passare al Query Editor. La query viene precompilata per una comoda modifica.

Consulta la sezione documentazione dei registri delle query per ulteriori informazioni sui file di registro generati automaticamente da un evento di query.

Credenziali

La Credenziali visualizza le credenziali in scadenza e non in scadenza. Per ulteriori informazioni su come utilizzare queste credenziali per la connessione con client esterni, leggere il guida alle credenziali.

Dashboard Query con la scheda Credenziali evidenziata.

Passaggi successivi

Ora che hai familiarità con Query Service interfaccia utente attiva Platform, puoi accedere a Query Editor per iniziare a creare progetti di query personalizzati da condividere con altri utenti dell’organizzazione. Per ulteriori informazioni sull’authoring e l’esecuzione di query in Query Editor, vedi Query Editor guida utente.

In questa pagina