Istruzioni per l’aggiornamento alla versione 2024.04.0

Questo articolo descrive le istruzioni per l’aggiornamento e la matrice di compatibilità per la versione 2024.04.0 di Adobe Experience Manager Guides as a Cloud Service.

Per ulteriori informazioni sulle nuove funzioni e sui miglioramenti, vedi Novità della versione 2024.04.0.

Per un elenco dei problemi risolti in questa versione, vedi Sono stati risolti i problemi nella versione 2024.04.0 di.

Matrice di compatibilità

In questa sezione è elencata la matrice di compatibilità per le applicazioni software supportate dalla versione 2024.04.0 di Experience Manager Guides as a Cloud Service.

FRAMEMAKER e FRAMEMAKER PUBLISHING SERVER

Rilascio di Experience Manager Guides as a Cloud
FMPS
FrameMaker
2024.04.0
Non compatibile
2022 o versione successiva

Connettore ossigeno

Rilascio di Experience Manager Guides as a Cloud
Finestre del connettore dell'ossigeno
Connettore di ossigeno Mac
Modifica in finestre a ossigeno
Modifica in Oxygen Mac
2024.04.0
3,5-uuid 1
3,5-uuid 1
2,3
2,3

Versione modello della Knowledge Base

Nome pacchetto componenti
Versione componenti
Versione modello
Pacchetto di contenuti dei componenti Experience Manager Guides per il Cloud Service
dxml-components.all-1.2.2
aem-site-template-dxml.all-1.0.15

Aggiornamento alla versione 2024.04.0

Experience Manager Guides viene aggiornato automaticamente dopo l’aggiornamento della versione corrente (più recente) di Experience Manager as a Cloud Service.

NOTE
Dopo aver iniziato a utilizzare la versione corrente (più recente), confronta tutte le configurazioni sostituite con quelle più recenti per ottenere le funzioni più recenti:
  • ui_config.json (potrebbe essere stato impostato nei profili cartella)

Se non lo hai già fatto in precedenza per la versione esistente, effettua le seguenti operazioni, ad Experience Manager Guide as a Cloud Service:

Passaggi per abilitare l’attivazione di uno script tramite un servlet

(Solo se ti trovi in una versione precedente a quella di giugno 2023 di Experience Manager Guides as a Cloud Service)

Dopo aver completato l’installazione, puoi scegliere di premere il trigger per avviare il processo di traduzione:

POST:

http://localhost:4503/bin/guides/script/start?jobType=translation-map-upgrade

Risposta:

{
"msg": "Job is successfully submitted and lock node is created for future reference",
"lockNodePath": "/var/dxml/executor-locks/translation-map-upgrade/1683190032886",
"status": "SCHEDULED"
}

Nella risposta precedente JSON, la chiave lockNodePath contiene il percorso del nodo creato nell’archivio che punta al processo inviato. Viene eliminato automaticamente una volta completato il processo, quindi puoi fare riferimento a questo nodo per lo stato del processo.

Attendere il completamento del processo prima di procedere ai passaggi successivi.

NOTE
Verifica se il nodo è ancora presente e lo stato del processo.
GET
http://<aem_domain>/var/dxml/executor-locks/translation-map-upgrade/1683190032886.json

Passaggi per pubblicare ed elaborare il contenuto esistente per utilizzare il rapporto sui collegamenti interrotti

(Solo se ti trovi in una versione precedente a quella di giugno 2023 di Experience Manager Guides as a Cloud Service)

Effettua le seguenti operazioni per la post-elaborazione del contenuto esistente e l’utilizzo del nuovo rapporto sui collegamenti interrotti:

  1. (Facoltativo) Se nel sistema sono presenti più di 100.000 file DITA, aggiornare queryLimitReads e queryLimitInMemory in org.apache.jackrabbit.oak.query.QueryEngineSettingsService su un valore più grande (qualsiasi valore maggiore del numero di risorse presenti, ad esempio 200.000) e quindi ridistribuiscilo.

    • Utilizzare le istruzioni fornite nella Sostituzioni configurazione in Installare e configurare Adobe Experience Manager Guides as a Cloud Service, per creare il file di configurazione.

    • Nel file di configurazione, fornisci i seguenti dettagli (proprietà) per configurare queryLimitReads e queryLimitInMemory opzione:

      table 0-row-3 1-row-3 2-row-3
      PID Chiave proprietà Valore proprietà
      org.apache.jackrabbit.oak.query.QueryEngineSettingsService queryLimitReads Valore: 200000 Valore predefinito: 100000
      org.apache.jackrabbit.oak.query.QueryEngineSettingsService queryLimitInMemory Valore: 200000 Valore predefinito: 100000
  2. Eseguire una richiesta POST al server (con l’autenticazione corretta) - http://<server>//bin/guides/reports/upgrade.

  3. L’API restituisce un jobId. Per verificare lo stato del processo, puoi inviare una richiesta di GET con ID processo allo stesso endpoint: http://<server>/bin/guides/reports/upgrade?jobId= {jobId}
    Ad esempio: http://localhost:8080/bin/guides/reports/upgrade?jobId=2022/9/15/7/27/7dfa1271-981e-4617-b5a4-c18379f11c42_678)

  4. Una volta completato il processo, la richiesta di GET precedente risponde con successo. Se il processo non riesce per qualche motivo, l’errore può essere visualizzato dai registri del server.

  5. Ripristina il valore predefinito o esistente precedente di queryLimitReads se è stato modificato nel passaggio 1.

Passaggi per indicizzare il contenuto esistente per utilizzare il nuovo elenco Trova e sostituisci e Argomento nella scheda Rapporti:

(Solo se ti trovi in una versione precedente a quella di giugno 2023 di Experience Manager Guides as a Cloud Service)

Effettua i seguenti passaggi per indicizzare il contenuto esistente e utilizza il nuovo testo Trova e sostituisci a livello di mappa e l’elenco degli argomenti nella scheda Rapporti:

  1. Eseguire una richiesta POST al server (con l’autenticazione corretta) - http://<server:port>/bin/guides/map-find/indexing. (Facoltativo: Puoi passare percorsi specifici delle mappe per indicizzarle; per impostazione predefinita tutte le mappe sono indicizzate|| Esempio: https://<Server:port>/bin/guides/map-find/indexing?paths=<path of the MAP in repository>)

  2. È inoltre possibile passare una cartella principale per indicizzare le mappe DITA di una cartella specifica (e delle relative sottocartelle). Ad esempio, http://<server:port\>/bin/guides/map-find/indexing?root=/content/dam/test. Si noti che se vengono passati sia il parametro paths che il parametro root, viene considerato solo il parametro paths.

  3. L’API restituisce un jobId. Per verificare lo stato del processo, puoi inviare una richiesta di GET con ID processo allo stesso endpoint: http://<server:port>/bin/guides/map-find/indexing?jobId={jobId}Ad esempio: http://localhost:8080/bin/guides/reports/upgrade?jobId=2022/9/15/7/27/7dfa1271-981e-4617-b5a4-c18379f11c42_678)

  4. Una volta completato il processo, la richiesta di GET precedente risponde con successo. Se il processo non riesce per qualche motivo, l’errore può essere visualizzato dai registri del server.

Passaggi per gestire 'fmdita rewriter' conflitto

Experience Manager Guide ha un rewriter sling personalizzato modulo per la gestione dei collegamenti generati in caso di mappe incrociate (collegamenti tra gli argomenti di due mappe diverse).

Se nel codebase è presente un altro rewriter di sling personalizzato, utilizza un 'order' valore maggiore di 50, utilizzato dal rewriter sling di Experience Manager Guides 'order' 50 Per evitare questo problema, è necessario un valore > 50. Per ulteriori dettagli, vedi Pipeline di riscrittura di output.

Durante questo aggiornamento, dal momento che 'order' viene modificato da 1000 a 50, è necessario unire l’eventuale rewriter personalizzato esistente con fmdita-rewriter.

recommendation-more-help
11125c99-e1a1-4369-b5d7-fb3098b9b178