Declared IDs

Funzionamento di declared IDs, configurazione di procedure, esempi di codice e variabili.

Declared ID Targeting

Scambiare e sincronizzare gli ID utente con Audience Manager da dispositivi o browser che non utilizzano o accettano meccanismi di memorizzazione persistenti, come cookies di terze parti.

Finalità di Declared ID targeting

Alcuni browser e la maggior parte dei dispositivi mobili non accettano cookies di terze parti. Ciò rende difficile conservare le informazioni sui visitatori del sito o assegnare ID persistenti. Per risolvere questo problema, Audience Manager utilizza DIL per consentire di passare declared IDs a una chiamata dell'evento. Inoltre, un declared ID può fungere da ID universale applicabile allo stesso utente in tutte le soluzioni del Experience Cloud. La tabella seguente descrive il processo di targeting degli ID/corrispondenza:

Processo Descrizione
Chiamata evento

Per funzionare, è necessario DIL e il codice Adobe Experience Platform Identity Service nella pagina. DIL riceve gli ID dichiarati dalla setVisitorID funzione fornita da Adobe Experience Platform Identity Service e li trasmette a Audience Manager .

ID corrispondenza

Audience Manager tenta di far corrispondere l'ID cliente e visitatore con un ID corrispondente nel nostro sistema. Se non esiste un ID corrispondente, Audience Manager crea un nuovo ID e lo associa al client e all’ID visitatore.

Nota: La mappatura più recente viene utilizzata se l’ID viene mappato su più ID Audience Manager .

ID di ritorno

Audience Manager scrive il proprio ID sincronizzato in un cookie di prima parte (o altro spazio di archiviazione indirizzabile) nel dominio client o nell'applicazione.

Chiamate Di Evento Successive

Altre chiamate di evento leggono l'ID Audience Manager dal dominio del client e lo inviano al Audience Manager .

Per iniziare, devi configurare il servizio Experience Cloud ID e DIL tra le pagine del sito che desideri utilizzare per la raccolta dati. Vedere DIL create e Variabili ID dichiarate.

Chiamate di rifiuto

Il processo declared ID rispetta le preferenze dei visitatori del sito per rinunciare al targeting Audience Manager da parte del sito Web. Quando Audience Manager riceve una richiesta di rifiuto, la JSON restituita da DCS contiene il codice di errore 171, con il messaggio Encountered opt out tag, invece dell'ID utente Audience Manager.

  • Audience Manager può trasmettere una declared ID rinuncia accanto a una Audience Manager UUID nella URL.
  • La declared ID rinuncia viene memorizzata in Profile Cache Server (PCS) in base al partner. Non esiste un rifiuto a livello di piattaforma utilizzando declared IDs. Inoltre, Audience Manager esclude l'utente da quella particolare area sul margine (la rinuncia non attraversa le DCS aree).

Per ulteriori informazioni sul rifiuto della raccolta dei dati, vedere Privacy dei dati.

Declared ID Esempi di rifiuto

È possibile effettuare una declared ID richiesta di rifiuto con le coppie chiave-valore d_cid e d_cid_ic. I parametri legacy come d_dpid e d_dpuuid funzionano comunque, ma sono considerati obsoleti. Consulta CID Replaces DPID and DPUUID. Negli esempi, il corsivo indica un segnaposto variabile.

Consenso con CID e CID_IC

Per una descrizione e una sintassi, consulta URL Variables and Syntax for Declared IDs.

Rinuncia tramite Esempio di codice

Un ID provider di dati e un ID utente.

https://domain name/demoptout.jpg?d_cid=123%01987...

Un codice di integrazione e un ID utente.

https://domain name/demoptout?d_cid_ic=456%01321...

Più coppie chiave-valore d_cid e d_cid_ic .

https://domain name/demoptout?d_cid=123%01987&d_cid_ic=456%01321...

Rinuncia con DPID, DPUUID e UUID (obsoleto)

Questi metodi funzionano ancora ma sono considerati obsoleti. Queste informazioni sono fornite per scopi e riferimenti legacy. Le opzioni di rifiuto precedenti includono:

Rifiuto (obsoleto) Esempio di codice

d_uuid solo

https://domain/demoptout.jpg?d_uuid=AAM ID

opt-out a livello di partner

https://demoptout.jpg?d_dpuuid= user ID&d_dpid= data provider ID

Viene memorizzata una rinuncia a livello di partner per la mappatura più recente della coppia dpid + dpuuid a un AAM UUID. Se non esiste una mappatura esistente in precedenza, Audience Manager verifica se la richiesta contiene un UUID AAM nel cookie e, in caso affermativo, lo utilizza per memorizzare il opt-out. In caso contrario, Audience Manager genera un nuovo UUID AAM e memorizza sotto di esso la rinuncia.

d_dpuuid + d_dpid and explicit d_uuid

https://domain/demoptout.jpg?d_uuid= user ID&d_dpuuid= data provider's user ID&d_dpid=data provider ID

d_uuid always takes precedence. Se la combinazione dpid + dpuuid viene mappata su un altro UUID AAM, l'opt-out viene archiviato sotto l'UUUID AAM passato nella richiesta ( d_uuid ).

Variabili e sintassi per Declared IDs

Nella tabella seguente sono elencate le coppie chiave-valore che passano all'ID del fornitore di dati Audience Manager e agli ID utente o ai codici di integrazione, se utilizzati. Nota: italics indica un segnaposto variabile. Gli spazi sono stati aggiunti per facilitarne la lettura.

In ogni coppia chiave-valore:

  • Il simbolo = separa la chiave dai relativi valori.
  • Il carattere ASCII non stampabile %01 separa i valori.
Variabile Descrizione

d_cid =data provider ID %01user ID

Contiene un ID fornitore di dati e un ID utente univoco associato in una singola coppia chiave-valore. d_cid replaces d_dpid and d_dpuuid , which are considered deprecated, but still supported. Consulta CID Replaces DPID and DPUUID .

d_cid_ic =integration code %01user ID

Contiene un codice di integrazione e un ID utente univoco associato in una singola coppia chiave-valore. d_cid_ic sostituisce d_dpid e d_dpuuid , che sono obsoleti, ma sono ancora supportati. Consulta CID Replaces DPID and DPUUID .

Chiamate di eventi di esempio

Considerate queste coppie chiave-valore e la sintassi richiesta, effettuerete le chiamate evento come mostrato di seguito.

La chiamata dell'evento include Esempio di codice

Un ID provider di dati e un ID utente.

https://domain name/event?d_cid=123%01987...

Un codice di integrazione e un ID utente.

https://domain name/event?d_cid_ic=456%01321...

Più coppie chiave-valore d_cid e d_cid_ic .

https://domain name/event?d_cid=123%01987&d_cid_ic=456%01321...

Declared ID Variabili

Descrive le variabili di configurazione utilizzate per passare da declared IDs a DIL a Audience Manager.

DIL utilizza Adobe Experience Platform Identity Service per passare Declared IDs

Se utilizzato con Adobe Experience Platform Identity Service, non è più necessario passare declared IDs con le variabili dpid e dpuuid obsolete. Al contrario, le versioni correnti di DIL si basano sulla funzione visitorService per ottenere la declared IDs dalla funzione setCustomerIDs in Adobe Experience Platform Identity Service. Per ulteriori informazioni, vedere ID cliente e stati di autenticazione. Chiamare visitorService in DIL.create come illustrato di seguito.

var vDil = DIL.create({
  partner:"partner name",
  visitorService:{
    namespace:"INSERT-MCORG-ID-HERE"
  }
});

Nella coppia namespace chiave-valore, MCORG è il tuo Experience Cloud ID organizzazione. Se non disponi di questo ID, puoi trovarlo nella sezione Administration del dashboard Experience Cloud. Per visualizzare questo dashboard è necessario disporre delle autorizzazioni di amministratore. Vedere Amministrazione: Servizi di base.

Funzioni obsolete

Con le versioni più recenti di DIL (6.2+), non è necessario utilizzare queste coppie chiave-valore per passare in declared IDs. Questo perché DIL ora si basa sulla funzione visitorService mostrata nell'esempio di codice riportato sopra. Questa funzione ottiene declared IDs dalla Adobe Experience Platform Identity Service. Tuttavia, stiamo facendo riferimento a queste variabili per scopi storici e legacy. Vedere il codice seguente per un esempio di come configurare DIL.create per ottenere un declared ID da Visitor ID Service.
La tabella seguente descrive le variabili legacy utilizzate dall'oggetto declaredId:

Nome Tipo Descrizione
dpid Stringa

ID partner dati assegnato dal Audience Manager .

dpuuid Stringa

ID univoco del fornitore di dati per l'utente.

DPID e DPUUID

Audience Manager confronta e corrisponde al combinato DPID e DPUUID a un ID utente corrispondente nel nostro sistema. Se un ID non esiste, Audience Manager crea un nuovo ID utente e lo sincronizza con la combinazione DPID/DPUUID. Una volta che Audience Manager corrisponde o crea un ID utente (il UUID), restituisce tale ID nella risposta JSON al cookie nel dominio del client (prima parte cookie) o in un altro archivio locale.

Chiama questa funzione quando utilizzi DIL v6.1 o versioni precedenti. Tuttavia, questa funzione è stata sconsigliata a favore della nuova versione che ottiene declared IDs da Adobe Experience Platform Identity Service.

DIL.create({
    partner : "partner name",
    declaredId : {
       dpuuid : dpuuid,
       DPID : dpid
    }
 });
NOTA

È necessario sviluppare a livello di programmazione il codice che fornisce i valori ID per le chiavi d_dpuuid e d_dpid.

Passa gli ID dopo DIL le istanze

NOTA

Se effettui una chiamata API con una combinazione diversa declaredID, la nuova combinazione verrà utilizzata solo per quella chiamata. Ulteriori chiamate di eventi regolari utilizzeranno la combinazione originale DIL.create declaredID.

DIL.getDil('partner name').api.signals({...}).declaredId({
  dpuuid : dpuuid
  dpid : dpid
}).submit();

Esempi di richieste/risposte

La richiesta invia un provider di dati e un ID utente a Audience Manager:

https://my_domain.net/event?d_rtbd=json&d_cb=myCallback&key=val&d_dpuuid=1234&d_dpid=5678

La risposta restituisce l'ID Audience Manager (ad esempio, UUID) scritto in un cookie di prime parti nel dominio della pagina.

myCallback({
...
   "uuid":"abc123"
})

Non eseguire il targeting e non eseguire il rifiuto delle chiamate

Il processo declared ID rispetta le preferenze dei visitatori del sito per rinunciare al targeting Audience Manager da parte del sito Web. Quando Audience Manager riceve una richiesta di rifiuto, il DCS restituisce un oggetto JSON vuoto invece dell'ID utente Audience Manager.

In questa pagina