Clonare un’istanza TarMK in AEM

Passaggi rapidi per clonare un’istanza TarMK in AEM utilizzando rsync su Linux con AEM.

Descrizione description

Ambiente

  • Experience Manager

Problemi/Sintomi

Questo articolo spiega come clonare correttamente un’istanza AEM che utilizza TarMK (o TarMK + FileDataStore) per l’archiviazione.

Risoluzione resolution

I passaggi seguenti mostrano come copiare un’istanza AEM + TarMK + FileDataStore utilizzando rsync su Linux con AEM installato in /mnt/aem/author.

  1. Mentre è in esecuzione, copia l’istanza AEM completa su un altro server utilizzando un comando come rsync.  Assicurati di mantenere i timestamp durante il processo di copia ed escludi la cartella dei registri e l’archivio dati.  Ad esempio: rsync -av --exclude 'crx-quickstart/logs' --exclude 'crx-quickstart/repository/repository/datastore' /mnt/aem/author user@dest-host:/mnt/aem/

  2. Interrompi AEM

  3. Avvia un’altra copia della cartella segmentstore di TarMK per ottenere tutte le modifiche più recenti rispetto alla prima copia: rsync -av /mnt/aem/author/crx-quickstart/repository/segmentstore/* user@dest-host:/mnt/aem/author/crx-quickstart/repository/segmentstore/

  4. Avvia AEM.

  5. Copia l’archivio dati mentre AEM è in esecuzione. Ad esempio: rsync -av /mnt/aem/author user@dest-host:/mnt/aem/crx-quickstart/repository/repository/datastore /mnt/aem/crx-quickstart/repository/repository/

  6. Sul server di destinazione, ricrea la cartella dei registri, elimina la cartella crx-quickstart/repository/index e la cartella sling.id.file dalla cartella crx-quickstart/launchpad/felix.

    mkdir /mnt/aem/crx-quickstart/logs

    rm -rf /mnt/aem/crx-quickstart/repository/index

    find /mnt/aem/crx-quickstart/launchpad/felix -type f -name "sling.id.file" -exec rm -f {} \; -print

  7. Sul server di destinazione, avvia AEM e verifica l’istanza.

Nota importante:

Assicurati che l’archivio dati venga copiato dopo la cartella segmentstore e che tutti i timestamp vengano mantenuti durante la copia. Rsync consente di mantenere i timestamp con l’opzione -a.

recommendation-more-help
3d58f420-19b5-47a0-a122-5c9dab55ec7f