Supporto per l’archiviazione

Come archiviare i messaggi

Regolamenti come l'HIPAA richiedono che Journey Optimizer dovrebbe fornire un modo per archiviare i messaggi inviati a singoli utenti. Infatti, se i clienti sollevano un reclamo, dovrebbero avere la possibilità di ottenere una copia del messaggio inviato a scopo di verifica.

  • Per il canale e-mail, Journey Optimizer fornisce una funzionalità e-mail CCN integrata. Ulteriori informazioni

  • Inoltre, per tutti i canali, puoi utilizzare il campo "Modello" nella sezione Set di dati di entità, che contiene i dettagli dei modelli di messaggio non personalizzati. Esporta il set di dati con questo campo per salvare metadati quali: che ha inviato il messaggio, a chi e quando. I dati personalizzati non vengono esportati, viene preso in considerazione solo il modello (formato e struttura del messaggio). Ulteriori informazioni

NOTA

Journey Optimizer non possiede il supporto per i requisiti di archiviazione SMS. Per un supporto di archiviazione dedicato, collabora con il tuo fornitore SMS (Synch o Twilio).

Come utilizzare CCN per le e-mail

Puoi inviare una copia identica (o copia cieca in carbonio) di un’e-mail inviata da Journey Optimizer a una casella in entrata CCN. Questa funzione opzionale ti consente di conservare copie delle comunicazioni e-mail inviate agli utenti per scopi di conformità e/o archiviazione. Questo sarà invisibile ai destinatari della consegna.

Abilita e-mail CCN

Per abilitare E-mail CCN inserisci l’indirizzo e-mail desiderato nel campo dedicato della superficie del canale (ovvero predefinito per i messaggi). Puoi specificare qualsiasi indirizzo esterno nel formato corretto, ad eccezione di un indirizzo e-mail definito in un sottodominio delegato ad Adobe. Ad esempio, se hai delegato il marketing.luma.com sottodominio ad Adobe, qualsiasi indirizzo come abc@marketing.luma.com è vietato.

ATTENZIONE

Puoi definire un solo indirizzo e-mail CCN. Assicurati che l’indirizzo CCN abbia una capacità di ricezione sufficiente per memorizzare tutte le e-mail inviate utilizzando la superficie del canale corrente.

Ulteriori raccomandazioni sono elencate in questa sezione.

NOTA

Se hai acquistato l’offerta del componente aggiuntivo Healthcare Shield, devi assicurarti che l’ISP dell’indirizzo CCN supporti il protocollo TLS 1.2.

Tutti i messaggi e-mail che utilizzano questa superficie verranno copiati in modalità cieca nell’indirizzo e-mail CCN inserito. Da lì, possono essere elaborati e archiviati utilizzando un sistema esterno.

ATTENZIONE

L’utilizzo delle funzioni CCN verrà conteggiato in base al numero di messaggi per i quali si dispone della licenza. Quindi, abilitalo solo nelle superfici utilizzate per le comunicazioni critiche che desideri archiviare. Controlla il tuo contratto per i volumi con licenza.

L’impostazione dell’indirizzo e-mail CCN viene immediatamente salvata ed elaborata a livello di superficie. Quando crei un nuovo messaggio utilizzando questa superficie, l’indirizzo e-mail CCN viene visualizzato automaticamente.

Tuttavia, l’indirizzo CCN viene selezionato per l’invio di comunicazioni secondo la logica descritta qui.

Recommendations e limitazioni

  • Per garantire la conformità ai requisiti di privacy, le e-mail CCN devono essere elaborate da un sistema di archiviazione in grado di memorizzare informazioni personali (PII) sicure.

  • Poiché i messaggi possono contenere dati riservati o privati, ad esempio informazioni personali identificabili (PII), assicurati che l’indirizzo CCN sia corretto e proteggi l’accesso ai messaggi.

  • La casella in entrata utilizzata per CCN deve essere gestita correttamente per lo spazio e la consegna. Se la casella in entrata restituisce messaggi non recapitati, è possibile che alcune e-mail non vengano ricevute e quindi che non vengano archiviate.

  • I messaggi possono essere inviati all’indirizzo e-mail CCN prima dei destinatari. I messaggi CCN possono anche essere inviati anche se i messaggi originali possono avere rimbalzato.

  • Non aprire o fare clic sulle e-mail inviate all’indirizzo CCN in quanto vengono prese in considerazione nelle aperture totali e nei clic dall’analisi di invio, il che potrebbe causare alcuni calcoli errati in rapporti.

  • Non contrassegnare i messaggi come spam nella casella in entrata CCN, in quanto avranno effetto su tutte le altre e-mail inviate a questo indirizzo.

ATTENZIONE

Non fare clic sul collegamento di annullamento dell’abbonamento nelle e-mail inviate all’indirizzo CCN, in quanto cancellerai immediatamente l’abbonamento ai destinatari corrispondenti.

Conformità ai requisiti RGPD

Regolamenti come il RGPD stabiliscono che gli interessati devono poter modificare il loro consenso in qualsiasi momento. Poiché le e-mail CCN che invii con Journey Optimizer includono informazioni personali (PII, Security Personally Identifiable Information), devi modificare il Schema evento feedback CCN di CJM E-mail essere in grado di gestire questi PII in conformità con il RGPD e con normative simili.

Per farlo, segui la procedura indicata di seguito.

  1. Vai a Gestione dati > Schemi > Sfoglia e seleziona Schema evento feedback CCN di CJM E-mail.

  2. Fare clic per espandere _esperienza, customerJourneyManagement then secondarioRecipientDetail.

  3. Seleziona originalRecipientAddress.

  4. In Proprietà campo a destra, scorri verso il basso fino al Identità casella di controllo.

  5. Selezionalo e seleziona anche Identità principale.

  6. Seleziona uno spazio dei nomi dall’elenco a discesa.

  7. Fai clic su Applica.

NOTA

Per ulteriori informazioni sulla gestione della privacy e sulle normative applicabili, consulta la documentazione di Experience Platform.

Dati di reporting per CCN

La generazione di rapporti in quanto tale su CCN non è disponibile nei rapporti sul percorso e sui messaggi. Tuttavia, le informazioni vengono memorizzate in un set di dati di sistema denominato Set di dati evento feedback CCN AJO. È possibile eseguire query su questo set di dati per trovare informazioni utili, ad esempio, a scopo di debug.

Puoi accedere a questo set di dati tramite l’interfaccia utente di . Seleziona Gestione dati > Set di dati > Sfoglia e Mostra set di dati di sistema attiva/disattiva il filtro per visualizzare i set di dati generati dal sistema. Ulteriori informazioni su come accedere ai set di dati in questa sezione.

Per eseguire query su questo set di dati, puoi utilizzare l’Editor query fornito da Servizio query Adobe Experience Platform. Per accedervi, seleziona Gestione dati > Query e fai clic su Crea query. Ulteriori informazioni

A seconda delle informazioni che stai cercando, puoi eseguire le seguenti query.

  1. Per tutte le altre query riportate di seguito, è necessario l’ID azione percorso. Esegui questa query per recuperare tutti gli ID azione associati a un particolare ID di versione del percorso negli ultimi 2 giorni:

    "
    SELEZIONA
    DISTINTO
    CAST(TIMESTAMP AS DATE) AS EventTime,
    _experience.journeyOrchestration.stepEvents.journeyVersionID,
    _experience.journeyOrchestration.stepEvents.actionName,
    _experience.journeyOrchestration.stepEvents.actionID
    FROM percorso_step_events
    DOVE
    _experience.journeyOrchestration.stepEvents.journeyVersionID = '<journey version="" id="">' E
    _experience.journeyOrchestration.stepEvents.actionID non è NULL AND
    TIMESTAMP > NOW() - INTERVALLO '2' GIORNO
    ORDER BY EventTime DESC;
    "
    
    NOTA

    Per ottenere <journey version id>, seleziona il corrispondente Versione percorso dal Gestione dei percorsi > Percorsi menu. L’ID della versione del percorso viene visualizzato alla fine dell’URL visualizzato nel browser web.

  2. Esegui questa query per recuperare tutti gli eventi di feedback dei messaggi (in particolare lo stato di feedback) generati per un particolare messaggio destinato a un utente specifico negli ultimi 2 giorni:

    &quot;
    SELEZIONA
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID AS JourneyVersionID,
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID AS JourneyActionID,
    timestamp AS EventTime,
    _experience.customerJourneyManagement.emailChannelContext.address AS RecipientAddress,
    _experience.customervarineymanagement.messagedeliveryfeedback.feedbackStatus AS FeedbackStatus,
    CASE _experience.customervarineymanagement.messagedeliveryfeedback.feedbackStatus
    QUANDO &#39;inviato&#39; ALLORA &#39;Inviato&#39;
    QUANDO &#39;delay&#39; ALLORA &#39;Retry&#39;
    QUANDO &#39;out_of_band&#39; THEN &#39;Bounce&#39;
    QUANDO &#39;rimbalzo&#39; ALLORA &#39;rimbalzo&#39;
    END AS FeedbackStatusCategory
    FROM cjm_message_feedback_event_dataset
    DOVE
    timestamp > now() - INTERVAL &#39;2&#39; day AND
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID = &#39;&lt;journey version=&quot;&quot; id=&quot;&quot;>&#39; E
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID = &#39;&lt;journey action=&quot;&quot; id=&quot;&quot;>&#39; E
    _experience.customerJourneyManagement.emailChannelContext.address = &#39;&lt;recipient email=&quot;&quot; address=&quot;&quot;>&#39;
    ORDER BY EventTime DESC;
    &quot;
    
    NOTA

    Per ottenere <journey action id> , esegui la prima query descritta sopra utilizzando l'ID versione percorso. La <recipient email address> è l'indirizzo e-mail del destinatario di destinazione o effettivo.

  3. Esegui questa query per recuperare tutti gli eventi di feedback dei messaggi CCN generati per un particolare messaggio destinato a un utente specifico negli ultimi 2 giorni:

    SELECT
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID AS JourneyVersionID,
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID AS JourneyActionID,
    _experience.customerJourneyManagement.emailChannelContext.address AS BccEmailAddress,
    timestamp AS EventTime,
    _experience.customerJourneyManagement.secondaryRecipientDetail.originalRecipientAddress AS RecipientAddress,
    _experience.customerjourneymanagement.messagedeliveryfeedback.feedbackStatus AS FeedbackStatus,
    CASE _experience.customerjourneymanagement.messagedeliveryfeedback.feedbackStatus
                WHEN 'sent' THEN 'Sent'
                WHEN 'delay' THEN 'Retry'
                WHEN 'out_of_band' THEN 'Bounce'
                WHEN 'bounce' THEN 'Bounce'
            END AS FeedbackStatusCategory
    FROM ajo_bcc_feedback_event_dataset
    WHERE
    timestamp > now() - INTERVAL '2' day  AND
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID = '<journey version id>' AND
    _experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID = '<journeyaction id>' AND
    _experience.customerJourneyManagement.secondaryRecipientDetail.originalRecipientAddress = '<recipient email address>'
    ORDER BY EventTime DESC;
    
  4. Esegui questa query per recuperare tutti gli indirizzi dei destinatari che non hanno ricevuto il messaggio, mentre la relativa voce CCN esiste negli ultimi 30 giorni:

     SELECT
         DISTINCT
     bcc._experience.customerJourneyManagement.secondaryRecipientDetail.originalRecipientAddress AS RecipientAddressesNotRecievedMessage
     FROM ajo_bcc_feedback_event_dataset bcc
     LEFT JOIN cjm_message_feedback_event_dataset mfe
     ON
    bcc._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID =
             mfe._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID AND    bcc._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID = mfe._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID AND
    bcc._experience.customerJourneyManagement.secondaryRecipientDetail.originalRecipientAddress = mfe._experience.customerJourneyManagement.emailChannelContext.address AND
    mfe._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyVersionID = '<journey version id>' AND
    mfe._experience.customerJourneyManagement.messageExecution.journeyActionID = '<journey action id>' AND
    mfe.timestamp > now() - INTERVAL '30' DAY AND
    mfe._experience.customerjourneymanagement.messagedeliveryfeedback.feedbackstatus IN ('bounce', 'out_of_band')
     WHERE bcc.timestamp > now() - INTERVAL '30' DAY;
    

In questa pagina