Implementazione del servizio Experience Cloud Identity per Target

Queste istruzioni sono per i clienti di Target che desiderano usare il servizio Experience Cloud Identity e non usano Dynamic Tag Management (DTM). Tuttavia, si consiglia vivamente di usare Dynamic Tag Management per implementare il servizio ID. DTM semplifica il flusso di lavoro di implementazione e assicura automaticamente il posizionamento e la sequenza del codice corretti.

IMPORTANTE
  • Prima di iniziare, leggi i requisiti.
  • Configura e verifica questo codice in un ambiente di sviluppo prima di implementarlo in produzione.

Passaggio 1: ottieni il codice del servizio ID

Il servizio ID richiede la libreria dei codici VisitorAPI.js. Per ottenere questo codice contatta l’Assistenza clienti.

Passaggio 2: aggiungi la funzione Visitor.getInstance al codice del servizio ID

Parte 1: copia la funzione Visitor.getInstance di seguito

var visitor = Visitor.getInstance("INSERT-MARKETING-CLOUD-ORGANIZATION ID-HERE"); 

Parte 2: aggiungi il codice della funzione al file VisitorAPI.js

Posiziona la Visitor.getInstance funzione alla fine del file, dopo il blocco del codice. Il file modificato deve essere simile al seguente:

/* 
========== DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ========== 
Version and copyright section 
*/ 
 
// Visitor API code library section 
 
// Put Visitor.getInstance at the end of the file, after the code library 
 
var visitor = Visitor.getInstance("INSERT-MARKETING-CLOUD-ORGANIZATION ID-HERE");

Passaggio 3: aggiungi l'ID organizzazione Experience Cloud a Visitor.getInstance

Nella Visitor.getInstance funzione sostituisci INSERT-MARKETING-CLOUD-ORGANIZATION ID-HERE con l'ID organizzazione Experience Cloud. Se non conosci il tuo ID organizzazione, puoi trovarlo nella pagina di amministrazione di Experience Cloud. Vedi anche Amministrazione - Servizi di base. La funzione modificata deve essere simile a quella riportata di seguito.

var visitor = Visitor.getInstance("1234567ABC@AdobeOrg");

IMPORTANTE

Non modificare le lettere maiuscole in minuscole e viceversa nell'ID organizzazione. L'ID distingue tra maiuscole e minuscole e deve essere utilizzato esattamente così come è stato fornito.

Passaggio 4: aggiungi il codice API del visitatore alla pagina

Distribuisci il file VisitorAPI.js sul tuo sito nei tag <head> prima del riferimento al file mbox.js. Il servizio Experience Cloud ID deve essere eseguito prima che venga generata la prima chiamata alla rete Target. Dopo il test e la verifica, trasferisci il codice in produzione.

Passaggio 5: verifica e distribuisci il codice del servizio ID

Puoi eseguire il test e distribuirlo come segue.

Test e verifica

Per verificare l’implementazione del servizio ID:

  • Controlla il cookie AMCV nel dominio di hosting della pagina.
  • Verifica che mboxMCGVID sia presente nella richiesta Target e che contenga l'Experience Cloud ID (MID).

Per informazioni sul cookie AMCV e sull’identificatore MID, consulta Cookie e il servizio Experience Cloud Identity.

Distribuzione

Distribuisci il codice dopo aver superato il test.

In questa pagina