Restrizioni e problemi noti

Ci sono alcune restrizioni e problemi noti che devono essere presi in considerazione quando si utilizza Dynamic Media Image Serving.

errata documentazione

  • Il numero di righe non supera il massimo \copyfitmaxlines e il numero di righe esplicite nel testo immesso.
  • Nei set di immagini sono necessarie parentesi graffe e parentesi corrispondenti. Se le parentesi graffe e parentesi non corrispondono, devono essere codificate nell’URL.
  • L'avviso temporale di risposta globale lato server include le risposte all'errore.
  • La id= è attualmente richiesto quando si utilizza il comando rect= con una richiesta immagine o maschera.

Differenze note textPs= vs text=

  • Il corsivo sintetico viene reso meno inclinato rispetto all’utilizzo text=.

  • La sottolineatura è un po' più bassa e più sottile rispetto all'utilizzo text=.

  • \expnd e \expndtw utilizzati con valori negativi elevati fanno sì che i caratteri siano posizionati uno davanti all’altro quando si utilizza text=.

  • \charscaley viene ridimensionato in modo diverso rispetto all’utilizzo text= ma non influisce sull'altezza della linea.

  • Se l’ultima riga di testo non rientra nell’intervallo, l’intera riga viene rilasciata anziché essere visualizzata come interruzione.

  • \slmult e \sl comportarsi in modo diverso da MS Word e text=, hanno semplicemente effetto per i paragrafi correnti e successivi.

  • \sb si applica al primo paragrafo per MS Word e text=, Adobe InDesign e Photoshop non eseguono questa operazione.

  • \sa si applica all'ultimo paragrafo per MS Word e text=, Adobe InDesign e Photoshop non eseguono questa operazione.

Compatibilità con le versioni precedenti

  • Sfuggita al carattere di sottolineatura ( \_) in una stringa RTF non funziona con tutti i font che utilizzano textPs=

  • Supporto della gestione delle macro senza distinzione tra maiuscole e minuscole.

  • La cache del catalogo è stata ridotta da 60 secondi a 10 secondi.

  • La funzione di reindirizzamento degli errori ora reindirizza solo le richieste che fanno riferimento a immagini corrotte, font, profili di colore e immagini pubblicate in un catalogo, ma non trovate sul disco.

  • posN=, anchor=, anchorN=, origin=e originN= ora viene restituito un errore di analisi se uno dei valori del modificatore è maggiore di 2147483648.

  • La codifica delle richieste nidificate non è supportata. Transizione al nuovo comportamento e annulla la codifica di eventuali valori di richiesta nidificati presenti nelle richieste URL sul sito e nei cataloghi aziendali.

  • DefaultImage ora applica gli attributi delle miniature quando si utilizza req=tmb.

  • Nelle versioni precedenti che utilizzano flip=, l'immagine non è mai stata riposizionata indipendentemente dal punto di ancoraggio.

Restrizioni applicabili alle librerie di terze parti

La libreria Digimarc rifiuta di applicare una filigrana Digimarc a un'immagine, se già rilevata. Se si esegue una modifica sufficiente a un'immagine primaria, la libreria Digimarc potrebbe comunque essere in grado di riconoscere che la filigrana è stata applicata. Tuttavia, potrebbe non essere in grado di leggere tali informazioni. Questo si traduce in una nuova immagine in cui non è possibile ottenere le informazioni Digimarc originali applicate all'immagine originale. Image Serving può ora applicare la filigrana Digimarc definita nel catalogo aziendale.

Restrizioni applicabili sia al servizio immagini che al rendering delle immagini

  • Image Server e Image Rendering potrebbero non sfruttare appieno tutte le CPU quando sono disponibili più di 4 CPU. Simula il traffico su questi computer per vedere quanto è vantaggioso con più di 4 CPU.

  • Gli URL remoti che restituiscono un reindirizzamento (stati HTTP 301, 302 o 303) vengono rifiutati.

  • Durante la configurazione errorRedirect.rootUrl l'indirizzo IP definito in questa proprietà deve essere incluso nel set di regole <addressfilter> sul server.

    Esempio:

    Il server A è definito errorRedirect.rootUrl=10.10.10.10 .

    Il server B, che ha l'indirizzo IP 10.10.10.10, imposta il <addressfilter> nel file del set di regole per includere il relativo indirizzo IP (10.10.10.10).

  • Il testo punto e il tracciato di testo con posizionamento possono presentare ritaglio.

  • text= si applica solo \sa e \sb all’intero blocco di testo e non in base al paragrafo.

  • Quando utilizzi una società definita nell'URL e un'altra società definita per src= o mask= modificatore, è necessario impostare come prefisso una barra in avanti per la società definita per src= o mask= affinché questo tipo di richiesta funzioni.

    Esempio:

    /is/image/MyCompany?src=/YourCompany/MyImage .

    Invece di: /is/image/MyCompany?src=YourCompany/MyImage .

  • Le richieste Tiff o vignette non piramidate producono un messaggio di errore simile a

    "Immagine C:\Program Files\Scene7\ImageRendering\resources\MyVignette.vnt non ha un DSF valido e l'area di 2,25MPixel supera il massimo di 2 MPixel" .

    Si consiglia di utilizzare polsini e vignette piramidali. Se hai bisogno di utilizzare poligonali o vignette non piramidali, segui le istruzioni qui sotto per aumentare il limite di dimensione.

    Lavorare:

    Per il rendering delle vignette non piramidate, aumenta il valore della proprietà per IrMaxNonPyrVignetteSize nel install_root/ImageServing/bin/ImageServerRegistry.xml file di configurazione.

    Per i TIFF non piramizzati di Image Serving, aumenta il valore della proprietà per MaxNonDsfSize in install_root/ImageServing/bin/ImageServerRegistry.xml file di configurazione.

  • Per impostazione predefinita, Adobe Photoshop CS3 non salva i file PSD a livelli.

    Sintomi:

    Il file PSD a livelli Adobe Photoshop CS3 viene visualizzato in nero con testo che indica: "Questo file Photoshop a livelli non è stato salvato con un'immagine composita". per l'immagine di risposta di Image Serving o in IPS.

    Soluzione alternativa:

    Salva il file Adobe Photoshop CS3 con l'opzione di ottimizzazione della compatibilità attivata.

  • L’assegnazione del profilo ICC a un’immagine di risposta CMYK/JPEG causa l’inversione dei colori in alcuni browser.Lavorare:

    Modificare il formato immagine della risposta utilizzando fmt=

  • La dimensione dei dati immagine di risposta HTTP dopo la compressione, inclusa l'intestazione del file, è limitata a 16 MB.

  • " …" non è consentito in alcun elemento del percorso nelle richieste HTTP.

  • La disinstallazione può rimuovere il file creato dall'utente o modificato da install_root o qualsiasi sottocartella. Copiare tali file in un percorso diverso prima di disinstallare.

Restrizioni applicabili solo a Image Serving

  • Colori in primo piano nel RTF ( \cf) non è supportato per il testo PhotoFont.

  • La sintassi in grassetto, corsivo e grassetto/corsivo viene rifiutata come errore per il testo PhotoFont.

  • Il flusso di testo verticale non è supportato per il testo PhotoFont.

  • Le immagini PNG a 16 bpc non sono supportate per il testo PhotoFont.

  • Le correzioni del colore per le immagini PNG con profili di colore incorporati utilizzano opzioni hard-coded. L'intento di rendering è colorimetrico relativo e la compensazione Blackpoint è attivata per il testo PhotoFont.

  • La ricerca basata su file non è supportata quando la traduzione locale è abilitata nella società ini file.

  • Image Server non scrive correttamente i percorsi Photoshop non chiusi.

  • Image Server non supporta attualmente l’elaborazione di file TIFF esportati utilizzando Adobe Media Encoder 4.0.1 o versioni precedenti. Adobe Media Encoder è incluso in Premiere Pro CS4, After Effects CS4 e Creative Suite 4 Production Premium.

  • Utilizzo text= con livelli di ridimensionamento automatico non supporta stringhe RTF che utilizzano più di un'impostazione per la giustificazione della riga.

    Esempio

    La stringa RTF non può utilizzare sia la giustificazione della riga sinistra che quella destra per un livello di testo con ridimensionamento automatico.

  • SVG dispone di una propria proprietà per il percorso di ricerca dei font dei font a cui si fa riferimento che non sono incorporati nel file SVG.

    Sintomi

    Le immagini SVG sottoposte a rendering che contengono definizioni di font utilizzano un font non corretto.

    Soluzione alternativa

    Imposta la proprietà svgProvider.fontRoot= in install_root/ImageServing/conf/PlatformServer.conf .

  • Ritaglio attualmente in uso bgColor= anziché color= per riempire qualsiasi nuova area estesa.

  • La conversione del colore potrebbe non essere corretta quando bgColor= non corrisponde allo spazio colore di base che coinvolge i profili colore.

  • Gli effetti di livello esterno non vengono renderizzati se il livello non ha una maschera o dati alfa.

Restrizioni applicabili solo al rendering delle immagini

  • Le decorazioni e i materiali di parete non sono rimovibili.

  • Le dimensioni delle texture sono limitate rispetto alle dimensioni della vista vignetta. In rare circostanze, il limite predefinito del 425% delle dimensioni della visualizzazione può interferire con un'applicazione che utilizza texture non ripetibili molto grandi. Se non è possibile modificare l'applicazione o il contenuto in modo che funzionino entro i limiti predefiniti, la percentuale può essere aumentata come segue. Utilizzando un editor di testo, apri install_root/ImageServing/conf/ImageServerRegistry.xml, individua IrMaxTextureSizeFactor e immettere un nuovo valore percentuale. La modifica ha effetto immediatamente senza riavviare il server di immagini.

  • I motori JavaScript in Netscape e Opera dati di risposta della cache anche se l'intestazione nocache è impostata. Ciò interferisce con il corretto funzionamento delle richieste di stato.

    Soluzione alternativa

    Aggiungi una marca temporale o un altro identificatore univoco alla stringa di richiesta, ad esempio "&.ts=currentTime.

Restrizioni applicabili solo ai servizi di pubblica utilità

ImageConverta volte si blocca con un errore di segmentazione quando viene interrotto con un control-c.

In questa pagina