Note sulla versione - Marzo 2016

Informazioni sulle nuove funzioni e sulle correzioni in Adobe
Marketing Cloud.

Nota

Per ricevere le note sulla versione una settimana prima dell'aggiornamento mensile del prodotto, eseguire la sottoscrizione ad Adobe Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto Adobe). Con l’aggiornamento prioritario sui prodotti, le informazioni sulle nuove versioni vengono comunicate una settimana prima della data di rilascio e sono soggette a modifiche. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio.

Experience Cloud

Note sulla versione di Experience Cloud e servizi core.

Adobe Mobile Services (9 marzo 2016)

La versione SDK 4.8.6 per iOS (9 marzo 2016) include le seguenti modifiche:

Funzione Descrizione
Tracciare gli arresti anomali dell’app La versione SDK 4.8.6 per iOS contiene modifiche importanti che impediscono la segnalazione di falsi arresti anomali. È consigliabile eseguire l'aggiornamento alla versione 4.8.6.

Consulta Adobe Mobile Services per la documentazione di prodotto. Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Servizio Marketing Cloud ID

17 marzo 2016

La versione 1.5.4 include le seguenti modifiche:

Funzione Descrizione
Supporto per la disattivazione Il servizio Marketing Cloud ID supporta le richieste di disattivazione del visitatore. (AAM-21725)
Modifica alle tempistiche di sincronizzazione ID Il servizio Marketing Cloud ID effettua ora le chiamate per la sincronizzazione ID su ogni chiamata ai server di raccolta dati. In precedenza, il servizio ID effettuava una sola richiesta sulla prima chiamata per ottenere un Marketing Cloud ID. (AAM-22934)

Documentazione

Procedure di implementazione del servizio ID riviste per i clienti Analytics. Consultate Configurare il servizio ID Marketing Cloud con Analytics.

17 marzo 2016

Analytics

Avvisi importanti su Analytics

IMPORTANTE

nella seguente tabella sono riportate le notifiche di Analytics relative ai problemi che possono interessare la raccolta dati e il reporting, il termine del ciclo di vita dei prodotti e così via.

Avviso Data di aggiunta Descrizione
SiteCatalyst 14, ExcelClient e così via fine vita a settembre 2016

17 marzo 2016

L'SiteCatalyst 14, ExcelClient e molti altri componenti legacy cesseranno il ciclo di vita a settembre 2016.

Vale a dire che tutti gli accessi all’interfaccia utente di SiteCatalyst 14 e a diverse funzioni correlate saranno rimossi. Per prepararsi a tale evento, visualizzare il presente elenco dei componenti interessati, unitamente alle azioni utente richieste e ai suggerimenti su come procedere con le alternative indicate.

Modifiche all’elaborazione delle visite per i dati con marca temporale

17 marzo 2016

A giungo inizieremo a migliorare il metodo con cui vengono calcolate le visite per le suite di rapporti con marca temporale obbligatoria o opzionale. Tali modifiche interesseranno principalmente i dati raccolti mediante gli SDK di Mobile e andando avanti, in alcune situazioni risulterà un numero complessivo inferiore.

Ulteriori informazioni sono disponibili in Confronto tra visite e avvii delle app mobili .

Per scoprire le eventuali suite di rapporti interessate, vedete Marca temporale opzionale.

Modifica dell'elaborazione dei dati nelle versioni di aggiornamento di febbraio-marzo

18 febbraio 2016

Tra febbraio e marzo, nelle versioni di aggiornamento è stata implementata la seguente modifica alla funzione di elaborazione dati di Analytics:

In precedenza, quando si utilizzava la variabile di prodotto senza aver impostato un evento, per impostazione predefinita quest’ultimo veniva impostato su “ProdView”, come definito nelle prime fasi di elaborazione (prima che venissero applicate le regole di elaborazione). Ora l’evento è impostato dopo le regole di elaborazione per evitare conflitti con la modalità con cui viene eseguita l’elaborazione dei dati mobili. Questa modifica ha i seguenti effetti a valle:

  • I dati ProdView non vengono più gonfiati a causa di hit in cui i dati contestuali generano gli eventi (in particolare in Mobile). Andando avanti, nell'elaborazione dati un evento verrà impostato allo stesso momento in cui sarebbe stato impostato ProdView (senza un evento impostato).
  • Potrebbe essere necessario rivedere qualsiasi regola VISTA la cui logica dipenda da un evento ProdView impostato su un hit per verificare se sono necessarie modifiche a tale regola VISTA. Il motivo risiede nel fatto che gli eventi ProdView potrebbero essere impostati su un numero inferiore di hit rispetto all’impostazione precedente, perché ProdView viene impostato prima nella pipeline di elaborazione. Questa modifica può influenzare o meno ciò che si desidera dalla regola VISTA.

Eliminazione di valori con hash nei feed di dati

18 febbraio 2016

In alcune circostanze i valori con hash ( ::hash::<valore hash> ) possono comparire nei feed dati per i seguenti tipi di variabili:

  • eVar di merchandising in post_product_list
  • Var elenco (denominate post_mvvar1-3 , post_tnt e post_survey )
  • Dettagli del canale di marketing. Il codice di tracciabilità dei rapporti relativi ai canali di marketing (denominati va_finder_detail e va_closer_detail )

Viene implementata una modifica che con il tempo elimina i valori con hash e li sostituisce con quelli effettivi.

Nota: la dimensione massima di un determinato valore è di 100 o 255 byte. Per i campi che supportano più valori, come post_product_list e variabili elenco, la dimensione massima di tali campi è 64 K. Pertanto, se trasmettete un numero elevato di valori, alcuni di essi potrebbero andare persi in quanto il campo verrà troncato a 64 k.

Fine del ciclo di vita di Web Services v 1.2 API

18 febbraio 2016

La versione 1.2 dell’API di Web Services è stata ufficialmente dichiarata obsoleta il 20 febbraio 2014 e il ciclo di vita terminerà il 15 settembre 2016. In tale data, Adobe impedirà ai server API di rispondere alle richieste API versione 1.2. Eventuali richieste API effettuate all’endpoint https://api.omniture.com/admin/1.2 restituiranno l’errore 404. Per evitare interruzioni delle applicazioni API, i clienti dovranno aggiornarle dalla versione 1.2 alla versione 1.4 dell’API entro il termine del ciclo di vita indicato.

SSL v3

18 febbraio 2016

Dall’inizio di febbraio 2016, la raccolta dati di Adobe Analytics e le API di creazione rapporti non supportano più SSL v3.

Codice postale Regno Unito

18 febbraio 2016

Il fornitore di servizi geografici di Adobe sta modificando il nostro metodo di ricezione dei codici postali del Regno Unito. Dal 18 marzo circa, passeremo dai codici postali ridotti a quelli estesi.

Modifiche alla retrodatazione delle informazioni della sessione

15 ottobre 2015

Per le suite di rapporti che contengono dati con marca temporale, la retrodatazione non creerà più una visita, come descritto in Confronto tra visite e avvii delle app mobili (pubblicato a ottobre 2015).

Analytics Correzioni

Sono stati risolti i seguenti problemi:

Prodotto Correzioni
Reports & Analytics

  • È stato risolto un problema che impediva la creazione o la modifica delle regole di elaborazione. (AN-118939)
  • È stato risolto un problema che impediva la reimpostazione della password per i nomi utente con lunghezza superiore a 20 caratteri. (AN-115603)
  • È stato risolto un problema con Contribution Analysis che causava la duplicazione delle etichette del pannello di drill-down. (AN-118627)
  • È stato risolto un problema relativo ai minirapporti dashboard che non visualizzavano i dati quando si selezionava la granularità giornaliera. (AN-117755)
  • È stato risolto un problema con il separatore delle migliaia che causava il ripristino del formato USA (da un formato tedesco). (AN-117894)
  • È stato risolto un problema che impediva l'esecuzione del rapporto Visitor Profile (Profilo visitatore) > Technology (Tecnologia) > Cookies (Cookie). Questa correzione ha comportato la rimozione della casella di controllo Mostra media Internet in Impostazioni utente e la disabilitazione della funzione nei rapporti sul traffico.

Correzioni in Analysis Workspace

  • È stato risolto un problema che si verificava quando il trascinamento dei componenti uno dopo l’altro risultava troppo rapido. Questo problema causava la persistenza degli indicatori di rilascio neri nella tabella se si trascinava un componente mentre era ancora in corso l’elaborazione di un’altra richiesta. (AN-118836)
  • È stato risolto il problema di localizzazione relativo al nome della finestra Informazioni progetto. (AN-118612)
  • È stato risolto un problema che, in rare circostanze, causava la reimpostazione delle visualizzazioni quando un progetto veniva aggiornato. (AN-115865)

Correzioni di Ad Hoc Analysis

  • È stato risolto un problema per il quale era impossibile aprire Ad Hoc Analysis quando veniva avviata da Adobe Marketing Cloud con un Adobe ID. (AN-102875)

AppMeasurement (SDK legacy e mobile)

JavaScript versione 1.5.4

AppMeasurement per altre piattaforme

Consulta Cronologia rilascio AppMeasurement per una cronologia del rilascio di AppMeasurement per le seguenti piattaforme:

  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian

Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti

  • È stato corretto un bug a causa del quale nei rapporti sulle tendenze i risultati venivano visualizzati un giorno di ritardo rispetto alla data corrente. Riguarda solo i fusi orari dell'Europa orientale. (AAM-22321)
  • È stato corretto un bug in Audience Marketplace che impediva ai fornitori di dati di attivare un feed di dati privato e senza marchio. (AAM-23377)
  • L'opzione ID type (Tipo ID) nel flusso di lavoro di creazione dell'origine dati è stata modificata in "Device Advertising ID" (ID pubblicità dispositivo) (da "Mobile"). (AAM-22947)
  • È stato aggiunto mathcesword, un nuovo operatore con nome che consente di creare regole per le caratteristiche senza la complessità delle espressioni regolari. (AAM-22368)

Nuove funzionalità

Funzione Descrizione
Publish Anywhere (Pubblica ovunque) Ora potete espandere l'interfaccia di Publish Anywhere alla modalità a schermo intero in modo da poter disporre di più spazio per creare, modificare e rivedere i vostri post.

Correzioni

Le correzioni sotto riportate descrivono le risoluzioni per i principali problemi riportati dai clienti:

  • È stato risolto un problema che impediva la raccolta e la visualizzazione di alcuni tweet nel rapporto Analisi dei post.
  • È stato risolto un problema che impediva la visualizzazione di alcune metriche nel rapporto Proprietà.
  • È stato risolto un problema che impediva l'inclusione del file 1_documents.xlsx nel file zip dopo l'esportazione dei dati dal rapporto Social Buzz.
  • È stato risolto un problema per il quale Social inviava ripetutamente messaggi e-mail in blocco quando venivano utilizzate le regole di moderazione automatica.
  • È stato risolto un problema relativo all'interfaccia utente in modo che i post nei feed di moderazione con collegamenti lunghi contenessero barre di scorrimento orizzontali.
  • È stato risolto un problema che impediva la visualizzazione di alcuni post nei feed di moderazione dell'inoltro.

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:

  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Advertising Cloud

L'Aiuto per Gestione della pubblicità è disponibile nel prodotto in Aiuto > Sommario.

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.

Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Adobe consiglia ai clienti con distribuzioni locali di implementare le ultime patch consigliate in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.

Forum AEM Asset Descrizione
Forum AEM Asset Il nostro nuovo forum secondario di AEM Asset è ora live. Questo forum tratta: Risorse (in sede), risorse su richiesta, Portale del marchio, Contenuti multimediali dinamici e Scene7. Chiunque è libero di accedere e pubblicare, basta accedere con il vostro Adobe ID .
Conferenza Descrizione
Adobe Immerse Immerse è una conferenza virtuale per sviluppatori Adobe Experience Manager che avrà luogo dal 25 al 29 aprile. Questo evento è "obbligatorio" per tutti i responsabili di design, sviluppo, distribuzione o manutenzione delle implementazioni di Adobe Experience Manager. Per i biglietti e i dettagli si prega di consultare il sito Web Adobe Immerse.
Dispatcher Descrizione
Dispatcher 4.1.12 È disponibile per il download una nuova versione del dispatcher.
Hotfix Descrizione
Hotfix di AEM 6.1 Elenco di hotfix consigliati per AEM 6.1, incluso OAK 1.2.11.
Hotfix di AEM 6.0 Elenco di hotfix consigliati per AEM 6.0. OAK 1.0.27 è ora disponibile per il download.
Hotfix di AEM 5.6.1 Elenco di hotfix consigliati per AEM 5.6.1.

Bollettini sulla sicurezza

Descrizione

APSB16-05

Bollettino sulla protezione di Adobe Experience Manager.

Service Pack

Descrizione

AEM 6.1 Service Pack 1

AEM 6.1 Service Pack 1 è un aggiornamento importante che include correzioni suggerite dai clienti e miglioramenti a prestazioni, stabilità sicurezza disponibili dal rilascio di AEM 6.1 a maggio 2015. SP1 può essere installato su AEM 6.1 GA.

Nella panoramica riportata in questa pagina sono elencate le modifiche aggiunte con SP1. Alcuni degli elementi di rilievo del service pack sono:

  • Aggiornamento dell’archivio incorporato (Apache Jackrabbit Oak) alla versione 1.2.7.
  • Include il pacchetto di aggiornamento dell'interfaccia touch (Feature Pack 6563) per AEM 6.1.
  • Include correzioni importanti per integrazione Adobe Target.

Note sulla versione

Download di condivisione dei pacchetti

AEM 6.0 Service Pack 3

AEM 6.0 Service Pack 3 (SP3) è un aggiornamento importante che include correzioni suggerite dai clienti e miglioramenti a prestazioni, stabilità sicurezza disponibili dal rilascio di AEM 6.0 a maggio 2014. Service Pack 3 contiene tutte le modifiche introdotte con Service Pack 2. Può essere installato su AEM 6.0 GA, AEM 6.0 SP1 e AEM 6.0 SP2.

Nella sezione panoramica riportata in questa pagina sono elencate le modifiche aggiunte con SP3. Le modifiche incluse rispetto a SP2 sono elencate nelle note sulla versione di Service Pack 2 .

Di seguito sono riportati alcuni elementi di rilievo del service pack:

  • L'archivio incorporato (Apache Jackrabbit Oak) aggiornato alla versione 1.0.22.
  • Sostituisce Sling JCR Classloader con File System Classloader

Note sulla versione

Download di condivisione dei pacchetti

Ultimi aggiornamenti dei contenuti di Aiuto e documentazione

Aggiornamenti di Aiuto e documentazione

Descrizione

Strumento di migrazione CRX2OAK

CRX2Oak è uno strumento progettato per eseguire la migrazione dei dati tra archivi diversi.

Integrazione di AEM con Adobe Campaign

Adobe Campaign è un insieme di soluzioni che consente di personalizzare e fornire campagne in tutti i canali online e offline.

Creazione di contenuti mirati

Contenuti mirati dell'autore mediante l'uso della modalità Targeting dell'interfaccia utente di AEM ottimizzata per il tocco.

Interfaccia utente touch - Domande frequenti sulla creazione

Domande frequenti per la creazione dell'interfaccia utente touch.

Interfaccia utente touch - Guida alla risoluzione dei problemi

Suggerimenti e strumenti per la risoluzione dei problemi correlati all'interfaccia utente touch.

Interfaccia utente touch - Utilizzo di xtype personalizzati

Utilizzo di xtype personalizzati nell'interfaccia utente touch di Adobe Experience Manager 6.

AEM con MongoDB

Migliora la tua conoscenza sulle attività e sulle considerazioni necessarie per implementare correttamente Adobe Experience Manager con MongoDB.

Tecniche consigliate per query e indicizzazione

Indicazioni su quando è necessario creare indici e quando non lo è, stratagemmi per evitare di utilizzare inutilmente le query e suggerimenti per ottimizzare indici e query in modo da ottenere le migliori prestazioni possibili.

Gestione di più siti

Multi Site Manager (MSM) consente di utilizzare lo stesso contenuto del sito in più posizioni.

Per la documentazione sul prodotto consulta:

Ultimi aggiornamenti della documentazione

Elemento Descrizione Data di pubblicazione

Accelerated Mobile Pages

Adobe sta partecipando al progetto Accelerated Mobile Pages (AMP). AMP è un progetto open source che consente di creare pagine Web per contenuti statici con rapido rendering. Questa funzione è ideale per gli editori che desiderano creare contenuti ottimizzati per dispositivi mobili una volta e che possono essere caricati istantaneamente ovunque.

24 febbraio 2016

Confronto tra i prodotti Analytics

Aggiunta una tabella di confronto dei prodotti per i prodotti Analytics.

18 febbraio 2016

Marketing Cloud Assets

In Marketing Cloud Assets puoi archiviare, condividere e sincronizzare le risorse digitali da una singola posizione centrale. Marketing Cloud Assets sfrutta alcune funzioni disponibili in Adobe Experience Manager (AEM).

11 febbraio 2016

Funzioni di Analysis Workspace

Aggiunta della documentazione relativa alle nuove funzioni in Analysis Workspace.

21 gennaio 2016

(Aggiornati) Utenti e gruppi

Amministratori Analytics: se siete amministratori nel Marketing Cloud, consultate Utenti e gruppi per informazioni aggiornate sui gruppi di soluzioni Analytics per la mappatura che consentono di ampliare i gruppi Adobe e sull’aggiunta singola o in blocco di utenti nella dashboard di Enterprise .

17 settembre 2015

Analysis Workspace

Aggiornamento documentazione del prodotto Analysis Workspace con descrizioni delle funzioni, attività per la creazione di progetti, video e casi di utilizzo.

17 settembre 2015

Marca temporale opzionale

Aggiunta la documentazione di prodotto e le buone prassi per Marca temporale opzionale. Questa funzione consente di integrare sia i dati con marca temporale che quelli privi di marca in una suite di rapporti. Tutte le nuove suite di rapporti saranno marche temporali facoltative per impostazione predefinita.

17 settembre 2015

Aggiornamento Data Workbench 6.5 Consultate le note sulla versione di Data Workbench 6.5 per istruzioni sull’esecuzione dell’aggiornamento e un elenco di nuove funzioni e correzioni, tra cui nuova tabella delle associazioni, diagramma a corda oltre ad aggiornamenti a visualizzazioni, interfaccia utente, algoritmi e funzioni di esportazione. 17 settembre 2015

Selezionare suite di rapporti e variabili

Generatore di regole di classificazione è stato aggiornato per consentire l’aggiunta di suite di rapporti e variabili a un set di regole quando si modifica un set di regole esistente (dopo aver creato il set di regole). In precedenza si specificavano la variabile e la suite di rapporti durante la creazione del set di regole. Questa modifica impedisce che si verifichino problemi segnalati con le variabili di classificazione.

20 agosto 2015

Collegamento profilo

Collegamento profilo funziona con origini dati multi-dispositivo per identificare e raccogliere caratteristiche per i visitatori del sito autenticati. Include la funzione Regole unione profili, che consente di segmentare e individuare in maniera precisa gli utenti tra più dispositivi.

20 agosto 2015

Nuovi Generatore della metrica calcolata e Gestore della metrica calcolata

La funzione delle metriche calcolate adesso consente l’utilizzo di metriche segmentate, calcoli più avanzati e la possibilità di organizzare e condividere le metriche.

18 giugno 2015

Analisi freeform (versione beta per il pubblico)

Una funzione di Analysis Workspace, l'analisi freeform consente di creare tabelle di dati e metriche drag-and-drop, dimensioni, segmenti e visualizzazioni multiple per un pannello di progetto.

18 giugno 2015

Data Workbench 6.4

Il rilascio Data Workbench 6.4 include numerose nuove funzioni descritte qui .

18 giugno 2015

Programma di certificazione gestito di Adobe

Aggiunta del programma di certificazione gestito di Adobe per la versione aggiornata della documentazione di prodotto dei cookie dei siti Web visualizzati.

Il programma di certificazione gestito consente di implementare un nuovo certificato SSL di prima parte per i cookie di prime parti senza costi aggiuntivi.

22 maggio 2015

Dispositivi mobili

Aggiornamento della documentazione del prodotto Adobe Mobile.

22 maggio 2015

Abilitazione delle soluzioni per i servizi di base

Una raccolta di alto livello delle operazioni necessarie per modernizzare le implementazioni delle soluzioni per i servizi di base.

19 marzo 2015

Attributi del cliente

Se acquisisci dati del cliente Enterprise in un database CRM (Customer Relationship Management), puoi caricare tali dati nel Marketing Cloud.

19 marzo 2015

Rilascio primaverile di Analytics

Consultate la sezione Sezione Nuove funzioni di Analytics per una raccolta della nuova documentazione sul rilascio primaverile di Analytics del 2015.

19 marzo 2015

Regole di classificazione di Analytics: sovrascrittura dei valori esistenti

In Strumenti di amministrazione > Generatore regole di classificazione > <nome set di regole> , due nuove opzioni consentono di selezionare una modalità di sovrascrittura:

  • Le regole sovrascrivono i valori esistenti: (impostazione predefinita) sovrascrive sempre le chiavi di classificazione esistenti, incluse le classificazioni caricate mediante l’importazione (SAINT).
  • Le regole sovrascrivono solo i valori non impostati: vengono compilate solo le celle vuote (non impostate). Le classificazioni esistenti non saranno modificate.

In precedenza, se una chiave era già stata classificata in una colonna o cella, la regola non veniva eseguita su tale chiave e la riga nella tabella veniva ignorata.

19 febbraio 2015

In questa pagina