v7 on-premise e ibrido

Installazione di pacchetti con Linux

Ultimo aggiornamento: 2023-08-01

Per una piattaforma Linux a 32 bit, installa Adobe Campaign a 32 bit. Per una piattaforma Linux a 64 bit, installare Adobe Campaign a 64 bit.

Per ciascuna di queste versioni, Adobe Campaign viene fornito con un pacchetto: nlserver. Questo pacchetto contiene i file binari e di configurazione per una determinata versione.

I comandi di installazione consentono di:

  • Copia i file in /usr/local/neolane
  • Creare un account Adobe Campaign Linux (e il gruppo associato), che viene creato con /usr/local/neolane come home directory
  • Creare uno script automatico /etc/init.d/nlserver6 da utilizzare all'avvio o creare un'unità di sistema (a partire dalla versione 20.1).
NOTA

Il neolano l'utente di sistema non deve essere stato creato prima dell'esecuzione del comando. Il neolano viene creato automaticamente durante l'installazione.

Il home directory collegata al neolano l'utente viene creato automaticamente anche in /usr/local/neolane. Assicurarsi che lo spazio sia sufficiente sul /usr/local (diversi GB).

È possibile eseguire pinghostname per assicurarsi che il server possa raggiungere se stesso.

Distribuzione basata su pacchetti RPM

Per installare Adobe Campaign su un sistema operativo RPM (RHEL, CentOS e SUSE), attenersi alla seguente procedura:

  1. Devi prima ottenere il pacchetto Adobe Campaign.

    Il file è denominato come segue, dove XXXX è il numero di build di Adobe Campaign: nlserver6-v7-XXXX-0.x86_64.rpm.

    ATTENZIONE

    Assicurati di utilizzare il nome file corretto per la versione di Adobe Campaign negli esempi di comandi di questa sezione.

  2. Per installarlo, connettiti come radice ed esegui il seguente comando (dove XXXX è il numero di build di Adobe Campaign):

    yum install nlserver6-v7-XXXX-0.x86_64.rpm
    

    Il file rpm dipende dai pacchetti che si trovano nelle distribuzioni CentOS/Red Hat. Se non desideri utilizzare alcune di queste dipendenze (ad esempio, se desideri utilizzare Oracle JDK invece di OpenJDK), potresti dover utilizzare l’opzione "nodeps" di rpm:

    rpm --nodeps -Uvh nlserver6-v7-XXXX-0.x86_64.rpm
    

Il comando 'bc', necessario per l'esecuzione di netreport (fare riferimento a questa sezione per ulteriori informazioni), non è disponibile per impostazione predefinita su tutte le distribuzioni Linux. Per verificare se il comando è disponibile, eseguire il comando 'quale bc'. In caso contrario, devi installarlo.

Con CentOS, devi installare il pacchetto bc.x86_64: connetti come radice ed esegui il comando seguente:

yum install bc.x86_64

Distribuzione basata su APT (Debian)

In Debian 64 bit

Per installare Adobe Campaign a 64 bit su un sistema operativo Debian a 64 bit, attieniti alla seguente procedura:

  1. Devi prima ottenere il pacchetto Adobe Campaign: nlserver6-v7-XXXX-linux-2.6-amd64.deb, dove XXXX è il numero di build.

    ATTENZIONE

    Assicurati di utilizzare il nome file corretto per la versione di Adobe Campaign negli esempi di comandi di questa sezione.

  2. Per installarlo, connettiti come radice ed esegui il seguente comando (dove XXXX è il numero di build di Adobe Campaign):

    dpkg -i nlserver6-v7-XXXX-linux-2.6-amd64.deb
    

    In caso di dipendenze mancanti, eseguire il comando seguente:

    apt-get install -f
    

Specifiche di Debian 8/9

Quando installi Adobe Campaign su un sistema operativo Debian 8/9, considera quanto segue:

  • OpenSSL deve essere installato in anticipo.

  • Installa libicu52 (Debian 8) o libicu57 (Debian 9), libprotobuf9 (Debian8) e libc-ares2 con i seguenti comandi:

    aptitude install libicu52 (Debian 8) libicu57 (Debian 9)
    
    aptitude install libc-ares2
    
    aptitude install libprotobuf9 (only Debian 8)
    
  • Installa JDK7 con il seguente comando:

    aptitude install openjdk-7-jdk (Debian 8)
    
    aptitude install openjdk-7-jdk (Debian 9)
    

Personalizzazione dei parametri

Alcuni parametri possono essere personalizzati tramite customer.sh file

Se si sta eseguendo l'installazione per la prima volta, customer.sh il file potrebbe non esistere ancora nel server. Creala e assicurati che disponga dei diritti di esecuzione. In caso contrario, immetti il seguente comando:

chmod +x /usr/local/neolane/nl6/customer.sh

Codifica server

Per impostazione predefinita, il server viene avviato in un ambiente iso8859-15. Tuttavia, il server può essere avviato in un ambiente UTF-8.

ATTENZIONE

Questa modifica influisce sulle interazioni con il file system (file caricati tramite un flusso di lavoro o uno script JavaScript) e sulla codifica del file. È quindi consigliabile utilizzare l’ambiente predefinito.

Tuttavia, per la creazione di Istanza giapponese, è necessario utilizzare un ambiente UTF-8.

Per abilitare l’ambiente UTF-8, utilizza il seguente comando:

mkdir -p /usr/local/neolane/nl6
touch /usr/local/neolane/nl6/unicodeenv

Lingua predefinita per il server

L'installazione supporta sia inglese che francese. Per impostazione predefinita viene utilizzato l'inglese.

Per passare al francese, immettete i seguenti comandi:

su - neolane
vi nl6/customer.sh

e aggiungi la seguente riga:

export neolane_LANG=fra

Per garantire che i messaggi di sistema siano letti correttamente, le console devono essere in una tabella codici corrispondente alla lingua (ISO-8859-1 o -15 per il francese).

Variabili di ambiente

Le seguenti variabili di ambiente devono essere definite correttamente.

Alcune combinazioni richiedono modifiche all’ambiente utilizzato per eseguire Adobe Campaign. Un file specifico (/usr/local/neolane/nl6/customer.sh) può essere creato e modificato per aggiungere modifiche specifiche all’ambiente Adobe Campaign.

Se necessario, modificare il customer.sh file che utilizza vi customer.sh e adattare la configurazione o aggiungere righe mancanti:

  • Per il client di Oracle:

    export ORACLE_HOME=/usr/local/instantclient_10_2
    export TNS_ADMIN=/etc/oracle
    export LD_LIBRARY_PATH=$ORACLE_HOME/lib:$LD_LIBRARY_PATH
    

    Il contenuto della variabile di ambiente ORACLE_HOME corrisponde alla directory di installazione di Oracle.

    Il contenuto della variabile TNS_ADMIN deve corrispondere alla posizione del tnsnames.ora file.

  • Per LibreOffice:

    Per eseguire Adobe Campaign su una versione esistente di LibreOffice, sono necessarie configurazioni aggiuntive: è necessario specificare i percorsi di accesso alla directory di installazione. Ad esempio:

    • Debian

      Vengono forniti i valori predefiniti per OOO_INSTALL_DIR e OOO_BASIS_INSTALL_DIR. Puoi sostituirli in customer.sh se il layout dell'installazione di LibreOffice è diverso:

      export OOO_BASIS_INSTALL_DIR=/usr/lib/libreoffice/
      export OOO_INSTALL_DIR=/usr/lib/libreoffice/
      
    • CentOs

      Utilizza i seguenti valori predefiniti:

      export OOO_BASIS_INSTALL_DIR=/usr/lib64/libreoffice/
      export OOO_INSTALL_DIR=/usr/lib64/libreoffice/
      
  • Per Java Development Kit (JDK):

    Per impostazione predefinita, lo script di configurazione dell’ambiente Adobe Campaign (~/nl6/env.sh) cerca la directory di installazione di JDK. Poiché questo comportamento non è affidabile al 100%, è necessario specificare quale JDK deve essere utilizzato. A questo scopo, puoi forzare JDK_HOME variabile di ambiente utilizzando il comando seguente:

    export JDK_HOME=/usr/java/jdk1.6.0_07
    
    NOTA

    Questo è un esempio. Assicurati che la versione JDK utilizzata corrisponda al nome della directory.

    Per testare la configurazione JDK, accedi come utente di Adobe Campaign con il seguente comando:

    su - neolane
    

Per poter tenere conto delle modifiche, è necessario riavviare il servizio Adobe Campaign.

I comandi sono i seguenti:

/etc/init.d/nlserver6 stop
/etc/init.d/nlserver6 start

A partire dalla versione 20.1, si consiglia invece di utilizzare i seguenti comandi:

systemctl stop nlserver
systemctl start nlserver

Client Oracle in Linux

Quando si utilizza Oracle con Adobe Campaign, è necessario configurare i livelli client Oracle in Linux.

  • Utilizza il client completo

  • Definizione TNS

    Le definizioni TNS devono essere aggiunte durante la fase di installazione. A tale scopo, utilizzare i seguenti comandi:

    cd /etc
    mkdir oracle
    cd oracle
    vi tnsnames.ora
    
  • Variabili di ambiente

    Fai riferimento a Variabili di ambiente.

  • Configurazione per Adobe Campaign

    Per completare l’installazione del client Oracle per Adobe Campaign, devi creare un collegamento simbolico per .so file utilizzato da Adobe Campaign.

    A tale scopo, utilizzare i seguenti comandi:

    cd /usr/lib/oracle/10.2.0.4/client/lib
    ln -s libclntsh.so.10.1 libclntsh.so
    

In caso di problemi, assicurati che i pacchetti elencati nella Documentazione sull’installazione di Oracle sono installati correttamente.

Controlli di installazione

È ora possibile eseguire un test di installazione iniziale utilizzando i seguenti comandi:

su - neolane
nlserver pdump

Quando Adobe Campaign non viene avviato, la risposta è:

no task

Primo avvio del server

Una volta completato il test di installazione, immettere il seguente comando:

nlserver web

Vengono quindi visualizzate le seguenti informazioni:

17:11:03 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
17:11:03 >   Web server start (pid=17546, tid=-151316352)...
17:11:03 >   Creating server configuration file '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/serverConf.xml' via '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/fra/serverConf.xml.sample'
17:11:03 >   Creating server configuration file '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/config-default.xml' via '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/models/config-default.xml'
17:11:03 >   Server started
17:11:08 >   Stop requested (pid=17546)
17:11:08 >   Web server stop(pid=17546, tid=-151316352)...

Questi comandi consentono di creare config-default.xml e serverConf.xml file di configurazione. Tutti i parametri disponibili in serverConf.xml sono elencati in questo sezione.

Premi CTRL+C per arrestare il processo, immettere il comando seguente:

nlserver start web

Vengono quindi visualizzate le seguenti informazioni:

12:17:21 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
12:17:21 >   Running task 'web@default' ('nlserver web -tracefile:web@default -instance:default -detach -tomcat -autorepair') in a new process
12:17:21 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
12:17:21 >   Web server start (pid=29188, tid=-1224824320)...
12:17:21 >   Creating server configuration file '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/serverConf.xml' via '/usr/local/[INSTALL]/nl6/conf/fra/serverConf.xml.sample'
12:17:22 >   Tomcat started
12:17:22 >   Server started

Per interromperlo, immetti:

nlserver stop web

Vengono quindi visualizzate le seguenti informazioni:

12:18:31 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
12:18:31 >   Stop requested for 'web@default' ('nlserver web -tracefile:web@default -instance:default -detach -tomcat -autorepair', pid=29188, tid=-1224824320)...
12:18:31 >   Stop requested (pid=29188)
12:18:31 >   Web server stopped (pid=29188, tid=-1224824320)...

Password per l’identificatore interno

Il server Adobe Campaign definisce un accesso tecnico denominato interno dispone di tutti i diritti su tutte le istanze. Subito dopo l'installazione, l'account di accesso non dispone di una password. È obbligatorio definirne uno.

Per ulteriori informazioni, consulta questa sezione.

In questa pagina