Supporto RDBMS nell’AEM 6.4

Ultimo aggiornamento: 2023-11-07
  • Argomenti:
  • Configuring
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento

Panoramica

Il supporto per la persistenza del database relazionale nell'AEM viene implementato utilizzando il Document Microkernel. Il Document Microkernel è la base utilizzata anche per implementare la persistenza di MongoDB.

È costituito da un’API Java basata sull’API Java Mongo. Viene inoltre fornita un’implementazione di un’API BlobStore. Per impostazione predefinita, i BLOB vengono memorizzati nel database.

Per ulteriori informazioni sui dettagli dell’implementazione, vedi RDBDocumentStore e RDBBlobStore documentazione.

NOTA

Supporto per PostgreSQL 9.4 viene fornito anche, ma solo a scopo dimostrativo. Non sarà disponibile per gli ambienti di produzione.

Database supportati

Per ulteriori informazioni sul livello di supporto del database relazionale nell’AEM, vedi Pagina Requisiti tecnici.

Passaggi di configurazione

L’archivio viene creato configurando DocumentNodeStoreService Servizio OSGi. È stato esteso per supportare la persistenza del database relazionale oltre a MongoDB.

Affinché funzioni, è necessario configurare un’origine dati con l’AEM. Questa operazione viene eseguita tramite org.apache.sling.datasource.DataSourceFactory.config file. I driver JDBC per il rispettivo database devono essere forniti separatamente come bundle OSGi all’interno della configurazione locale.

Per informazioni sulla creazione di bundle OSGi per driver JDBC, consulta documentazione sul sito web Apache Sling.

Una volta che i bundle sono in posizione, segui i passaggi seguenti per configurare AEM con persistenza RDB:

  1. Verificare che il daemon del database sia avviato e che sia disponibile un database attivo per l'utilizzo con AEM.

  2. Copia il file jar di AEM 6.3 nella directory di installazione.

  3. Crea una cartella denominata crx-quickstart\install nella directory di installazione.

  4. Configurare l'archivio dei nodi di documento creando un file di configurazione con il seguente nome in crx-quickstart\install directory:

    • org.apache.jackrabbit.oak.plugins.document.DocumentNodeStoreService.config
  5. Configura l’origine dati e i parametri JDBC creando un altro file di configurazione con il seguente nome in crx-quickstart\install cartella:

    • org.apache.sling.datasource.DataSourceFactory-oak.config
    NOTA

    Per informazioni dettagliate sulla configurazione dell'origine dati per ciascun database supportato, vedere Opzioni di configurazione dell’origine dati.

  6. Quindi, prepara i bundle JDBC OSGi da utilizzare con AEM:

    1. In crx-quickstart/install cartella, crea una cartella denominata 9.

    2. Posiziona il file jar JDBC nella nuova cartella.

  7. Infine, inizia AEM con crx3 e crx3rdb modalità di esecuzione:

    java -jar quickstart.jar -r crx3,crx3rdb
    

Opzioni di configurazione dell’origine dati

Il org.apache.sling.datasource.DataSourceFactory-oak.config La configurazione OSGi viene utilizzata per configurare i parametri necessari per la comunicazione tra AEM e il livello di persistenza del database.

Sono disponibili le seguenti opzioni di configurazione:

  • datasource.name: Nome dell'origine dati. Il valore predefinito è oak.

  • url: Stringa URL del database da utilizzare con JDBC. Ogni tipo di database ha il proprio formato di stringa URL. Per ulteriori informazioni, consulta Formati stringa URL di seguito.

  • driverClassName: Nome della classe del driver JDBC. Questo varia a seconda del database che si desidera utilizzare e, successivamente, del driver necessario per connettersi al database. Di seguito sono riportati i nomi delle classi per tutti i database supportati da AEM:

    • org.postgresql.Driver per PostgreSQL;
    • com.ibm.db2.jcc.DB2Driver per DB2;
    • oracle.jdbc.OracleDriver ad Oracle:
    • com.mysql.jdbc.Driver per MySQL e MariaDB (sperimentale);
    • c om.microsoft.sqlserver.jdbc.SQLServerDriver per Microsoft SQL Server (sperimentale).
  • username: Il nome utente in cui viene eseguito il database.

  • password: La password del database.

Formati stringa URL

Nella configurazione dell’origine dati viene utilizzato un formato di stringa URL diverso a seconda del tipo di database da utilizzare. Di seguito è riportato un elenco di formati per i database attualmente supportati dall'AEM:

  • jdbc:postgresql:databasename per PostgreSQL;
  • jdbc:db2://localhost:port/databasename per DB2;
  • jdbc:oracle:thin:localhost:port:SID ad Oracle:
  • jdbc:mysql://localhost:3306/databasename per MySQL e MariaDB (sperimentale);
  • jdbc:sqlserver://localhost:1453;databaseName=name per Microsoft SQL Server (sperimentale).

Limitazioni note

Anche se l'uso simultaneo di più istanze AEM con un singolo database è supportato dalla persistenza RDBMS, le installazioni simultanee non lo sono.

Per ovviare a questo problema, assicurarsi di eseguire prima l'installazione con un singolo membro e aggiungere gli altri dopo che l'installazione del primo ha terminato.

In questa pagina