Note sulla versione di Adobe Experience Platform

Data di rilascio: 12 febbraio 2020

Aggiornamenti alle funzioni esistenti in Adobe Experience Platform:

Origini

Adobe Experience Platform è in grado di acquisire dati da origini esterne e di strutturarli, etichettarli e ottimizzarli utilizzando Platform i servizi. È possibile acquisire dati da origini diverse, come applicazioni Adobe, storage basato su cloud, software di terze parti e il sistema CRM in uso.

Experience Platform fornisce un'API RESTful e un'interfaccia utente interattiva che consente di impostare connessioni sorgente per vari provider di dati con facilità. Queste connessioni di origine consentono di autenticare e connettersi a sistemi di storage e servizi CRM esterni, impostare i tempi per l'esecuzione dell'assimilazione e gestire il throughput di assimilazione dei dati.

Nuove funzionalità

Funzione Descrizione
Supporto API per SaaS - Sistemi di assistenza Nuovi connettori sorgente per Salesforce Service Cloud API e ServiceNow API.
Supporto API per SaaS - Sistemi di marketing Nuovi connettori sorgente per HubSpot API.
Supporto API per i sistemi NoSQL di database Nuovi connettori sorgente per AWS Redshift, Google BigQuery, MariaDB, MySQL, PostgreSQLe SQL Server API.
Supporto API per i sistemi di storage cloud Nuovi connettori sorgente per Azure Data Lake Service Gen 2 API e Google Cloud Storage API.
Supporto dell'interfaccia utente per i sistemi di storage cloud Nuovo connettore sorgente per Google Cloud Storage l’interfaccia utente.

Problemi noti

  • Nessuna

Per ulteriori informazioni sulle origini, consultate la panoramica sulle origini.

In questa pagina