Mappa le identità

In questa lezione verranno creati spazi dei nomi delle identità e verranno aggiunti campi di identità ai nostri schemi. Dopo aver eseguito questa operazione, saremo anche in grado di completare l'impostazione delle nostre relazioni di schema dalla lezione precedente.

Il servizio Adobe Experience Platform Identity consente di acquisire una visione migliore del cliente e del suo comportamento attraverso il collegamento di identità tra dispositivi e sistemi, consentendo di fornire in tempo reale esperienze digitali personali e di forte impatto. I campi e i namespace sono la colla che unisce diverse origini dati per creare il profilo cliente in tempo reale a 360 gradi.

Le architetture di dati dovranno mappare le identità al di fuori di questa esercitazione.

Prima di iniziare gli esercizi, guarda questo breve video per saperne di più sull'identità in Adobe Experience Platform:

NOTA

I campi di identità non sono necessari se si acquisiscono solo dati nel data lake e non si utilizzano profili cliente in tempo reale.

Autorizzazioni necessarie

Nella lezione Configurare le autorizzazioni , puoi impostare tutti i controlli di accesso necessari per completare la lezione, in particolare:

  • Voci di autorizzazione Identity Management > Visualizza namespace identità e Gestisci namespace identità
  • Voce di autorizzazione Modellazione dati > Visualizza schemi e Gestisci schemi
  • Voce di autorizzazione Sandbox > Luma Tutorial
  • Accesso al profilo di prodotto Luma Tutorial Platform tramite ruolo utente
  • Accesso ai ruoli per sviluppatori al profilo di prodotto Luma Tutorial Platform (per API)

Crea spazio dei nomi identità

In questo esercizio creeremo namespace di identità per i campi di identità personalizzati di Luma, loyaltyId, crmId e productSku. Gli spazi dei nomi di identità svolgono un ruolo fondamentale nella creazione di profili cliente in tempo reale, in quanto due valori corrispondenti nello stesso spazio dei nomi di identità consentono a due origini dati di formare un solido profilo cliente.

Creare namespace nell’interfaccia utente

Cominciamo creando uno spazio dei nomi per lo schema fedeltà Luma:

  1. Nell’interfaccia utente di Platform, passa a Identità nella navigazione a sinistra

  2. Noterai che sono disponibili diversi namespace di identità predefiniti. Selezionare il pulsante Crea namespace identità

  3. Fornisci i seguenti dettagli

    Campo Valore
    Nome visualizzato ID fedeltà Luma
    Simbolo di identità lumaLoyaltyId
    Tipo tra dispositivi
  4. Seleziona Crea

    Creare spazi dei nomi

Ora imposta un altro namespace per lo schema del catalogo di prodotti Luma con i seguenti dettagli:

Campo Valore
Nome visualizzato SKU del prodotto Luma
Simbolo di identità lumaProductSKU
Tipo Identificatore non personale

Creare un namespace di identità utilizzando l’API

Continueremo a svolgere tutte le nostre attività CRM tramite API.

NOTA

Se preferisci saltare gli esercizi API, puoi creare liberamente lo spazio dei nomi CRM tramite il metodo dell’interfaccia utente utilizzato con i seguenti dettagli:

  1. Come Nome visualizzato, utilizza Luma CRM Id
  2. Come simbolo Identità, utilizza lumaCrmId
  3. Come Tipo, utilizza Cross-Device

Crea lo spazio dei nomi identità Luma CRM Id:

  1. Scarica Identity Service.postman_collection.json nella cartella Luma Tutorial Assets

  2. Importa la raccolta in Postman

  3. Se non hai effettuato una richiesta nelle ultime 24 ore, i token di autorizzazione probabilmente sono scaduti. Apri la richiesta Adobe I/O Access Token Generation > Local Signing (Non-production use-only) > IMS: JWT Generate + Auth via User Token e seleziona Invia per richiedere nuovi token JWT e Access.

  4. Seleziona la richiesta Servizio identità > Spazio dei nomi identità > Crea una nuova identità namespace.

  5. Incolla quanto segue come Body della richiesta:

    {
        "name": "Luma CRM Id",
        "code": "lumaCrmId",
        "idType": "Cross_device"
    }
    
  6. Premere il tasto Invia e si dovrebbe ottenere una risposta 200 OK:

    Namespace Identity

Se torni all’interfaccia utente, dovresti ora visualizzare i tre nuovi namespace personalizzati:
Namespace Identity

Etichettare i campi di identità negli schemi

Ora che abbiamo i nostri namespace, il passo successivo è quello di etichettare i campi di identità come tali nei nostri schemi.

Etichettare i campi XDM per l’identità principale

Per specificare un'identità principale è necessario specificare ogni schema utilizzato con Profilo cliente in tempo reale. E ogni record acquisito deve avere un valore per quel campo. Inoltre, le identità primarie vengono utilizzate come chiavi per cercare i profili nel browser del profilo (torneremo a cercare i profili in un secondo momento).

Aggiungiamo un'identità principale al Luma Loyalty Schema:

  1. Apri Luma Loyalty Schema

  2. Seleziona Luma Identity Profile Field group

  3. Selezionare il campo loyaltyId

  4. Seleziona la casella Identità

  5. Controlla anche la casella Identità principale

  6. Seleziona lo spazio dei nomi Luma Loyalty Id dal menu a discesa Namespace dell’identità

  7. Seleziona Applica, quindi premi il pulsante Salva per salvare le modifiche

    Identità principale

Ripeti il processo per alcuni degli altri schemi:

  1. In Luma CRM Schema, assegna al campo crmId l’identità principale utilizzando lo spazio dei nomi Luma CRM Id
  2. In Luma Offline Purchase Event Schema, assegna al campo loyaltyId l’identità principale utilizzando lo spazio dei nomi Luma Loyalty Id
  3. In Luma Product Catalog Schema, assegna al campo productSku l’identità principale utilizzando lo spazio dei nomi Luma Product SKU
NOTA

I dati raccolti con l’SDK per web costituiscono un’eccezione alla pratica tipica dell’etichettatura dei campi di identità nello schema. L'SDK per web utilizza una cosa denominata Identity Map per etichettare le identità sul lato dell'implementazione e quindi determineremo le identità per Luma Web Events Schema quando implementiamo l'SDK per web sul sito web Luma. In questa lezione successiva, raccoglieremo l’ID visitatore di Experience Cloud (ECID) come ID primario e crmId come ID secondario.

Con la nostra selezione di identità principali, è chiaro come Luma CRM Schema può connettersi a Luma Offline Purchase Event Schema in quanto entrambe utilizzano loyaltyId come identificatore. Ma come possiamo collegare i nostri acquisti offline al comportamento online? Come posso classificare i prodotti acquistati con il nostro catalogo prodotti? A questo scopo, utilizzeremo campi di identità aggiuntivi e una relazione di schema.

Etichettare i campi XDM per l’identità secondaria

È possibile aggiungere più campi di identità a un singolo schema. Altre identità vengono aggiunte come identità secondarie. Per collegare gli acquisti offline al comportamento online, aggiungeremo crmId come identificatore secondario ai nostri Luma Loyalty Schema e versioni successive nei nostri dati degli eventi web. Aggiorniamo il Luma Loyalty Schema:

  1. Apri Luma Loyalty Schema

  2. Seleziona Luma Identity Profile Field group

  3. Seleziona il campo crmId

  4. Seleziona la casella Identità

  5. Seleziona lo spazio dei nomi Luma CRM Id dal menu a discesa Namespace dell’identità

  6. Seleziona Applica, quindi seleziona il pulsante Salva per salvare le modifiche

    Identità secondaria

Completare le relazioni dello schema

Ora che i campi di identità sono etichettati, possiamo completare la configurazione delle relazioni dello schema tra il catalogo di prodotti di Luma e gli schemi di evento:

  1. Apri Luma Offline Purchase Event Schema

  2. Seleziona il gruppo di campi Dettagli commercio

  3. Seleziona il campo productListItems > SKU

  4. Selezionare la casella Relazione

  5. Seleziona Luma Product Catalog Schema come Schema di riferimento

  6. Seleziona lo spazio dei nomi Luma Product Sku come Riferimento allo spazio dei nomi dell’identità

  7. Seleziona Applica, quindi seleziona il pulsante Salva per salvare le modifiche

    Campo di riferimento

Ripeti questo processo per creare una relazione tra Luma Web Events Schema e Luma Product Catalog Schema (SKU è un campo del gruppo di campi Consumer Experience Event ).

Risorse aggiuntive

Ora che le nostre identità sono in posizione, possiamo creare i nostri set di dati!

In questa pagina