Integrazione Commerce di AEM e di terze parti tramite Commerce Integration Framework

L’integrazione della soluzione Commerce non Adobe è uno scenario comune per CIF. le soluzioni di terze parti con diverse API e schemi vengono connesse tramite un livello di integrazione.

Architettura

L’architettura generale è la seguente:

Panoramica dell’architettura AEM non di Magento/di terze parti

Lo scopo di questo livello di integrazione è mappare API e schemi di terze parti rispetto alle API e agli schemi Adobe Commerce GraphQL supportati al di fuori dell’Experience Manager. Grazie a questa incapsulazione, la logica di integrazione e i sistemi possono essere aggiornati senza modificare il codice all’interno dell’Experience Manager.

Requisiti della soluzione per un'integrazione

Poiché l’Experience Manager recupera i dati on-demand, sono necessarie API in tempo reale per il catalogo dei prodotti.

SUGGERIMENTO

Se non sono disponibili API in tempo reale, per l’integrazione è necessario utilizzare una cache di prodotto esterna con API. Esempio Magento open-source.

Non è necessario implementare l'intero schema GraphQL, ma solo gli oggetti dello schema per abilitare i casi d'uso desiderati.

Casi d’uso di back-end

CIF estende l’Experience Manager con strumenti di accesso al catalogo dei prodotti in tempo reale e di gestione dell’esperienza di prodotto. Questa integrazione diretta consente agli autori di accedere ai dati di e-commerce utilizzando le interfacce utente incorporate ogni volta che necessario, senza lasciare il contesto del contenuto.

Per sbloccare questi casi d’uso è necessaria l’integrazione delle API del catalogo di prodotti.

Casi d’uso anteriori

AEM componenti core CIF recuperano e scambiano dati tramite le API Commerce di Adobe supportate da CIF. Per riutilizzare i componenti, è necessario implementare le rispettive API.

Il consiglio per i componenti lato client critici in termini di prestazioni è di comunicare direttamente con la soluzione di terze parti per evitare la latenza.

Sviluppo di un'integrazione

È consigliabile utilizzare Adobe I/O Runtime per il livello di integrazione. È incluso nel componente aggiuntivo CIF per terze parti. Funzionando con un approccio microservice, è ideale per integrare facilmente soluzioni multiple.

L’ implementazione di riferimento è un ottimo punto di partenza per creare l’integrazione nella soluzione commerce. Anche se supporta GraphQL, può essere integrato con qualsiasi altro tipo di API, come REST.

Questo livello di integrazione non è necessario se è disponibile un livello di terze parti (come Mulesoft) o se l’integrazione è basata sulla soluzione di terze parti.

In questa pagina