Valutazione della complessità dell’aggiornamento con il rilevatore pattern

Panoramica

Questa funzione consente di controllare le istanze di AEM esistenti per la loro aggiornabilità rilevando i pattern utilizzati che:

  1. Violano determinate regole e vengono eseguite in aree che saranno influenzate o sovrascritte dall'aggiornamento
  2. Utilizza una funzionalità AEM 6.x o un'API che non è compatibile con le versioni precedenti in AEM 6.5 e che può potenzialmente interrompersi dopo l'aggiornamento.

Ciò potrebbe servire da valutazione dello sforzo di sviluppo che comporta l'aggiornamento al AEM 6.5.

Configurazione

Il rilevatore pattern viene rilasciato separatamente come un pacchetto che funziona su qualsiasi versione di AEM di origine dalla versione 6.1 alla versione 6.5 per il targeting AEM aggiornamento 6.5. Può essere installato utilizzando il Package Manager.

Guida all’uso

NOTA

Il rilevatore pattern può essere eseguito in qualsiasi ambiente, incluse le istanze di sviluppo locali. Tuttavia, al fine di:

  • aumentare il tasso di rilevamento
  • evitare rallentamenti nelle istanze business critical

allo stesso tempo, si consiglia di eseguirlo negli ambienti di staging che sono il più vicini possibile a quelli di produzione nelle aree delle applicazioni utente, dei contenuti e delle configurazioni.

È possibile utilizzare diversi metodi per controllare l’output del rilevatore pattern:

  • Tramite la console Inventario Felix:
  1. Vai alla Console Web AEM sfogliando https://serveraddress:serverport/system/console/configMgr

  2. Seleziona Stato - Rilevatore pattern come mostrato nell’immagine seguente:

    screenshot-2018-2-5pattern-detector

  • Tramite un’interfaccia JSON reattiva basata su testo o normale
  • Tramite un’interfaccia di linee JSON reattive, genera un documento JSON separato in ogni riga.

Entrambi i metodi sono descritti di seguito:

Interfaccia reattiva

L'interfaccia reattiva consente l'elaborazione della segnalazione di violazione non appena viene rilevato un sospetto.

L’output è attualmente disponibile sotto 2 URL:

  1. Interfaccia di testo normale
  2. Interfaccia JSON

Gestione dell'interfaccia di testo normale

Le informazioni nell'output vengono formattate come una serie di voci evento. Esistono due canali: uno per la pubblicazione delle violazioni e l’altro per la pubblicazione dell’avanzamento corrente.

Possono essere ottenuti utilizzando i seguenti comandi:

curl -Nsu 'admin:admin' https://localhost:4502/system/console/status-pattern-detector.txt | tee patterns-report.log | grep SUSPICION

L'output sarà simile al seguente:

2018-02-13T14:18:32.071+01:00 [SUSPICION] The pattern=ECU/extraneous.content.usage was found by detector=ContentAccessDetector with id=a07fd94318f12312c165e06d890cbd3c2c8b8dad0c030663db8b4c800dd7c33f message="Cross-boundary overlay of internal marked path /libs/granite/operations/components/commons/commons.jsp/jcr:content referenced at /apps/granite/operations/components/commons/commons.jsp/jcr:content with properties redefined: jcr:lastModifiedBy, jcr:mimeType, jcr:data, jcr:lastModified, jcr:uuid". More info at=https://www.adobe.com/go/aem6_EC

L'avanzamento può essere filtrato utilizzando il comando grep :

curl -Nsu 'admin:admin' https://localhost:4502/system/console/status-pattern-detector.txt | tee patterns-report.log | grep PROGRESS

che produce il seguente output:

2018-02-13T14:19:26.909+01:00 [PROGRESS] emitted=127731/52 MB patterns (from=6.5), analysed=45780/16 MB items, found=0 suspicions so far in period=PT5.005S (throughput=34667 items/sec)
2018-02-13T14:19:31.904+01:00 [PROGRESS] emitted=127731/52 MB patterns (from=6.5), analysed=106050/39 MB items, found=0 suspicions so far in period=PT10S (throughput=23378 items/sec)
2018-02-13T14:19:35.685+01:00 [PROGRESS] Finished in period=PT13.782

Gestione dell’interfaccia JSON

Allo stesso modo, JSON può essere elaborato utilizzando lo strumento jq non appena viene pubblicato.

curl -Nsu 'admin:admin' https://localhost:4502/system/console/status-pattern-detector.json | tee patterns-report.json | jq --unbuffered -C 'select(.suspicion == true)'

Con l'uscita:

{
  "timestamp": "2018-02-13T14:20:18.894+01:00",
  "suspicion": true,
  "pattern": {
    "code": "ECU",
    "type": "extraneous.content.usage",
    "detective": "ContentAccessDetector",
    "moreInfo": "https://www.adobe.com/go/aem6_ECU_it"
  },
  "item": {
    "id": "a07fd94318f12312c165e06d890cbd3c2c8b8dad0c030663db8b4c800dd7c33f",
    "message": "Cross-boundary overlay of internal marked path /libs/granite/operations/components/commons/commons.jsp/jcr:content referenced at /apps/granite/operations/components/commons/commons.jsp/jcr:content with properties redefined: jcr:lastModifiedBy, jcr:mimeType, jcr:data, jcr:lastModified, jcr:uuid"
  }
}

I progressi vengono segnalati ogni 5 secondi e possono essere recuperati escludendo messaggi diversi da quelli contrassegnati come sospetti:

curl -Nsu 'admin:admin' https://localhost:4502/system/console/status-pattern-detector.json | tee patterns-report.json | jq --unbuffered -C 'select(.suspicion == false)'

Con l'uscita:

{
  "suspicion": false,
  "timestamp": "2018-02-13T14:21:17.279+01:00",
  "type": "PROGRESS",
  "database": {
    "patternsEmitted": 127731,
    "patternsEmittedSize": "52 MB",
    "databasesEmitted": [
      "6.5"
    ]
  },
  "state": {
    "itemsAnalysed": 57209,
    "itemsAnalysedSize": "26 MB",
    "suspicionsFound": 0
  },
  "progress": {
    "elapsedTime": "PT5.003S",
    "elapsedTimeMilliseconds": 5003,
    "itemsPerSecond": 36965
  }
}
{
  "suspicion": false,
  "timestamp": "2018-02-13T14:21:22.276+01:00",
  "type": "PROGRESS",
  "database": {
    "patternsEmitted": 127731,
    "patternsEmittedSize": "52 MB",
    "databasesEmitted": [
      "6.5"
    ]
  },
  "state": {
    "itemsAnalysed": 113194,
    "itemsAnalysedSize": "46 MB",
    "suspicionsFound": 0
  },
  "progress": {
    "elapsedTime": "PT10S",
    "elapsedTimeMilliseconds": 10000,
    "itemsPerSecond": 24092
  }
}
{
  "suspicion": false,
  "timestamp": "2018-02-13T14:21:25.762+01:00",
  "type": "FINISHED",
  "database": {
    "patternsEmitted": 127731,
    "patternsEmittedSize": "52 MB",
    "databasesEmitted": [
      "6.5"
    ]
  },
  "state": {
    "itemsAnalysed": 140744,
    "itemsAnalysedSize": "63 MB",
    "suspicionsFound": 1
  },
  "progress": {
    "elapsedTime": "PT13.486S",
    "elapsedTimeMilliseconds": 13486,
    "itemsPerSecond": 19907
  }
}
{
  "suspicion": false,
  "type": "SUMMARY",
  "suspicionsFound": 1,
  "totalTime": "PT13.487S"
}
NOTA

L'approccio consigliato è quello di salvare l'intero output da curl nel file e quindi elaborarlo tramite jq o grep per filtrare il tipo di informazioni.

Ambito di rilevamento

Attualmente il rilevatore pattern consente di controllare:

  • Esportazioni e importazioni dei bundle OSGi non corrispondenti
  • Sovrapusi per tipi di risorse Sling e super type (con sovrapposizioni di contenuto del percorso di ricerca)
  • definizioni degli indici Oak (compatibilità)
  • Pacchetti VLT (utilizzo eccessivo)
  • rep:Compatibilità dei nodi utente (nel contesto della configurazione OAuth)
NOTA

Tieni presente che il rilevatore pattern cerca di prevedere con precisione gli avvisi relativi all’aggiornamento. Tuttavia, potrebbe generare falsi positivi in alcuni scenari.

In questa pagina