Panoramica dell’estensione Cloud Connector

NOTA

Adobe Experience Platform Launch viene riclassificato come una suite di tecnologie di raccolta dati nell’Experience Platform. Queste modifiche verranno implementate in tutta la documentazione del prodotto nelle prossime settimane. Fare riferimento al seguente documento per un riferimento consolidato delle modifiche terminologiche.

L’estensione Cloud Connector per Adobe Experience Platform Launch Server Side consente di creare richieste HTTP personalizzate per l’invio di dati a una destinazione o il recupero di dati da una destinazione. L’estensione Cloud Connector è simile a Postman su Adobe Experience Platform Edge Network e può essere utilizzata per inviare dati a un endpoint che non ha ancora un’estensione dedicata.

Utilizza questo riferimento per informazioni sulle opzioni disponibili quando utilizzi questa estensione per creare una regola.

Tipo di azione dell’estensione Cloud Connector

Questa sezione descrive il tipo di azione Invia dati disponibile nell’estensione Cloud Connector di Adobe Experience Platform.

Tipo di richiesta

Per selezionare il tipo di richiesta richiesto dall'endpoint, seleziona il tipo appropriato nel menu a discesa Tipo di richiesta .

Metodo Descrizione
GET Richiede una rappresentazione della risorsa specificata. Le richieste che utilizzano GET devono recuperare solo i dati.
POST Invia un’entità alla risorsa specificata, spesso causando una modifica dello stato o degli effetti collaterali sul server.
PUT Sostituisce tutte le rappresentazioni correnti della risorsa target con il payload della richiesta.
PATCH Applica modifiche parziali a una risorsa.
DELETE Elimina la risorsa specificata.

URL dell’endpoint

Nel campo di testo accanto al menu a discesa Tipo richiesta, immetti l’URL dell’endpoint al quale si stanno inviando i dati.

Parametri di query, intestazioni e configurazione corpo

Utilizza ciascuna di queste schede (Parametri query, Intestazioni ed Elementi dati del corpo) per controllare quali dati vengono inviati a un determinato endpoint.

Parametri query

Definisci una chiave e un valore per ogni coppia chiave-valore che si desidera inviare come parametro di stringa di query. Per immettere manualmente un elemento dati, utilizza la tokenizzazione dell’elemento dati con parentesi graffa per Platform Launch Server Side. Per fare riferimento al valore di un elemento dati denominato “siteSection” come chiave o valore, immetti {{siteSection}}. In alternativa, seleziona l’elemento di dati creato in precedenza scegliendolo nel menu a discesa.

Per aggiungere altri parametri di query, selezionare Aggiungi un altro.

Intestazioni

Definisci una chiave e un valore per ogni coppia chiave-valore da inviare come intestazione. Per immettere manualmente un elemento dati, utilizza la tokenizzazione dell’elemento dati con parentesi graffa per Platform Launch Server Side. Per fare riferimento al valore di un elemento dati denominato “pageName” come chiave o valore, immetti {{pageName}}. In alternativa, seleziona l’elemento dati creato in precedenza scegliendolo nel menu a discesa.

Per aggiungere altre intestazioni, selezionare Aggiungi un altro.

Nella tabella seguente sono elencate le intestazioni predefinite. Non sei limitato a utilizzare solo queste intestazioni: queste sono disponibili per praticità e, se necessario, puoi aggiungere altre intestazioni personalizzate.

NOTA

Per informazioni più dettagliate su queste intestazioni, visita https://developer.mozilla.org/it-IT/docs/Web/HTTP/Headers.

Header Descrizione
A-IM
Accept
Accept-Charset
Accept-Encoding
Accept-Language
Accept-Datetime Trasmesso da un agente utente, indica la volontà di accedere a uno stato passato di una risorsa originale. A tal fine, l’intestazione Accept-Datetime viene trasmessa in una richiesta HTTP eseguita su TimeGate per una risorsa originale e il suo valore indica il datetime dello stato precedente desiderato per la risorsa originale.
Access-Control-Request-Headers Utilizzato dai browser durante l’emissione di una richiesta di verifica preliminare, per comunicare al server le intestazioni HTTP che il client potrebbe inviare quando viene effettuata la richiesta effettiva.
Access-Control-Request-Method Utilizzato dai browser quando viene rilasciata una richiesta di verifica preliminare, per comunicare al server il metodo HTTP che verrà utilizzato quando viene effettuata la richiesta effettiva. Questa intestazione è necessaria perché la richiesta di verifica preliminare è sempre un metodo OPTION e non utilizza lo stesso metodo della richiesta effettiva.
Authorization Contiene le credenziali per l’autenticazione di un agente utente con un server.
Cache-Control Direttive per meccanismi di caching sia nelle richieste che nelle risposte.
Connessione Controlla se la connessione di rete rimane aperta al termine della transazione corrente.
Content-Length Dimensione della risorsa, in numero decimale di byte.
Content-Type Indica il tipo di file multimediali della risorsa.
Cookie Contiene i cookie HTTP memorizzati, inviati in precedenza dal server con l’intestazione Set-Cookie.
Data L’intestazione HTTP generale contiene la data e l’ora in cui è stato creato il messaggio.
DNT Esprime le preferenze di tracciamento dell’utente.
Expect Indica le aspettative che devono essere soddisfatte dal server per gestire correttamente la richiesta.
Forwarded Contiene informazioni provenienti dai server reverse proxy che vengono alterate o perse quando un proxy viene coinvolto nel percorso della richiesta.
Da Contiene un indirizzo e-mail Internet per un utente umano che controlla l’agente utente richiedente.
Host Specifica l’host e il numero di porta del server al quale viene inviata la richiesta.
If-Match
If-Modified-Since
If-None-Match
If-Range
If-Unmodified-Since
Max-Forwards
Origin
Pragma Intestazione specifica per l’implementazione, che può avere vari effetti ovunque lungo la catena di richieste e risposte. Utilizzato per compatibilità con le versioni precedenti delle cache HTTP/1.0 in cui l’intestazione Cache-Control non è ancora presente.
Proxy-Authorization
Range Indica la parte di un documento che il server deve restituire.
Referer Indirizzo della pagina web precedente dalla quale un collegamento ha portato alla pagina richiesta.
TE Specifica le codifiche di trasferimento che l’agente utente è disposto ad accettare, anche chiamato Accept-Transfer-Encoding in modo in modo più informale e intuitivo.
Esegui l'aggiornamento Il documento RFC pertinente per il campo dell'intestazione Upgrade è RFC 7230, sezione 6.7. Lo standard stabilisce regole per l'aggiornamento o la modifica a un protocollo diverso sulla connessione corrente client, server e protocollo di trasporto. Ad esempio, questo standard di intestazione consente a un client di passare da HTTP 1.1 a HTTP 2.0, sempre che il server decida di riconoscere e implementare il campo dell'intestazione Upgrade. Nessuna delle parti è tenuta ad accettare i termini specificati nel campo dell'intestazione Upgrade. Può essere utilizzato nelle intestazioni client e server. Se il campo dell'intestazione Upgrade è specificato, il mittente DEVE anche inviare il campo dell'intestazione Connection con l'opzione upgrade specificata.
Utente-agente Contiene una stringa caratteristica che consente ai peer del protocollo di rete di identificare il tipo di applicazione, il sistema operativo, il fornitore di software o la versione del software dell'agente utente del software richiedente.
Via Vengono aggiunti dai proxy, sia forward che reverse proxy, e possono essere visualizzati nelle intestazioni delle richieste e delle risposte.
Avvertenza Informazioni generali di avviso sui possibili problemi.
X-CSRF-Token
X-Requested-With

Body come JSON

Definire una chiave e un valore per ogni coppia chiave-valore da inviare nel corpo della richiesta. Per immettere manualmente un elemento dati, utilizza la tokenizzazione dell’elemento dati con parentesi graffa per Platform Launch Server Side. Per fare riferimento al valore di un elemento dati denominato "appSection" come chiave o valore, immetti {{appSection}}. In alternativa, seleziona l’elemento di dati creato in precedenza scegliendolo nel menu a discesa.

Per aggiungere altre coppie chiave-valore, selezionare Aggiungi un altro.

Body come Raw

Definire una chiave e un valore per ogni coppia chiave-valore da inviare nel corpo della richiesta. Per immettere manualmente un elemento dati, utilizza la tokenizzazione dell’elemento dati con parentesi graffa per Platform Launch Server Side. Per fare riferimento al valore di un elemento dati denominato "appSection" come chiave o valore, immetti {{appSection}}. In alternativa, seleziona l'elemento dati creato in precedenza scegliendolo nel menu a discesa. Puoi aggiungere uno o più elementi di dati.

Avanzate

Le azioni all'interno delle regole in Platform Launch Server Side vengono eseguite in sequenza. Potrebbero verificarsi situazioni in cui vuoi recuperare dati da una sorgente esterna che non è presente nell'evento in arrivo dal client, quindi rispondere e trasformare o inviare tali dati a una destinazione finale in un'azione successiva all'interno di una singola regola. Questa operazione è possibile tramite l’opzione "Salva la risposta della richiesta" nella sezione avanzata.

Per salvare il corpo della risposta da un endpoint, seleziona la casella Salva la risposta della richiesta e definisci una chiave di risposta nel campo di testo.

Se la chiave di risposta è definita come productDetails, fai riferimento a tali dati in un elemento dati e poi a tale elemento in un'azione successiva all'interno della stessa regola. Per creare un elemento dati che fa riferimento a productDetail, crea un elemento dati di tipo path e immetti il percorso seguente:

arc.ruleStash.[EXTENSION-NAME-HERE].responses.[RESPONSE-KEY-HERE] 

arc.ruleStash.adobe-cloud-connector.reponses.productDetails 

In questa pagina