Profili per l’elaborazione di metadati, immagini e video

Ultimo aggiornamento: 2023-12-14
  • Argomenti:
  • Workflow
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Asset Management
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Renditions
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Creato per:
  • User
    Admin

Un profilo è la ricetta per le opzioni da applicare alle risorse caricate in una cartella. Ad esempio, puoi specificare il profilo di metadati e il profilo di codifica video da applicare alle risorse video caricate. Oppure, quale profilo di imaging applicare alle risorse di immagini per ritagliarle correttamente.

Tali regole possono includere l’aggiunta di metadati, il ritaglio intelligente delle immagini o la definizione di profili di codifica video. In Adobe Experience Manager, puoi creare tre tipi di profili, descritti in dettaglio ai seguenti collegamenti:

Per creare, modificare ed eliminare metadati, immagini o profili video sono necessari i diritti di amministratore.

Dopo aver creato i metadati, l’immagine o il profilo video, li assegni a una o più cartelle da utilizzare come destinazione per le risorse appena caricate.

Un concetto importante relativo all’utilizzo dei profili in Experience Manager Assets è che vengono assegnati alle cartelle. All’interno di un profilo sono presenti impostazioni sotto forma di profili di metadati, insieme a profili video o profili immagine. Queste impostazioni elaborano il contenuto di una cartella insieme alle relative sottocartelle. Pertanto, il modo in cui si denominano file e cartelle, si organizzano le sottocartelle e si gestiscono i file all’interno di queste cartelle ha un impatto significativo sul modo in cui tali risorse vengono elaborate da un profilo.
Utilizzando strategie di denominazione dei file e delle cartelle coerenti e appropriate, nonché una buona prassi in materia di metadati, puoi sfruttare al massimo la raccolta di risorse digitali e garantire che i file giusti vengano elaborati dal profilo corretto.

NOTA

Le risorse spostate da una cartella all’altra non vengono rielaborate. Si supponga, ad esempio, di avere la cartella 1 a cui è assegnato il profilo A e la cartella 2 a cui è assegnato il profilo B. Se sposti le risorse dalla cartella 1 alla cartella 2, le risorse spostate mantengono l’elaborazione originale dalla cartella 1.

Lo stesso vale anche quando si spostano risorse tra due cartelle a cui è assegnato lo stesso profilo.

Rielaborazione delle risorse in una cartella

NOTA

Applicabile a Dynamic Medie - Modalità Scene7 solo nell'Experience Manager 6.4.6.0 o versione successiva.

È possibile rielaborare le risorse in una cartella che dispone già di un profilo di elaborazione esistente che è stato successivamente modificato.

Si supponga, ad esempio, di aver creato un profilo Immagine e di averlo assegnato a una cartella. Il profilo Immagine veniva applicato automaticamente alle risorse di immagini caricate nella cartella. Tuttavia, in seguito decidi di aggiungere al profilo una nuova proporzione di ritaglio avanzato. Ora, invece di selezionare e ricaricare di nuovo le risorse nella cartella, è sufficiente eseguire il comando Rielaborazione Dynamic Medie flusso di lavoro.

Puoi eseguire il flusso di lavoro di rielaborazione su una risorsa per la quale la prima elaborazione non è riuscita. Di conseguenza, anche se non hai modificato un profilo di elaborazione o applicato un profilo di elaborazione, puoi comunque eseguire il flusso di lavoro di rielaborazione su una cartella di risorse in qualsiasi momento.

Se necessario, puoi modificare la dimensione batch del flusso di lavoro di rielaborazione da un valore predefinito di 50 risorse a un massimo di 1000 risorse. Quando si esegue Scene7: Rielabora risorse in una cartella, le risorse vengono raggruppate in batch e quindi inviate al server Dynamic Medie per l’elaborazione. Dopo l’elaborazione, i metadati di ciascuna risorsa nell’intero set di batch vengono aggiornati in caso di Experience Manager. Se la dimensione del batch è grande, potrebbe verificarsi un ritardo nell’elaborazione. In alternativa, se la dimensione del batch è troppo piccola, potrebbero verificarsi troppi round trip al server Dynamic Medie.

Consulta Regolare la dimensione batch del flusso di lavoro di rielaborazione.

NOTA

Se esegui una migrazione in blocco di risorse da Dynamic Media Classic ad Experience Manager, devi abilitare l’agente di replica di migrazione sul server Dynamic Medie. Al termine della migrazione, assicurati di disabilitare l’agente.

L’agente di pubblicazione della migrazione deve essere disabilitato sul server Dynamic Medie in modo che il flusso di lavoro Rielabora funzioni come previsto.

Per rielaborare le risorse in una cartella:

  1. Ad Experience Manager, dalla pagina Risorse passa a una cartella di risorse a cui è assegnato un profilo di elaborazione e alla quale desideri applicare il Rielaborazione Dynamic Medie workflow,

    Le cartelle a cui è già stato assegnato un profilo di elaborazione sono indicate dalla visualizzazione del nome del profilo che è posto direttamente sotto il nome della cartella in Vista a schede.

  2. Seleziona una cartella.

    • Il flusso di lavoro considera tutti i file nella cartella selezionata in modo ricorsivo.
    • Se nella cartella principale selezionata sono presenti una o più sottocartelle con risorse, il flusso di lavoro rielabora ogni risorsa nella gerarchia delle cartelle.
    • Come best practice, evita di eseguire questo flusso di lavoro su una gerarchia di cartelle con più di 1000 risorse.
  3. Dall’elenco a discesa nell’angolo in alto a sinistra della pagina, seleziona Timeline.

  4. Nell'angolo inferiore sinistro della pagina, a destra del campo Commento, selezionare l'icona del carato ( ^ ).

    Rielabora flusso di lavoro risorse 1

  5. Seleziona Avvia flusso di lavoro.

  6. Dalla sezione Avvia flusso di lavoro elenco a discesa, scegliere Rielaborazione Dynamic Medie.

  7. (Facoltativo) In Inserisci il titolo del flusso di lavoro testo, immettere un nome per il flusso di lavoro. Se necessario, puoi utilizzare il nome per fare riferimento all’istanza del flusso di lavoro.

    Rielabora risorse 2

  8. Seleziona Inizio, quindi seleziona Conferma.

    Per monitorare il flusso di lavoro o controllarne l’avanzamento, dalla pagina della console principale di Experience Manager seleziona Strumenti > Flusso di lavoro. Nella pagina Istanze flusso di lavoro, seleziona un flusso di lavoro. Nella barra dei menu, seleziona Cronologia elementi aperti. È inoltre possibile terminare, sospendere o rinominare un flusso di lavoro selezionato dalla stessa pagina Istanze flusso di lavoro.

Regolare la dimensione batch del flusso di lavoro di rielaborazione

(Facoltativo) La dimensione predefinita del batch nel flusso di lavoro di rielaborazione è di 50 risorse per processo. Questa dimensione ottimale del batch è determinata dalla dimensione media delle risorse e dai tipi MIME di risorse su cui viene eseguita la rielaborazione. Un valore più alto indica che in un singolo processo di rielaborazione sono presenti molti file. Pertanto, il banner di elaborazione rimane sulle risorse Experience Manager per un periodo di tempo più lungo. Tuttavia, se la dimensione media del file è piccola - 1 MB o inferiore - Adobe consiglia di aumentare il valore a diversi 100, ma mai più di 1000. Se la dimensione media del file è grande, ad esempio centinaia di megabyte, l’Adobe consiglia di ridurre la dimensione del batch fino a 10.

Per modificare facoltativamente la dimensione batch del flusso di lavoro di rielaborazione:

  1. Ad Experience Manager, seleziona Adobe Experience Manager per accedere alla console di navigazione globale, seleziona la Strumenti Icona (martello) > Flusso di lavoro > Modelli.

  2. Nella pagina Modelli di flusso di lavoro, in Vista a schede o Vista a elenco, seleziona Rielaborazione Dynamic Medie.

    Pagina Modelli di flusso di lavoro con il flusso di lavoro Rielabora Dynamic Medie selezionato in Vista a schede

  3. Sulla barra degli strumenti, seleziona Modifica. Una nuova scheda del browser apre la pagina del modello di flusso di lavoro Rielabora Dynamic Medie.

  4. Nella pagina del flusso di lavoro Rielabora Dynamic Medie, nell’angolo superiore destro, seleziona Modifica per sbloccare il flusso di lavoro.

  5. Nel flusso di lavoro, seleziona il componente Caricamento batch Scene7 per aprire la barra degli strumenti, quindi fai clic su Configura sulla barra degli strumenti.

    Componente Caricamento batch Scene7

  6. Il giorno Caricamento in batch in Scene7 - Proprietà passaggio , impostare quanto segue:

    • In Titolo e Descrizione campi di testo, immettere un nuovo titolo e una nuova descrizione per il processo, se necessario.
    • Seleziona Avanzamento gestore se il gestore avanza al passaggio successivo.
    • In Timeout , immettere il timeout del processo esterno (secondi).
    • In Periodo immettere un intervallo di polling (secondi) per verificare il completamento del processo esterno.
    • In Campo batch, immettere il numero massimo di risorse (50-1000) da elaborare in un processo di caricamento batch di elaborazione batch del server Dynamic Medie.
    • Seleziona Avanza in caso di timeout se desideri avanzare una volta raggiunto il timeout. Annulla la selezione se desideri passare alla casella in entrata una volta raggiunto il timeout.

    Finestra di dialogo Proprietà

  7. Nell'angolo superiore destro del Caricamento in batch in Scene7 - Proprietà passaggio finestra di dialogo, seleziona Fine.

  8. Nell'angolo superiore destro della pagina Modello flusso di lavoro Rielabora Dynamic Medie, seleziona Sincronizza. Quando vedi Sincronizzato, il modello runtime del flusso di lavoro è stato sincronizzato correttamente ed è pronto per rielaborare le risorse in una cartella.

    Sincronizzare il modello di flusso di lavoro

  9. Chiudere la scheda del browser che mostra il modello di flusso di lavoro Rielabora Dynamic Medie.

In questa pagina