Informazioni sul passaggio da Dynamic Media-Hybrid a Dynamic Media-Scene7

Dynamic Media-Hybrid è una versione precedente dell’integrazione Dynamic Media con Adobe Experience Manager. La versione ibrida è stata introdotta in Adobe Experience Manager 6.1. Anche se Adobe continua a supportare la modalità ibrida, non è la modalità preferita; Dynamic Media-Scene7 è la modalità preferita da utilizzare. La modalità ibrida non supporta inoltre nuove funzioni come Ritaglio avanzato e immagini panoramiche, mentre Dynamic Media-Scene7 le supporta.

Ulteriori differenze chiave tra Dynamic Media-Hybrid e Dynamic Media-Scene7 includono:

  • Struttura degli URL.
  • Acquisizione di video.
  • Creazione e archiviazione di rappresentazioni delle immagini.
  • Configurazione e credenziali del cloud (provisioning).

Quando si passa da Dynamic Media-Hybrid a Dynamic Media-Scene7 sono disponibili due opzioni: La prima opzione è semplicemente quella di fornire una nuova istanza di Dynamic Media-Scene7 su Experience Manager. La seconda opzione è la migrazione dell’istanza esistente di Dynamic Media-Hybrid a Dynamic Media-Scene7. Questa opzione delinea il modulo di tabella sotto i passaggi e le considerazioni da eseguire durante lo spostamento.

IMPORTANTE

L’Adobe consiglia di non migrare un’implementazione Dynamic Media-Hybrid a Dynamic Media-Scene7 su istanze di produzione live.

Opzione 1 - Provisioning di una nuova istanza di Dynamic Media-Scene7 sull'Experience Manager

È consigliabile iniziare da zero con una nuova istanza di Dynamic Media-Scene7 su Adobe Experience Manager, dotata di provisioning. Oltre all’acquisizione e all’elaborazione delle risorse tramite il Cloud Service Dynamic Media, è vivamente consigliato un controllo Adobe dell’utilizzo delle risorse, dei flussi di lavoro e dei componenti. Spesso è possibile sostituire i componenti e i flussi di lavoro personalizzati utilizzando funzioni sempre più recenti.

Opzione 2: migrazione dell'istanza esistente di Dynamic Media-Hybrid a Dynamic Media-Scene7

Incremento Attività Considerazioni
1 Clona l’istanza di authoring Dynamic Media-Hybrid. Mantieni l’istanza esistente di Dynamic Media-Hybrid Author a scopo di fallback fino a quando i passaggi rimanenti in questo processo di migrazione non vengono completati correttamente.
2 Avvia l'istanza Author clonata in modalità Dynamic Media-Scene7.
3 In Cloud Services Adobe Experience Manager, configura Dynamic Media con le credenziali Dynamic Media-Scene7. Adobe deve approvare il provisioning Dynamic Media-Scene7. Di conseguenza, gli ambienti Dynamic MediaM-Hybrid e Dynamic Media-Scene7 simultanei sono supportati da Adobe, ma solo per un periodo di tempo limitato.
4 Crea un bundle di migrazione per acquisire le risorse in base alle esigenze.
Elimina i PTIFF locali creati durante l’acquisizione iniziale in Dynamic Media-Hybrid.
Se tutte le risorse sono attualmente disponibili nell’istanza Dynamic Media-Hybrid, un clone di che le include già tutte. Pertanto, non è necessario alcun bundle.
5 Esegui il flusso di lavoro di aggiornamento delle risorse per sincronizzare le risorse al Cloud Service Dynamic Media. Adobe consiglia di eseguire il flusso di lavoro di aggiornamento in batch per consentire la compattazione.
6 Migrare predefiniti per visualizzatori, immagini e video.
7 Scorri tutte le risorse a cui si fa riferimento in Gestione dei contenuti web e aggiorna gli URL associati.
8 Esegui la migrazione dei flussi di lavoro personalizzati che desideri supportare la nuova modalità Dynamic Media-Scene7 (aggiornamenti manuali).
9 Verifica il caricamento e la configurazione della gestione dei contenuti web.
10 Dopo la verifica, ottieni un’approvazione per disabilitare l’authoring Dynamic Media-Hybrid (mantieni come fallback).
11 Elimina l’istanza di authoring Dynamic Media-Hybrid dopo circa un mese di utilizzo corretto di Dynamic Media-Scene7.

In questa pagina