Intestazioni HTTP personalizzate custom-http-headers

Panoramica overview

Per ottenere un maggiore controllo sul backend, gli autori possono configurare intestazioni HTTP personalizzate da inviare al motore di e-commerce, insieme a quelle già inviate dall’CIF. I casi d’uso comuni includono impostazioni multi-store in cui puoi utilizzare le intestazioni HTTP per controllare la risposta del back-end di Commerce.

NOTE
Gli sviluppatori possono sempre configurare intestazioni HTTP personalizzate utilizzando la configurazione client di GraphQL.

Configurazione configuration

Per configurare le intestazioni HTTP personalizzate, devi prima definirle. Le intestazioni HTTP personalizzate devono prima essere definite aggiungendole al com.adobe.cq.cif.http.internal.HttpHeadersConfigProviderImpl configurazione del servizio tramite una configurazione OSGi.

Puoi configurare i valori delle intestazioni HTTP nella pagina Configurazione Cloud Service per il progetto:

  1. Vai alla pagina di configurazione del Cloud Service in Strumenti > Cloud Services > Configurazione CIF
  2. Apri una configurazione esistente o creane una
  3. Vai alla scheda "Avanzate" e trova il multicampo "Intestazioni HTTP personalizzate". Puoi selezionare le intestazioni definite in precedenza e assegnarvi dei valori.

I componenti che utilizzano la configurazione del servizio cloud precedente invieranno queste intestazioni HTTP a ogni richiesta di GraphQL.

Restrizioni restrictions

Anche se il servizio consente di definire qualsiasi nome di intestazione, inclusi quelli standard, non saranno disponibili per la configurazione. In altre parole, non puoi sovrascrivere le intestazioni HTTP standard con questa funzione. È possibile trovare un elenco di nomi di intestazione con restrizioni qui. Oltre a queste, ci sono altre due intestazioni che non possono essere utilizzate:

  • "Store": utilizzato dall’CIF per identificare il negozio Adobe Commerce
  • "Preview-Version": utilizzato dall'CIF per recuperare i prodotti in staging
recommendation-more-help
fbcff2a9-b6fe-4574-b04a-21e75df764ab