Informazioni e utilizzo di Journey IQ: Cross-Device Analytics

Quando gli utenti interagiscono con il tuo marchio, lo fanno in molti modi e su più dispositivi. Cross-Device Analytics si integra con Adobe Experience Platform Identity Service per identificare il modo in cui i dispositivi si associano alle persone. Queste informazioni vengono sfruttate per creare una visione del comportamento degli utenti su tutti i dispositivi. Questo si traduce nella possibilità di eseguire analisi sulle persone, non sui dispositivi.

Panoramica di Cross-Device Analytics

Io non sono i miei dispositivi

Quando gli utenti interagiscono con il tuo marchio lo fanno in molti modi e su più “superfici” o “dispositivi”. Possono utilizzare un browser web su un PC o su un dispositivo mobile, oppure un’app mobile. Nell’analisi digitale tradizionale, sviluppata sulla raccolta di dati basata sui cookie, ciascuna di queste superfici è rappresentata come un “visitatore” univoco. Ciò significa che ogni utente umano è rappresentato da molti visitatori univoci.

Ecco un esempio. Supponiamo che Isabelle interagisca con il tuo marchio nel modo seguente:

Isabelle riconosciuta come tre visitatori
Percorso tradizionale di Analytics

Nell’analisi tradizionale, il percorso di Isabelle viene suddiviso in tre parti. Viene riconosciuta come tre visitatori univoci, ciascuno dei quali ha utilizzato un dispositivo diverso per eseguire attività isolate. Ma serve una visione unificata e cross-device delle interazioni di Isabelle. Journey IQ: Cross-Device Analytics fornisce proprio questo tipo di visualizzazione.

Isabelle riconosciuta come una singola persona
Percorso di Cross-Device Analytics

Visualizzazione cross-device per una migliore analisi

Avere una visione del comportamento di Isabelle incentrata sulla persona e cross-device può fare una differenza significativa nelle analisi. Ad esempio, l’approccio tradizionale basato sul visitatore non offre un quadro completo dell’efficacia dei diversi canali di marketing. Vediamo ancora una volta il percorso di Isabelle, concentrandoci sui canali a cui vengono attribuiti la visualizzazione e l’acquisto del prodotto. Per semplicità, useremo l’attribuzione last-touch, ma lo stesso problema si verifica per qualsiasi modello di attribuzione se si divide il comportamento di Isabelle in base a visitatori separati. Con la visione tradizionale basata sul visitatore si ottengono risultati molto diversi, anche fuorvianti:

Analisi tradizionale e Cross-Device Analytics
attribuzione del canale

Con la visualizzazione cross-device, al canale e-mail vengono attribuiti sia la visualizzazione del prodotto che l’acquisto, e questo rappresenta più accuratamente l’effettiva esperienza di Isabelle.

Leggi le sezioni seguenti e scopri:

  • Come funziona Cross-Device Analytics
  • Prerequisiti per Cross-Device Analytics
  • Interpretazione dei dati cross-device
  • Analisi dei dati cross-device in Analysis Workspace

Come funziona Cross-Device Analytics

Journey IQ: Cross-Device Analytics (CDA) si integra con Adobe Experience Platform Identity Service, utilizzando Device Graph per identificare la correlazione tra dispositivi e persone. Queste informazioni vengono sfruttate per creare una visione del comportamento degli utenti su tutti i dispositivi. CDA include funzionalità e strumenti unici per aiutarti a comprendere l’utilizzo di più dispositivi e l’esperienza del cliente che interagisce con il tuo marchio usando diversi dispositivi. Si trova un livello sotto Analysis Workspace e fornisce informazioni approfondite sull’analisi del pubblico basata su persone e sull’attribuzione, la segmentazione e l’analisi del percorso con diversi dispositivi utilizzando potenti strumenti come Fallout, Flow, Cohort, Segment IQ e Attribution IQ.

Cross-Device Virtual Report Suite

CDA viene presentato attraverso uno speciale tipo di Virtual Report Suite cross-device. Questo consente di continuare a utilizzare la suite di rapporti originale basata su dispositivi mentre si inizia a introdurre l’analisi cross-device nell’organizzazione. Configurare una suite di rapporti virtuale per CDA è facile.

Nel primo passaggio della creazione di una suite di rapporti virtuale, scegli la report suite che è stata configurata da Adobe come abilitata per CDA:

Scegliere unareport suite di base (sorgente) abilitata per CDA
Virtual Report Suite Passaggio uno

Quindi, attiva Report Time Processing e abilita cross-device stitching:

Abilitare report-time processing ecross-device stitching
Virtual Report Suite Passaggio due

Completa la configurazione della suite di rapporti virtuale e salvala. La suite di rapporti virtuale di CDA viene visualizzata in Analysis Workspace con un’icona speciale, come illustrato di seguito:

Selezionare la suite di rapporti virtuale di CDA in Analysis Workspace
Virtual Report Suite Passaggio tre

SUGGERIMENTO

Sulla report suite di base abilitata per CDA puoi creare tutte le virtual report suites per CDA che ti servono.

Aggiornare la cronologia

A volte ci vuole un po’ di tempo perché gli utenti accedano e vengano identificati da Device Graph con la relativa mappatura dei loro dispositivi. CDA utilizza un intervallo di look-back di 30 giorni che consente di riconoscere come persone quei visitatori che non erano stati identificati in precedenza, fino a 30 giorni nel passato.

A cosa può servire? Torniamo al percorso utente di Isabelle dalla discussione precedente:

Cross-Device Analytics Percorso

È possibile che Isabelle abbia effettuato l’accesso solo al momento di effettuare l’acquisto e che Device Graph ne abbia mappato i dispositivi solo qualche attimo dopo l’acquisto. Il look-back di 30 giorni di CDA permette di aggiornare il comportamento passato di Isabelle a livello di persona, fornendo la visione cross-device del suo percorso di cui hai bisogno.

NOTA

Poiché la cronologia può essere aggiornata, i dati possono cambiare nel tempo in una virtual report suite abilitata per CDA. Tieni presente questo aspetto durante la comunicazione di insights da un’analisi basata su CDA.

Prerequisiti per Cross-Device Analytics

CDA è incluso in Analytics Ultimate. A partire da settembre 2019, i clienti Analytics Ultimate che soddisfano i prerequisiti elencati di seguito possono utilizzare CDA. I prerequisiti per CDA sono i seguenti:

  • La tua azienda deve utilizzare Adobe Experience Platform Identity Service Device Graph.
  • Devi implementare tutto ciò che è richiesto da Device Graph, compreso Experience Cloud ID (ECID) e la sincronizzazione degli ID con il grafo.
  • Attualmente non è possibile utilizzare due organizzazioni IMS con un solo Device Graph, quindi occorre standardizzare su una singola organizzazione IMS.
  • Device Graph, così come alcuni componenti di CDA, sono ospitati in Microsoft Azure. Pertanto, i dati di Analytics vengono copiati avanti e indietro tra il centro di elaborazione dati di Adobe e la presenza di Adobe in Microsoft Azure. Alcuni dati di Analytics saranno memorizzati in Azure. La tua azienda deve accettare questo accordo.
  • CDA richiede una report suite “cross-device”. Questo significa che la report suite utilizzata per CDA deve includere dati provenienti da più tipi di dispositivi o “superfici” diversi, ad esempio web da desktop, web da dispositivi mobili e app mobili. A settembre 2019, il volume massimo di chiamate server per questa report suite è di 100 milioni di chiamate al server al giorno. I limiti di volume delle chiamate al server aumenteranno nei prossimi mesi.

Interpretazione dei dati cross-device

Persone, non visitatori

All’interno della Virtual Report Suite di CDA, vedrai alcune modifiche. Ad esempio, Unique Visitors è sostituito da due nuove metriche: People e Unique Devices. Queste consentono di ottenere informazioni approfondite molto migliori sulle dimensioni del pubblico.

Persone e dispositivi univoci
CDA People Metric

In Segment Builder, il contenitore di segmenti Visitor è stato sostituito da un contenitore di segmenti Person. Utilizzando una suite di rapporti virtuale per CDA, puoi creare segmenti cross-device quali:

  • Utenti che utilizzano più dispositivi
  • Persone che iniziano il percorso su un dispositivo mobile e poi acquistano da un dispositivo desktop
  • Visite in cui le persone utilizzano più dispositivi per eseguire un’attività

Segmenti a livello di persona
Segment Builder Person Contenitore

Persistenza della dimensione

All’interno di una VRS CDA, dimensioni come eVars ora persistono automaticamente tra i dispositivi. Ad esempio, una eVar configurata come:

  • Allocazione: più recente (ultimo)
  • Scadenza dopo: acquisto

persisterà automaticamente da un dispositivo all’altro fino all’attivazione dell’evento di acquisto.

Analisi dei dati cross-device in Analysis Workspace

Analisi del pubblico basata su persona

Hai mai avuto la curiosità di sapere quante persone interagiscono con il tuo marchio? Ti piacerebbe capire quanti e che tipo di dispositivi utilizzano? Come si sovrappone il loro utilizzo? Utilizzando una VRS CDA, puoi creare Diagrammi di Venn cross-device e istogrammi su dispositivi per persona.

Analisi del pubblico basata su persona
Venn e istogramma

Flow cross-device

Con CDA e Analysis Workspace, puoi visualizzare il modo in cui le persone si spostano da un dispositivo all’altro nel tempo in Flow visualization. Puoi constatare a che punto del percorso abbandonano e dove continuano.

Flow con CDA
Flow Visualization

Fallout cross-device

È probabile che tu debba utilizzare diversi Fallout visualizations per analizzare il modo in cui gli utenti percorrono una determinata serie di passaggi prima di raggiungere il successo. Sapevi che la tua visione di questi Fallout visualizations è limitata quando utilizzi analisi tradizionali basate su dispositivo? Per esaminare con successo il “fallimento”, il passaggio successivo deve verificarsi nello stesso browser o app del passaggio precedente. Nelle analisi basate su dispositivi, non puoi vedere le persone che hanno completato con successo il passaggio successivo su un altro dispositivo.

Nessun problema, ci pensa CDA. CDA crea la visualizzazione cross-device che rende Fallout visualizations molto più utile. Dopo tutto, ciò che conta veramente è se da qualche parte la persona alla fine è riuscita suo intento.

Fallout con CDA
Fallout Visualization

Cross-Device Attribution IQ

Poiché CDA crea un livello di dati cross-device sotto Analysis Workspace, tutte le analisi saranno caratterizzate da una prospettiva cross-device. Abbiamo un esempio efficace con Attribution IQ. Attribution IQ in Analysis Workspace consente di confrontare più modelli di attribuzione uno accanto all’altro. Utilizzando questa funzionalità con CDA, ora puoi confrontare i modi in cui i diversi dispositivi contribuiscono al successo.

Ad esempio, supponi di voler capire quanto spesso un telefono cellulare è il primo dispositivo utilizzato in un’interazione che alla fine porta al successo. Ciò rappresenta il “tasso di acquisizione” del telefono cellulare. CDA con Attribution IQ consente di eseguire questa analisi:

Attribution IQ con CDA
Attribution IQ

Per ulteriori informazioni, consulta la Cross-Device Analytics documentazione di supporto.

In questa pagina