Modelli in linea

Ultimo aggiornamento: 2023-11-29
  • Argomenti:
  • Queries
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Creato per:
  • Developer
    User
    Admin
    Leader

I modelli in linea consentono di riutilizzare più condizioni in numerose query. È possibile salvare i criteri in un modello e quindi riutilizzarli in più query. I modelli SQL riutilizzabili riducono le attività di sviluppo e il rischio di errori nella copia di istruzioni lunghe tra le query. Con i modelli in linea, è possibile apportare modifiche in una posizione e far sì che tali modifiche vengano applicate a qualsiasi query che fa riferimento a questo modello.

Questo documento descrive l’utilizzo e le limitazioni dei modelli in linea all’interno dell’editor delle query.

Prerequisiti

I modelli in linea sono supportati sia dall’interfaccia utente che dall’API Query Service. Prima di continuare con questa guida, consulta la documentazione su come creare un modello di query tramite l’API o con Editor query.

Sintassi del modello in linea

Una volta salvata, una query viene definita modello. Quando il modello fa riferimento a un altro modello all’interno dell’istruzione, viene denominato modello in linea. I modelli in linea sono indicati nel codice SQL utilizzando il simbolo hash (#) seguito dal nome del modello. Un esempio di questa sintassi è #YOUR_TEMPLATE_NAME.

Caso d’uso

I seguenti modelli SQL dimostrano l’utilità dei modelli in linea, con un esempio per contare il numero di clienti statunitensi da qualsiasi area geografica che hanno speso più del "ricavo massimo" e hanno ordinato prima di giugno 2023. Il vantaggio del modello in linea è che è possibile modificare facilmente il modello figlio (in questo caso il ricavo massimo e la data dell’ordine) e non dover modificare il modello padre.

Esempio

#parent_template : SELECT count(*) FROM customer WHERE region=NA AND country=US AND revenue > #revenue_max
#revenue_max: SELECT max(revenue) FROM revenue_table WHERE order_date > '01-06-2023'

Durante l’esecuzione della query, Query Service sostituisce il nome del modello a partire dal simbolo hash con l’istruzione SQL del modello denominato.

NOTA

I modelli di query possono richiamare qualsiasi numero di altri modelli in linea. Non esiste alcuna restrizione al numero di modelli in linea che è possibile richiamare da una singola query. I modelli possono essere nidificati anche all’interno di altri modelli in linea.

È possibile utilizzare i modelli per memorizzare una o più condizioni. Non è necessario che siano query complete di per sé. Se il modello contiene una query valida, è possibile eseguirla semplicemente chiamando il nome del modello preceduto da un simbolo hash. Ad esempio, se hai memorizzato SELECT * FROM JUNE_2023_LOYALTY_MEMBERS; come modello denominato JUNE_2023_LOYALTY_MEMBERS, il comando #JUNE_2023_LOYALTY_MEMBERS; esegue la query valida contenuta nel modello.

Nell’interfaccia utente di Adobe Experience Platform, i modelli in linea sotto forma di query con parametri sono supportati solo a livello principale. Ciò significa che le query con parametri funzionano solo se utilizzate nel modello originale. Il modello figlio deve essere statico e non può avere parametri dinamici. Consulta la documentazione sulle query con parametri per ulteriori informazioni.

Passaggi successivi

Dopo aver letto questo documento, ora sai come fare riferimento ad altri modelli all’interno dell’SQL, sia nell’Editor query che tramite l’API Query Service.

Inoltre, dovresti leggere guida ai blocchi anonimi, che spiega come ridurre al minimo i costi comuni di sviluppo concatenando una o più istruzioni SQL eseguite in sequenza.

In questa pagina